Il cosiddetto “codice di accisa” è composto da una sequenza alfanumerica composta sempre da tredici caratteri ed è attribuito dalla Agenzia delle Dogane a ciascuni dei suoi operatori abilitati, siano essi un Deposito Fiscale come un Destinatario o uno Speditore Autorizzato.

Significato della sequenza

All’interno del codice di accisa, ogni carattere assume un significato assolutamente specifico. Per chiarirci, andremo più nel profondo e analizzeremo la composizione di questa particolare sequenza: i primi due segni apposti indicano quale è lo Stato membro (dell’Unione Europea, chiaramente!) cui il codice stesso fa riferimento.

Si tratta sempre di lettere dell’alfabeto: per l’Italia si è adottata la sigla “IT”. I due caratteri successivi sono, sempre, due zeri (00) e vengono apposti semplicemente per consentire il raggiungimento dei tredici caratteri standardizzati. Il quinto e il sesto simbolo sono, nuovamente, lettere d’alfabeto: stavolta ci indicano il particolare deposito fiscale di riferimento mediante la sigla della Provincia in cui lo stesso è situato.

Anche il settimo segnale è una lettera; tuttavia questa volta serve a contrassegnare, tramite un ordinamento che ha di solito a che vedere con l’iniziale del prodotto interessato, il settore d’imposta nel quale quest’ultimo si trova. Per intenderci: le sostanze etiliche (o “bevande alcoliche”) adottano la lettera “A”; il Vino semplice la “V”; gli Oli Minerali la “O”. I penultimi cinque caratteri sono, invece, numerici e contraddistinguono lo specifico deposito fiscale, andando oltre, quindi, la semplice denominazione della Provincia in cui esso è ubicato. L’ultimo carattere, il tredicesimo, ha (banalmente) una funzione di controllo.

Differenze e novità europee sui codici

Come si poteva facilmente intuire, all’interno del codice di accisa la dicitura della Provincia corrisponde alla stessa sigla utilizzata per le targhe delle automobili. Certo, questa semplificazione è valida per la sola Italia, in quanto ogni Stato membro della UE ha adottato una differente metodologia nell’ambito dell’attribuzione del codegrafica.

Per esempio, certi Paesi assegnano un particolare codice al soggetto (cioè al depositario autorizzato) e un altro al deposito stesso.

Ma, a prescindere da tali differenze, tutti e venticinque gli Stati della UE hanno armonizzato il proprio codice di accisa standard portandolo ai tredici caratteri fissi alfanumerici. Prima del 2005, lo standard era pari a soli nove caratteri.

Codice accisa sulle bevande alcoliche

L’accisa è un’imposta indiretta, applicata alla produzione o al consumo di determinati prodotti come ad esempio i prodotti di tipo petroliferi, bevande alcoliche, tabacchi, ecc.
Riguardo alle bevande alcoliche:

  • con la Direttiva 92/83/CEE è stato istituito un sistema armonizzato delle accise che gravano sulle bevande alcoliche e sull’alcol contenuto in altri prodotti;
  • con la Direttiva 92/84/CEE è stato attuato il ravvicinamento delle aliquote delle accise sull’alcol, sulle bevande alcoliche, sui prodotti intermedi, sul vino, sulla birra, fissando percentuali minime di applicazione.

L’accisa ha diverse aliquote in base al tipo di bevanda alcolica che andremo ad esaminare, ed è importante anche, sottolineare che, le aliquote di seguito riportate, riguardano esclusivamente l’accisa italiana. Infatti, negli altri Paesi Europei, è possibile trovare delle aliquote differenti. Vediamo ora a quanto ammontano le aliquote per diverse bevande alcoliche:

Birra: € 2,35 per ettolitro e per grado-Plato.
Vino: zero.
Bevande fermentate diverse dal vino e dalla birra: zero.
Prodotti alcolici intermedi: € 68,51 per ettolitro.
Alcol etilico: € 800,01 per ettolitro anidro.

In Italia il codice ditta e il codice d’accisa coincidono. In altri Paesi UE come per esempio il Belgio, la Bulgaria, la Germania, la Grecia, Malta, l’ Olanda, la Polonia e il Regno Unito, gli operatori possiedono due codici: uno relativo alla licenza di esercizio e uno relativo al deposito fiscale.
Per deposito fiscale si intende l’impianto in cui vengono fabbricate, trasformate, detenute, ricevute o spedite merci sottoposte ad accisa, in regime di sospensione dei diritti di accisa, alle condizioni stabilite dall’amministrazione finanziaria.

