Oggi vi spieghiamo come trattare una Busta confidenziale, per spedire la vostra documentazione in modo sicuro. Oggi come oggi abbiamo un metodo che ci pare infallibile per evitare di utilizzare della carta per la nostra documentazione: internet ci corre in soccorso molte volte, questo è senza dubbio innegabile. Ma vi sono alcuni documenti, generalmente i più importanti, che necessitano ancora di essere stampati e consegnati per posta ordinaria, proprio in virtù della loro importanza. Pensiamo a degli atti notarili, a degli attestati, a delle lettere inviate al nostro avvocato e molte altre situazioni che richiedono l'utilizzo di carta, magari intestata, e di buste commerciali

Ecco che le nostre comunicazioni, alle volte, hanno decisamente bisogno di qualcosa in più che ne attesti di per sè il valore: la carta dovrà quindi essere o intestata o comunque di un certo pregio, non il classico foglio che utilizziamo nello scomparto della nostra stampante, per intenderci, e così anche le buste: che siano sempre della corretta misura e del materiale più appropriato per la nostra comunicazione, per dare subito la giusta immagine del mittente e non relegarlo nella compagine di chi non sa stare al mondo. Cerchiamo di utilizzare poi un linguaggio sobrio e professionale, all'interno del messaggio: certamente non ci stiamo rivolgendo a un amico di vecchia data, per cui è bene calibrare la lingua sul destinatario e sull'importanza della comunicazione che sta avvenendo tra noi. 

Attualmente le persone di tutte le età dedicano ad internet molte ore del proprio tempo ed esso è diventato il mezzo attraverso cui documentiamo le nostre vite attraverso foto, video e messaggi.
Quello però che spesso ignoriamo è che ogni cosa pubblicata viene affidata ad internet che ha l’indiscutibile capacità di renderla accessibile a chiunque e in qualunque momento.
Negli ultimi anni il tema della privacy su internet ha fatto discutere notevolmente, soprattutto a seguito di notizie relative all’utilizzo dei dati personali per scopi ben più ampi di una semplice condivisione con i propri amici e conoscenti.

Tutte le nostre relazioni e di conseguenza tutti i nostri processi decisionali vengono mediati dalle piattaforme online, anche se continuiamo a credere di essere tutelati, in realtà siamo noi stessi a rinunciare a molti dei nostri dati personali ogni qualvolta accettiamo “termini e condizioni” senza neanche leggerli pur di scaricare quell’applicazione.
Già nel 2004, in Italia, è entrato in vigore il “testo unico sulla Privacy” ovvero il Codice che raccoglie le disposizioni in materia di protezione dei dati personali, il quale garantisce che il trattamento dei dati si svolga nel rispetto dei diritti, della libertà e della dignità dell’utente, a cui deve essere assicurato un elevato libello di protezione.
Tuttavia il reale problema sono spesso i giovani che espongono sui social i loro segreti più intimi perché non riescono a distinguere la vita reale da quella virtuale, ma non a causa loro, ma a causa del fatto che ci son “nati dentro”.
Quello che più preoccupa è il fatto che siano i professionisti a mettere a rischio i propri contatti di lavoro, soprattutto perché in molti lavori viene richiesto un continuo scambio di informazioni tramite e-mail sia tra colleghi e quindi impiegati, sia con i clienti, nell’illusione che sia tutto più semplice e veloce.
Ognuno dei noi non rinuncerebbe mai consapevolmente alla propria privacy, nessuno direbbe “sì, guarda pure tutto quello che faccio durante la giornata”, eppure su internet questa consapevolezza sembra svanire ed è per questo che negli ultimi anni si è cercato di puntare sull’educazione dei più giovani e meno giovani, nella speranza che proprio chi ne fa un uso maggiore sia in grado di valutarne le potenzialità e contemporaneamente i rischi.
Come ogni “strumento”, anche questo va analizzato ed utilizzato con consapevolezza ed è per questo che bisognerebbe prima conoscerlo nella sua complessità e poi utilizzarlo, ma non è mai troppo tardi per informarsi!

Busta confidenziale? Posta cartacea o mail?

Immagine presente nell'articolo Busta confidenziale? Ecco come spedire documentazione in modo sicuro

Non dimentichiamo poi un altro aspetto decisamente fondamentale quando si tratta di comunicazioni di una certa importanza: la posta cartacea, per certi versi, può essere più sicura di una comunicazione via email. Pensiamo, ad esempio, alle volte in cui una nostra comunicazione importante è finita nella casella spam della mail del ricevente, oppure, caso ugualmente sfortunato, al contrario: una comunicazione che aspettavamo con ansia è inavvertitamente finita nella nostra cartella di spam. O ancora, pensiamo agli sfortunati casi in cui un haker, attraverso programmi fantasma, si sia impossessato di tutti i contatti e di tutte le comunicazioni contenute in una casella email: certo vi sono antivirus che possono scongiurare questa eventualità, mettendo al tappeto quantomeno i tentativi più maldestri di appropriazione indebita di informazioni, ma più il nostro ruolo diventa importante, più avremo bisogno di sistemi che ci proteggano a dovere. Con la cara e vecchia posta, invece, questi tentativi sono bloccati sul nascere: a meno che non vi siano spie nell'ufficio postale al quale affidiamo la nostra importante comunicazione, ecco che nessuno potrà intercettarla. Almeno in questi anni, infatti, i malintenzionati si concentrano (e a ragione) sul carpire informazioni dal nostro computer, sfruttando le tante falle che un mondo informatizzato come il nostro mette loro a disposizione. 

