Il tema dell’accoglienza dei migranti in Italia è sempre molto delicato e la dimensione del fenomeno è tale da essere diventata una voce di spesa all’interno della Legge di Bilancio. Per l’anno 2019, il Governo aveva previsto un taglio – pari a circa 5 miliardi – alle risorse da destinare all’accoglienza degli immigrati. Le cifre si basavano su stime e valutazioni rispetto a quanto era stato definito nel DEF (documento di Economia e Finanza) 2018 dai precedenti Governi.

I numeri sui migranti in Italia: i centri per accoglierli

Il Documento di Economia e Finanza (DEF) è lo strumento con cui il Governo definisce le linee guida di finanza pubblica per l’anno in corso e il triennio successivo. La prima sezione del DEF 2018 – che non conteneva la parte programmatica sulle riforme – intitolata “Programma di Stabilità dell’Italia”, includeva anche le previsioni sui costi da sostenere per l’immigrazione e l’accoglienza degli immigrati, in base alle stime sui flussi migratori presentate dal Ministero degli Interni e dati ISTAT.

Stando ai dati, il secondo semestre 2017 aveva registrato un calo degli arrivi del 67,7% rispetto allo stesso periodo del 2016. Il calo era stato determinato dalle specifiche politiche e misure introdotte dal precedente Governo anche in materia di sicurezza, come per esempio l’identificazione dei migranti negli hotspot – i punti di ingresso dei migranti – gli accordi con i Paesi di provenienza dei migranti (in particolar modo, la Libia) e l’introduzione di un codice di condotta per le ONG, le Organizzazione Non Governative che si occupano del recupero in mare e del soccorso dei migranti.

Nonostante il calo degli arrivi, la presenza dei migranti nei centri di accoglienza risultava tuttavia alto: a fine 2017, i migranti ospitati nei centri di accoglienza erano circa 183.000, mentre a fine 2016 risultavano 176.000. Nel primo trimestre 2018, invece, il dato si attesta sulle 174.000 presenze nei centri di accoglienza e distribuiti nel modo seguente:

  • 000 migranti in strutture temporanee;
  • 000 nei centri di prima accoglienza;
  • Oltre 25.000 nei cosiddetti SPRAR (Centri del Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati);
  • Circa 500 negli hotspot.

Come funziona la previsione di spesa per l’accoglienza

Il DEF definisce la previsione di spesa per l’accoglienza degli immigrati in base ai dati forniti dal Ministero dell’Economia e delle Finanze e dalla Ragioneria di Stato che a loro volta effettuano le stime prendendo in considerazione due situazioni:

  • La prima situazione ipotizza che il numero degli ingressi rimanga stabile rispetto agli ultimi mesi presi in considerazione; pertanto per il 2018 è stata prevista una spesa per l’accoglienza degli immigrati pari a 4.648 miliardi di euro.
  • La seconda situazione considera la flessibilità del fenomeno migratorio e le emergenze. In questo caso la spesa sale a 5.047 miliardi di euro.

Dal 2011 al 2017 si è registrato un costante aumento del fenomeno migratorio e nel 2017 furono spesi esattamente 4.363 miliardi di euro, in linea con quanto poi stimato e incluso nel DEF 2018.

La cifra viene considerata in base alle seguenti specifiche:

  • La presa in carico di circa 500 minori non accompagnati con una spesa media di 45 € al giorno;
  • 000 persone nelle strutture di accoglienza governative e temporanee al costo medio di 32,5 € al giorno;
  • Circa 1750 richiedenti asilo e rifugiati al costo medio giornaliero di 35 €.

Nel 2018, la spesa prevista ma non effettiva destinata all’accoglienza degli immigrati è stata pari a circa 4.700 miliardi di euro che è la cifra che il Governo in carica ha deciso di tagliare (circa 5000 miliardi).

Come sono realmente utilizzati i soldi stanziati per questo progetto?

accoglienza degli immigrati

I circa 5000 miliardi di euro stanziati per l’accoglienza dei migranti sono suddivisi nel modo seguente:

  • 68,4% (circa 3,4 miliardi €) per l’accoglienza vera e propria;
  • 18,9% è destinato alle operazioni di soccorso in mare;
  • 12,7% per l’istruzione e la sanità.

La determinazione delle singole voci di spesa per l’accoglienza è però difficile, perché spesso si effettuano dei ritocchi di spesa sia per la complessità di gestione che comporta anche una carenza di dati ufficiali. La Corte dei Conti e la Banca d’Italia, nel 2017, hanno cercato di presentare un rapporto più dettagliato e puntuale del fenomeno, evidenziando come il costo medio per l’accoglienza di un singolo migrante oscilla tra i 30 e 35 € al giorno ai quali si aggiungono i costi per la gestione delle domande di asilo (circa 204 €) e i costi del patrocinio gratuito in caso di ricorsi per i provvedimenti di diniego.

