Oggi parliamo in maniera dettagliata del Coefficiente di rivalutazione del TFR. Spiegheremo di cosa si tratta e come calcolarlo. Il trattamento di fine rapporto consiste in una parziale retribuzione del lavoratore subordinato, effettuata dal datore di lavoro e differita alla cessazione del rapporto di lavoro. Al 31 dicembre di ogni anno entra in gioco il calcolo del coefficiente rivalutazione TFR. Bisogna infatti in quella data rivalutare la somma complessivamente accantonata al 31 dicembre dell'anno precedente.

Normativa legata al trattamento

Il calcolo del coefficiente rivalutazione TFR è previsto dal codice civile, al comma 4 articolo 2120 ed è calcolato mediante un meccanismo di indicizzazione a base composta. Le due componenti del calcolo sono un tasso a misura fissa dell'1,5% ed uno a misura variabile, che corrisponde al 75% dell'aumento dell'indice dei prezzi al consumo, per le famiglie dei lavoratori dipendenti, secondo quanto previsto dall'ISTAT.

Cos’è l’ISTAT

Immagine usata nell'articolo Coefficiente di rivalutazione del TFR: a cosa serve esattamente?

L’ISTAT, che sta per Istituto Nazionale di Statistica, è un ente pubblico che gestisce le rivelazioni e le indagini statistiche in molti settori. Questo ente, nacque nel lontano 1926. Inizialmente il suo nome era Istituto Centrale di Statistica e serviva per raccogliere, organizzare e gestire le informazioni nazionali.

Dopo un decreto legislativo del 6 Settembre 1989, nascerà il SISTAN, ossia il Sistema Statistico Nazionale, che fu un ente che accolse con sè, tantissimi enti pubblici. Proprio nel 1989, l’Istituto Centrale di Statistica, prese il nome di ISTAT che detiene tuttora, subendo molte variazioni riguardo i compiti, le attività e l’organizzazione dell’istituto.

Questo istituto è diventato sempre più importante e con la sua sede a Roma, ha un’estensione capillare che arriva in ogni parte del territorio nazionale italiano. I ruoli svolti dall’ISTAT sono davvero molti. L’istituto li svolge a livello nazionale e tra le statistiche di cui si occupano, ci sono censimenti della popolazione, indagini sul campionamento delle famiglie, quindi lo stile di vita, il lavoro, la salute, il tempo libero e molte altre cose che fanno parte di una normale famiglia, le indagini economiche di tutta la nazione, quindi l’andamento del mercato, la crisi economica e tante altre statistiche di fondamentale importanza.

Regolarmente e costantemente, vengono raccolti dei dati che rappresentano un patrimonio conoscitivo molto ricco per categorie di persone, molti settori e per ordini professionali diversi tra loro. Ogni dato che viene raccolto è pubblico e può essere raccolto e pubblicizzato attraverso banche dati, tavole di dati, comunicati stampa, pubblicazioni scientifiche e cataloghi. I dati possono essere consultati presso la biblioteca dell’istituto per quanto riguarda i dati raccolti prima dell’anno 2000, mentre per quelli raccolti successivamente all’anno 2000, possono essere consultati online.

L’unica differenza, oltre all’anno delle statistiche, è che i dati consultabili online, sono gratuiti e di libero accesso a tutti, mentre i dati che vengono personalizzati su richiesta o i dati richiesti su supporti informatici non lo sono. Ogni dato che viene raccolto dall’ISTAT è nel rispetto della privacy e sono costantemente posti a valutazione e calcolo statistico.

Indici dell'erogazione dei TFR (valido anche per le colf, badanti e domestici)

Se un dipendente viene liquidato o dimesso, l'erogazione viene calcolata in corso d'anno, ed il coefficiente di rivalutazione viene considerato relativo al mese precedente se tale liquidazione precede il 14 del mese, o al mese successivo se la liquidazione è successiva al 14 del mese.

Ogni nuovo anno la rivalutazione monetaria collegata non prende in considerazione le quote maturate nell'ultimo anno, per cui gli effetti inflazionistici di quest'ultimo entrano in gioco a partire dall'anno successivo alla maturazione.

Cos'è il trattamento di fine rapporto? Si gestisce su base annuale? C'è qualcuno che ne è esente? 

Il TFR o trattamento di fine rapporto è ciò che identifica nel contratto di lavoro la cosiddetta liquidazione e determina ciò che è stabilito nel Codice civile in merito al diritto di percepire ai lavoratori subordinati il pagamento di una somma calcolata in base a parametri standard. In genere equivale a una quota pari e comunque non superiore all'importo della retribuzione dovuta per l'anno stesso divisa per 13,5. La quota è proporzionalmente ridotta per le frazioni di anno, computandosi come mese intero le frazioni di mese uguali o superiori a 15 giorni.