Quindi, ecco il nostro consiglio: per le comunicazioni davvero importanti non lasciate nulla al caso. Scegliete con cura i vostri strumenti e la forma che volete dare al messaggio e non esitate ad affidarlo all'ufficio postale più vicino, pagando il sovrapprezzo per una raccomandata con ricevuta di ritorno. Sarà come avere la spunta di lettura da pc, ma senza i rischi connessi all'utilizzo della rete, rischi che mai potremo essere in grado di scongiurare del tutto!





Potrebbe interessarti

Principio di Offensività: ecco come come agisce nel diritto?

Immagine per principio di offensività

Il Principio di Offensività rappresenta un qualcosa di molto interessante rispetto a quel che riguarda la concezione liberal-democratiaca del reato. Questo principio estromette la punibilità dei fatti per i quali non esiste un’effettiva lesione del bene giuridico protetto.

Leggi tutto...

Come scrivere un testamento? Ecco qualche indicazione

Il testamento è l'atto con cui una persona detta le disposizioni di carattere non patrimoniale per il tempo in cui non sarà più in vita; appartiene alla categoria del negozio giuridico, nella quale si caratterizza per essere un atto unilaterale a causa di morte.

Leggi tutto...

Diritto di Credito: tutte le informazioni di cui hai bisogno

Immagine presente nell'articolo Diritto di Credito: tutte le informazioni di cui hai bisogno

Il Diritto di Credito rappresenta la modulistica che ruota attorno al rapporto di scambio tra due parti, che può concretizzarsi nel trasferimento di potere d’acquisto o di disponibilità contro il pagamento di un interesse. Il credito è dunque lo strumento essenziale per il trasferimento di risorse da chi le detiene a chi non ne ha (ma può impiegarle ottenendo un utile superiore all’interesse pagato). Il cedente diventa così creditore, mentre il cessionario debitore.

Leggi tutto...

Che cos’è l’Oblazione penale? Quando è usata?

Il termine oblazione deriva dal latino offrire. Nel diritto penale indica una causa di estinzione del reato consistente nel pagamento volontario di una somma. È importante chiarire che l'oblazione penale è limitata alle contravvenzioni (è prevista dagli articoli 162 e 162bis del codice penale). In principio poteva essere utilizzata solo per le contravvenzioni punite con la pena dell'ammenda mentre con il tempo è stata prevista un’ulteriore ipotesi che riguarda le contravvenzioni punite con la pena alternativa dell'arresto e dell'ammenda. 

Leggi tutto...

Il comodato oneroso: come funziona in diritto?

Nel diritto ci troviamo di fronte al comodato quando abbiamo un contratto attraverso cui un soggetto definito comodante, consegna ad un secondo soggetto detto comodatario, un bene mobile o immobile, con lo scopo di servirsene per un periodo determinato, avendo l'obbligo di restituire il bene al termine del suo utilizzo: è dunque ciò che normalmente chiamiamo come prestito, ma a volte può essere considerato anche il comodato oneroso

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Cos'è lo Spread? Vediamo tutte le variabili

In materia di diritto e soprattutto di diritto commerciale, è necessario conoscere a fondo determinate dinamiche e indici utili a regolare l'andamento economico stesso personale o di una intera Nazione. Cos'è lo Spread, e conoscere argomenti come Bot, Euribor, Irs ecc. è importante: questi concetti vanno dunque compresi anche e soprattutto per evitare passi falsi e investimenti che potrebbero rivelarsi rovinosi.

Leggi tutto...

Cessione del quinto dello stipendio: come funziona?

Nel corso della vita può capitare di aver bisogno di una somma di denaro per effettuare un acquisto, come ad esempio quello di un immobile, oppure per un urgente ed importante lavoro di ristrutturazione dello stesso. 

Leggi tutto...

Cos'è la cambiale: un approfondimento

Tutti noi ci siamo sicuramente messi nei panni disperati del povero Paperino, costretto dal suo miliardario zio a firmare al termine di ogni storia una tonnellata di cambiali.

Leggi tutto...

Le commissioni tributarie: qual è il loro ruolo?

Nell'ambito dell'ordinamento italiano, esistono particolari organi giurisdizionali denominati Commissioni tributarie. Queste sono dei giudici particolari che si esprimono in materia tributaria.

Leggi tutto...

Quando la difesa costa: la figura dell’avvocato e i relativi compensi

Almeno una volta nella vita abbiamo avuto a che fare in modo diretto o in modo indiretto con la figura di un avvocato: che sia stato per un qualcosa che ci riguardava in prima persona o per un qualcosa che riguardava una persona a noi cara siamo stati messi difronte alla ‘spiacevole’ situazione di dover pagare (giustamente) una prestazione lavorativa che è stata offerta.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Assegno Trasferibile: ecco quello che c'è da sapere

L'assegno trasferibile è uno strumento che permette al titolare di un conto corrente, il pagamento di una somma ad un altro soggetto. L’assegno bancario è valido quando esiste una reale somma di denaro all'interno del conto.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Bancarotta fraudolenta: è il tuo caso?

Intimamente connesso al concetto e soprattutto al reato di fallimento, abbiamo il reato di bancarotta. Tale termine deriva dalla consuetudine, in epoca medievale, di rompere il tavolo di legno del banchiere insolvente. La bancarotta può essere di due tipologie: semplice, in quanto causata da imprudenza, oppure fraudolenta, ovvero causata per frode e violazione di leggi.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Informazioni sul pignoramento: dall'impignorabilità allo stipendio

Nella scelta dei beni su cui effettuare il pignoramento mobiliare, vanno esclusi alcuni determinati oggetti a causa del loro valore morale (oggetti votivi, fede nuziale) o a causa del bisogno che ne ha il debitore per poter continuare una vita normale (elettrodomestici...).

Leggi tutto...
Go to Top