Il tema dell’accoglienza dei migranti in Italia è sempre molto delicato e la dimensione del fenomeno è tale da essere diventata una voce di spesa all’interno della Legge di Bilancio. Per l’anno 2019, il Governo aveva previsto un taglio – pari a circa 5 miliardi – alle risorse da destinare all’accoglienza degli immigrati. Le cifre si basavano su stime e valutazioni rispetto a quanto era stato definito nel DEF (documento di Economia e Finanza) 2018 dai precedenti Governi.

I numeri sui migranti in Italia: i centri per accoglierli

Il Documento di Economia e Finanza (DEF) è lo strumento con cui il Governo definisce le linee guida di finanza pubblica per l’anno in corso e il triennio successivo. La prima sezione del DEF 2018 – che non conteneva la parte programmatica sulle riforme – intitolata “Programma di Stabilità dell’Italia”, includeva anche le previsioni sui costi da sostenere per l’immigrazione e l’accoglienza degli immigrati, in base alle stime sui flussi migratori presentate dal Ministero degli Interni e dati ISTAT.

Stando ai dati, il secondo semestre 2017 aveva registrato un calo degli arrivi del 67,7% rispetto allo stesso periodo del 2016. Il calo era stato determinato dalle specifiche politiche e misure introdotte dal precedente Governo anche in materia di sicurezza, come per esempio l’identificazione dei migranti negli hotspot – i punti di ingresso dei migranti – gli accordi con i Paesi di provenienza dei migranti (in particolar modo, la Libia) e l’introduzione di un codice di condotta per le ONG, le Organizzazione Non Governative che si occupano del recupero in mare e del soccorso dei migranti.

Nonostante il calo degli arrivi, la presenza dei migranti nei centri di accoglienza risultava tuttavia alto: a fine 2017, i migranti ospitati nei centri di accoglienza erano circa 183.000, mentre a fine 2016 risultavano 176.000. Nel primo trimestre 2018, invece, il dato si attesta sulle 174.000 presenze nei centri di accoglienza e distribuiti nel modo seguente:

  • 000 migranti in strutture temporanee;
  • 000 nei centri di prima accoglienza;
  • Oltre 25.000 nei cosiddetti SPRAR (Centri del Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati);
  • Circa 500 negli hotspot.

Come funziona la previsione di spesa per l’accoglienza

Il DEF definisce la previsione di spesa per l’accoglienza degli immigrati in base ai dati forniti dal Ministero dell’Economia e delle Finanze e dalla Ragioneria di Stato che a loro volta effettuano le stime prendendo in considerazione due situazioni:

  • La prima situazione ipotizza che il numero degli ingressi rimanga stabile rispetto agli ultimi mesi presi in considerazione; pertanto per il 2018 è stata prevista una spesa per l’accoglienza degli immigrati pari a 4.648 miliardi di euro.
  • La seconda situazione considera la flessibilità del fenomeno migratorio e le emergenze. In questo caso la spesa sale a 5.047 miliardi di euro.

Dal 2011 al 2017 si è registrato un costante aumento del fenomeno migratorio e nel 2017 furono spesi esattamente 4.363 miliardi di euro, in linea con quanto poi stimato e incluso nel DEF 2018.

La cifra viene considerata in base alle seguenti specifiche:

  • La presa in carico di circa 500 minori non accompagnati con una spesa media di 45 € al giorno;
  • 000 persone nelle strutture di accoglienza governative e temporanee al costo medio di 32,5 € al giorno;
  • Circa 1750 richiedenti asilo e rifugiati al costo medio giornaliero di 35 €.

Nel 2018, la spesa prevista ma non effettiva destinata all’accoglienza degli immigrati è stata pari a circa 4.700 miliardi di euro che è la cifra che il Governo in carica ha deciso di tagliare (circa 5000 miliardi).

Come sono realmente utilizzati i soldi stanziati per questo progetto?

accoglienza degli immigrati

I circa 5000 miliardi di euro stanziati per l’accoglienza dei migranti sono suddivisi nel modo seguente:

  • 68,4% (circa 3,4 miliardi €) per l’accoglienza vera e propria;
  • 18,9% è destinato alle operazioni di soccorso in mare;
  • 12,7% per l’istruzione e la sanità.

La determinazione delle singole voci di spesa per l’accoglienza è però difficile, perché spesso si effettuano dei ritocchi di spesa sia per la complessità di gestione che comporta anche una carenza di dati ufficiali. La Corte dei Conti e la Banca d’Italia, nel 2017, hanno cercato di presentare un rapporto più dettagliato e puntuale del fenomeno, evidenziando come il costo medio per l’accoglienza di un singolo migrante oscilla tra i 30 e 35 € al giorno ai quali si aggiungono i costi per la gestione delle domande di asilo (circa 204 €) e i costi del patrocinio gratuito in caso di ricorsi per i provvedimenti di diniego.

