Spesso diverse persone posseggono passione ed abilità nella creazione di oggetti o abiti e tutto questo, delle volte, si potrebbe trasformare da semplice passione appunto in vero e proprio business. In effetti, la maggior parte degli stilisti più affermati oggi, hanno iniziato la propria attività partendo con pochi mezzi ma tanta determinazione ed idee. Tuttavia, una volta che i prodotti realizzati cominciano ad essere apprezzati ed ottenere successo, converrebbe pensare di registrare un marchio.

Infatti, le proprie realizzazioni, man mano che si diffondono, potrebbero essere copiate e rilanciate magari da altri soggetti, che utilizzerebbero le nostre idee ma soprattutto guadagnerebbero da queste in maniera illegale. Di conseguenza, uno dei passi più importanti da fare, quando si vuole intraprendere la strada nel settore della moda, è quello di creare un piccolo brand o marchio originale e poi registrarlo. Fare tutto questo non è complicato, basta avere pazienza ed un pò di denaro.

L'importanza di creare un proprio marchio nella moda

Se si è bravi nella creazione di oggetti o abiti e tale abilità è riconosciuta non solo attraverso gli apprezzamenti di persone esperte ma anche dal successo durante una qualsiasi esposizione e vendita di essi, allora come detto si può avviare un'attività commerciale in senso più ampio. Diversi gli aspetti essenziali di tale attività e di cui si dovrà tener conto per lanciarsi nel settore e cercare di diventare un punto di riferimento.

Innanzitutto, scegliere un nome ed un logo del brand che siano semplici ed originali e che possano rappresentare le idee e lo stile unico del designer. Poi, serve pubblicizzarsi e farsi conoscere attraverso vari canali, tra cui anche internet ed i social media. Al giorno d'oggi è importante avere ad esempio un proprio sito web, accattivante ed originale, che possa attirare l'attenzione di eventuali clienti ed incrementare fama e vendite.

Tuttavia, elemento indispensabile è tutelare il proprio brand e le proprie realizzazioni, difendendoli da eventuali malfattori, contro soprusi di ogni genere, attraverso una registrazione presso gli uffici competenti. Il tutto semplicemente per tutelare ciò che si è realizzato attraverso molti sacrifici e le proprie idee ed abilità, in un settore, come quello della moda, ad alta competitività.

Come si registra un marchio d'abbigliamento

I passaggi per effettuare una simile operazione sono semplici. Innanzitutto, si deve andare presso la Camera di Commercio più vicina dove poter fare domanda per depositare e far registrare il proprio marchio. Questo ente, poi, la inoltrerà all'Ufficio Italiano Brevetti e Marchi (UIBM), presso il Ministero dello Sviluppo Economico, il quale, a sua volta, verificherà che il brand abbia tutti i requisiti richiesti per il suo deposito e registrazione. Una volta appurato, il marchio verrà depositato e tutelato. Il tempo richiesto per l'intera procedura, in genere, si aggira intorno a due anni.

La tutela ha una durata decennale ed è rinnovabile. Inoltre, essa può essere estesa, a livello geografico, oltre gli ambiti nazionali e quindi avere effetti anche nel contesto internazionale. Il tutto affinché si possano avere mezzi idonei legali per evitare copiatura, contraffazione o un uso illegale del proprio marchio appunto.

I costi da sostenere per tale procedura di tutela sono davvero ridotti, soprattutto considerando le perdite economiche che si potrebbero subire in caso di copia o uso disonesto da parte di altri soggetti del proprio brand, anche a livello internazionale. Parlando di abbigliamento, infatti, è necessario registrare il proprio nome solamente in una classe merceologica, quindi l'iter per la registrazione avrà costi assolutamente abbordabili. Il costo per la registrazione in una sola classe merceologica, infatti, è indicativamente inferiore ai 200 Euro. Naturalmente i costi per la registrazione di un marchio comunitario o internazionale sono diversi e superiori, ma già iniziando con la registrazione nazionale si è sicuri che, almeno in patria, nessuno possa rivendicare il marchio che abbiamo creato e fatto crescere.

Tale procedura è possibile effettuarla personalmente oppure anche attraverso l'intermediazione di studi professionali specializzati, che avviano e seguono l'intero iter di deposito e registrazione di un marchio per conto di altri. Il tutto naturalmente dietro la corresponsione di una somma prestabilita di denaro. Tra tali studi, ne esistono diversi anche online e che controllano anche eventualmente il deposito di marchi uguali o simili a quelli già registrati in precedenza.





