Il 2012 e il primo trimestre del 2013 hanno registrato ulteriori nuovi aumenti sul prezzo del carburante, per far fronte agli obblighi del Patto di Stabilità e sanare i conti danneggiati dalla crisi finanziaria internazionale.

Prezzi attuali della benzina 

Le oscillazioni del mercato dei carburanti sono talmente rapidi che non permettono di stabilire una media sul periodo, ma ciò che si può calcolare – per lo meno in Italia – è l’ammontare delle accise che gravano sui carburanti e le tasse addizionali regionali sull’accisa sulla benzina.

Gli aumenti dell'accisa sulla benzina dal 31 dicembre 2012 sono gli stessi per tutta l’Italia, ma il prezzo del “pieno” cambia in base alle addizionali regionali. Per decisioni politiche ed economiche delle singole regioni - siano esse motivate da urgenze sui bilanci o dalla volontà di colpire il settore dei trasporti considerato inquinante -, le addizionali fanno la differenza. In particolar modo i rincari più forti si sono registrati nelle regioni del sud e del centro (in particolare Calabria, Campania, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Toscana e Umbria), mentre le regioni del nord sono più attente, consapevoli anche del ruolo fondamentale dell’industria dei trasporti per l’economia.

Facendo un passo indietro, poi, ci rendiamo conto che il prezzo della benzina si è gonfiato del 18% nel corso del 2011 e quello del gasolio addirittura del 27%. Tali innalzi, come si è accennato precedentemente, non sono tuttavia da imputarsi solo alle compagnie petrolifere, quanto al sovrapporsi di accisa su accisa.

Le accise benzina

In Italia, le accise si applicano per fronteggiare finanziariamente diverse emergenze (danni provocati da eventi naturali e non). Erroneamente si ritiene che si stiano ancora “scontando” gli aggravi provocati, per esempio, dalla lontana guerra in Etiopia del 1935. In realtà, non esiste alcun fondo per “finanziare” la guerra del ’35, bensì banalmente le accise si sono sommate nel tempo e gli incrementi apportati non sono mai stati aboliti una volta rientrata l’emergenza.

Purtroppo si tratta del risultato di una somma di accise e se qualora si dovesse ridurre un’accisa sulla benzina significa ridurre i proventi nel bilancio dello Stato, con il conseguente aumento di altre imposte in compensazione su qualche altro settore.
Tra le accise più recenti si ricordano quelle del 2011 un’accisa sulla benzina di 0,73 centesimi che è stata introdotta per salvare il Fondo destinato allo spettacolo; a giugno 2011, 4 centesimi su ogni litro di benzina sono andati a finanziare la guerra in Libia e, ancora a luglio, altri 0,19 centesimi hanno aiutato nuovamente il Fondo dello spettacolo. L’alluvione in Liguria e Toscana ha introdotto un’ulteriore accisa di 0,89 centesimi per ogni litro di benzina; il decreto Salva Italia di Mario Monti, ha aggiunto ulteriori 9,9 centesimi e nel 2012, il terremoto in Emilia ha portato un incremento di 2 centesimi.

Storia dell’accisa sulla benzina

L’accisa sulla benzina, d’altronde, è una pratica antica. Sulla nostra benzina gravano tuttora i lontanissimi rincari legati al disastro della diga del Vajont, al terremoto del Belice, alla crisi di Suez e, last but not least, alla guerra di Abissinia del remoto 1935. Quindi, sostanzialmente, possiamo affermare in tutta sicurezza che ben più del 50% del prezzo della benzina consiste in tasse che i cittadini pagano direttamente allo Stato.

L'elenco completo dei rincari è il seguente:

  • 1,90 lire (0,000981 euro) per il finanziamento della guerra d'Etiopia del 1935-1936;
  • 14 lire (0,00723 euro) per il finanziamento della crisi di Suez del 1956;
  • 10 lire (0,00516 euro) per la ricostruzione dopo il disastro del Vajont del 1963;
  • 10 lire (0,00516 euro) per la ricostruzione dopo l'alluvione di Firenze del 1966;
  • 10 lire (0,00516 euro) per la ricostruzione dopo il terremoto del Belice del 1968;
  • 99 lire (0,0511 euro) per la ricostruzione dopo il terremoto del Friuli del 1976;
  • 75 lire (0,0387 euro) per la ricostruzione dopo il terremoto dell'Irpinia del 1980;
  • 205 lire (0,106 euro) per il finanziamento della guerra del Libano del 1983;
  • 22 lire (0,0114 euro) per il finanziamento della missione in Bosnia del 1996;
  • 0,0051 euro per far fronte al terremoto dell'Aquila del 2009;
  • 0,02 euro per far fronte ai terremoti dell'Emilia del 2012.

accisa benzina 1

Il totale dei rincari dell'accisa sulla benzina ammonta a circa 0,41 euro (0,50 euro IVA inclusa). Nel 1999 con un decreto legislativo le Regioni sono libere di imporre una accisa autonoma sui carburanti.
Alle accise e alle addizionali regionali si somma l’imposta di fabbricazione sui carburanti e l’IVA al 21% per un totale finale di 87,42 cent per la benzina e 74,32 cent per il gasolio.

