Non sono particolarmente diffusi, tuttavia potrebbe capitare ad ognuno di avere a che fare con una cosiddetta cambiale ipotecaria oppure degli eventuali titoli di credito. Cosa sono e soprattutto in quali situazioni potremmo trovarceli di fronte? Cerchiamo di approfondire meglio la questione.

I titoli di credito sono documenti destinati alla circolazione che attribuiscono il diritto per legge ad una determinata prestazione. La prestazione può consistere nel pagamento di una somma di denaro, come la cambiale, nella riconsegna di beni determinati, per esempio la polizza di carico, un complesso di rapporti giuridici, come ad esempio le azioni.
Il titolo di credito è a tutti gli effetti un documento: ciò vuol dire che esso è materialmente costituito da un modulo prestampato che deve essere riempito nelle parti lasciate in bianco, come luogo e data di emissione, importo del credito, scadenza di pagamento, e tutto il resto.

Il titolo di credito contiene l’impegno - preso da colui che lo rilascia - di effettuare una prestazione a favore del soggetto che lo riceve e lo esibisce (cosiddetto portatore). Il documento incorpora il diritto di credito, nel senso che il possesso materiale del documento comporta per ciò solo la titolarità del diritto di credito e quindi il diritto del possessore a ottenere il pagamento per legge. I titoli di credito sono strumenti diffusi, sia presso gli imprenditori, come ad esempio nel pagamento di riforniture e materiali, o altro ancora; sia presso i non-imprenditori, ad esempio con l’utilizzo dei comuni assegni usati talvolta per pagare somme più consistenti.

E' un titolo di credito cartolare. Come tutti i titoli di credito cartolari, anche la cambiale ipotecaria incorpora i diritti e le obbligazioni che emergono dal documento cartaceo che la rappresenta, è di norma redatta su appositi moduli prestampati e deve rispondere ad esigenze di standardizzazione volte al renderla facilmente riconoscibile.

Anche la cambiale ipotecaria è, infine, un titolo astratto, ovvero che non necessita di un rapporto causale sottostante che ne giustifichi l’emissione; conseguentemente chi ne è in possesso può, possesso vale titolo, legittimamente esercitare i diritti in essa contenuti.

In altre parole, secondo la regola appena definita del "possesso vale titolo", avere la carta in cui è incorporato il credito tende a sostituire, in pratica, la prova del titolo di acquisto da parte dell'acquirente, di conseguenza la persona che possiede tale documento ne risulta il possessore legittimato (anche se in realtà magari non ne sia il vero titolare) e perciò egli può far valere i diritti che ne conseguono. In sintesi, quindi, il possessore di questo documento esercita tutti i diritti ad esso collegati, anche se non è il vero titolare dello stesso.

Peculiarità di questo documento o contratto

Questo documento incorpora anche una garanzia su un immobile, che assicura il creditore cambiario, nel caso in cui il credito presente nel titolo non venga soddisfatto, a procedere alla soddisfazione del credito sull’immobile posto a garanzia della cambiale ipotecaria stessa. L’ipoteca deve essere annotata sulla cambiale.

Il titolare del diritto presente nella cambiale ha priorità di soddisfare il proprio diritto sull’immobile, rispetto agli altri creditori. Con la cambiale ipotecaria si trasferisce, oltre al credito in essa rappresentato, anche la garanzia del credito stesso costituita dall’ipoteca sull’immobile.

Essendo l’ipoteca iscritta a favore dell’attuale possessore, essa si trasmette ai successivi possessori senza che sia necessario che questi effettuino l’annotazione del trasferimento nei registri immobiliari, come dettato dall’art 2831 del codice civile, che disciplina questo particolare titolo di credito.

Cambiale ipotecaria

L'istituto della cambiale ipotecaria comporta un elevato carico fiscale ed il ricorso a notaio per la iscrizione nei libri fondiari. Normalmente, è consuetudine evitarla nei normali rapporti commerciali. Si fa ricorso ad essa in caso di scambi commerciali di immobili con pagamento rateizzato e dilazionato nel tempo.

