La figura del magistrato, in sede di diritto e nell'ambito della Giurisprudenza, è colui che detiene il “magistero”, ovvero è il titolare di un ufficio pubblico. In particolare, per magistrato si intende un funzionario che viene ad assumere la funzione di giudice ed eventualmente di pubblico ministero. Nel caso specifico italiano, alcuni magistrati possono anche detenere uffici della pubblica amministrazione.

Per accedere alla carriera di magistrato, è necessario conseguire la laurea in Giurisprudenza.

Magistrato come Giudice

Quando un magistrato assume la funzione giudicante, viene a ricoprire il ruolo di giudice. In questo caso, il magistrato va ad applicare una serie di norme del diritto nello svolgimento di un processo, e dunque rende operanti tale norme all'interno di un caso concreto.

In questo caso, il magistrato dovrà operare in condizioni di indipendenza, terzietà e imparzialità rispetto non solo alle parti in causa, ma anche all'esito del processo. A seconda del campo di appartenenza del processo, il magistrato in quanto giudice può essere amministrativo, civile, tributario, ecc...

Magistrato come Pubblico Ministero

In determinati casi, nell'amministrare la giustizia, il magistrato può dover svolgere la funzione di rappresentare la collettività: si parla in questo caso di Pubblico Ministero. Questa figura va ad avviare un procedimento legale ricoprendo il ruolo di pubblica accusa, andando dunque a svolgere indagini in merito al reato, in collaborazione con le forze di Polizia.

Così come i giudici, i Pubblici Ministeri, e dunque in generale i magistrati, godono di garanzie di indipendenza. La magistratura è infatti un organo che da costituzione è indipendente dagli altri due poteri dello Stato.

Il contrasto tra Governo e magistrati sulle ferie

C’è un argomento che ha posto al centro delle cronache la figura del magistrato, ossia il taglio delle ferie da 45 giorni a 30 giorni deciso dal Governo Renzi. I magistrati hanno raccolto le firme per un ricorso collettivo al Tar (Tribunale Amministrativo Regionale) poggiando la loro decisione su tre presupposti:

  • illegittimità costituzionale;
  • errata interpretazione sulla fascia dei magistrati da coinvolgere;
  • richiesta di monetizzazione delle mancate ferie con un compenso equivalente a metà stipendio.

E’ scaturito così un muro contro muro tra gli esponenti del Governo (Premier Renzi in primis) e autorità giudiziaria, che contesta questa presa di posizione dell’esecutivo. Il tutto ha creato finora un pasticcio di norme e un decreto legge che ancora non ha visto la luce completa, per un dibattito che non si sa quanto potrebbe andare avanti, andando a danneggiare entrambe le categorie. Si vedrà nel futuro cosa porterà questo scontro frontale, se benefici o meno per la comunità cittadina.

La categoria da proteggere: i magistrati per la lotta alla mafia

Al di là del muro contro muro, quando si parla di magistrati non si può non far riferimento a quella classe di professionisti che lottano contro le mafie e ogni giorno devono vivere con la paura di morire. Una vita da trascorrere sempre sotto scorta, andando a danneggiare anche quell’insieme di comportamenti non più attuabili anche per la famiglia. Un senso dello Stato messo sopra a tutto, per difendere la Patria da quelle infiltrazioni mafiose che prima sparava per strada e ora si è infilata nel tessuto economico-sociale del Paese a livello imprenditoriale. Un mix di business che sfocia nell’illegalità, come traffico di droga o dei rifiuti tossici. Questi magistrati, che vivono sui grandi esempi del passato, non hanno bisogno di parlare di ferie perchè probabilmente un giorno di ferie non lo vivranno mai come fanno tutti gli italiani. Queste persone sono quelle da difendere e proteggere e il Paese Italia deve fare di tutto per offrire la massima sicurezza a questi professionisti che lottano ogni giorno con la paura di morire. Ma per loro questa paura non esiste.