Quanto contribuisce l’Europa allo stanziamento di fondi per l’accoglienza

Il DEF 2018 evidenzia che per il 2018 il contributo europeo per la gestione della crisi migratoria in Italia è stato pari a 80 milioni di € (nel 2017 sono stati 91 milioni). Si tratta di cifre limitate rispetto allo stanziamento dei circa 5.000 miliardi. Tuttavia, bisogna considerare che le stime di spesa per l’accoglienza devolute dall’UE per L’Italia sono specificamente contenute nella sezione del DEF “Spese per la clausola di eventi eccezionali”. L’Italia, quindi, è riuscita ad ottenere dall’UE uno scorporo delle spese per l’accoglienza che altrimenti sarebbero dovute convogliare nel Bilancio complessivo, superando di gran lunga i vincoli di bilancio previsti dal Trattato di Stabilità europeo. Quindi, le spese straordinarie – come lo stato di emergenza in seguito al terremoto in Italia Centrale e l’accoglienza dei migranti – non sono conteggiate nella definizione del debito e del disavanzo pubblico che altrimenti avrebbero comportato una violazione dei trattati europei. In sostanza, sebbene l’Europa non concorra con un sostanziale trasferimento delle risorse economiche, gli accordi stabiliti hanno reso possibile impiegare del denaro in determinati ambiti senza doverli conteggiare nel Bilancio totale con il rischio di incorrere in sanzioni o critiche sulla politica di bilancio.

I tagli sulla spesa per l’accoglienza degli immigrati avvenuti nel 2019

accoglienza degli immigrati

Il Governo Conte 1 – all’interno del proprio Contratto di Governo – aveva stabilito come obiettivo il taglio di quei circa 5.000 miliardi di spesa che erano stati finora destinati per la gestione degli ingressi di migranti in Italia. A pagina 28 dello stesso “Contratto” si poneva l’obiettivo, piuttosto, di aumentare il numero di rimpatri dei migranti irregolari. I soldi tolti all’accoglienza sarebbero stati re-direzionati a gestire i rimpatri dei migranti. Si è trattato di un impegno, comunque, di difficile realizzazione considerando che alla base occorre stringere accordi di riammissione con i Paesi di provenienza, senza i quali un migrante non potrebbe essere rimpatriato. I costi di rimpatrio non sono bassi: una pratica di rimpatrio ha un costo medio di 5800 €. Si stima che gli immigrati irregolari sono circa 500.000 e un eventuale “rimpatrio di massa” costerebbe circa 3.000 miliardi di euro.

Se da una parte il Governo aveva stimato, così, un risparmio di circa 1300 miliardi di euro sulla voce “immigrazione”, non è scontata la realizzazione di una nuova politica dell’accoglienza o, meglio, del rimpatrio.

Novitá del 2021 per l’accoglienza degli immigrati

accoglienza degli immigrati

Rispetto agli anni precedenti, la situazione degli sbarchi e dell'accoglienza degli immigrati nel 2019 ha registrato una forte diminuzione, mentre nel 2020 tale tendenza ha visto una netta inversione, nonostante lo scoppio della pandemia da Covid-19 in Italia e in Europa. Una tendenza continuata a crescere nei primi mesi del 2021. E ció dimostrerebbe che i vari "decreti sicurezza", voluti all'epoca dal Ministro dell'Interno Salvini, avevano scoraggiato un certo flusso di arrivi nel nostro Paese. Tuttavia ad essere significativi sono i numeri forniti dalle spese relative.

Difatti, le spese per l'accoglienza degli immigrati sono diminuite nettamente, con una riduzione superiore ai circa 150 Milioni di Euro, mentre il fondo rimpatri ha registrato invece una netta crescita, sforando addirittura i 10 Milioni di Euro. Medesimo discorso si presenta per le spese per i centri di permanenza e rimpatrio, che mostrano una crescita di oltre 6 Milioni di Euro tra il 2019 ed il 2020. A quest'ultima cifra, tuttavia, si contrappone lo scarso numero di immigrati effettivamente rimpatriati, circa il 20% degli espulsi complessivi.

Tutto questo consente di effettuare, al momento, alcune considerazioni sull'accoglienza degli immigrati negli anni 2019-2020 nel nostro Paese. La riduzione del budget per l'accoglienza degli immigrati e di altre spese relative risulta evidente, ma ha avuto come conseguenza quello di ridurre la funzionalitá di alcuni centri di accoglienza ed incrementare il numero di irregolari presenti nelle localitá italiane, compresi i minori non accompagnati. Incrementando cosí un certo disagio sociale e fenomeni connessi allo sfruttamento del lavoro nero e all'illegalitá.

