Spesso diverse persone posseggono passione ed abilità nella creazione di oggetti o abiti e tutto questo, delle volte, si potrebbe trasformare da semplice passione appunto in vero e proprio business. In effetti, la maggior parte degli stilisti più affermati oggi, hanno iniziato la propria attività partendo con pochi mezzi ma tanta determinazione ed idee. Tuttavia, una volta che i prodotti realizzati cominciano ad essere apprezzati ed ottenere successo, converrebbe pensare di registrare un marchio.

Infatti, le proprie realizzazioni, man mano che si diffondono, potrebbero essere copiate e rilanciate magari da altri soggetti, che utilizzerebbero le nostre idee ma soprattutto guadagnerebbero da queste in maniera illegale. Di conseguenza, uno dei passi più importanti da fare, quando si vuole intraprendere la strada nel settore della moda, è quello di creare un piccolo brand o marchio originale e poi registrarlo. Fare tutto questo non è complicato, basta avere pazienza ed un pò di denaro.

L'importanza di creare un proprio marchio nella moda

Se si è bravi nella creazione di oggetti o abiti e tale abilità è riconosciuta non solo attraverso gli apprezzamenti di persone esperte ma anche dal successo durante una qualsiasi esposizione e vendita di essi, allora come detto si può avviare un'attività commerciale in senso più ampio. Diversi gli aspetti essenziali di tale attività e di cui si dovrà tener conto per lanciarsi nel settore e cercare di diventare un punto di riferimento.

Innanzitutto, scegliere un nome ed un logo del brand che siano semplici ed originali e che possano rappresentare le idee e lo stile unico del designer. Poi, serve pubblicizzarsi e farsi conoscere attraverso vari canali, tra cui anche internet ed i social media. Al giorno d'oggi è importante avere ad esempio un proprio sito web, accattivante ed originale, che possa attirare l'attenzione di eventuali clienti ed incrementare fama e vendite.

Tuttavia, elemento indispensabile è tutelare il proprio brand e le proprie realizzazioni, difendendoli da eventuali malfattori, contro soprusi di ogni genere, attraverso una registrazione presso gli uffici competenti. Il tutto semplicemente per tutelare ciò che si è realizzato attraverso molti sacrifici e le proprie idee ed abilità, in un settore, come quello della moda, ad alta competitività.

Come si registra un marchio d'abbigliamento

I passaggi per effettuare una simile operazione sono semplici. Innanzitutto, si deve andare presso la Camera di Commercio più vicina dove poter fare domanda per depositare e far registrare il proprio marchio. Questo ente, poi, la inoltrerà all'Ufficio Italiano Brevetti e Marchi (UIBM), presso il Ministero dello Sviluppo Economico, il quale, a sua volta, verificherà che il brand abbia tutti i requisiti richiesti per il suo deposito e registrazione. Una volta appurato, il marchio verrà depositato e tutelato. Il tempo richiesto per l'intera procedura, in genere, si aggira intorno a due anni.

La tutela ha una durata decennale ed è rinnovabile. Inoltre, essa può essere estesa, a livello geografico, oltre gli ambiti nazionali e quindi avere effetti anche nel contesto internazionale. Il tutto affinché si possano avere mezzi idonei legali per evitare copiatura, contraffazione o un uso illegale del proprio marchio appunto.

I costi da sostenere per tale procedura di tutela sono davvero ridotti, soprattutto considerando le perdite economiche che si potrebbero subire in caso di copia o uso disonesto da parte di altri soggetti del proprio brand, anche a livello internazionale. Parlando di abbigliamento, infatti, è necessario registrare il proprio nome solamente in una classe merceologica, quindi l'iter per la registrazione avrà costi assolutamente abbordabili. Il costo per la registrazione in una sola classe merceologica, infatti, è indicativamente inferiore ai 200 Euro. Naturalmente i costi per la registrazione di un marchio comunitario o internazionale sono diversi e superiori, ma già iniziando con la registrazione nazionale si è sicuri che, almeno in patria, nessuno possa rivendicare il marchio che abbiamo creato e fatto crescere.

Tale procedura è possibile effettuarla personalmente oppure anche attraverso l'intermediazione di studi professionali specializzati, che avviano e seguono l'intero iter di deposito e registrazione di un marchio per conto di altri. Il tutto naturalmente dietro la corresponsione di una somma prestabilita di denaro. Tra tali studi, ne esistono diversi anche online e che controllano anche eventualmente il deposito di marchi uguali o simili a quelli già registrati in precedenza.





Potrebbe interessarti

Legge Bersani telefonia

Con l’avvento della Legge Bersani, sono state introdotte delle misure favorevoli ai consumatori, relativamente alle tariffe telefoniche.