Processo come rapporto giuridico

Per Processo, in ambito di diritto, si intende un qualsiasi procedimento mediante cui va ad esercitarsi la funzione giurisdizionale.
In particolare il processo consiste di una sequenza di atti giuridici, detti atti processuali, che vengono realizzati da determinati soggetti, ovvero il giudice, il pubblico ministero, e altri organi come il cancelliere e l'ufficiale giudiziario.
Questi atti giuridici vengono posti in essere secondo determinate norme processuali, ordinate in precedenza da un provvedimento giurisdizionale.

Il procedimento può venire considerato anche come un rapporto giuridico che si realizza fra due parti, in cui il giudice funge da terza parte.
Talvolta, il termine processo può essere sostituito da altri termini giuridici come causa e giudizio, o ancora con il termine procedimento.

Tipologie

Il processo, a seconda della controversia cui afferisce, può distinguersi in:

  • civile, ovvero processo che vuole risolvere controversie in materia di diritto privato o in cui è parte la pubblica amministrazione;
  • penale, ovvero processo che vuole risolvere controversie specifiche in materia di responsabilità di un soggetto in merito ad un reato, e la pena conseguente;
  • amministrativo, ovvero un processo che determina la risoluzione di controversie relative a rapporti giuridici concernenti la pubblica amministrazione, solo nel caso in cui l'ordinamento giuridico le deleghi al giudice amministrativo.

Diritto Processuale

Per diritto processuale si intende l'insieme di norme giuridiche aventi a che fare con l'ordine degli atti processuali, la loro forma e i vari termini da rispettare, nonché tutti gli organi e soggetti competenti.

Processo civile

Nel diritto italiano, sotto la categoria dei processi, andiamo ad analizzare il cosiddetto procedimento civile.

Il procedimento civile è uno strumento giuridico che ha come obiettivo quello di andare a dirimere tutte le controversie sorte in ambito di diritto privato. Trova le sue fondamenta nei principi di diritto processuale civile, presenti principalmente nel Codice di Procedura Civile. 

Le parti del processo civile sono l'attore ed il convenuto, giudicati dall'organo giudicante.

Domanda

L'atto che dà inizio al procedimento civile è la domanda, presentata sotto forma di atto di citazione, strumento attraverso cui un soggetto va a chiedere tutela giurisdizionale.
La domanda del processo civile è rivolta a due destinatari: il convenuto, ovvero il soggetto nei cui confronti è mossa la domanda, ed il giudice, ovvero il soggetto a cui si chiede la tutela.

Nel Codice di Procedura Civile è possibile trovare tutti i riferimenti normativi relativi al processo civile.

Funzione

A seconda della dottrina di riferimento, il procedimento civile può svolgere una duplice funzione. In primis, il processo civile avrebbe come finalità la realizzazione e l'esercizio del diritto di un singolo. L'altra, più coerente con l'impostazione del diritto nel Novecento, individua nel processo civile una funzione pubblica volta a reintegrare un determinato diritto oggettivo.

Importanza del diritto processuale civile

Il complesso delle norme giuridiche che, all'interno di uno stato, va a regolare il normale svolgimento del dibatimento civile viene denominato diritto processuale civile.

Il diritto processuale civile è dunque la procedura che lo Stato offre ai propri cittadini per risolvere tutte le varie controversie relative al diritto privato.

Questo strumento è molto utile allo stato in quanto evita che i privati risolvano in maniera autonoma a risolvere i conflitti che sorgono fra di loro: in pratica il diritto processuale civile serve ad evidare il ricorso alla giustizia privata, la quale anzi rientra fra i reati.

Il nostro ordinamento civile raggruppa le norme relative al diritto processuale civile nel Codice di Procedura Civile, anche se altre norme processuali attinenti ai vari processi, sono presenti anche in altri codici e leggi. 

Chi è interessato può sfogliare tutte le norme inerenti questo tipo di argomenti nel Codice di Procedura Civile

Composizione

All'interno dell'ordinamento giuridico del diritto processuale civile, esiste una partizione fra diritto sostanziale e diritto strumentale.

Il diritto sostanziale va a dettare una serie di norme necessarie alla convivenza civile e valide affinchè si svolgano rapporti fra i cittadini in maniera fisiologica.

Il diritto strumentale, invece, offre una serie di strumenti giuridici necessari a tutelare le posizioni sostanziali e a realizzare, eventualmente in maniera coattiva, le posizioni stesse. 

