Il cosiddetto “codice di accisa” è composto da una sequenza alfanumerica composta sempre da tredici caratteri ed è attribuito dalla Agenzia delle Dogane a ciascuni dei suoi operatori abilitati, siano essi un Deposito Fiscale come un Destinatario o uno Speditore Autorizzato.

Significato della sequenza

All’interno del codice di accisa, ogni carattere assume un significato assolutamente specifico. Per chiarirci, andremo più nel profondo e analizzeremo la composizione di questa particolare sequenza: i primi due segni apposti indicano quale è lo Stato membro (dell’Unione Europea, chiaramente!) cui il codice stesso fa riferimento.

Si tratta sempre di lettere dell’alfabeto: per l’Italia si è adottata la sigla “IT”. I due caratteri successivi sono, sempre, due zeri (00) e vengono apposti semplicemente per consentire il raggiungimento dei tredici caratteri standardizzati. Il quinto e il sesto simbolo sono, nuovamente, lettere d’alfabeto: stavolta ci indicano il particolare deposito fiscale di riferimento mediante la sigla della Provincia in cui lo stesso è situato.

Anche il settimo segnale è una lettera; tuttavia questa volta serve a contrassegnare, tramite un ordinamento che ha di solito a che vedere con l’iniziale del prodotto interessato, il settore d’imposta nel quale quest’ultimo si trova. Per intenderci: le sostanze etiliche (o “bevande alcoliche”) adottano la lettera “A”; il Vino semplice la “V”; gli Oli Minerali la “O”. I penultimi cinque caratteri sono, invece, numerici e contraddistinguono lo specifico deposito fiscale, andando oltre, quindi, la semplice denominazione della Provincia in cui esso è ubicato. L’ultimo carattere, il tredicesimo, ha (banalmente) una funzione di controllo.

Differenze e novità europee sui codici

Come si poteva facilmente intuire, all’interno del codice di accisa la dicitura della Provincia corrisponde alla stessa sigla utilizzata per le targhe delle automobili. Certo, questa semplificazione è valida per la sola Italia, in quanto ogni Stato membro della UE ha adottato una differente metodologia nell’ambito dell’attribuzione del codegrafica.

Per esempio, certi Paesi assegnano un particolare codice al soggetto (cioè al depositario autorizzato) e un altro al deposito stesso.

Ma, a prescindere da tali differenze, tutti e venticinque gli Stati della UE hanno armonizzato il proprio codice di accisa standard portandolo ai tredici caratteri fissi alfanumerici. Prima del 2005, lo standard era pari a soli nove caratteri.

Codice accisa sulle bevande alcoliche

L’accisa è un’imposta indiretta, applicata alla produzione o al consumo di determinati prodotti come ad esempio i prodotti di tipo petroliferi, bevande alcoliche, tabacchi, ecc.
Riguardo alle bevande alcoliche:

  • con la Direttiva 92/83/CEE è stato istituito un sistema armonizzato delle accise che gravano sulle bevande alcoliche e sull’alcol contenuto in altri prodotti;
  • con la Direttiva 92/84/CEE è stato attuato il ravvicinamento delle aliquote delle accise sull’alcol, sulle bevande alcoliche, sui prodotti intermedi, sul vino, sulla birra, fissando percentuali minime di applicazione.

L’accisa ha diverse aliquote in base al tipo di bevanda alcolica che andremo ad esaminare, ed è importante anche, sottolineare che, le aliquote di seguito riportate, riguardano esclusivamente l’accisa italiana. Infatti, negli altri Paesi Europei, è possibile trovare delle aliquote differenti. Vediamo ora a quanto ammontano le aliquote per diverse bevande alcoliche:

Birra: € 2,35 per ettolitro e per grado-Plato.
Vino: zero.
Bevande fermentate diverse dal vino e dalla birra: zero.
Prodotti alcolici intermedi: € 68,51 per ettolitro.
Alcol etilico: € 800,01 per ettolitro anidro.

In Italia il codice ditta e il codice d’accisa coincidono. In altri Paesi UE come per esempio il Belgio, la Bulgaria, la Germania, la Grecia, Malta, l’ Olanda, la Polonia e il Regno Unito, gli operatori possiedono due codici: uno relativo alla licenza di esercizio e uno relativo al deposito fiscale.
Per deposito fiscale si intende l’impianto in cui vengono fabbricate, trasformate, detenute, ricevute o spedite merci sottoposte ad accisa, in regime di sospensione dei diritti di accisa, alle condizioni stabilite dall’amministrazione finanziaria.

Contrassegni fiscali

Alcuni prodotti che sono sottoposti ad accisa e che sono destinati ad essere immessi in consumo nel territorio nazionale, devono essere muniti di contrassegni fiscali. I prodotti da assoggettare al contrassegno fiscale, le caratteristiche ed il prezzo dei contrassegni sono stabiliti con decreto del Ministero delle Finanze.