Leggi tutto...

La privacy su internet: una panoramica

Con la crescita a dismisura dell'utilizzo di internet da parte dei cittadini italiani, la normativa collegata all'utilizzo dei mezzi informatici, di internet e della privacy internet è cresciuta di conseguenza, anche se le informazioni in tal senso sono spesso oscure per i più. 

Leggi tutto...

Validità passaporto: costi e scadenze del documento per chi viaggia

Immagine presente nell'articolo Validità passaporto: costi e scadenze del documento per chi viaggia

Il passaporto è un documento necessario per viaggiare e, più nello specifico, per varcare le frontiere di tutti quei Paesi non Europei riconosciuti dalla Repubblica Italiana. Va richiesto ed è poi rilasciato dalla Questura cui facciamo riferimento.

Leggi tutto...

Detenzione domiciliare presso la propria abitazione

In materia di Diritto Penale, quando a un condannato viene data da scontare una determinata pena sono diverse le forme di detenzione possibili. Nei casi di delitti davvero efferati viene infatti dato l'ergastolo, ovvero la reclusione a vita in carcere; per delitti minori vengono dati determinati anni, a seconda della gravità della pena, da scontare all'interno di un carcere.

Leggi tutto...

Referendum Nucleare: lo sapevi che...?

A seguito del tragico incidente di Cernobyl avvenuto nel 1986, in Italia fu promosso un referendum sul nucleare, anzi per la precisione si trattò di tre referendum nazionali relativi al settore nucleare.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Istruzioni CUD: cos'è, a cosa serve e come si compila

A partire dal 1998, nell'ambito della burocrazia e della documentazione fiscale relativa alla dichiarazione dei redditi, è entrato in vigore il certificato unico dipendente, meglio noto come CUD: cos'è di preciso?

Leggi tutto...

Redditi dominicali: sai di cosa si parla?

Il reddito si può definire sinteticamente come l'entrata netta che un determinato soggetto realizza in un determinato periodo di tempo, ed espressa secondo l'unità di misura monetaria.

Leggi tutto...

Cos’è l’Anatocismo? Come si calcola?

La parola anatocismo sta a significare la capitalizzazione degli interessi su un capitale, in modo che siano produttivi di altri interessi (questi interessi vengono poi dichiarati composti). La legge italiana autorizza il pagamento degli interessi legali sulle quote di debito, che non sono state saldate a scadenza. 

Leggi tutto...

Buoni ordinari del tesoro: come funzionano?

I BOT, ovvero i buoni ordinari del tesoro, sono dei titoli a breve scadenza emessi dallo stato, da molti considerati come titoli con un rischio pari allo zero. Sono un titolo senza cedola, della durata massima di 12 mesi, che vengono emessi dallo Stato Italiano per finanziare il debito pubblico.

Leggi tutto...

Accisa benzina: tutti i rincari del carburante

Il 2012 e il primo trimestre del 2013 hanno registrato ulteriori nuovi aumenti sul prezzo del carburante, per far fronte agli obblighi del Patto di Stabilità e sanare i conti danneggiati dalla crisi finanziaria internazionale.

Leggi tutto...

Leggi anche...

CAF a Firenze e provincia: ecco a chi rivolgersi per la Burocrazia!

Immagine usata nell'articolo CAF a Firenze e provincia: ecco a chi rivolgersi per la Burocrazia!

CAF, o centri di Assistenza Fiscale di Firenze, sono delle organizzazioni che si costituiscono in generale come società per azioni e consentono attraverso i loro servizi di avere una consulenza di tipo fiscale per i contribuenti fiorentini. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Protesto cambiale: ti spieghiamo come comportarsi in questi casi

Succede (è sempre successo e continuerà a succedere sempre, specie di questi tempi) di sentire storie in cui si parla di cambiali e di mancati pagamenti. Ma cosa succede veramente quando non si è in grado di pagare una cambiale?

Leggi tutto...

Leggi anche...

La notifica della multa: come avviene e come regolarsi?

Immagine riferita all'articolo La notifica della multa: come avviene e come regolarsi?

Con oltre 10 milioni di multe l’anno, ben 26.000 contravvenzioni quotidiane, gli italiani versano nelle casse dello Stato un miliardo di euro; non stupisce quindi che gli automobilisti nostrani abbiano a cuore la legge n.125/2010 che in particolare ha ridotto il termine di notifica della multa da 150 a 90 giorni, il cui superamento da parte delle autorità rende il verbale viziato e quindi non più valido.

Leggi tutto...
Go to Top