Forme di tutela

Il diritto processuale civile, a seconda delle forme in cui si deve declinare la tutela del legislatore, individua tre diverse tipologie: la tutela cognitiva, la tutela esecutiva e la tutela cautelare.

Processo Penale

Fra le varie tipologie di processo, identifichiamo il processo penale come il modo in cui va ad attuarsi la tutela dei diritti che vengono sanciti nell'ambito del diritto penale. Durante un processo penale, i giudici vanno ad accertare qualsiasi reato commesso da un cittadino per poi sanzionarlo e punirlo 

Ambiti

Il dibatimento penale serve a garantire l'uguaglianza dei cittadini davanti alla legge: per questo motivo avviene la sanzione, tramite appunto la condanna a scontare una pena stabilita, per non aver rispettato determinati aspetti formali della legge di uno Stato.

Un processo penale può essere suddiviso in accusatorio o inquisitorio.

Accusatorio 

Questo modello di processo penale prevede che la dialettica fra le due parti in conflitto sia il nodo principale della controversia in atto: per dirimere tale controversia viene richiesto l'intervento di una terza parte estranea al conflitto. 

Inquisitorio 

Questo secondo modello di processo penale vede la congiunzione delle due figure di accusatore e giudicante in un'unica figura.

È chiaro che questa suddivisione è una semplice astrazione, e non è mai possibile delineare in maniera netta il confine fra i due tipi di processo penale.

Processo penale in Italia

In Italia l'ultima riforma del codice di procedura penale risale al 1988, ed è andata a migliorare il codice Rocco oramai giunto ad una serie di contraddizioni interne e incongruenze incostituzionali. In questi giorni è in discussione la riforma del cosiddetto Processo Breve.

Il testo normativo sui cui si basa ogni tipologia di dibatimento penale, è reperibile alla pagina seguente: CODICE DI PROCEDURA PENALE

Breve

Durante la Legislatura numero 16, è stato presentato un disegno di legge, denominato Processo Breve, con l'obiettivo di riformare la durata temporale dei processi. In particolare, il disegno di legge sul processo breve è il numero 1880: “Misure per la tutela del cittadino contro la durata indeterminata dei processi", ed è stato presentato dal ministro Gasparri. 

Il ddl su processo breve è stato presentato al Senato nel novembre del 2009, che ne ha approvato il testo nel gennaio del 2010. Prima di poter entrare in vigore dovrà essere approvato anche dalla Camera dei Deputati. 

Caratteristiche 

Il ddl sul dibatimento breve si articola su 3 punti: i termini di estinzione del dibatimento, l'equa riparazione, la norma transitoria. 

Per quanto riguarda il primo punto, il processo si ritiene estinto se non si raggiunge il giudizio nei seguenti casi:

  • in caso di reati indultati o indultabili (commessi cioè prima del maggio 2006), con pene inferiori nel massimo a 10 anni:

    • entro 3 anni dall'esercizio dell'azione penale da parte del PM, in primo grado;

    • entro 2 anni per l'appello

    • entro 1 anno e sei mesi per il giudizio in Cassazione. 

  • in caso di reati commessi dopo il maggio 2006 e con pene inferiori nel massimo a 10 anni:

    • dopo 2 anni per ogni grado di giudizio 

  • in caso di reati più gravi, entro:

    • 4 anni per il primo grado;

    • 2 anni per l'appello;

    • un anno e sei mesi per la Cassazione 

  • in caso di reati per mafia e terrorismo:

    • 5 anni per il primo grado

    • 3 anni per l'appello

    • 2 anni per la Cassazione

Equa riparazione

Il soggetto interessato può fare domanda di equa riparazione nel caso il processo subisca un ritardo e, in caso di accoglimento, il rimborso andrà pagato entro 120 giorni. L'organismo a cui rivolgersi è la Corte d'appello.

