Oggi parliamo degli orari e delle le funzioni dei Centri per l'impiego a Milano. I Centri per l'impiego sono uffici della Regione che gestiscono le offerte di lavoro della città e della Provincia. L’Ufficio deriva direttamente dai vecchi uffici di collocamento di Milano. Le riforme sono arrivate nei primi anni dello scorso decennio. I cambiamenti sono iniziati con la Legge Bassanini, la n. 59/1997, che ha modificato le precedenti strutture. Con il D. Lgs. 23 dicembre 1997, n. 469 sono invece stati istituiti i Centri per l'impiego e in altre città italiane. I compiti conferiti, in materia di diritto del lavoro:

  • in materia di collocamento dei lavoratori
  • in materia di lavoratori disabili
  • in materia di avviamento dei lavoratori vincitori di pubblico concorso
  • preselezione tra domanda e offerta
  • iniziative per incrementare il lavoro femminile
  • programmazione in materia di lavoro

Funzioni Statali 

La Direzione provinciale di Milano rimane competente per le funzioni statali non conferite alle Regioni. Si sottolinea che rimangono allo Stato la:

  • vigilanza in materia di lavoro
  • conciliazione delle vertenze di lavoro
  • coordinamento del Sistema Informativo Lavoro
  • raccordo con gli organismi internazionali e dell'Unione europea.

Per informazioni sui Centri per l'Impiego a Milano (ex uffici di collocamento ora Centri per l'impiego a Milano ) della Provincia è attivo il numero 02 77404040-77406417 dal Lunedì al Venerdì dalle 8,30 alle 17,00. Sul sito troverete tutte le informazioni sui Centri per l’impiego di Milano e Provincia. Tante le news sul lavoro, i bandi e le opportunità che potrebbero fare al caso vostro. Per quanto riguarda la città di Milano abbiamo redatto anche un approfondimento sugli Avvocati che potete trovare in città (sempre che ve ne serva uno).

Chi sono i destinatari dei servizi dei centri per l’impiego

I servizi dei centri per l’impiego sono rivolti ai disoccupati o inoccupati in cerca di lavoro o di formazione, ma anche ai lavoratori già occupati che percepiscono redditi non soggetti a imposizione fiscale. È necessario iscriversi ai centri per l’impiego (CPI) e l’età minima per l’iscrizione è di 16 anni compiuti, ovvero occorre aver assolto l’obbligo scolastico. Possono iscriversi ai CPI anche le aziende che necessitano dei servizi offerti e possono godere di alcuni benefici quali:

  • La possibilità di assumere a condizioni agevolare;
  • La possibilità di partecipare a bandi pubblici emessi dai CPI;
  • Frequentare o far frequentare corsi di formazione professionale gratuiti;
  • Richiedere un’indennità di disoccupazione.

Ai servizi del CPI possono aderire anche chi svolge attività lavorative autonome o subordinate a scarsa intensità lavorativa che genera redditi inferiori o pari a 8.000 e per il lavoro subordinato o parasubordinato e inferiori o pari a 4.800 € per il lavoro autonomo.

Quali sono gli stati di riconoscimento della disoccupazione

Il riconoscimento dello stato di disoccupazione nell’ambito del collocamento ordinario si manifesta in seguito a una DID – Dichiarazione di Immediata Disponibilità – al lavoro. La DID si inoltra online tramite il portale ANPAL (Agenzia Nazionale politiche Attive del Lavoro) oppure avvalendosi dell’intermediazione di un CPI. La DID può essere presentata dai disoccupati/inoccupati e dai lavoratori dipendenti con notifica di licenziamento durante il periodo di preavviso. La DID non può essere presentata da coloro che beneficiano di una prestazione di sostegno al reddito come la NASPI o la Dis-coll o l’indennità di mobilità perché queste attestazioni sono già equivalenti a una dichiarazione di disoccupazione.

Le persone che presentano la DID entrano nel cosiddetto stato di disoccupazione e secondo quanto introdotto dal D.L. n. 4 del 2019 hanno i seguenti requisiti:

  • Non svolgono alcun tipo di attività lavorativa subordinata o autonoma;
  • Sono lavoratori che percepiscono redditi subordinati o autonomi che generano redditi inferiori alle detrazioni previste dall’art. 13 del testo unico delle imposte sui redditi.

Chi richiede la DID, il centro per l’impiego rilascia un Certificato di disoccupazione in cui si attesta lo stato di disoccupazione che serve per poter ottenere le esenzioni e registrare l’anzianità di iscrizione ai Centri per l'impiego a Milano.

Compito dei Centri per l'impiego a Milano è soprattutto quello del reinserimento e ricollocamento dei lavoratori tramite l’orientamento, l’iscrizione alle liste di collocamento e alla sottoscrizione di un patto di servizio che è un accordo tra i CPI e gli iscritti che definisce le condizioni di fruizione ed erogazione dei servizi. Il patto serve a mediare tra datori di lavoro e lavoratori in cerca di occupazione al fine dell’occupazione. Il patto nasce da un colloquio di orientamento tra il CPI e il disoccupato per evidenziare le priorità e i punti di forza e di debolezza per ipotizzare il reinserimento o primo inserimento nel mondo del lavoro. Al termine del colloquio, si redige il PAI – Piano di Azione Individuale – che riporta l’anagrafica dell’inoccupato, lo stato occupazione e le azioni che si intendono prendere congiuntamente ai fini dell’inserimento nel mercato del lavoro.

