Il 2012 e il primo trimestre del 2013 hanno registrato ulteriori nuovi aumenti sul prezzo del carburante, per far fronte agli obblighi del Patto di Stabilità e sanare i conti danneggiati dalla crisi finanziaria internazionale.

Prezzi attuali della benzina 

Le oscillazioni del mercato dei carburanti sono talmente rapidi che non permettono di stabilire una media sul periodo, ma ciò che si può calcolare – per lo meno in Italia – è l’ammontare delle accise che gravano sui carburanti e le tasse addizionali regionali sull’accisa della benzina.

Gli aumenti dell'accisa dal 31 dicembre 2012 sono gli stessi per tutta l’Italia, ma il prezzo del “pieno” cambia in base alle addizionali regionali. Per decisioni politiche ed economiche delle singole regioni - siano esse motivate da urgenze sui bilanci o dalla volontà di colpire il settore dei trasporti considerato inquinante -, le addizionali fanno la differenza. In particolar modo i rincari più forti si sono registrati nelle regioni del sud e del centro (in particolare Calabria, Campania, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Toscana e Umbria), mentre le regioni del nord sono più attente, consapevoli anche del ruolo fondamentale dell’industria dei trasporti per l’economia.

Facendo un passo indietro, poi, ci rendiamo conto che il prezzo della benzina si è gonfiato del 18% nel corso del 2011 e quello del gasolio addirittura del 27%. Tali innalzi, come si è accennato precedentemente, non sono tuttavia da imputarsi solo alle compagnie petrolifere, quanto al sovrapporsi di accisa su accisa.

Le accise benzina

In Italia, le accise si applicano per fronteggiare finanziariamente diverse emergenze (danni provocati da eventi naturali e non). Erroneamente si ritiene che si stiano ancora “scontando” gli aggravi provocati, per esempio, dalla lontana guerra in Etiopia del 1935. In realtà, non esiste alcun fondo per “finanziare” la guerra del ’35, bensì banalmente le accise si sono sommate nel tempo e gli incrementi apportati non sono mai stati aboliti una volta rientrata l’emergenza.

Purtroppo si tratta del risultato di una somma di accise e se qualora si dovesse ridurre un’accisa significa ridurre i proventi nel bilancio dello Stato, con il conseguente aumento di altre imposte in compensazione su qualche altro settore.
Tra le accise più recenti si ricordano quelle del 2011 un’accisa di 0,73 centesimi che è stata introdotta per salvare il Fondo destinato allo spettacolo; a giugno 2011, 4 centesimi su ogni litro di benzina sono andati a finanziare la guerra in Libia e, ancora a luglio, altri 0,19 centesimi hanno aiutato nuovamente il Fondo dello spettacolo. L’alluvione in Liguria e Toscana ha introdotto un’ulteriore accisa di 0,89 centesimi per ogni litro di benzina; il decreto Salva Italia di Mario Monti, ha aggiunto ulteriori 9,9 centesimi e nel 2012, il terremoto in Emilia ha portato un incremento di 2 centesimi.

Storia dell’accisa

L’accisa sul carburante, d’altronde, è una pratica antica. Sulla nostra benzina gravano tuttora i lontanissimi rincari legati al disastro della diga del Vajont, al terremoto del Belice, alla crisi di Suez e, last but not least, alla guerra di Abissinia del remoto 1935. Quindi, sostanzialmente, possiamo affermare in tutta sicurezza che ben più del 50% del prezzo della benzina consiste in tasse che i cittadini pagano direttamente allo Stato.

L'elenco completo dei rincari è il seguente:

  • 1,90 lire (0,000981 euro) per il finanziamento della guerra d'Etiopia del 1935-1936;
  • 14 lire (0,00723 euro) per il finanziamento della crisi di Suez del 1956;
  • 10 lire (0,00516 euro) per la ricostruzione dopo il disastro del Vajont del 1963;
  • 10 lire (0,00516 euro) per la ricostruzione dopo l'alluvione di Firenze del 1966;
  • 10 lire (0,00516 euro) per la ricostruzione dopo il terremoto del Belice del 1968;
  • 99 lire (0,0511 euro) per la ricostruzione dopo il terremoto del Friuli del 1976;
  • 75 lire (0,0387 euro) per la ricostruzione dopo il terremoto dell'Irpinia del 1980;
  • 205 lire (0,106 euro) per il finanziamento della guerra del Libano del 1983;
  • 22 lire (0,0114 euro) per il finanziamento della missione in Bosnia del 1996;
  • 0,0051 euro per far fronte al terremoto dell'Aquila del 2009;
  • 0,02 euro per far fronte ai terremoti dell'Emilia del 2012.