Per quanto concerne invece la politica dei rimpatri, a fronte di una crescita evidente della spesa, si registra una netta diminuzione di quelli effettivamente effettuati. Evidenziandosi quindi un cambiamento solo formale in questi anni, anziché sostanziale, della politica dei rimpatri, voluta fortemente da Salvini. Il successivo Governo Conte bis non ha modificato sostanzialmente la situazione dell'accoglienza degli immigrati, mentre il nuovo Governo Draghi presenta al momento altre prioritá rispetto ad un'eventuale modifica della politica sull'immigrazione.


Potrebbe interessarti

Decreto anti coronavirus: ecco i punti della manovra a sostegno dell’Italia

decreto anti corona virus

Il 16 marzo 2020 è stato approvato dalla Presidenza del Consiglio un maxi-decreto con misure urgenti economiche a sostegno delle imprese e delle famiglie nella lotta al corona-virus. Il decreto “Cura Italia” – così come è stato definito – contiene 122 articoli che toccano tutti i principali ambiti dell’economia e del welfare con uno stanziamento di 25 miliardi di euro che si auspica facciano leva sulle attività economiche e sulle famiglie comportando una mobilitazione pari a 350 miliardi in rapporto al PIL nazionale.

Tipi di referendum: li conosci tutti?

Il referendum (dal gerundivo latino REFERO), può essere una pratica democratica di frequente utilizzo, a differenza dal plebiscito.

Marca da bollo per il passaporto: concessione governativa per l’espatrio

Marca da bollo per il passaporto

Il passaporto è un documento richiedibile da tutti i cittadini italiani che consente di attraversare i confini degli Stati riconosciuti dalla nostra Repubblica. Il passaporto viene rilasciato essenzialmente dalle questure, quando non da uffici particolari investiti di tale abilità, in seguito alla consegna di tutta una documentazione particolare nella quale è compreso un versamento al Ministero dell’Economia e delle Finanze e l’apposizione di una apposita marca da bollo.

Come disdire l'abbonamento Sky grazie al decreto Bersani

In materia di liberalizzazioni, uno dei capisaldi degli ultimi anni è senza dubbio il decreto bersani, convertito in Legge Bersani n. 248 del 4 agosto 2006. La legge Bersani è nota appunto come legge sulle liberalizzazioni, e contiene una serie di misure che hanno l'obiettivo di tutelare innanzitutto i consumatori, e di rendere più flessibile il mercato.

Principio di Offensività: ecco come come agisce nel diritto?

Immagine per principio di offensività

Il Principio di Offensività rappresenta un qualcosa di molto interessante rispetto a quel che riguarda la concezione liberal-democratiaca del reato. Questo principio estromette la punibilità dei fatti per i quali non esiste un’effettiva lesione del bene giuridico protetto.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Spese notarili: a quanto ammontano e in cosa consistono?

spese notarili

Nel calcolo delle spese notarili, valutabili già nel preventivo del notaio, è necessario tenere presenti diversi fattori, che naturalmente variano a seconda dell’atto che stiamo facendo, sia per quanto riguarda l’onorario del notaio sia ad esempio per quanto riguarda tasse e imposte che saremo chiamati a versare a questo professionista in qualità di sostituto d’imposta

Redditi diversi: sai come comportarti per non infrangere la legge?

Immagine presente nell'articolo Redditi diversi: sai come comportarti per non infrangere la legge?

l reddito si può definire sinteticamente come l'entrata netta che un determinato soggetto realizza in un determinato periodo di tempo, ed espressa secondo l'unità di misura monetaria.

Fideiussione bancaria: conoscevi queste informazioni?

Fideiussione bancaria

Il creditore ha dunque l'onere di chiedere l'adempimento prima al debitore garantito e solo dopo il rifiuto di questo può orientarsi verso il fideiussore. Altre fonti ritengono che alla scadenza il creditore goda di una libera electio per determinare verso quale obbligato operare.

Leggi anche...

Contestazione dei lavori non eseguiti a regola d'arte

Contestazione dei lavori non eseguiti a regola d'arte

Un problema che può verificarsi, in seguito ad opere di ristrutturazione, è la cattiva esecuzione dei lavori o in casi più gravi la comparsa di danni alla struttura. In queste situazioni il cliente è tutelato? Di chi è l'effettiva responsabilità? È possibile chiedere un risarcimento?

Leggi anche...

Trasporto dei bambini in auto: il regolamento ufficiale

Trasporto dei bambini in auto

Ecco alcune regole importanti da seguire quando si vogliono trasportare i bambini in automobile.

Go to Top