Il 2012 e il primo trimestre del 2013 hanno registrato ulteriori nuovi aumenti sul prezzo del carburante, per far fronte agli obblighi del Patto di Stabilità e sanare i conti danneggiati dalla crisi finanziaria internazionale.

Prezzi attuali della benzina 

Le oscillazioni del mercato dei carburanti sono talmente rapidi che non permettono di stabilire una media sul periodo, ma ciò che si può calcolare – per lo meno in Italia – è l’ammontare delle accise che gravano sui carburanti e le tasse addizionali regionali sull’accisa della benzina.

Gli aumenti dell'accisa dal 31 dicembre 2012 sono gli stessi per tutta l’Italia, ma il prezzo del “pieno” cambia in base alle addizionali regionali. Per decisioni politiche ed economiche delle singole regioni - siano esse motivate da urgenze sui bilanci o dalla volontà di colpire il settore dei trasporti considerato inquinante -, le addizionali fanno la differenza. In particolar modo i rincari più forti si sono registrati nelle regioni del sud e del centro (in particolare Calabria, Campania, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Toscana e Umbria), mentre le regioni del nord sono più attente, consapevoli anche del ruolo fondamentale dell’industria dei trasporti per l’economia.

Facendo un passo indietro, poi, ci rendiamo conto che il prezzo della benzina si è gonfiato del 18% nel corso del 2011 e quello del gasolio addirittura del 27%. Tali innalzi, come si è accennato precedentemente, non sono tuttavia da imputarsi solo alle compagnie petrolifere, quanto al sovrapporsi di accisa su accisa.

Le accise benzina

In Italia, le accise si applicano per fronteggiare finanziariamente diverse emergenze (danni provocati da eventi naturali e non). Erroneamente si ritiene che si stiano ancora “scontando” gli aggravi provocati, per esempio, dalla lontana guerra in Etiopia del 1935. In realtà, non esiste alcun fondo per “finanziare” la guerra del ’35, bensì banalmente le accise si sono sommate nel tempo e gli incrementi apportati non sono mai stati aboliti una volta rientrata l’emergenza.

Purtroppo si tratta del risultato di una somma di accise e se qualora si dovesse ridurre un’accisa significa ridurre i proventi nel bilancio dello Stato, con il conseguente aumento di altre imposte in compensazione su qualche altro settore.
Tra le accise più recenti si ricordano quelle del 2011 un’accisa di 0,73 centesimi che è stata introdotta per salvare il Fondo destinato allo spettacolo; a giugno 2011, 4 centesimi su ogni litro di benzina sono andati a finanziare la guerra in Libia e, ancora a luglio, altri 0,19 centesimi hanno aiutato nuovamente il Fondo dello spettacolo. L’alluvione in Liguria e Toscana ha introdotto un’ulteriore accisa di 0,89 centesimi per ogni litro di benzina; il decreto Salva Italia di Mario Monti, ha aggiunto ulteriori 9,9 centesimi e nel 2012, il terremoto in Emilia ha portato un incremento di 2 centesimi.

Storia dell’accisa

L’accisa sul carburante, d’altronde, è una pratica antica. Sulla nostra benzina gravano tuttora i lontanissimi rincari legati al disastro della diga del Vajont, al terremoto del Belice, alla crisi di Suez e, last but not least, alla guerra di Abissinia del remoto 1935. Quindi, sostanzialmente, possiamo affermare in tutta sicurezza che ben più del 50% del prezzo della benzina consiste in tasse che i cittadini pagano direttamente allo Stato.

L'elenco completo dei rincari è il seguente:

  • 1,90 lire (0,000981 euro) per il finanziamento della guerra d'Etiopia del 1935-1936;
  • 14 lire (0,00723 euro) per il finanziamento della crisi di Suez del 1956;
  • 10 lire (0,00516 euro) per la ricostruzione dopo il disastro del Vajont del 1963;
  • 10 lire (0,00516 euro) per la ricostruzione dopo l'alluvione di Firenze del 1966;
  • 10 lire (0,00516 euro) per la ricostruzione dopo il terremoto del Belice del 1968;
  • 99 lire (0,0511 euro) per la ricostruzione dopo il terremoto del Friuli del 1976;
  • 75 lire (0,0387 euro) per la ricostruzione dopo il terremoto dell'Irpinia del 1980;
  • 205 lire (0,106 euro) per il finanziamento della guerra del Libano del 1983;
  • 22 lire (0,0114 euro) per il finanziamento della missione in Bosnia del 1996;
  • 0,0051 euro per far fronte al terremoto dell'Aquila del 2009;
  • 0,02 euro per far fronte ai terremoti dell'Emilia del 2012.