Il totale dei rincari dell'accisa ammonta a circa 0,41 euro (0,50 euro IVA inclusa). Nel 1999 con un decreto legislativo le Regioni sono libere di imporre una accisa autonoma sui carburanti.
Alle accise e alle addizionali regionali si somma l’imposta di fabbricazione sui carburanti e l’IVA al 21% per un totale finale di 87,42 cent per la benzina e 74,32 cent per il gasolio.

Rimborso accisa: novità per risparmiare sul gasolio

L’Agenzia delle Dogane ha fornito a tutti i cittadini utenti delle precise informazioni riguardo le modifiche che sono state apportate al Decreto Legge sulle Liberalizzazioni (quello del Governo Monti, in data 24 gennaio 2012, tanto per non sbagliarci). Parliamo, tanto per essere chiari, alla disciplina generale che concerne il rimborso delle spese per l’accisa sul carburante, e in particolare sul gasolio d’autotrazione.

Coloro che hanno il diritto di usufruire di tale agevolazione, a prescindere dalla quantità di gasolio consumato (e, quindi, dall’entità del rimborso dell’accisa), possono farne richiesta attraverso la cosiddetta “modalità frazionante”; facendo riferimento, cioè, ai consumi relativi a ogni singolo trimestre dell’anno solare.

Bisogna tuttavia ricordarsi di presentare la relativa domanda di rimborso entro il termine massimo del mese successivo al trimestre di riferimento: se tale limite fosse superato, non godremmo più dell’agevolazione per quel periodo e perderemmo così tutti i soldi che potevano tornarci in tasca.

Termini per il rimborso

È necessario, quindi, oltre che presentare per tempo la nostra domanda, ricordarci che c’è anche un limite temporale legato al periodo durante il quale possiamo usufruire del credito di compensazione: tale limite scade naturalmente il 31 dicembre dell’anno che segue quello in cui lo stesso credito è sorto.

Nel tempo di sei mesi da questo termine dobbiamo ricordarci di chiedere il rimborso delle eventuali eccedenze non compensate. La soglia massima, in termini pecuniari, di utilizzo dei crediti di imposta che sono riconosciuti quali agevolazioni concesse alle imprese è pari a 250.000 euro annui.

Inoltre, ed è questa la parte più importante della storia, è prevista una effettiva neutralizzazione di tutti gli aumenti dell’accisa sul gasolio; cosicchè le spese legate non tanto al carburante, ma alla sua percentuale di costo pari all’accisa stessa, possono essere oggetto di uno specifico rimborso. La pratica relativa al rimborso dell’accisa (nota anche come “defiscalizzazione”) vede applicare, solitamente, una riduzione pari a ben 33 centesimi di euro su ogni litro di carburante acquistato.

Chi gode dell’esenzione

I beneficiari di tale defiscalizzazione sono, come si evince, più che altro le imprese. Tuttavia questa è una semplificazione assolutamente riduttiva. Infatti, godono del rimborso le macchine operatrici e quelle semoventi non ammesse, però, alla circolazione stradale. Parliamo, perciò, soprattutto delle macchine scavatrici, delle pale meccaniche, dei compressori e via dicendo; ma sempre e solo all’interno dei cantieri o degli specifici siti di proprietà delle imprese.





Potrebbe interessarti

Il Principio di Offensività: come agisce nel diritto?

Il reato, in quanto fatto illecito sanzionato con pena, è sempre necessariamente portatore di un disvalore, di quel disvalore che costituisce la ragione sostanziale per cui l’ordinamento, ritenendolo indesiderabile e socialmente dannoso, si risolve a ricorrere alla sanzione penale.

Leggi tutto...

La privacy su internet: una panoramica

Con la crescita a dismisura dell'utilizzo di internet da parte dei cittadini italiani, la normativa collegata all'utilizzo dei mezzi informatici, di internet e della privacy internet è cresciuta di conseguenza, anche se le informazioni in tal senso sono spesso oscure per i più. 