Rimborso accisa: novità per risparmiare sul gasolio

L’Agenzia delle Dogane ha fornito a tutti i cittadini utenti delle precise informazioni riguardo le modifiche che sono state apportate al Decreto Legge sulle Liberalizzazioni (quello del Governo Monti, in data 24 gennaio 2012, tanto per non sbagliarci). Parliamo, tanto per essere chiari, alla disciplina generale che concerne il rimborso delle spese per l’accisa sul carburante, e in particolare sul gasolio d’autotrazione.

Coloro che hanno il diritto di usufruire di tale agevolazione, a prescindere dalla quantità di gasolio consumato (e, quindi, dall’entità del rimborso dell’accisa sulla benzina), possono farne richiesta attraverso la cosiddetta “modalità frazionante”; facendo riferimento, cioè, ai consumi relativi a ogni singolo trimestre dell’anno solare.

Bisogna tuttavia ricordarsi di presentare la relativa domanda di rimborso entro il termine massimo del mese successivo al trimestre di riferimento: se tale limite fosse superato, non godremmo più dell’agevolazione per quel periodo e perderemmo così tutti i soldi che potevano tornarci in tasca.

Termini per il rimborso

È necessario, quindi, oltre che presentare per tempo la nostra domanda, ricordarci che c’è anche un limite temporale legato al periodo durante il quale possiamo usufruire del credito di compensazione: tale limite scade naturalmente il 31 dicembre dell’anno che segue quello in cui lo stesso credito è sorto.

Nel tempo di sei mesi da questo termine dobbiamo ricordarci di chiedere il rimborso delle eventuali eccedenze non compensate. La soglia massima, in termini pecuniari, di utilizzo dei crediti di imposta che sono riconosciuti quali agevolazioni concesse alle imprese è pari a 250.000 euro annui.

accisa benzina 3

Inoltre, ed è questa la parte più importante della storia, è prevista una effettiva neutralizzazione di tutti gli aumenti dell’accisa sul gasolio; cosicchè le spese legate non tanto al carburante, ma alla sua percentuale di costo pari all’accisa sulla benzina stessa, possono essere oggetto di uno specifico rimborso. La pratica relativa al rimborso dell’accisa (nota anche come “defiscalizzazione”) vede applicare, solitamente, una riduzione pari a ben 33 centesimi di euro su ogni litro di carburante acquistato.

Chi gode dell’esenzione

I beneficiari di tale defiscalizzazione sono, come si evince, più che altro le imprese. Tuttavia questa è una semplificazione assolutamente riduttiva. Infatti, godono del rimborso le macchine operatrici e quelle semoventi non ammesse, però, alla circolazione stradale. Parliamo, perciò, soprattutto delle macchine scavatrici, delle pale meccaniche, dei compressori e via dicendo; ma sempre e solo all’interno dei cantieri o degli specifici siti di proprietà delle imprese.

Novitá 2021

Con la sperata ripresa dei consumi durante il 2021, si dovrebbe assistere anche al recupero del gettito fiscale proveniente dalle accise, che nel 2020 ha raggiunto la quota di 21,6 miliardi di Euro (in calo di circa 4,7 miliardi rispetto all'anno precedente). Di questa quota complessiva di oltre 21 miliardi, ben 20,5 provengono proprio dai carburanti. Quest'ultima cifra risulta in diminuzione di 4,5 miliardi di Euro rispetto al 2019, dei quali 1,5 miliardi dalla benzina e ben 3 miliardi dal gasolio. Una netta contrazione, quindi, anche del gettito inerente l'accisa sulla benzina.

Per il 2021, mentre il gettito fiscale previsto dai carburanti si attesta sui 23,4 miliardi di Euro, il gettito delle accise su benzina e gasolio e quindi sui carburanti complessivamente dovrebbe aggirarsi sui 24,6 miliardi di Euro. Tali cifre, tuttavia, potrebbero essere soggette a considerevoli variazioni, in base all'andamento economico del Paese e soprattutto se si riuscirá a porre fine alla pandemia sul territorio nazionale e continentale, per far ripartire l'economia italiana.

accisa benzina 2

Comunque, una notizia positiva per le tasche di societá e contribuenti si era giá avuta nella primavera del 2020, con l'approvazione da parte del governo del cosiddetto Decreto Rilancio. Con tale ultima normativa, infatti, si sono aboliti i previsti incrementi di Iva ed accisa sulla benzina e gasolio per l'autotrazione, che erano stati stabiliti come clausole di salvaguardia, nel caso non fossero stati rispettati i vincoli di bilancio da parte dello Stato italiano. Clausole stabilite nel lontano 2015, ma confermate poi nel 2019.