Potrebbe interessarti

Promessi sposi: una guida su cosa tenere bene a mente per non sbagliare

 matrimonip

Sposarsi è, per molti, il sogno di una vita. Il desiderio di trascorrere il resto dei propri giorni con la persona che si ama è molto poetico, ma per renderlo effettivo bisogna rimanere coi piedi per terra e documentarsi scrupolosamente su tutte le pratiche necessarie per sposarsi. Infatti, se si perde di vista una scadenza si rischia di non poter coronare il proprio sogno nei tempi desiderati e di dover posticipare anche di alcuni mesi.

Commissione UE: metodologia di giudizio della legge di bilancio

Commissione UE

Ogni anno, il Governo approva la Legge di Bilancio con le previsioni di spesa per l’attuazione di una serie di misure intese a favorire lo sviluppo economico del Paese. In quanto Stato Membro dell’UE, l’Italia – come tutti gli altri paese membri – è tenuta a presentare la bozza della Legge di Bilancio in sede di Commissione UE ai fini di un’approvazione, in quanto un bilancio troppo discostato dalle linee guida europee potrebbe rappresentare un potenziale rischio di instabilità per tutta l’Area Euro.

Decreto anti coronavirus: ecco i punti della manovra a sostegno dell’Italia

decreto anti corona virus

Il 16 marzo 2020 è stato approvato dalla Presidenza del Consiglio un maxi-decreto con misure urgenti economiche a sostegno delle imprese e delle famiglie nella lotta al corona-virus. Il decreto “Cura Italia” – così come è stato definito – contiene 122 articoli che toccano tutti i principali ambiti dell’economia e del welfare con uno stanziamento di 25 miliardi di euro che si auspica facciano leva sulle attività economiche e sulle famiglie comportando una mobilitazione pari a 350 miliardi in rapporto al PIL nazionale.

Governo Tecnico: quando entra in funzione?

La forma di governo del nostro Paese è di tipo parlamentare, cioè nella quale, in pratica, il Parlamento (eletto direttamente dai cittadini) rappresenta l'organo principale attraverso cui si elegge a sua volta un Governo ed un Presidente della Repubblica. Poi, per guidare il Paese, solitamente a seguito di elezioni politiche, i principali partiti vincitori si alleano per formare un governo. 

Quando è obbligatorio contattare un avvocato

198Avvocati online

Le situazioni in cui la presenza di un avvocato può risultare preziosa sono molteplici. Ci sono però situazioni in cui avere a disposizione un rappresentante legale abilitato è obbligatoria per legge. In altri casi invece si può decidere se contattare questo professionista, o se invece non avvalersi del suo aiuto e consiglio. In linea generale avere a disposizione il consiglio di un avvocato è sempre utile, in qualsiasi situazione in cui si ha uno sconto, o un incontro, con le leggi considerate in senso lato.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

8 per mille: elenco dei beneficiari e criteri di inclusione

8 per mille: elenco

Al momento della dichiarazione dei redditi, esistono due voci di cui si sente molto parlare e che fanno assai discutere: si tratta della destinazione dell'8 per mille e del cinque per mille. Vediamo nel dettaglio la prima di queste due destinazioni.

Cos'è lo Spread? Vediamo tutte le variabili

In materia di diritto e soprattutto di diritto commerciale, è necessario conoscere a fondo determinate dinamiche e indici utili a regolare l'andamento economico stesso personale o di una intera Nazione. Cos'è lo Spread, e conoscere argomenti come Bot, Euribor, Irs ecc. è importante: questi concetti vanno dunque compresi anche e soprattutto per evitare passi falsi e investimenti che potrebbero rivelarsi rovinosi.

AltroConsumo Finanza: scopri che cos'è con un approfondimento sul caso

immagine per AltroConsumo Finanza

Il servizio di consulenza che viene messo a disposizione da AltroConsumo Finanza consente a chiunque ne usufruisca di investire in condizioni di massima sicurezza e senza rischi.

Leggi anche...

Il Calcolo delle ferie: come farlo?

Non solo d’estate. Il calcolo delle ferie è un’attività che coinvolge il lavoratore un po’ tutto l’anno. Immagini di vacanze e di riposo affollano infatti la mente del lavoratore in tutto l’arco dei dodici mesi. E poi, in questo periodo di vacanze alternate e senza barriere geografiche, è bene essere sempre aggiornati sul proprio calcolo ferie.

Leggi anche...

Come e quando avviene l’Arresto in flagranza

Lo stato di flagranza di reato è disciplinato dall'art. 382 del codice di procedura penale. Si verifica lo stato di flagranza quando:

  • colui che compie il reato viene colto sul fatto dalla polizia giudiziaria oppure da chi ha subito il reato
  • colui che è colto sul fatto viene inseguito dalla Polizia Giudiziaria
  • la persona che viene trovata in possesso di cose o tracce dalle quali si presenti in maniera evidente che abbia commesso il reato poco prima
Go to Top