Quanto contribuisce l’Europa allo stanziamento di fondi per l’accoglienza

Il DEF 2018 evidenzia che per il 2018 il contributo europeo per la gestione della crisi migratoria in Italia è stato pari a 80 milioni di € (nel 2017 sono stati 91 milioni). Si tratta di cifre limitate rispetto allo stanziamento dei circa 5.000 miliardi. Tuttavia, bisogna considerare che le stime di spesa per l’accoglienza devolute dall’UE per L’Italia sono specificamente contenute nella sezione del DEF “Spese per la clausola di eventi eccezionali”. L’Italia, quindi, è riuscita ad ottenere dall’UE uno scorporo delle spese per l’accoglienza che altrimenti sarebbero dovute convogliare nel Bilancio complessivo, superando di gran lunga i vincoli di bilancio previsti dal Trattato di Stabilità europeo. Quindi, le spese straordinarie – come lo stato di emergenza in seguito al terremoto in Italia Centrale e l’accoglienza dei migranti – non sono conteggiate nella definizione del debito e del disavanzo pubblico che altrimenti avrebbero comportato una violazione dei trattati europei. In sostanza, sebbene l’Europa non concorra con un sostanziale trasferimento delle risorse economiche, gli accordi stabiliti hanno reso possibile impiegare del denaro in determinati ambiti senza doverli conteggiare nel Bilancio totale con il rischio di incorrere in sanzioni o critiche sulla politica di bilancio.

I tagli sulla spesa per l’accoglienza degli immigrati avvenuti nel 2019

accoglienza degli immigrati

Il Governo Conte 1 – all’interno del proprio Contratto di Governo – aveva stabilito come obiettivo il taglio di quei circa 5.000 miliardi di spesa che erano stati finora destinati per la gestione degli ingressi di migranti in Italia. A pagina 28 dello stesso “Contratto” si poneva l’obiettivo, piuttosto, di aumentare il numero di rimpatri dei migranti irregolari. I soldi tolti all’accoglienza sarebbero stati re-direzionati a gestire i rimpatri dei migranti. Si è trattato di un impegno, comunque, di difficile realizzazione considerando che alla base occorre stringere accordi di riammissione con i Paesi di provenienza, senza i quali un migrante non potrebbe essere rimpatriato. I costi di rimpatrio non sono bassi: una pratica di rimpatrio ha un costo medio di 5800 €. Si stima che gli immigrati irregolari sono circa 500.000 e un eventuale “rimpatrio di massa” costerebbe circa 3.000 miliardi di euro.

Se da una parte il Governo aveva stimato, così, un risparmio di circa 1300 miliardi di euro sulla voce “immigrazione”, non è scontata la realizzazione di una nuova politica dell’accoglienza o, meglio, del rimpatrio.

Novitá del 2021 per l’accoglienza degli immigrati

accoglienza degli immigrati

Rispetto agli anni precedenti, la situazione degli sbarchi e dell'accoglienza degli immigrati nel 2019 ha registrato una forte diminuzione, mentre nel 2020 tale tendenza ha visto una netta inversione, nonostante lo scoppio della pandemia da Covid-19 in Italia e in Europa. Una tendenza continuata a crescere nei primi mesi del 2021. E ció dimostrerebbe che i vari "decreti sicurezza", voluti all'epoca dal Ministro dell'Interno Salvini, avevano scoraggiato un certo flusso di arrivi nel nostro Paese. Tuttavia ad essere significativi sono i numeri forniti dalle spese relative.

Difatti, le spese per l'accoglienzadegli immigrati sono diminuite nettamente, con una riduzione superiore ai circa 150 Milioni di Euro, mentre il fondo rimpatri ha registrato invece una netta crescita, sforando addirittura i 10 Milioni di Euro. Medesimo discorso si presenta per le spese per i centri di permanenza e rimpatrio, che mostrano una crescita di oltre 6 Milioni di Euro tra il 2019 ed il 2020. A quest'ultima cifra, tuttavia, si contrappone lo scarso numero di immigrati effettivamente rimpatriati, circa il 20% degli espulsi complessivi.

Tutto questo consente di effettuare, al momento, alcune considerazioni sull'accoglienza degli immigrati negli anni 2019-2020 nel nostro Paese. La riduzione del budget per l'accoglienza degli immigrati e di altre spese relative risulta evidente, ma ha avuto come conseguenza quello di ridurre la funzionalitá di alcuni centri di accoglienza ed incrementare il numero di irregolari presenti nelle localitá italiane, compresi i minori non accompagnati. Incrementando cosí un certo disagio sociale e fenomeni connessi allo sfruttamento del lavoro nero e all'illegalitá.

