Home Page | Network Nigiara
Email

Il Contratto di lavoro per i lavoratori Stranieri

I cittadini stranieri che hanno un contratto di lavoro autonomo non occasionale possono richiedere il visto di ingresso. Svolgere un’attività autonoma è permesso se il cittadino straniero dimostra di possedere le risorse e i requisiti previsti dalla legge.

La rappresentanza diplomatica consegna il visto d’ingresso dopo aver verificato la sussistenza di questi requisiti. Chi dimostra di voler instaurare un rapporto di lavoro di tipo stagionale con uno straniero, deve dunque mostrare l’apposita richiesta allo Sportello Unico per l’Immigrazione.

Come funziona l'assunzione degli stranieri

Il meccanismo che permette di assumere in Italia un lavoratore extracomunitario residente all’estero, cambia a seconda che il datore di lavoro conosca o meno il lavoratore. Nel caso in cui il datore di lavoro conosce il profilo del soggetto, deve mostrare allo sportello unico per l’immigrazione una richiesta di nulla osta al lavoro. Nel caso in cui il datore non conosca l’operaio, può richiedere il nulla osta per una o più persone iscritte nelle apposite liste di collocamento.

Il cittadino extracomunitario può entrare in Italia per motivi di lavoro. Entro il 30 novembre dell'anno precedente a quello di riferimento, vengono deliberate le quote di stranieri da accettare nel territorio (per motivi di lavoro subordinato, lavoro stagionale o lavoro autonomo).

Se il lavoratore vive all’estero, è necessario seguire una specifica procedura che si svolge presso lo sportello unico per l’immigrazione. La condizione che autorizza il rilascio del permesso di soggiorno è la stipula tra datore di lavoro e lavoratore straniero di un contratto di soggiorno per lavoro subordinato.

La legislazione per i lavoratori extracomunitari

Il lavoro dei cittadini stranieri (che provengono da Paesi non appartenenti all’Unione Europea) è regolamentato da leggi create ad Hoc (chi ha un permesso di soggiorno può essere assunto con qualsiasi tipo di contratto). Il permesso di soggiorno per lavoro è concesso dopo la stipula del contratto di soggiorno (si deve dimostrare che lo si stipula per lavoro). La durata è prevista dal contratto di soggiorno e non può superare:

  • nove mesi per il lavoro stagionale
  • un anno per lavoro subordinato a tempo determinato
  • due anni per lavoro subordinato a tempo indeterminato
  • due anni, per gli stranieri muniti di permesso di soggiorno per lavoro autonomo

Lo straniero che soggiorna nello stato Italiano da almeno sei anni può raggiungere la carta di soggiorno (che permette al titolare di fare ingresso in Italia senza il visto e di svolgere ogni attività lecita). Il contratto dè dunque un accordo tra il datore di lavoro ed il lavoratore extracomunitario ed è utile per il rilascio del permesso di soggiorno. Il contratto di soggiorno per lavoro subordinato deve essere stilato per iscritto (ha l’obbligo di essere sottoscritto presso lo sportello unico per l’immigrazione). È importante ricordare che questo tipo di contratto deve riportare:

  • la garanzia da parte del datore di lavoro della disponibilità di un alloggio per il lavoratore
  • l’impegno al pagamento da parte del datore di lavoro delle spese di viaggio per il rientro del lavoratore nel Paese di origine

I lavoratori extracomunitari con permesso di soggiorno possono usufruire delle stesse garanzie costituzionali previste per i lavoratori italiani (hanno anche gli stessi obblighi fiscali); possono ottenere dunque l’indennità di malattia e maternità, l’indennità di disoccupazione e gli assegni familiari. Il permesso di soggiorno per motivi di studio ha poi una durata massima di un anno e permette agli studenti di lavorare come dipendenti, per non più di 20 ore settimanali.

La richiesta del permesso

Gli stranieri che intendono trasferirsi in Italia per un periodo maggiore di tre mesi, devono richiedere in questura il permesso di soggiorno, un documento indispensabile per evitare problemi con le forze dell'ordine in caso di fermo.
Chiunque dunque sia intenzionato a trascorrere per la prima volta un lungo periodo di tempo in italia, deve munirsi del permesso, ed ha 8 giorni di tempo per richiederlo.

Per ottenere il rilascio del permesso di soggiorno dagli organi di competenza, è necessario presentare la seguente documentazione:

  • il modulo di richiesta;
  • il passaporto valido, o altro documento di viaggio equivalente, con il relativo visto di ingresso, se richiesto;
  • una fotocopia del documento stesso;
  • 4 foto formato tessera, identiche e recenti;
  • un contrassegno telematico da € 14,62;
  • la documentazione necessaria al tipo di permesso di soggiorno richiesto
  • il versamento di un contributo la cui cifrà oscilla tra gli 80 e i 200 euro.

La durata della validità è la stessa del visto d'ingresso:

  • fino a sei mesi per lavoro stagionale e fino a nove mesi per lavoro stagionale nei settori che richiedono tale estensione;
  • fino ad un anno, per la frequenza di un corso per studio o formazione professionale ovviamente documentato;
  • fino a due anni per lavoro autonomo, per lavoro subordinato a tempo indeterminato e per ricongiungimenti familiari.

Gli stranieri che si trasferiscono in Italia per un qualsiasi motivo (visite, affari, studio..) e devono restare per un periodo non superiore ai tre mesi, non hanno la necessità di richiedere il documento. Chi si trova già in Italia e ha il permesso che sta per scadere, deve richiederne il rinnovo almeno 60 giorni prima della scadenza.



Ultimi aggiornamenti




Contatti

Per contattare la redazione del sito Portaldiritto scrivere all'indirizzo email enr.mainero@gmail.com

 

Iscrizione newsletter

Abbonati ai FEED


Diritti e Doveri del Lavoratore





 
www.portaldiritto.com di Enrico Mainero - email enr.mainero@gmail.com - Roma -