Si tratta di una esigenza dovuta al lavoratore, in caso di licenziamento o dimissioni, in quanto si tratta di un compenso necessario per superare le difficoltà economiche conseguenti alla cessazione del rapporto di lavoro.vIn caso di fallimento dell'azienda presso cui lavora, al soggetto è comunque garantito il TFR grazie all'intervento da parte dell'INPS.

In generale, la disciplina prevede tre punti: la garanzia del trattamento di fine rapporto, la rivalutazione del trattamento fine rapporto e l'anticipazione del trattamento fine rapporto.

Con la riforma avvenuta nel novembre 2005, in seguito alla legge di Riforma della Previdenza complementare, è stata regolata la destinazione di questo emolumento ai fondi pensioni complementari attraverso l'introduzione del tacito assenso. A partire dal 2007, ogni lavoratore dipendente può dunque scegliere a chi destinarlo, ovvero se mantenerlo nella forma attuale oppure destinarlo alla costruzione di una pensione integrativa attraverso i fondi pensione.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Congedo di paternità: astensione obbligatoria e facoltativa

congedo di paternità

Dopo il sì del Parlamento Europeo al congedo di paternità dell’ottobre 2010 il Decreto Legislativo n119 del 18 Luglio 2011 riordina e ridefinisce i presupposti e le modalità con cui fare richiesta in merito a congedi, aspettative e permessi. Differenza sostanziale rispetto al passato è la possibilità del padre di ottenere il permesso anche nel caso in cui la madre non ne abbia diritto (essendo ad esempio disoccupata) mentre in passato era richiesto che la genitrice avesse un lavoro.

Ferie per paternità: quali sono i diritti dei neo-papà

ferie per paternità

E’ vero che si ha diritto a 3 giorni di paternità dal lavoro, pagati (che si aggiungono alle normali ferie)? Molti si interrogano su questo aspetto importante. C’è un po’ di confusione infatti sul fatto se effettivamente, dal giorno del parto e per i 2 giorni seguenti, si ha diritto a percepire un congedo dal lavoro pagato.

Governo Tecnico: quando entra in funzione?

La forma di governo del nostro Paese è di tipo parlamentare, cioè nella quale, in pratica, il Parlamento (eletto direttamente dai cittadini) rappresenta l'organo principale attraverso cui si elegge a sua volta un Governo ed un Presidente della Repubblica. Poi, per guidare il Paese, solitamente a seguito di elezioni politiche, i principali partiti vincitori si alleano per formare un governo. 

La Pratica Forense per la Professione di Avvocato è retribuita?

Con il termine avvocato si intende un professionista, laureato in materie giuridiche, che si occupa di rappresentare assistendo o difendendo una parte processuale.
Per esercitare la professione di avvocato, è necessario essere iscritti all'albo

Principio di Offensività: ecco come come agisce nel diritto?

Immagine per principio di offensività

Il Principio di Offensività rappresenta un qualcosa di molto interessante rispetto a quel che riguarda la concezione liberal-democratiaca del reato. Questo principio estromette la punibilità dei fatti per i quali non esiste un’effettiva lesione del bene giuridico protetto.

I più condivisi

Reddito dominicale: un approfondimento sul'argomento

immagine per reddito dominicale

Il reddito si può definire sinteticamente come l'entrata netta che un determinato soggetto realizza in un determinato periodo di tempo, ed espressa secondo l'unità di misura monetaria.

Redditi diversi: sai come comportarti per non infrangere la legge?

Immagine presente nell'articolo Redditi diversi: sai come comportarti per non infrangere la legge?

l reddito si può definire sinteticamente come l'entrata netta che un determinato soggetto realizza in un determinato periodo di tempo, ed espressa secondo l'unità di misura monetaria.

Come con carta Hype è possibile gestire le risorse dei minorenni

carta-hype.jpg

Con il passare del tempo sono sempre di più le persone, tra cui tantissimi minorenni, che decidono di affidarsi ai servizi offerti dalla cartaHYPE. Secondo delle recenti analisi di mercato, questo sarebbe molto utile al fine di infondereresponsabilità nei più giovani, che trovandosi ad essere titolari di un conto, riescono a gestire in maniera più coscienziosa i propri risparmi.

Leggi anche...

Commercialisti di Firenze: a chi rivolgersi?

La città di Firenze offre delle soluzioni variegate per quel che concerne la scelta del commercialisti. Date un’occhiata alla lista che proponiamo di seguito.

Leggi anche...

Patente a punti: sai davvero come funziona dopo la riforma?

immagine per Patente a punti

Con la riforma del sistema delle patenti in Italia, avvenuta nel 2003, il codice della strada ha stabilito che ogni titolare di patente o patentino CIG abbia in dotazione, al momento del conseguimento della patente a punti, un totale di 20 punti.

Go to Top