Per poter andare in Australia, anche se per un periodo massimo di tre mesi, è necessario ottenere un visto con una procedura che può ormai essere tranquillamente realizzata on-line. Più complessa è la situazione nel caso in cui il soggetto richiedente abbia dei precedenti penali. In questo caso, all'atto della richiesta, sarà obbligatorio indicare il reato commesso e, solo dopo l'invio della domanda, saranno le Autorità Australiane a dare un giudizio positivo o negativo.

Queste potrebbero anche chiedere delle informazioni e documentazioni aggiuntive, come per esempio la trascrizione da parte del Tribunale o delle Autorità Giudiziarie dell'avvenuto sconto della pena. La procedura non è però ancora conclusa perché, se anche il soggetto riuscisse a partire, potrebbe essere fermato al momento dello sbarco dove gli agenti di immigrazione potreb bero fermarlo per ulteriori controlli e un colloquio personale. Tutte le informazioni necessarie possono essere ritrovate sul sito Visto-Australia.it.

Il visto ETA

Si tratta di un visto turistico elettronico che può essere richiesto autonomamente on-line oppure presso le compagnie aeree o le agenzie di viaggio. Per richiederlo il passaporto deve avere una validità residua di almeno sei mesi in quanto viene associato proprio al numero di questo documento. Lo possono richiedere tutti i cittadini dei paesi aderenti al programma ETA (e l'Italia ne fa parte) e ha durata di un anno, ma permette la permanenza in Australia solo per un massimo di tre mesi, anche come somma di più viaggi nel tempo. L'importante è iniziare l'iter di richiesta almeno due settimane prima della partenza. Con questa tipologia di visto è possibile recarsi in qualsiasi città australiana per motivi turisti, per far visita ad amici o parenti, per motivi medici, culturali (si può studiare, ma solo per corsi di breve periodo) o sportivi e per viaggi commerciali (ma non si pu&o grave; lavorare). Non è assolutamente concessa, infatti, nessuna attività lavorativa remunerata. Molte persone utilizzano questa tipologia di visto per fare un primo viaggio "di prova" in Australia, per poi decidere, ad esempio, se intraprendere in seguito un lungo periodo di studi o una carriera lavorativa, ma in questo caso si dovrà poi richiedere un differente permesso di ingresso e soggiorno.

Il visto Eta non è però sufficiente per l'ingresso in Australia

Avere l'autorizzazione del visto ETA garantisce però al viaggiatore solo di salire sull'aereo e arrivare in Australia, ma non di avere accesso al paese. Una volta arrivati lì, infatti, direttamente all'aeroporto, il soggetto dovrà svolgere una serie di procedure di riconoscimento e controllo doganale da parte di un ufficiale doganale che passerà al vaglio tutta la documentazione e le attestazioni consegnate al momento della richiesta di ottenimento del visto, la carta del passeggero che viene redatta durante il volo e la corrispondenza di tutta una serie di requisiti. Solo allora potrà dare una risposta definitiva all'ingresso o meno dello straniero in Australia. E' importante, poi, ricordare che se anche una sola delle informazioni presenti sul passaporto per qualsiasi motivo dovesse cambiare, anche se si è già in possesso di un visto ETA, è obbligatorio effettuare una nuova richiesta pro prio perché verrebbe meno la corrispondenza tra il visto e il numero del documento.





Potrebbe interessarti

Iter Legislativo: come si approvano le leggi in Italia?

Con il termine Iter Legislativo, intendiamo il procedimento legislativo, ovvero il processo formale che porta una legge dalla sua creazione alla successiva approvazione da parte delle camere del Parlamento.

Leggi tutto...

Rilascio passaporto a Milano: dove richiedere il passaporto elettronico

Il passaporto ordinario è un documento che consente l’opportunità di viaggiare soggiornando in tutti gli Stati riconosciuti dalla Repubblica Italiana: il rilascio del passaporto a Milano è consentito a tutti i cittadini italiani ed è, in Italia, una procedura di competenza delle questure.

