Oggi parliamo in maniera dettagliata del Coefficiente di rivalutazione del TFR. Spiegheremo di cosa si tratta e come calcolarlo. Il trattamento di fine rapporto consiste in una parziale retribuzione del lavoratore subordinato, effettuata dal datore di lavoro e differita alla cessazione del rapporto di lavoro. Al 31 dicembre di ogni anno entra in gioco il calcolo del coefficiente rivalutazione TFR. Bisogna infatti in quella data rivalutare la somma complessivamente accantonata al 31 dicembre dell'anno precedente.

Normativa legata al trattamento

Il calcolo del coefficiente rivalutazione TFR è previsto dal codice civile, al comma 4 articolo 2120 ed è calcolato mediante un meccanismo di indicizzazione a base composta. Le due componenti del calcolo sono un tasso a misura fissa dell'1,5% ed uno a misura variabile, che corrisponde al 75% dell'aumento dell'indice dei prezzi al consumo, per le famiglie dei lavoratori dipendenti, secondo quanto previsto dall'ISTAT.

Cos’è l’ISTAT

Immagine usata nell'articolo Coefficiente di rivalutazione del TFR: a cosa serve esattamente?

L’ISTAT, che sta per Istituto Nazionale di Statistica, è un ente pubblico che gestisce le rivelazioni e le indagini statistiche in molti settori. Questo ente, nacque nel lontano 1926. Inizialmente il suo nome era Istituto Centrale di Statistica e serviva per raccogliere, organizzare e gestire le informazioni nazionali.

Dopo un decreto legislativo del 6 Settembre 1989, nascerà il SISTAN, ossia il Sistema Statistico Nazionale, che fu un ente che accolse con sè, tantissimi enti pubblici. Proprio nel 1989, l’Istituto Centrale di Statistica, prese il nome di ISTAT che detiene tuttora, subendo molte variazioni riguardo i compiti, le attività e l’organizzazione dell’istituto.

Questo istituto è diventato sempre più importante e con la sua sede a Roma, ha un’estensione capillare che arriva in ogni parte del territorio nazionale italiano. I ruoli svolti dall’ISTAT sono davvero molti. L’istituto li svolge a livello nazionale e tra le statistiche di cui si occupano, ci sono censimenti della popolazione, indagini sul campionamento delle famiglie, quindi lo stile di vita, il lavoro, la salute, il tempo libero e molte altre cose che fanno parte di una normale famiglia, le indagini economiche di tutta la nazione, quindi l’andamento del mercato, la crisi economica e tante altre statistiche di fondamentale importanza.

Regolarmente e costantemente, vengono raccolti dei dati che rappresentano un patrimonio conoscitivo molto ricco per categorie di persone, molti settori e per ordini professionali diversi tra loro. Ogni dato che viene raccolto è pubblico e può essere raccolto e pubblicizzato attraverso banche dati, tavole di dati, comunicati stampa, pubblicazioni scientifiche e cataloghi. I dati possono essere consultati presso la biblioteca dell’istituto per quanto riguarda i dati raccolti prima dell’anno 2000, mentre per quelli raccolti successivamente all’anno 2000, possono essere consultati online.

L’unica differenza, oltre all’anno delle statistiche, è che i dati consultabili online, sono gratuiti e di libero accesso a tutti, mentre i dati che vengono personalizzati su richiesta o i dati richiesti su supporti informatici non lo sono. Ogni dato che viene raccolto dall’ISTAT è nel rispetto della privacy e sono costantemente posti a valutazione e calcolo statistico.

Indici dell'erogazione dei TFR (valido anche per le colf, badanti e domestici)

Se un dipendente viene liquidato o dimesso, l'erogazione viene calcolata in corso d'anno, ed il coefficiente di rivalutazione viene considerato relativo al mese precedente se tale liquidazione precede il 14 del mese, o al mese successivo se la liquidazione è successiva al 14 del mese.

Ogni nuovo anno la rivalutazione monetaria collegata non prende in considerazione le quote maturate nell'ultimo anno, per cui gli effetti inflazionistici di quest'ultimo entrano in gioco a partire dall'anno successivo alla maturazione.

Cos'è il trattamento di fine rapporto? Si gestisce su base annuale? C'è qualcuno che ne è esente? 

Il TFR o trattamento di fine rapporto è ciò che identifica nel contratto di lavoro la cosiddetta liquidazione e determina ciò che è stabilito nel Codice civile in merito al diritto di percepire ai lavoratori subordinati il pagamento di una somma calcolata in base a parametri standard. In genere equivale a una quota pari e comunque non superiore all'importo della retribuzione dovuta per l'anno stesso divisa per 13,5. La quota è proporzionalmente ridotta per le frazioni di anno, computandosi come mese intero le frazioni di mese uguali o superiori a 15 giorni.

Si tratta di una esigenza dovuta al lavoratore, in caso di licenziamento o dimissioni, in quanto si tratta di un compenso necessario per superare le difficoltà economiche conseguenti alla cessazione del rapporto di lavoro.vIn caso di fallimento dell'azienda presso cui lavora, al soggetto è comunque garantito il TFR grazie all'intervento da parte dell'INPS.