Lista degli dei centri per l'impiego a Milano

centri per l'impiego a milano

Fra i Centri per l'impiego a Milano vi consigliamo:

Cesano Maderno

via Molino Arese 2
tel. 0362.64.481 - fax. 0362.54.19.59
Responsabile ad interim Flaviano Regondi
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Corsico

Via Leonardo da Vinci 5
tel. 02.44.07.001 - fax. 02.44.78.085
Responsabile ad interim Giuseppe Squillace 

Legnano centri per l'impiego a Milano

Via XX settembre, 26
tel. 0331.52.791 - fax. 0331.52.79.27
Responsabile Marcello Marrone
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Magenta - Abbiategrasso

Responsabile ad interim Marcello Marrone
Sede di Magenta:
via Crivelli 25
tel.02.97.00.001 fax. 02.97.29.32.17

Sede di Abbiategrasso:
via Paolo VI 2
tel. 02.94.26.00.01 fax. 02.94.96.73.61
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Centri per l'impiego a Melzo

via Martiri della Libertà 18
tel. 02.95.52.97.11 fax. 02.95.52.97.29
Responsabile ad interim Vittoria Brunelli

Milano

centri per l'impiego a milano

viale Jenner, 24
tel.02.77.40.40.40 - fax. 02.77.40.64.45
Responsabile Francesca Casanova

Monza

via Bramante da Urbino
tel. 039.83.96.41 fax.039.83.72.97
Responsabile Bartolomeo Lentini

Centri per l'Impiego a Milano Nord

Cinisello Balsamo - Via Gorky, 65
Tel. 02.66.05.651 - Fax.02.66.59.51.90
Responsabile Teresa Cosentino

Rho

Via Villafranca, 8
tel. 02.93.92.301 - fax. 02.93.92.30.28
Responsabile Francesco Marchesi
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Rozzano

via Matteotti 33
tel. 02.52.86.28.1 - fax. 02.89.20.20.46
Responsabile Giuseppe Squillace
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Link Utili:

Sito ufficiale delle Comunicazioni Obbligatorie

Sito del Sistema delle Dimissioni volontarie 

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Principio di legalità: ti sveliamo le indicazioni fondamentali!

principio di legalità

Il principio di legalità è uno dei punti di forza del Diritto Penale: vediamo di cosa stiamo parlando e in che termini questo argomento è collegato ai principi base della Costituzione.

Come disdire l'abbonamento Sky grazie al decreto Bersani

In materia di liberalizzazioni, uno dei capisaldi degli ultimi anni è senza dubbio il decreto bersani, convertito in Legge Bersani n. 248 del 4 agosto 2006. La legge Bersani è nota appunto come legge sulle liberalizzazioni, e contiene una serie di misure che hanno l'obiettivo di tutelare innanzitutto i consumatori, e di rendere più flessibile il mercato.

Ergastolo in Italia: l'art 22 del codice penale spiegato bene

ergastolo in italia

Chi commette un delitto efferato è severamente punito dalla legge italiana. Nei casi più blandi si deve scontare una pena che varia a seconda della gravità del reato commesso. Quando

Ferie per paternità: quali sono i diritti dei neo-papà

ferie per paternità

E’ vero che si ha diritto a 3 giorni di paternità dal lavoro, pagati (che si aggiungono alle normali ferie)? Molti si interrogano su questo aspetto importante. C’è un po’ di confusione infatti sul fatto se effettivamente, dal giorno del parto e per i 2 giorni seguenti, si ha diritto a percepire un congedo dal lavoro pagato.

Testamento biologico: facciamo il punto sulla legge in Italia

Testamento biologico

Da molto tempo ormai è stato appurato che la salute è un diritto fondamentale di ogni individuo e che qualsiasi cura o terapia deve ritenersi priva di legittimità in caso di dissenso da parte del diretto interessato.

I più condivisi

Quando il preventivo dell’avvocato è troppo alto

 

Il preventivo legale ti sembra troppo alto? E’ possibile contestare la parcella dell’avvocato anche se era stato accettato il preventivo per la consulenza prima?

Mutuo per la prima casa: cosa vuol dire e come richiederlo

Cosa_vuol_dire_mutuo_prima_casa_e_quali_sono_i_requisiti_1.jpg

Quando si inizia a pensare all’acquisto di una casa, generalmente si verifica una circostanza che potremmo definire ‘tipica’. Ovvero, si presenta la necessità di accendere un mutuo per potersi aggiudicare quel certo immobile. L’acquisto di un appartamento è un punto di svolta e a maggior ragione se si tratta di una prima casa.

La legge Bersani sui mutui: ecco cosa dice

La legge Bersani è nota appunto come legge sulle liberalizzazioni, e contiene una serie di misure che hanno l'obiettivo di tutelare innanzitutto i consumatori, e di rendere più flessibile il mercato.

Leggi anche...

Consulenti del Lavoro a Napoli: rifermenti utili

Il Consulente del lavoro elabora cedolini paga, cura l'inquadramento contrattuale in materia giuslavoristica. Vediamo alcuni consulenti presenti a Napoli per svolgere attività relative alla dimensione lavorativa.

Leggi anche...

Come e quando avviene l’Arresto in flagranza

Lo stato di flagranza di reato è disciplinato dall'art. 382 del codice di procedura penale. Si verifica lo stato di flagranza quando:

  • colui che compie il reato viene colto sul fatto dalla polizia giudiziaria oppure da chi ha subito il reato
  • colui che è colto sul fatto viene inseguito dalla Polizia Giudiziaria
  • la persona che viene trovata in possesso di cose o tracce dalle quali si presenti in maniera evidente che abbia commesso il reato poco prima
Go to Top