Contrassegni fiscali

Alcuni prodotti che sono sottoposti ad accisa e che sono destinati ad essere immessi in consumo nel territorio nazionale, devono essere muniti di contrassegni fiscali. I prodotti da assoggettare al contrassegno fiscale, le caratteristiche ed il prezzo dei contrassegni sono stabiliti con decreto del Ministero delle Finanze.





Potrebbe interessarti

Domanda di rinnovo del passaporto: come e dove

In un momento storico in cui viaggiare all’estero è diventato pratica comune per motivi lavorativi e di piacere, avere un passaporto valido è lo strumento essenziale per raggiungere quelle nazioni al di fuori dell’Unione Europea che lo riconoscano, senza bisogno di richiedere un visto per arrivare a destinazione.

Leggi tutto...

Privacy Twitter: ecco come funziona davvero

Uno degli ultimi nati fra i servizi di social network è Twitter, noto anche come il microblogging più diffuso e veloce del mondo. Twitter infatti offre agli utenti una pagina personale aggiornabile con brevi messaggi di testo della lunghezza massima di 140 caratteri.

Leggi tutto...

Pubblico ministero: come diventare PM

Il rispetto della legge è uno dei principali doveri di una società e di una Nazione, che intende vivere tranquillamente e vuole distinguersi dalle altre, favorendo dei meccanismi di civiltà e di serenità per i cittadini che la abitano.

Leggi tutto...

Denunciare la Malasanità all'URP (Ufficio Relazioni con il Pubblico)

Con malasanità si intende in generale un episodio in cui si verifica una carenza della prestazione dei servizi professionali rispetto alle loro capacità che causa un danno al soggetto beneficiario della prestazione.

Leggi tutto...

Il diritto finanziario: di cosa si tratta?

Per diritto finanziario si intende la disciplina giuridica che studia e regola tutta quella serie di attività necessarie a trovare le risorse utilizzabili nella soddisfazione del bisogno pubblico.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Cos'è la cambiale: un approfondimento

Tutti noi ci siamo sicuramente messi nei panni disperati del povero Paperino, costretto dal suo miliardario zio a firmare al termine di ogni storia una tonnellata di cambiali.

Leggi tutto...

Accisa benzina: tutti i rincari del carburante

Il 2012 e il primo trimestre del 2013 hanno registrato ulteriori nuovi aumenti sul prezzo del carburante, per far fronte agli obblighi del Patto di Stabilità e sanare i conti danneggiati dalla crisi finanziaria internazionale.

Leggi tutto...

Il Calcolo ISEE on line: come effettuarlo?

ISEE è una sigla che sta per Indicatore Situazione Economica Equivalente. Tale indicatore è uno strumento necessario ad individuare la condizione economica di una famigliaCalcolare l'ISEE online è importante nel momento in cui una famiglia vuole richiedere delle prestazioni agevolate, ed è un indicatore necessario in tutta una serie di interventi che hanno a che fare con la Famiglia e codice civile

Leggi tutto...

Quando la difesa costa: la figura dell’avvocato e i relativi compensi

Almeno una volta nella vita abbiamo avuto a che fare in modo diretto o in modo indiretto con la figura di un avvocato: che sia stato per un qualcosa che ci riguardava in prima persona o per un qualcosa che riguardava una persona a noi cara siamo stati messi difronte alla ‘spiacevole’ situazione di dover pagare (giustamente) una prestazione lavorativa che è stata offerta.

Leggi tutto...

Rendita catastale IMU: cosa bisogna sapere?

Cosa si intende per rendita catastale come base imponibile per l'IMU? Si tratta in pratica di un valore a cui andiamo ad applicare una aliquota, in modo da calcolare il valore effettivo delle imposte da pagare. Nel caso di imposte dirette, la base imponibile va ad essere calcolata per una sua applicazione al reddito delle deduzioni e riduzioni fiscale.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Consulenti del Lavoro a Bologna: a chi rivolgersi?

Di seguito riportiamo una serie di consigli utili alla gestione dei contatti con alcuni degli studi di consulenti del lavoro di Bologna. Possono iscriversi al registro dei praticanti (come consulente del lavoro) solo coloro in possesso di laurea triennale o specialistica conseguita in Giurisprudenza, Economia e Scienze Politiche. Altre lauree triennali non consentono l'iscrizione al registro dei praticanti.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Contestare una multa: ecco come fare

Per poter contestare una multa è possibile rivolgersi presso due autorità prestabilite: il prefetto oppure il giudice di pace.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Reato di Frode: la prescrizione per l'evasione fiscale

Il reddito proveniente dal lavoro del singolo contribuente e cittadino è soggetto a partire dagli anni '30 alla tassazione, ovvero ad una trattenuta da parte dello stato per contribuire a tutta una serie di servizi pubblici.

Leggi tutto...
Go to Top