Nell'ordinamento giuridico italiano, il venditore di un bene immobile ha il diritto all'ipoteca legale. Molto diffusa è la pratica di rinuncia all'ipoteca legale e la sua sostituzione con una ipoteca convenzionale, il più delle volte tramite cambiali ipotecarie. In tal caso, infatti, già si preventivano le spese di notaio e d'imposta di registro e ipotecarie.

Tutto ciò comporta che la cambiale ipotecaria è strumento idoneo ed efficace per una rapida circolazione del diritto di ipoteca, in quanto se incorporato nella cambiale, non si devono seguire le procedure previste dalla legge per il trasferimento di tale diritto.
Altra importante specificazione riguardante i diversi regimi dell’ipoteca e della cambiale ipotecaria, è che nella prima la garanzia esiste finché esiste il credito garantito, mentre nella seconda la garanzia non riguarda il credito sottostante ma il rapporto cartolare stesso.

Cambiale ipotecaria: uso e diffusione

Cambiale ipotecaria

La cambiale ipotecaria, in quanto titolo di credito cartolare, costituisce titolo esecutivo come dettato dall’art. 631 del codice di procedura civile.
Non è un istituto che ha avuto molta diffusione, a causa degli elevati costi fiscali e notarili che gravano sul debitore.

Tuttavia ha trovato un utilizzo nei casi di compravendita di immobili con pagamento dilazionato nel tempo, questo per due ragioni: da una parte, grazie alla cambiale ipotecaria sarà possibile, in virtù anche di una sola cambiale non pagata, annullare il contratto di compravendita e rivalersi sull’immobile ipotecato; dall’altro lato avendo, secondo le leggi dello Stato, il venditore dell’immobile diritto ad una ipoteca legale, si è fatta largo la pratica di rinunciare alla ipoteca legale, sostituendola con quella cambiaria, preventivando così le spese notarili e di registrazione.

Comunque, potrebbe essere utilizzata come una possibile alternativa al mutuo. Infatti, con quest'ultimo un venditore ottiene da un acquirente, in maniera immediata, l'intera cifra richiesta, tuttavia non sempre lo stesso acquirente riesce ad accedere a tale genere di finanziamento bancario e, al tempo stesso, non sempre egli può avere disponibilità del denaro occorrente ad un eventuale anticipo richiesto, considerando infatti che la banca tende a coprire al massimo fino all'80% del valore finanziario dell'immobile.
Poi, i costi connessi ad un eventuale contratto di mutuo potrebbero anche essere considerevoli e tali da non favorire un eventuale acquisto tramite banca. Utilizzando invece una cambiale ipotecaria vi potrebbero essere alcuni vantaggi di cui tener conto. Infatti, in caso di accettazione da parte del creditore, questi non ottiene immediatamente l'intera somma, bensì la riceverà, da parte della banca, dilazionata nel corso del tempo ed eventualmente sommata agli interessi maturati.
Il debitore, dal canto suo, tuttavia dovrà rispettare ciascuna scadenza prevista, in quanto il mancato pagamento anche di una sola delle rate programmate concede al creditore, come abbiamo già accennato prima, il diritto di rivalersi sul patrimonio dello stesso debitore, con relative conseguenze. Pertanto, bisognerà effettuare un'attenta valutazione prima di fare uso delle cambiali ipotecarie.


Potrebbe interessarti

Separazione dei beni: ecco i passi per essere in regola

Separazione dei beni

Il matrimonio non prevede però soltanto la cerimonia e il ricevimento di nozze; non è inoltre unicamente un'unione spirituale di due persone.