Leggi tutto...

Cos’è il Copyzero? Come si interpreta?

Ne sentiamo parlare in continuazione ma cosa vorrà mai dire? E soprattutto come si interpretano le sue limitazioni? Chiariamo attraverso questa mini guida il valore del Copyzero, un meccanismo di tutela delle opere dell'ingegno che sfrutta la firma elettronica qualificata e la marca temporale.

Leggi tutto...

Il diritto penale e le sue fonti

Il diritto penale è un ramo del diritto pubblico interno. Lo Stato vieta alcune condotte per mezzo di una sanzione che si pone a tutela dei valori fondamentali. Il diritto penale è la pena che distingue il reato, ovvero l’illecito penale, dall’illecito civile e dall’illecito amministrativo.

Leggi tutto...

Cosa spetta per la Paternità: Permessi, Ferie

E’ vero che si ha diritto a 3 giorni di paternità dal lavoro, pagati (che si aggiungono alle normali ferie)? Molti si interrogano su questo aspetto importante. C’è un po’ di confusione infatti sul fatto se effettivamente, dal giorno del parto e per i 2 giorni seguenti, si ha diritto a percepire un congedo dal lavoro pagato.

Leggi tutto...

I più condivisi

Codice accisa: la carta d’identità dei prodotti

Il cosiddetto “codice di accisa” è composto da una sequenza alfanumerica composta sempre da tredici caratteri ed è attribuito dalla Agenzia delle Dogane a ciascuni dei suoi operatori abilitati, siano essi un Deposito Fiscale come un Destinatario o uno Speditore Autorizzato.

Leggi tutto...

Accisa: cos'è e come si calcola

 

Da quando è stata costituita l’UE, l’Unione Europea, ogni stato che fa parte dei membri ha scelto di applicare delle imposte riguardanti la fabbricazione di alcuni prodotti che hanno un vasto consumo.

Leggi tutto...

Il comitato creditori: di cosa si occupa?

Per quanto riguarda la procedura di fallimento, esistono diverse figure ad esso preposte denominate Organi del fallimento, secondo le norme del diritto commerciale, artt. 23-41 della Legge Fallimentare.

Leggi tutto...

Esempio di calcolo IMU: strumenti e simulazioni

Per quanto riguarda esempi di calcolo dell'IMU, si parla di un valore pari a circa il triplo della vecchia ICI.

Leggi tutto...

Cambiale ipotecaria e titoli di credito

Non sono particolarmente diffusi, tuttavia potrebbe capitare ad ognuno di avere a che fare con una cosiddetta cambiale ipotecaria oppure degli eventuali titoli di credito. Cosa sono e soprattutto in quali situazioni potremmo trovarceli di fronte? Cerchiamo di approfondire meglio la questione.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Notai a Bologna: indirizzi e informazioni

Questa figura professionale è al centro di una riforma sulla libera concorrenza che il Governo Renzi vorrebbe attuare. Oltre ai notai, sono interessati anche avvocati e la possibilità di vendere i farmaci di fascia C anche nei supermercati e nelle parafarmacie (quest’ultimo tema già in passato era stato in mano ai precedenti esecutivi senza giungere a nulla di concreto). Per quanto riguarda la professione notarile, l’intenzione è quella di ridurre l’obbligo di recarsi dal notaio per tutta una serie di atti, come atti societari o anche piccole proprietà.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Multe semaforo rosso

Le multe per il passaggio al semaforo rosso sono sicuramente le più dure da digerire per un'automobilista, sia perchè vengono tolti punti patente, sia perchè spesso non ci si accorge o non si ricorda dell'infrazione effettuata.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Il pignoramento esattoriale, in cosa consiste?

Il pignoramento esattoriale si esegue nel caso non venga pagata una cartella esattoriale entro il sessantesimo giorno dalla sua notifica. Esso viene eseguito dall'agente adibito alla riscossione, il quale è responsabile della messa in atto di tutte le procedure esecutive ritenute opportune per riscuoterlo.

Leggi tutto...
Go to Top