Difatti, un sicuro "salvadanaio" per lo Stato e da cui attingere denaro per eventuali problemi di natura economico-finanziaria è rappresentato proprio dall'accisa sulla benzina e sul gasolio ed in generale sui carburanti. Come abbiamo visto, nel corso degli anni, tanti sono stati i rincari del carburante appunto e che hanno colpito gli automobilisti e coloro che lavorano nel trasporto stradale. Dall'accisa sulla benzina e quindi dall'aumento del costo del carburante si potrá forse uscire soltanto con la produzione e diffusione dei veicoli elettrici.


Potrebbe interessarti

Quando è obbligatorio contattare un avvocato

198Avvocati online

Le situazioni in cui la presenza di un avvocato può risultare preziosa sono molteplici. Ci sono però situazioni in cui avere a disposizione un rappresentante legale abilitato è obbligatoria per legge. In altri casi invece si può decidere se contattare questo professionista, o se invece non avvalersi del suo aiuto e consiglio. In linea generale avere a disposizione il consiglio di un avvocato è sempre utile, in qualsiasi situazione in cui si ha uno sconto, o un incontro, con le leggi considerate in senso lato.

Fedina Penale: i dettagli su consultazione e rilascio

fedina penale

Una delle cose più importanti in materia di diritto penale è sicuramente il certificato penale, meglio conosciuta come fedina penale. Per essere un buono ed onesto cittadino ai sensi della Legge e nei confronti dello Stato, è infatti fondamentale avere una fedina penale pulita.

Commissione UE: metodologia di giudizio della legge di bilancio

Commissione UE

Ogni anno, il Governo approva la Legge di Bilancio con le previsioni di spesa per l’attuazione di una serie di misure intese a favorire lo sviluppo economico del Paese. In quanto Stato Membro dell’UE, l’Italia – come tutti gli altri paese membri – è tenuta a presentare la bozza della Legge di Bilancio in sede di Commissione UE ai fini di un’approvazione, in quanto un bilancio troppo discostato dalle linee guida europee potrebbe rappresentare un potenziale rischio di instabilità per tutta l’Area Euro.

Codice civile italiano: ecco tutte le indicazioni per comprenderlo

Codice civile italiano

Il diritto di famiglia è un argomento molto presente nel codice civile italiano. Il codice civile italiano infatti rivolge alla famiglia il primo libro, dal titolo "Delle persone e della famiglia".

Diritto finanziario: ti spieghiamo noi di cosa si tratta

Diritto finanziario

Per diritto finanziario si intende la disciplina giuridica che studia e regola tutta quella serie di attività necessarie a trovare le risorse utilizzabili nella soddisfazione del bisogno pubblico.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Cos’è un’assicurazione RC Professionale?

La polizza di Responsabilità Civile Professionale è obbligatoria per legge dal 13 agosto 2013 per tutti i professionisti che hanno l’obbligo di iscrizione ad un Ordine o un Albo professionale.

Cessione del quinto dello stipendio: come funziona?

Nel corso della vita può capitare di aver bisogno di una somma di denaro per effettuare un acquisto, come ad esempio quello di un immobile, oppure per un urgente ed importante lavoro di ristrutturazione dello stesso. 

Istruzioni CUD: cos'è, a cosa serve e come si compila

A partire dal 1998, nell'ambito della burocrazia e della documentazione fiscale relativa alla dichiarazione dei redditi, è entrato in vigore il certificato unico dipendente, meglio noto come CUD: cos'è di preciso?

Leggi anche...

Diventare curatore fallimentare: una guida alla professione

Vediamo nel dettaglio come diventare curatore fallimentare, le sue funzioni e quali sono i poteri di cui è in possesso.

Leggi anche...

Cancellazione dell'ipoteca Equitalia: scopri come fare

Cancellazione dell'ipoteca Equitalia

Aprendo la cassetta della posta, possiamo rischiare l'infarto trovandoci di fronte una cartella esattoriale Equitalia. Riprendiamo il fiato, perchè a quanto pare, una cartella inviata per posta può considerarsi tranquillamente nulla: infatti la Sent. CTP di Milano, 75/26/11 della Commissione Tributaria Provinciale di Milano ha stabilito la nullità di una cartella Equitalia inviata per posta raccomandata, in quanto tali atti devono essere notificati da figure giuridicamente preposte a tale incarico.

Go to Top