Potrebbe interessarti

Il diritto penale e le sue fonti

Il diritto penale è un ramo del diritto pubblico interno. Lo Stato vieta alcune condotte per mezzo di una sanzione che si pone a tutela dei valori fondamentali. Il diritto penale è la pena che distingue il reato, ovvero l’illecito penale, dall’illecito civile e dall’illecito amministrativo.

Leggi tutto...

Detenzione domiciliare presso la propria abitazione

In materia di Diritto Penale, quando a un condannato viene data da scontare una determinata pena sono diverse le forme di detenzione possibili. Nei casi di delitti davvero efferati viene infatti dato l'ergastolo, ovvero la reclusione a vita in carcere; per delitti minori vengono dati determinati anni, a seconda della gravità della pena, da scontare all'interno di un carcere.

Leggi tutto...

Diritto allo sciopero: quando si esercita?

Un cittadino italiano dovrebbe avere sempre garantito un posto di lavoro; il diritto al lavoro è infatti importantissimo per una Nazione e una società civile intesa come tale e che si rispetti. 

Leggi tutto...

Come è regolata la legge sul Daspo? Vediamolo insiem

Negli ultimi anni il Daspo è una misura restrittiva che balza sovente agli onori della cronaca, sia per quanto riguarda le manifestazioni sportive che, negli ultimi giorni, per quanto concerte il diritto di manifestazione tout court. Con il termine si intende il Divieto di accedere alle manifestazioni sportive.

Leggi tutto...

Marche da bollo per il passaporto: concessione governativa per l’espatrio

Il passaporto è un documento richiedibile da tutti i cittadini italiani che consente di attraversare i confini degli Stati riconosciuti dalla nostra Repubblica. Il passaporto viene rilasciato essenzialmente dalle questure, quando non da uffici particolari investiti di tale abilità, in seguito alla consegna di tutta una documentazione particolare nella quale è compreso un versamento al Ministero dell’Economia e delle Finanze e l’apposizione di una apposita marca da bollo.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Tagli al budget per l'accoglienza 2019: come funziona in Italia?

Il tema dell’accoglienza dei migranti in Italia è sempre molto delicato e la dimensione del fenomeno è tale da essere diventata una voce di spesa all’interno della Legge di Bilancio. Per l’anno 2019, il Governo prevede un taglio – pari a circa 5 miliardi – alle risorse da destinare all’accoglienza. Le cifre si basano su stime e valutazioni rispetto a quanto definito nel DEF (documento di Economia e Finanza) 2018 dai precedenti Governi.

Leggi tutto...

Fideiussione bancaria: conoscevi queste informazioni?

Con la fideiussione bancaria un soggetto assicura un'obbligazione altrui, impegnandosi nei confronti del creditore del rapporto obbligatorio. Questo tema è accolto dal codice civile italiano all'art. 1936, ai sensi del quale, in tema di diritto finanziario.

Leggi tutto...

Redditi esenti dalla dichiarazione: quali sono?

Secondo il diritto italiano, ogni anno i cittadini della Repubblica Italiana devono presentare alla Agenzia delle entrate del ministero delle Finanze la cosiddetta dichiarazione dei redditi, ovvero un documento compilato dai cittadini in cui vengono dichiarati redditi percepiti durante il precedente anno.

Leggi tutto...

Tasse sugli Immobili: alcune cose che devi conoscere

Uno degli aspetti chiave della manovra finanziaria dell’attuale governo è la revisione delle tasse sugli immobili, che riguarda la regolamentazione delle imposte relative agli affitti degli appartamenti dati in locazione e il pagamento delle imposte relative alla proprietà di una casa.

Leggi tutto...

Il codice tributo 4726 e gli studi di settore in materia di adeguamento

L’art. 10 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201 (commi da 9 a 13), convertito con modificazioni, nella legge 22 dicembre 2011, n. 214 (Decreto Monti), ha apportato importanti modifiche alla disciplina relativa agli studi di settore, anche in materia di adeguamento.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Centri per l'impiego a Milano: orari e informazioni

Il Centro per l'impiego a Milano è un ufficio della Regione che gestisce le offerte di lavoro della città e della Provincia. L’Ufficio deriva direttamente dai vecchi uffici di collocamento di Milano.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Tariffe multe (non solo divieto di sosta): confronta gli importi

Poche volte consideriamo gli importi delle multe una somma ragionevole rispetto all'infrazione effettuata. Sarebbe bene conoscere quali sono gli importi delle multe per evitare di riceve spiacevoli avvisi da parte delle forze di Polizia.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Cosa è l'usufrutto: non perderti quest'approfondimento

 

Nell'ambito del diritto, un termine assai ricorrente è quello di usufrutto. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta e cosa implica la sua presenza.

Leggi tutto...
Go to Top