Norma transitoria

Nel ddl approvato in Senato è compresa una norma transitoria relativa a quei processi in corso relativi a reati indultati o indultabili, precedenti il maggio 2006 con pene inferiori ai 10 anni, che determina una prescrizione del reato dopo due anni di processo di primo grado a imputati incensurati.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Visto per l'Australia: come ottenerlo se si hanno precedenti penali

visto australia

Per poter andare in Australia, anche se per un periodo massimo di tre mesi, è necessario ottenere un visto per l'Australia con una procedura che può ormai essere tranquillamente realizzata on-line. Più complessa è la situazione nel caso in cui il soggetto richiedente abbia dei precedenti penali

Privacy su Twitter: ti spieghiamo come funziona davvero

Privacy su Twitter

Uno degli ultimi nati fra i servizi di social network è Twitter, noto anche come il microblogging più diffuso e veloce del mondo. Twitter infatti offre agli utenti una pagina personale aggiornabile con brevi messaggi di testo della lunghezza massima di 140 caratteri.

Congedo di paternità: astensione obbligatoria e facoltativa

congedo di paternità

Dopo il sì del Parlamento Europeo al congedo di paternità dell’ottobre 2010 il Decreto Legislativo n119 del 18 Luglio 2011 riordina e ridefinisce i presupposti e le modalità con cui fare richiesta in merito a congedi, aspettative e permessi. Differenza sostanziale rispetto al passato è la possibilità del padre di ottenere il permesso anche nel caso in cui la madre non ne abbia diritto (essendo ad esempio disoccupata) mentre in passato era richiesto che la genitrice avesse un lavoro.

Pubblico ministero: come diventare PM

Il rispetto della legge è uno dei principali doveri di una società e di una Nazione, che intende vivere tranquillamente e vuole distinguersi dalle altre, favorendo dei meccanismi di civiltà e di serenità per i cittadini che la abitano.

Principio di legalità: ti sveliamo le indicazioni fondamentali!

principio di legalità

Il principio di legalità è uno dei punti di forza del Diritto Penale: vediamo di cosa stiamo parlando e in che termini questo argomento è collegato ai principi base della Costituzione.

I più condivisi

La mediazione commerciale: di cosa si tratta?

Il diritto commerciale è un ramo del diritto privato che regola le attività imprenditoriali; è anche definito come diritto privato delle imprese. Il diritto commerciale è una materia molto vasta e articolata; questa guida vi aiuterà a saperne di più.

Diventare liberi professionisti nel 2022: a cosa prestare attenzione

portaldiritto_1.jpg

Sono molti coloro che desiderano avviare un’attività come libero professionista. Si tratta di soggetti che intendono svolgere un’attività lavorativa di tipo freelance, in un ambito che non comporta la vendita di prodotti o la produzione di beni. I liberi professionisti sono coloro che svolgono un’attività di tipo intellettuale, come scrittori o consulenti; sono liberi professionisti anche i laureati in specifici settori, che svolgono in proprio la loro attività, come architetti o commercialisti. Per diventare libero professionista è necessario avviare una partita IVA, si tratta di uno specifico regime fiscale che permette di emettere fatture e di pagare in autonomia le tasse.

Tasse per le slot machine: ecco cosa cambia con gli ultimi provvedimenti

Tasse per le slot machine

Per alcune persone rappresentano dei semplici passatempi con cui divertirsi sporadicamente, da altre invece sono considerate come l'origine di problemi di varia natura, mentre per lo Stato sono una fonte di entrate annue costanti, le slot machines hanno visto nel corso degli ultimi anni una considerevole diffusione sul territorio, anche grazie all'apertura di locali appositi in diverse città e paesi. Tuttavia, attorno a queste macchinette, spesso, sono sorte anche molte polemiche.

Leggi anche...

Cos'è il fatturato: diamo un'occhiata ai termini tecnici

Nell'ambito del diritto tributario, si parla di fatturato intendendo la somma delle vendite unita a quella dei ricavi di un'azienda; a questo si deve aggiungere la prestazione dei servizi di varia natura e tutta una serie di ricavi e proventi ordinari legati alla vita aziendale.

Leggi anche...

Contestare una multa: ti spieghiamo le procedure da fare

immagine per contestare una multa

Per poter contestare una multa è possibile rivolgersi presso due autorità prestabilite: il prefetto oppure il giudice di pace.

Go to Top