Nel corso della vita può capitare di aver bisogno di una somma di denaro per effettuare un acquisto, come ad esempio quello di un immobile, oppure per un urgente ed importante lavoro di ristrutturazione dello stesso. E, non avendo tutti a disposizione dei risparmi a cui eventualmente attingere, spesso si fa ricorso ad una banca o ad un istituto finanziario per ottenere un prestito oppure un mutuo. E tante persone, negli ultimi anni, hanno fatto richiesta di questo genere di finanziamenti.
Da parte degli istituti di credito o bancari, se da un lato vengono richieste sempre maggiori garanzie alla propria clientela prima di effettuare un prestito, dall'altro si è cercato di diversificare l'offerta di finanziamenti, proprio per cercare di venire incontro alle varie esigenze degli utenti. Negli ultimi tempi, uno dei prestiti maggiormente richiesti è la cosiddetta "Cessione del Quinto". Proviamo a capire in cosa consista nello specifico, chi può erogarlo, quali le misure previste e chi può richiederlo.

La Cessione del Quinto dello Stipendio è un tipo di prestito personale da estinguersi con cessione di quote dello stipendio fino al quinto dell'ammontare dell'emolumento valutato al netto di ritenute. E' destinata a tutte le categorie di lavoratori dipendenti, sia dello Stato e del comparto para-statale che delle aziende private.

L'espressione “cessione del quinto di stipendio” deriva dal fatto che l’importo massimo della rata di rimborso del prestito non può superare il valore di un quinto (cioè il 20%) dello stipendio mensile netto continuativo del richiedente, inoltre la durata massima consentita per il dilazionamento è di 120 mesi e la minima, abitualmente, non è inferiore ai 24 mesi.

Il termine massimo della durata non può eccedere comunque il termine del rapporto di lavoro e il pensionamento, tranne che per i dipendenti ministeriali, i quali possono decidere se estinguere il debito o trasferirlo, una volta andati in pensione, sulla pensione mensile.

Chi può chiederlo?

Oggi è possibile l'accesso alla cessione del quinto dello stipendio anche da parte dei pensionati ed in questo caso la scadenza non può eccedere il 90º anno di età, anche se oggi nella prassi le compagnie di assicurazione limitano il rischio assumendo prodotti con un massimo di 85 anni. Tuttavia alcuni gruppi bancari, facendo ricorso al fondo previdenziale INPDAP, riescono ad arrivare fino ad un massimo di 95 anni di età.

La legge prevede che, al momento della stipula del contratto con la società finanziaria, si stipuli anche una assicurazione sui rischi sulla vita e sull’impiego del richiedente. Nel caso di "rischio impiego" l'assicurazione interviene, ma ha diritto di rivalsa nei confronti del debitore, nei limiti del TFR (Trattamento di fine rapporto) fino a quel momento maturato: tale cifra, accantonata dall'azienda in un apposito fondo, resta quindi indisponibile per il mutuatario che accede al finanziamento; si tratta quindi di un'assicurazione a vantaggio della finanziaria. Nel caso di "rischio vita", l'assicurazione interviene senza vantare diritto di rivalsa nei confronti degli eredi.

Sono ammessi a concedere prestiti agli impiegati e salariati dello Stato ed ai personali di cui agli articoli 9 e 10, verso cessione di quote di stipendio o salario, soltanto gli istituti di credito e di previdenza costituiti fra impiegati e salariati delle pubbliche amministrazioni, l'Istituto nazionale delle assicurazioni, le società di assicurazione legalmente esercenti, gli istituti e le società esercenti il credito escluse quelle costituite in nome collettivo e in accomandita semplice, le casse di risparmio ed i monti di credito su pegno.

Il Decreto Legislativo n. 385 del 1993 identifica nelle banche e negli intermediari finanziari iscritti presso apposito elenco dell'Ufficio Italiano Cambi gli unici soggetti abilitati ad erogare finanziamenti sotto ogni forma.

Di fatto una persona che desidera contrarre un prestito con Cessione del Quinto di Stipendio, dovrà rivolgersi a una società di Mediazione Creditizia iscritta all'apposito Albo tenuto dalla Banca d'Italia. Compito del Mediatore Creditizio è quello di fondere gli interessi del cliente e delle Banche.

Il mediatore creditizio non può chiedere compensi in denaro al cedente. Tutto quello che offre il Mediatore, il cliente lo può trovare direttamente in Banca o presso la Società Finanziaria. La particolarità del prestito è che il rimborso avviene con trattenuta della rata direttamente in busta paga.

In questo modo il rischio di insolvenza volontaria del debitore è abbattuto. Da ciò deriva anche che è previsto il coinvolgimento del datore di lavoro nell'estinzione del finanziamento quale condizione fondamentale per l'erogazione del prestito. Il Datore di Lavoro è obbligato dunque ad accettare una richiesta da parte di un dipendente. La sottoscrizione del contratto lo vincola a due obblighi:

  • a trattenere la rata indicata nel contratto dalla busta paga del dipendente e a versarla alla Banca erogante il prestito. Questo obbligo persiste per tutta la durata del piano di ammortamento ma solo se c'è una busta paga su cui addebitare la rata.
  • in caso di dimissioni o licenziamento dovrà trattenere ogni somma maturata dal dipendente presso l'azienda e versare tale somma alla Banca erogante. Questa la utilizzerà per estinguere totalmente o parzialmente il debito residuo.