Congedo di paternità: astensione obbligatoria e facoltativa

congedo di paternità

Dopo il sì del Parlamento Europeo al congedo di paternità dell’ottobre 2010 il Decreto Legislativo n119 del 18 Luglio 2011 riordina e ridefinisce i presupposti e le modalità con cui fare richiesta in merito a congedi, aspettative e permessi. Differenza sostanziale rispetto al passato è la possibilità del padre di ottenere il permesso anche nel caso in cui la madre non ne abbia diritto (essendo ad esempio disoccupata) mentre in passato era richiesto che la genitrice avesse un lavoro.

Decreto anti coronavirus: ecco i punti della manovra a sostegno dell’Italia

decreto anti corona virus

Il 16 marzo 2020 è stato approvato dalla Presidenza del Consiglio un maxi-decreto con misure urgenti economiche a sostegno delle imprese e delle famiglie nella lotta al corona-virus. Il decreto “Cura Italia” – così come è stato definito – contiene 122 articoli che toccano tutti i principali ambiti dell’economia e del welfare con uno stanziamento di 25 miliardi di euro che si auspica facciano leva sulle attività economiche e sulle famiglie comportando una mobilitazione pari a 350 miliardi in rapporto al PIL nazionale.

La Pratica Forense per la Professione di Avvocato è retribuita?

Con il termine avvocato si intende un professionista, laureato in materie giuridiche, che si occupa di rappresentare assistendo o difendendo una parte processuale.
Per esercitare la professione di avvocato, è necessario essere iscritti all'albo

Marca da bollo per il passaporto: concessione governativa per l’espatrio

Marca da bollo per il passaporto

Il passaporto è un documento richiedibile da tutti i cittadini italiani che consente di attraversare i confini degli Stati riconosciuti dalla nostra Repubblica. Il passaporto viene rilasciato essenzialmente dalle questure, quando non da uffici particolari investiti di tale abilità, in seguito alla consegna di tutta una documentazione particolare nella quale è compreso un versamento al Ministero dell’Economia e delle Finanze e l’apposizione di una apposita marca da bollo per il passaporto.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Come con carta Hype è possibile gestire le risorse dei minorenni

carta-hype.jpg

Con il passare del tempo sono sempre di più le persone, tra cui tantissimi minorenni, che decidono di affidarsi ai servizi offerti dalla cartaHYPE. Secondo delle recenti analisi di mercato, questo sarebbe molto utile al fine di infondereresponsabilità nei più giovani, che trovandosi ad essere titolari di un conto, riescono a gestire in maniera più coscienziosa i propri risparmi.

Modello F23 editabile, cos’è e quando si deve utilizzare

immagine per Modello F23 editabile

Rispetto ad altri Paesi europei, in Italia purtroppo si è costretti a pagare annualmente diverse tipologie di tasse. Per rendere meno complicato e pesante il loro pagamento, almeno dal punto di vista pratico, negli ultimi anni l’Agenzia delle Entrate ha messo a disposizione dei contribuenti, sul proprio sito internet, alcuni utili strumenti che permettono di poter compilare e stampare dei moduli, utilizzabili appunto per il versamento di alcune imposte.

Come tutelarsi dalle truffe del trading online

Il trading online è un’attività finanziaria che può diventare remunerativa se condotta con le premesse giuste e le necessarie precauzioni sulla sicurezza per tutelare il proprio denaro; come qualsiasi attività online – da un acquisto e-commerce all’iscrizione a un forum, agli investimenti – occorre porre la massima attenzione per evitare le truffe online.

Leggi anche...

Società cooperativa europea: quali sono le sue caratteristiche?

Secondo quanto riportato dal codice civile italiano, si viene a determinare una società cooperativa quando tre o più soci vogliano gestire in comune un'impresa, che abbia come scopo principale quello di fornire ai soci stessi una serie di beni o servizi che hanno determinato la nascita della stessa.

Leggi anche...

Patente a punti: sai davvero come funziona dopo la riforma?

immagine per Patente a punti

Con la riforma del sistema delle patenti in Italia, avvenuta nel 2003, il codice della strada ha stabilito che ogni titolare di patente o patentino CIG abbia in dotazione, al momento del conseguimento della patente a punti, un totale di 20 punti.

Go to Top