Leggi tutto...

Diritto di difesa: come usufruirne

Analizziamo oggi in questo articolo un concetto molto importante per la persona. Il Diritto di difesa è infatti uno dei principali diritti riconosciuti all'imputato nell’ambito del diritto processuale penale. Il diritto di difesa è tecnico e sostanziale. Si ha la prima accezione nel momento in cui si ha il diritto e dovere di avere un difensore che guida la parte nel processo tramite consigli tecnici; la seconda con la titolarità dell'imputato stesso che sceglie la tesi sulla quale dibattere la propria posizione.

Leggi tutto...

La validità di una Separazione legale

 

La separazione di fatto si ha quando si verifica la cessazione della convivenza da parte dei coniugi, che non abitano più insieme. I coniugi hanno deciso di interrompere la convivenza senza formalità, ognuno si occupa del proprio destino non interessandosi dell’altro. I coniugi hanno deciso “di fatto” di non procedere con la convivenza senza però procedere ad atti legali.

Leggi tutto...

Il principio di legalità: indicazioni fondamentali!

Uno dei punti di forza del Diritto Penale è individuabile nel principio di legalità: vediamo di cosa stiamo parlando e in che termini questo argomento è collegato ai principi base della Costituzione.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Cos’è l’Eurirs? Come si monitorizza il suo andamento?

Al giorno d'oggi sono tante le persone che richiedono ad un istituto finanziario oppure ad una banca un prestito o un mutuo, magari al fine di acquistare un immobile oppure per altre necessità familiari. Tali somme di denaro possono essere concesse poi con un tasso d'interesse fisso o variabile. Tuttavia, prima di andare a sottoscrivere un contratto di mutuo, è importante conoscere diversi elementi che vanno a contribuire alla somma che un soggetto dovrà pagare come singola rata mensile.

Leggi tutto...

Tasso fisso e variabile: i trucchi per scegliere bene il mutuo

I mutui si distinguono dal fatto di avere un tasso fisso e un tasso variabile. Con i mutui del primo tipo, il cliente versa sempre lo stesso interesse per tutta la durata del mutuo, mentre nel secondo, pagherà in base all'andamento dei tassi di interesse.

Leggi tutto...

Imposte: proporzionali, progressive, regressive

La tipologia di imposta che ogni Stato decide di immettere in relazione alla ricchezza dei propri cittadini, può essere distinta in imposta fissa, imposta proporzionaleimposta progressiva regressiva.

Leggi tutto...

La legge Bersani sui mutui: ecco cosa dice

La legge Bersani è nota appunto come legge sulle liberalizzazioni, e contiene una serie di misure che hanno l'obiettivo di tutelare innanzitutto i consumatori, e di rendere più flessibile il mercato.

Leggi tutto...

Cos’è un’assicurazione RC Professionale?

La polizza di Responsabilità Civile Professionale è obbligatoria per legge dal 13 agosto 2013 per tutti i professionisti che hanno l’obbligo di iscrizione ad un Ordine o un Albo professionale.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come trovare la giusta nicchia per il proprio business

Trovare la giusta nicchia per il proprio business legato all’e-commerce è il passo più importante in grado di avvicinarvi all’obiettivo del successo imprenditoriale. Ma come fare?

Leggi tutto...

Leggi anche...

Tariffe multe (non solo divieto di sosta): confronta gli importi

Poche volte consideriamo gli importi delle multe una somma ragionevole rispetto all'infrazione effettuata. Sarebbe bene conoscere quali sono gli importi delle multe per evitare di riceve spiacevoli avvisi da parte delle forze di Polizia.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come e quando avviene l’Arresto in flagranza

Lo stato di flagranza di reato è disciplinato dall'art. 382 del codice di procedura penale. Si verifica lo stato di flagranza quando:

  • colui che compie il reato viene colto sul fatto dalla polizia giudiziaria oppure da chi ha subito il reato
  • colui che è colto sul fatto viene inseguito dalla Polizia Giudiziaria
  • la persona che viene trovata in possesso di cose o tracce dalle quali si presenti in maniera evidente che abbia commesso il reato poco prima Leggi tutto...
Go to Top