Il trattamento di fine rapporto consiste in una parziale retribuzione del lavoratore subordinato, effettuata dal datore di lavoro e differita alla cessazione del rapporto di lavoro. Al 31 dicembre di ogni anno entra in gioco il calcolo del coefficiente rivalutazione TFR. Bisogna infatti in quella data rivalutare la somma complessivamente accantonata al 31 dicembre dell'anno precedente.

Normativa legata al trattamento

Il calcolo del coefficiente rivalutazione TFR è previsto dal codice civile, al comma 4 articolo 2120 ed è calcolato mediante un meccanismo di indicizzazione a base composta. Le due componenti del calcolo sono un tasso a misura fissa dell'1,5% ed uno a misura variabile, che corrisponde al 75% dell'aumento dell'indice dei prezzi al consumo, per le famiglie dei lavoratori dipendenti, secondo quanto previsto dall'ISTAT.

Cos’è l’ISTAT

L’ISTAT, che sta per Istituto Nazionale di Statistica, è un ente pubblico che gestisce le rivelazioni e le indagini statistiche in molti settori. Questo ente, nacque nel lontano 1926. Inizialmente il suo nome era Istituto Centrale di Statistica e serviva per raccogliere, organizzare e gestire le informazioni nazionali.

Dopo un decreto legislativo del 6 Settembre 1989, nascerà il SISTAN, ossia il Sistema Statistico Nazionale, che fu un ente che accolse con sè, tantissimi enti pubblici. Proprio nel 1989, l’Istituto Centrale di Statistica, prese il nome di ISTAT che detiene tuttora, subendo molte variazioni riguardo i compiti, le attività e l’organizzazione dell’istituto.

Questo istituto è diventato sempre più importante e con la sua sede a Roma, ha un’estensione capillare che arriva in ogni parte del territorio nazionale italiano. I ruoli svolti dall’ISTAT sono davvero molti. L’istituto li svolge a livello nazionale e tra le statistiche di cui si occupano, ci sono censimenti della popolazione, indagini sul campionamento delle famiglie, quindi lo stile di vita, il lavoro, la salute, il tempo libero e molte altre cose che fanno parte di una normale famiglia, le indagini economiche di tutta la nazione, quindi l’andamento del mercato, la crisi economica e tante altre statistiche di fondamentale importanza.

Regolarmente e costantemente, vengono raccolti dei dati che rappresentano un patrimonio conoscitivo molto ricco per categorie di persone, molti settori e per ordini professionali diversi tra loro. Ogni dato che viene raccolto è pubblico e può essere raccolto e pubblicizzato attraverso banche dati, tavole di dati, comunicati stampa, pubblicazioni scientifiche e cataloghi. I dati possono essere consultati presso la biblioteca dell’istituto per quanto riguarda i dati raccolti prima dell’anno 2000, mentre per quelli raccolti successivamente all’anno 2000, possono essere consultati online.

L’unica differenza, oltre all’anno delle statistiche, è che i dati consultabili online, sono gratuiti e di libero accesso a tutti, mentre i dati che vengono personalizzati su richiesta o i dati richiesti su supporti informatici non lo sono. Ogni dato che viene raccolto dall’ISTAT è nel rispetto della privacy e sono costantemente posti a valutazione e calcolo statistico.

Indici dell'erogazione dei TFR (valido anche per le colf, badanti e domestici)

Se un dipendente viene liquidato o dimesso, l'erogazione viene calcolata in corso d'anno, ed il coefficiente di rivalutazione viene considerato relativo al mese precedente se tale liquidazione precede il 14 del mese, o al mese successivo se la liquidazione è successiva al 14 del mese.

Ogni nuovo anno la rivalutazione monetaria collegata non prende in considerazione le quote maturate nell'ultimo anno, per cui gli effetti inflazionistici di quest'ultimo entrano in gioco a partire dall'anno successivo alla maturazione.

Cos'è il trattamento di fine rapporto? Si gestisce su base annuale? C'è qualcuno che ne è esente? 

Il TFR o trattamento di fine rapporto è ciò che identifica nel contratto di lavoro la cosiddetta liquidazione e determina ciò che è stabilito nel Codice civile in merito al diritto di percepire ai lavoratori subordinati il pagamento di una somma calcolata in base a parametri standard. In genere equivale a una quota pari e comunque non superiore all'importo della retribuzione dovuta per l'anno stesso divisa per 13,5. La quota è proporzionalmente ridotta per le frazioni di anno, computandosi come mese intero le frazioni di mese uguali o superiori a 15 giorni.

Si tratta di una esigenza dovuta al lavoratore, in caso di licenziamento o dimissioni, in quanto si tratta di un compenso necessario per superare le difficoltà economiche conseguenti alla cessazione del rapporto di lavoro.vIn caso di fallimento dell'azienda presso cui lavora, al soggetto è comunque garantito il TFR grazie all'intervento da parte dell'INPS.

In generale, la disciplina prevede tre punti: la garanzia del trattamento di fine rapporto, la rivalutazione del trattamento fine rapporto e l'anticipazione del trattamento fine rapporto.