In generale, la disciplina prevede tre punti: la garanzia del trattamento di fine rapporto, la rivalutazione del trattamento fine rapporto e l'anticipazione del trattamento fine rapporto.

Con la riforma avvenuta nel novembre 2005, in seguito alla legge di Riforma della Previdenza complementare, è stata regolata la destinazione di questo emolumento ai fondi pensioni complementari attraverso l'introduzione del tacito assenso. A partire dal 2007, ogni lavoratore dipendente può dunque scegliere a chi destinarlo, ovvero se mantenerlo nella forma attuale oppure destinarlo alla costruzione di una pensione integrativa attraverso i fondi pensione.



Potrebbe interessarti

Codice civile italiano: ecco tutte le indicazioni per comprenderlo

Codice civile italiano

Il diritto di famiglia è un argomento molto presente nel codice civile italiano. Il codice civile italiano infatti rivolge alla famiglia il primo libro, dal titolo "Delle persone e della famiglia".

Decreto anti coronavirus: ecco i punti della manovra a sostegno dell’Italia

decreto anti corona virus

Il 16 marzo 2020 è stato approvato dalla Presidenza del Consiglio un maxi-decreto con misure urgenti economiche a sostegno delle imprese e delle famiglie nella lotta al corona-virus. Il decreto “Cura Italia” – così come è stato definito – contiene 122 articoli che toccano tutti i principali ambiti dell’economia e del welfare con uno stanziamento di 25 miliardi di euro che si auspica facciano leva sulle attività economiche e sulle famiglie comportando una mobilitazione pari a 350 miliardi in rapporto al PIL nazionale.

Legge sul Daspo? Vediamo insieme com'è regolata

Negli ultimi anni il Daspo è una misura restrittiva che balza sovente agli onori della cronaca, sia per quanto riguarda le manifestazioni sportive che, negli ultimi giorni, per quanto concerte il diritto di manifestazione tout court. Con il termine si intende il Divieto di accedere alle manifestazioni sportive.

Modulo per la disdetta di Mediaset Premium: annullare l'abbonamento

immagine per modulo disdetta mediaset premium

Molte sono oggi le persone che si interessano al mondo dell’intrattenimento telematico e si fanno intestatarie di un abbonamento a Mediaset Premium, uno dei più grandi servizi di intrattenimento TV maggiormente gettonati ad oggi, Mediaset Premium offre una vasta scelta di servizi, da sempre propone il meglio del calcio, i film più recenti e più acclamati, serie tv seguite in tutto il mondo e ancora tanto intrattenimento per bambini con tantissimi cartoni animati e documentari sugli animali e sulla natura. A volte, però, tocca anche compilare un modulo per la disdetta di Mediaset Premium.

Polizza vita: i motivi più validi per cui stipularla subito

Polizza vita

La vita è come una scatola di cioccolatini: non si sa mai cosa ci può riservare. Per questo una polizza vita può essere davvero conveniente, specialmente se consideriamo che, in caso di bisogno, essa può diventare un validissimo aiuto finanziario, sia come fondo per i familiari, sia come rendita aggiuntiva una volta in pensione.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Come con carta Hype è possibile gestire le risorse dei minorenni

carta-hype.jpg

Con il passare del tempo sono sempre di più le persone, tra cui tantissimi minorenni, che decidono di affidarsi ai servizi offerti dalla carta HYPE. Secondo delle recenti analisi di mercato, questo sarebbe molto utile al fine di infondereresponsabilità nei più giovani, che trovandosi ad essere titolari di un conto, riescono a gestire in maniera più coscienziosa i propri risparmi.

Società in nome collettivo: ecco le caratteristiche

La società in nome collettivo, detta anche S.n.c. è un tipo di impresa rientra nell'ambito delle società di persone ed è disciplinata dagli articoli 2291-2312 del codice civile; la caratteristica principale è che tutti i soci rispondono in maniera solidale e illimitata in merito ai debiti corrisposti dalla stessa.

La mediazione commerciale: di cosa si tratta?

Il diritto commerciale è un ramo del diritto privato che regola le attività imprenditoriali; è anche definito come diritto privato delle imprese. Il diritto commerciale è una materia molto vasta e articolata; questa guida vi aiuterà a saperne di più.

Leggi anche...

Mobilità e Licenziamento nel diritto dei lavoratori: per saperne di più

Con il termine mobilità si indica il licenziamento collettivo (il datore di lavoro può adottare questo tipo di provvedimento in presenza di condizioni previste dalla legge 223/91). Le imprese possono reclamare la mobilità per le seguenti cause: riduzione di personale, trasformazione di attività o fallimento (in questo caso le imprese devono comunque avere più di 15 dipendenti).

Leggi anche...

Punti patente per semaforo rosso: tutti i casi spiegati con calma

Decurtazione dei punti della patente

A partire dal 2003, in Italia è stata introdotta la norma che prevede l'assegnazione di punti al momento del conseguimento della patente. Ogni volta che si commette un illecito particolare, è prevista la decurtazione di punti, fino ad arrivare a 0 punti e conseguenti provvedimenti disciplinari nei confronti del guidatore.

Go to Top