Spesso diverse persone si chiedono quale sia, in effetti, la differenza tra la cosiddetta cessione del quinto rispetto ad un comune prestito bancario personale. Una delle più importanti ed evidenti è che, con la prima, le singole rate da rimborsare all'ente finanziario creditore sono versate dal datore di lavoro del soggetto debitore oppure dall'ente previdenziale (nel caso la persona sia un pensionato); mentre nel caso del semplice prestito personale, il debito sarà rimborsato direttamente dal soggetto che ha ricevuto il finanziamento.
Inoltre, solitamente, i costi generali per un comune prestito o finanziamento personale risultano essere inferiori rispetto a quelli sostenuti per la richiesta della cessione del quinto. Ed è per tale ragione che molte persone richiedono quest'ultimo genere di finanziamento solo dopo non aver avuto accesso ad altre tipologie di prestito.

Estinzione anticipata del finanziamento

Questo genere di prestito può essere comunque estinto prima della sua naturale scadenza, a patto che la quota residua non superi i 10.000 Euro. Nel caso in cui, invece, si superasse tale limite, l'estinzione anticipata richiede il pagamento di una commissione equivalente all'1% della somma residua e dello 0,5% dell'ultimo anno del finanziamento. A fronte di tali oneri, tuttavia, il soggetto debitore può vedere riconosciuto il rimborso di alcune spese (pagate anticipatamente) e connesse al periodo susseguente all'estinzione del debito.

 

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Congedo di paternità: astensione obbligatoria e facoltativa

congedo di paternità

Dopo il sì del Parlamento Europeo al congedo di paternità dell’ottobre 2010 il Decreto Legislativo n119 del 18 Luglio 2011 riordina e ridefinisce i presupposti e le modalità con cui fare richiesta in merito a congedi, aspettative e permessi. Differenza sostanziale rispetto al passato è la possibilità del padre di ottenere il permesso anche nel caso in cui la madre non ne abbia diritto (essendo ad esempio disoccupata) mentre in passato era richiesto che la genitrice avesse un lavoro.

Ferie per paternità: quali sono i diritti dei neo-papà

ferie per paternità

E’ vero che si ha diritto a 3 giorni di paternità dal lavoro, pagati (che si aggiungono alle normali ferie)? Molti si interrogano su questo aspetto importante. C’è un po’ di confusione infatti sul fatto se effettivamente, dal giorno del parto e per i 2 giorni seguenti, si ha diritto a percepire un congedo dal lavoro pagato.

Governo Tecnico: quando entra in funzione?

La forma di governo del nostro Paese è di tipo parlamentare, cioè nella quale, in pratica, il Parlamento (eletto direttamente dai cittadini) rappresenta l'organo principale attraverso cui si elegge a sua volta un Governo ed un Presidente della Repubblica. Poi, per guidare il Paese, solitamente a seguito di elezioni politiche, i principali partiti vincitori si alleano per formare un governo. 

La Pratica Forense per la Professione di Avvocato è retribuita?

Con il termine avvocato si intende un professionista, laureato in materie giuridiche, che si occupa di rappresentare assistendo o difendendo una parte processuale.
Per esercitare la professione di avvocato, è necessario essere iscritti all'albo

Principio di Offensività: ecco come come agisce nel diritto?

Immagine per principio di offensività

Il Principio di Offensività rappresenta un qualcosa di molto interessante rispetto a quel che riguarda la concezione liberal-democratiaca del reato. Questo principio estromette la punibilità dei fatti per i quali non esiste un’effettiva lesione del bene giuridico protetto.

I più condivisi

Reddito dominicale: un approfondimento sul'argomento

immagine per reddito dominicale

Il reddito si può definire sinteticamente come l'entrata netta che un determinato soggetto realizza in un determinato periodo di tempo, ed espressa secondo l'unità di misura monetaria.

Redditi diversi: sai come comportarti per non infrangere la legge?

Immagine presente nell'articolo Redditi diversi: sai come comportarti per non infrangere la legge?

l reddito si può definire sinteticamente come l'entrata netta che un determinato soggetto realizza in un determinato periodo di tempo, ed espressa secondo l'unità di misura monetaria.

Come con carta Hype è possibile gestire le risorse dei minorenni

carta-hype.jpg

Con il passare del tempo sono sempre di più le persone, tra cui tantissimi minorenni, che decidono di affidarsi ai servizi offerti dalla cartaHYPE. Secondo delle recenti analisi di mercato, questo sarebbe molto utile al fine di infondereresponsabilità nei più giovani, che trovandosi ad essere titolari di un conto, riescono a gestire in maniera più coscienziosa i propri risparmi.

Leggi anche...

Commercialisti di Firenze: a chi rivolgersi?

La città di Firenze offre delle soluzioni variegate per quel che concerne la scelta del commercialisti. Date un’occhiata alla lista che proponiamo di seguito.

Leggi anche...

Patente a punti: sai davvero come funziona dopo la riforma?

immagine per Patente a punti

Con la riforma del sistema delle patenti in Italia, avvenuta nel 2003, il codice della strada ha stabilito che ogni titolare di patente o patentino CIG abbia in dotazione, al momento del conseguimento della patente a punti, un totale di 20 punti.

Go to Top