Con la riforma avvenuta nel novembre 2005, in seguito alla legge di Riforma della Previdenza complementare, è stata regolata la destinazione di questo emolumento ai fondi pensioni complementari attraverso l'introduzione del tacito assenso. A partire dal 2007, ogni lavoratore dipendente può dunque scegliere a chi destinarlo, ovvero se mantenerlo nella forma attuale oppure destinarlo alla costruzione di una pensione integrativa attraverso i fondi pensione.





Potrebbe interessarti

Perché stipulare una polizza vita

La vita è come una scatola di cioccolatini: non si sa mai cosa ci può riservare. Per questo una polizza sulla vita può essere davvero conveniente, specialmente se consideriamo che, in caso di bisogno, essa può diventare un validissimo aiuto finanziario, sia come fondo per i familiari, sia come rendita aggiuntiva una volta in pensione.

Leggi tutto...

Come è regolata la legge sul Daspo? Vediamolo insiem

Negli ultimi anni il Daspo è una misura restrittiva che balza sovente agli onori della cronaca, sia per quanto riguarda le manifestazioni sportive che, negli ultimi giorni, per quanto concerte il diritto di manifestazione tout court. Con il termine si intende il Divieto di accedere alle manifestazioni sportive.

Leggi tutto...

Il Diritto di Credito: tutte le informazioni!

Il Diritto di Credito rappresenta la modulistica che ruota attorno al rapporto di scambio tra due parti, che può concretizzarsi nel trasferimento di potere d’acquisto o di disponibilità contro il pagamento di un interesse. Il credito è dunque lo strumento essenziale per il trasferimento di risorse da chi le detiene a chi non ne ha (ma può impiegarle ottenendo un utile superiore all’interesse pagato). Il cedente diventa così creditore, mentre il cessionario debitore.

Leggi tutto...

Carta dei diritti dei bambini: storia e informazioni!

Il tema dei diritti dei bambini è oggetto di enorme attenzione da parte di buona parte delle società del nostro tempo: sono soprattutto i più piccoli che lo stato deve proteggere dai rischi della vita e dagli adulti che, in molti casi abusano di loro.

Leggi tutto...

Magistratura italiana: ecco alcune delle sue funzioni

In Italia, la magistratura è un organo costituzionale con funzioni giurisdizionali, che opera in maniera autonoma e indipendente dagli altri poteri.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Cambiale ipotecaria e titoli di credito

Non sono particolarmente diffusi, tuttavia potrebbe capitare ad ognuno di avere a che fare con una cosiddetta cambiale ipotecaria oppure degli eventuali titoli di credito. Cosa sono e soprattutto in quali situazioni potremmo trovarceli di fronte? Cerchiamo di approfondire meglio la questione.

Leggi tutto...

Le imposte indirette nel diritto tributario

Nell'ambito del diritto tributario italiano, esiste una distinzione principale per quanto riguarda le imposte. Infatti, si parla di norma di due tipi di imposte: le imposte dirette e le imposte indirette.

Leggi tutto...

Il calcolo della quattordicesima mensilità

La quattordicesima mensilità è un istituto di origine non legale (ha natura contrattuale). La disciplina della quattordicesima fa riferimento alla determinazione delle parti sociali. Abbiamo dunque pensato possa essere utile determinare quali siano gli aspetti più importanti della quattordicesima, rimandandovi eventualmente ai concetti generali sul diritto finanziario. 

Leggi tutto...

Imposta IRES: cos'è e come si calcola

Nell'ambito delle imposte cui è soggetto il cittadino italiano, è bene essere a conoscenza di tutte quelle che gravano ogni anno sul reddito del contribuente. Fra le imposte dirette, ovvero quelle che gravano in maniera diretta sulla ricchezza del contribuente, troviamo le seguenti: IRPEFIRESIRAPICI, imposta sostitutiva su interessi e proventi da obbligazioni.

Leggi tutto...

Società in accomandita per azioni

All'interno della descrizione giuridica delle società, espressa nel codice civile, viene denominata Società per azioni (S.p.A.) un'impresa di capitali nella quale le quote di partecipazione dei vari soci vengono determinate ed espresse in azioni.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Il versamento dei contributi

Come abbiamo visto, nell'ambito dei tributi che il cittadino (denominato contribuente) deve versare allo Stato o a altro ente pubblico, troviamo la tassa, l'imposta e il contributo. Vediamo ora cosa si intende e perchè bisogna versare i contributi

Leggi tutto...

Leggi anche...

Cartella esattoriale Equitalia: scopri come fare per la cancellazione dell'ipoteca!

Aprendo la cassetta della posta, possiamo rischiare l'infarto trovandoci di fronte una cartella esattoriale Equitalia. Riprendiamo il fiato, perchè a quanto pare, una cartella inviata per posta può considerarsi tranquillamente nulla: infatti la Sent. CTP di Milano, 75/26/11 della Commissione Tributaria Provinciale di Milano ha stabilito la nullità di una cartella Equitalia inviata per posta raccomandata, in quanto tali atti devono essere notificati da figure giuridicamente preposte a tale incarico.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Protesto cambiale: come comportarsi?

Succede (è sempre successo e continuerà a succedere sempre, specie di questi tempi) di sentire storie in cui si parla di cambiali e di mancati pagamenti. Ma cosa succede veramente quando non si è in grado di pagare una cambiale?

Leggi tutto...
Go to Top