Il totale dei rincari dell'accisa ammonta a circa 0,41 euro (0,50 euro IVA inclusa). Nel 1999 con un decreto legislativo le Regioni sono libere di imporre una accisa autonoma sui carburanti.
Alle accise e alle addizionali regionali si somma l’imposta di fabbricazione sui carburanti e l’IVA al 21% per un totale finale di 87,42 cent per la benzina e 74,32 cent per il gasolio.

Rimborso accisa: novità per risparmiare sul gasolio

L’Agenzia delle Dogane ha fornito a tutti i cittadini utenti delle precise informazioni riguardo le modifiche che sono state apportate al Decreto Legge sulle Liberalizzazioni (quello del Governo Monti, in data 24 gennaio 2012, tanto per non sbagliarci). Parliamo, tanto per essere chiari, alla disciplina generale che concerne il rimborso delle spese per l’accisa sul carburante, e in particolare sul gasolio d’autotrazione.

Coloro che hanno il diritto di usufruire di tale agevolazione, a prescindere dalla quantità di gasolio consumato (e, quindi, dall’entità del rimborso dell’accisa), possono farne richiesta attraverso la cosiddetta “modalità frazionante”; facendo riferimento, cioè, ai consumi relativi a ogni singolo trimestre dell’anno solare.

Bisogna tuttavia ricordarsi di presentare la relativa domanda di rimborso entro il termine massimo del mese successivo al trimestre di riferimento: se tale limite fosse superato, non godremmo più dell’agevolazione per quel periodo e perderemmo così tutti i soldi che potevano tornarci in tasca.

Termini per il rimborso

È necessario, quindi, oltre che presentare per tempo la nostra domanda, ricordarci che c’è anche un limite temporale legato al periodo durante il quale possiamo usufruire del credito di compensazione: tale limite scade naturalmente il 31 dicembre dell’anno che segue quello in cui lo stesso credito è sorto.

Nel tempo di sei mesi da questo termine dobbiamo ricordarci di chiedere il rimborso delle eventuali eccedenze non compensate. La soglia massima, in termini pecuniari, di utilizzo dei crediti di imposta che sono riconosciuti quali agevolazioni concesse alle imprese è pari a 250.000 euro annui.

Inoltre, ed è questa la parte più importante della storia, è prevista una effettiva neutralizzazione di tutti gli aumenti dell’accisa sul gasolio; cosicchè le spese legate non tanto al carburante, ma alla sua percentuale di costo pari all’accisa stessa, possono essere oggetto di uno specifico rimborso. La pratica relativa al rimborso dell’accisa (nota anche come “defiscalizzazione”) vede applicare, solitamente, una riduzione pari a ben 33 centesimi di euro su ogni litro di carburante acquistato.

Chi gode dell’esenzione

I beneficiari di tale defiscalizzazione sono, come si evince, più che altro le imprese. Tuttavia questa è una semplificazione assolutamente riduttiva. Infatti, godono del rimborso le macchine operatrici e quelle semoventi non ammesse, però, alla circolazione stradale. Parliamo, perciò, soprattutto delle macchine scavatrici, delle pale meccaniche, dei compressori e via dicendo; ma sempre e solo all’interno dei cantieri o degli specifici siti di proprietà delle imprese.





Potrebbe interessarti

Separazioni in casa: ecco come funziona

Non sempre l'unione matrimoniale tra due persona va a buon fine. Spesso nascono incomprensioni, divergenze caratteriali, vari cambiamenti negativi all'interno della coppia che possono condurre alla fine del matrimonio. 

Leggi tutto...

Il diritto penale e le sue fonti

Il diritto penale è un ramo del diritto pubblico interno. Lo Stato vieta alcune condotte per mezzo di una sanzione che si pone a tutela dei valori fondamentali. Il diritto penale è la pena che distingue il reato, ovvero l’illecito penale, dall’illecito civile e dall’illecito amministrativo.