Per quanto concerne invece la politica dei rimpatri, a fronte di una crescita evidente della spesa, si registra una netta diminuzione di quelli effettivamente effettuati. Evidenziandosi quindi un cambiamento solo formale in questi anni, anziché sostanziale, della politica dei rimpatri, voluta fortemente da Salvini. Il successivo Governo Conte bis non ha modificato sostanzialmente la situazione dell'accoglienza degli immigrati, mentre il nuovo Governo Draghi presenta al momento altre prioritá rispetto ad un'eventuale modifica della politica sull'immigrazione.


Potrebbe interessarti

Commissione UE: metodologia di giudizio della legge di bilancio

Commissione UE

Ogni anno, il Governo approva la Legge di Bilancio con le previsioni di spesa per l’attuazione di una serie di misure intese a favorire lo sviluppo economico del Paese. In quanto Stato Membro dell’UE, l’Italia – come tutti gli altri paese membri – è tenuta a presentare la bozza della Legge di Bilancio in sede di Commissione UE ai fini di un’approvazione, in quanto un bilancio troppo discostato dalle linee guida europee potrebbe rappresentare un potenziale rischio di instabilità per tutta l’Area Euro.

Fivet in Italia: le ultime novità sulla limitazione degli embrioni

In Italia la legge 40 del 2004 ha limitato in base a considerazioni di natura medica e morale molti aspetti della procreazione assistita; questo ha avuto ripercussioni specialmente per quanto riguarda una delle pratiche maggiormente conosciute collegate alla procreazione assistita, ovvero la FIVET.

Legge Bersani telefonia

Con l’avvento della Legge Bersani, sono state introdotte delle misure favorevoli ai consumatori, relativamente alle tariffe telefoniche.

Il parlamento italiano: su quale schema si basa la sua struttura?

Il Parlamento italiano è definito come l'Organo costituzionale per eccellenza per quanto riguarda la nostra Repubblica. E' il titolare della funzione legislativa, ovvero si occupa di legiferare secondo le regole della costituzione.

Cos’è il Decreto penale? Art. 459 cpp

Il decreto penale è un atto di diritto processuale penale pensato dall'art.459 c.p.p. Con questo decreto si stabilisce un procedimento deflattivo del dibattimento (il soggetto cui è diretto il decreto può impugnare l'atto obiettandosi e avviando il giudizio ordinario). Il decreto penale può essere proposto solo dal Pubblico Ministero al G.I.P nei casi previsti dall'art.459. 

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Offerta pubblica di acquisto: di cosa stiamo parlando?

Immagine usata nell'articolo Offerta pubblica di acquisto: di cosa stiamo parlando?

In ambito bancario si parla di OPA, ovvero di offerta pubblica di acquisto, quando si procede ad una negoziazione di valori mobiliari mediante cui un soggetto si rivolge senza alcuna mediazione ai portatori di titoli di una società quotata in borsa, detta società bersaglio, per effettuare un'offerta di acquisto di azioni o obbligazioni, oppure per la sottoscrizione di nuovi titoli.

Scadenza della cambiale: come comportarsi?

Una cambiale è un titolo di credito all'ordine: questo significa che chi ne è in possesso, ha il diritto senza condizioni di farsi pagare la somma indicata entro la data di scadenza riportata sul titolo. Prima di vedere cosa succede quando non si rispettano i tempi di scadenza della cambiale, diamo qualche altra informazione generale.

Cosa sono i tributi

Nell'ambito del diritto finanziario, ogni tipo di richiesta “forzata” da parte dello Stato, di una prestazione in denaro ad un singolo cittadino denominato contribuente, viene definita come tributo.

Leggi anche...

CAF UIL Venezia: contatti e informazioni

I servizi principali dei CAF sono la compilazione del modello 730 e delle altre dichiarazioni fiscali, la compilazione dei modelli RED, ISEE e ISEU. Altre funzioni sono legate alla trasmissione telematica di determinati modelli tramite ENTRATEL.

Leggi anche...

Cos'è Equitalia e di cosa si occupa?

In Italia esistono delle Istituzioni pubbliche e delle società che si occupano di diritto soprattutto di natura commerciale e che regolano gli scambi con altri Paesi e le entrate di denaro e i movimenti dello stesso all'interno della Nazione. C'è, ad esempio, una società che a tal proposito è molto importante per l'Italia: cerchiamo di capire cos'è Equitalia e come funziona.

Go to Top