Dopo aver parlato di privacy su internet, oggi ci concentriamo su una guida per verificare se conviene sempre cambiare l'operatore internet (per risparmiare). L’abbonamento internet è una spesa che, mese dopo mese, incide sul budget sommandosi alle utenze luce e gas e agli altri costi obbligati come la Rc auto. A torto o a ragione, la bolletta per la connessione internet viene percepita tra le più onerose dal consumatore e il suo indice di impopolarità è paragonabile a quello delle bollette della luce e del gas. Il costo del servizio ADSL-fibra, del resto, si traduce in un addebito ricorrente che – anche per modalità che semplificano il pagamento, come la domiciliazione bancaria – tende a risultare ‘indigesto’. A ciò si somma l’eventuale insoddisfazione circa la qualità del servizio: tipicamente, perché la velocità della connessione non soddisfa le aspettative iniziali.

Cambiare l'operatore internet è sinonimo di risparmio?

Questo atteggiamento si traduce in un alto livello di infedeltà del consumatore, facilmente indotto a migrare verso un altro operatore e, più in generale, a cercare soluzioni migliorative dal punto di vista economico. In questo senso, i portali di comparazione rappresentano un punto di riferimento quasi obbligato per chi vuole risparmiare denaro e tempo. Strumenti come comparasemplice.it/adsl consentono di ottenere in pochi secondi un confronto dettagliato delle tariffe e delle condizioni proposte dai vari operatori e di vagliare con facilità le promozioni più interessanti.

Quali sono le ragioni che inducono i consumatori a cambiare l'operatore internet? La motivazione numero uno è il costo, spesso considerato eccessivo e sproporzionato rispetto al servizio offerto. Complice la molteplicità di offerte presenti sul mercato, l’attenzione al risparmio è molto alta e così il ricorso ai siti di comparazione delle tariffe per cercare la soluzione più economica. Altro motivo di insoddisfazione è la velocità di navigazione e la ricerca di soluzioni più performanti per rispondere alle proprie esigenze. Infine, un aspetto non secondario è la trasparenza dell’offerta: come nel caso della telefonia mobile, le promo fibra e ASDL spesso non indicano in modo chiaro l’insieme dei costi da sostenere e le condizioni contrattuali.

Verificare la propria copertura 

Cambiare operatore internet

La trasparenza riguarda anche le performance: per cambiare l'operatore internet e attivare un’offerta internet ultraveloce, infatti, è necessario verificare la copertura della fibra ottica e la velocità della linea internet della propria casa. Anche se le linee ASDL rappresentano la tipologia più comune, sempre più diffuse sono le connessioni FTTH e FTTC, tecnologie che garantiscono una migliore navigazione. I comparatori online consentono di verificare facilmente qual è la tecnologia più evoluta presente nella propria zona, per valutare quale offerta conviene effettivamente attivare.

Per giudicare la bontà della tariffa, quando volete cambiare l'operatore internet, naturalmente, bisogna considerare tutti gli addebiti previsti dal contratto: dall’attivazione alla fornitura del modem senza tralasciare i costi di disattivazione (per cessazione della linea o migrazione verso altro operatore) e di recesso. Attenzione anche all’effettiva validità della promo in questione: la tariffa mensile può risultare molto allettante in un primo momento e diventare più penalizzante poi. Determinante è anche poter accedere a un servizio di assistenza efficiente per configurare i dispositivi o risolvere eventuali problemi. Da non sottovalutare, infine, gli sconti previsti per chi dispone di particolari servizi gas e luce o altri abbonamenti che consentono di accedere a speciali promozioni.


Potrebbe interessarti

Congedo di paternità: astensione obbligatoria e facoltativa

congedo di paternità

Dopo il sì del Parlamento Europeo al congedo di paternità dell’ottobre 2010 il Decreto Legislativo n119 del 18 Luglio 2011 riordina e ridefinisce i presupposti e le modalità con cui fare richiesta in merito a congedi, aspettative e permessi. Differenza sostanziale rispetto al passato è la possibilità del padre di ottenere il permesso anche nel caso in cui la madre non ne abbia diritto (essendo ad esempio disoccupata) mentre in passato era richiesto che la genitrice avesse un lavoro.

Cos’è il Copyzero? Come si interpreta?

Ne sentiamo parlare in continuazione ma cosa vorrà mai dire? E soprattutto come si interpretano le sue limitazioni? Chiariamo attraverso questa mini guida il valore del Copyzero, un meccanismo di tutela delle opere dell'ingegno che sfrutta la firma elettronica qualificata e la marca temporale.

Il diritto penale e le sue fonti

Il diritto penale è un ramo del diritto pubblico interno. Lo Stato vieta alcune condotte per mezzo di una sanzione che si pone a tutela dei valori fondamentali. Il diritto penale è la pena che distingue il reato, ovvero l’illecito penale, dall’illecito civile e dall’illecito amministrativo.

Cos’è il Decreto penale? Art. 459 cpp

Il decreto penale è un atto di diritto processuale penale pensato dall'art.459 c.p.p. Con questo decreto si stabilisce un procedimento deflattivo del dibattimento (il soggetto cui è diretto il decreto può impugnare l'atto obiettandosi e avviando il giudizio ordinario). Il decreto penale può essere proposto solo dal Pubblico Ministero al G.I.P nei casi previsti dall'art.459. 

Diritto allo sciopero: quando si esercita? Ti spieghiamo come funziona

diritto allo sciopero

Un cittadino italiano dovrebbe avere sempre garantito un posto di lavoro; il diritto al lavoro è infatti importantissimo per una Nazione e una società civile intesa come tale e che si rispetti. 

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Cosa sono i tributi

Nell'ambito del diritto finanziario, ogni tipo di richiesta “forzata” da parte dello Stato, di una prestazione in denaro ad un singolo cittadino denominato contribuente, viene definita come tributo.

Pagamento di una cambiale: ecco come procedere in sicurezza

Pagamento di una cambiale

L'operazione del pagamento della cambiale può sembrare la cosa più semplice a questo mondo, ma in realtà nasconde molte insidie, specie se non si è stati molto chiari al momento della sua emissione.

Come si compila una cambiale in maniera corretta? Scopriamolo

Come si compila una cambiale

Quando si ha a che fare con un documento così importante come la Cambiale, è bene conoscerne i dettagli su come compilarla, così da evitare noie legali in un momento successivo. E' importante sapere che si hanno 3 anni a disposizione per provvedere ad eventuali parti omesse.

Leggi anche...

Centri per l'impiego a Milano: orari e informazioni per iniziare a lavorare

app lavoro

I Centri per l'impiego a Milano sono uffici della Regione che gestiscono le offerte di lavoro della città e della Provincia. L’Ufficio deriva direttamente dai vecchi uffici di collocamento di Milano.

Leggi anche...

Punti patente per semaforo rosso: tutti i casi spiegati con calma

Decurtazione dei punti della patente

A partire dal 2003, in Italia è stata introdotta la norma che prevede l'assegnazione di punti al momento del conseguimento della patente. Ogni volta che si commette un illecito particolare, è prevista la decurtazione di punti, fino ad arrivare a 0 punti e conseguenti provvedimenti disciplinari nei confronti del guidatore.

Go to Top