Leggi tutto...

Come scrivere un testamento? Ecco qualche indicazione

Il testamento è l'atto con cui una persona detta le disposizioni di carattere non patrimoniale per il tempo in cui non sarà più in vita; appartiene alla categoria del negozio giuridico, nella quale si caratterizza per essere un atto unilaterale a causa di morte.

Leggi tutto...

Il Giudice delegato: sai di cosa si occupa?

Per quanto riguarda la procedura di fallimento, esistono diverse figure ad esso preposte denominate Organi del fallimento, secondo le norme del diritto commerciale, artt. 23-41 della Legge Fallimentare.

Leggi tutto...

Funzioni del Parlamento

Le funzioni svolte dal Parlamento Italiano sono principalmente tre, ovvero la funzione legislativa, la funzione di controllo sul governo e le funzioni di indirizzo politico.

Leggi tutto...

I più condivisi

CAF UIL di Roma: vediamo a chi rivolgersi

I CAF, o centri di Assistenza Fiscale, sono delle organizzazioni importantissimi per chi ha bisogno di una mano dal punto di vista della materia fiscale. Per quanto riguarda gli iscritti alla UIL di Roma, è possibili usufruire dei servizi di centri particolari, rivolti esclusivamente a questo tipo di profili.

Leggi tutto...

Cosa cambia per le imposte sulle slot machine per il 2019?

Per alcune persone rappresentano dei semplici passatempi con cui divertirsi sporadicamente, da altre invece sono considerate come l'origine di problemi di varia natura, mentre per lo Stato sono una fonte di entrate annue costanti, le slot machines hanno visto nel corso degli ultimi anni una considerevole diffusione sul territorio, anche grazie all'apertura di locali appositi in diverse città e paesi. Tuttavia, attorno a queste macchinette, spesso, sono sorte anche molte polemiche.

Leggi tutto...

Il codice tributo 4726 e gli studi di settore in materia di adeguamento

L’art. 10 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201 (commi da 9 a 13), convertito con modificazioni, nella legge 22 dicembre 2011, n. 214 (Decreto Monti), ha apportato importanti modifiche alla disciplina relativa agli studi di settore, anche in materia di adeguamento.

Leggi tutto...

Il calcolo della quattordicesima mensilità

La quattordicesima mensilità è un istituto di origine non legale (ha natura contrattuale). La disciplina della quattordicesima fa riferimento alla determinazione delle parti sociali. Abbiamo dunque pensato possa essere utile determinare quali siano gli aspetti più importanti della quattordicesima, rimandandovi eventualmente ai concetti generali sul diritto finanziario. 

Leggi tutto...

Il comitato creditori: di cosa si occupa?

Per quanto riguarda la procedura di fallimento, esistono diverse figure ad esso preposte denominate Organi del fallimento, secondo le norme del diritto commerciale, artt. 23-41 della Legge Fallimentare.

Leggi tutto...

Leggi anche...

CAF UIL Venezia: contatti e informazioni

I servizi principali dei CAF sono la compilazione del modello 730 e delle altre dichiarazioni fiscali, la compilazione dei modelli RED, ISEE e ISEU. Altre funzioni sono legate alla trasmissione telematica di determinati modelli tramite ENTRATEL.

Leggi tutto...

Leggi anche...

La notifica della multa: come regolarsi?

Con oltre 10 milioni di multe l’anno, ben 26.000 contravvenzioni quotidiane, gli italiani versano nelle casse dello Stato un miliardo di euro; non stupisce quindi che gli automobilisti nostrani abbiano a cuore la legge n.125/2010 che in particolare ha ridotto il termine di notifica della multa da 150 a 90 giorni, il cui superamento da parte delle autorità rende il verbale viziato e quindi non più valido.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Bancarotta fraudolenta: è il tuo caso?

Intimamente connesso al concetto e soprattutto al reato di fallimento, abbiamo il reato di bancarotta. Tale termine deriva dalla consuetudine, in epoca medievale, di rompere il tavolo di legno del banchiere insolvente. La bancarotta può essere di due tipologie: semplice, in quanto causata da imprudenza, oppure fraudolenta, ovvero causata per frode e violazione di leggi.

Leggi tutto...
Go to Top