Tante persone amerebbero essere imprenditori e maghi del business, cosí da guadagnare in breve tempo moltissimo denaro e magari diventare il nuovo Jeff Bezos o Bill Gates. Tuttavia, ideare e lanciare un prodotto o servizio e poi conquistare fette importanti di mercato non rappresenta una passeggiata. Per raggiungere la cima di una montagna e ammirarne il panorama, bisogna fare una scalata. Tuttavia, fortunatamente, al giorno d'oggi, vi sono tanti strumenti che permettono di rendere meno arduo il raggiungimento del successo imprenditoriale.

Riuscire a conquistarsi la propria nicchia di mercato e guadagnare del denaro nel business di qualche prodotto o servizio è differente rispetto al passato. Oggi infatti, col mercato globale e la diffusione planetaria di internet, vi sono maggiori opportunitá per arrivare a milioni di potenziali clienti, tuttavia questo significa anche centinaia di possibili concorrenti a tutte le latitudini. Di conseguenza, è necessario essere dotati, tra le altre cose, di capacitá, originalitá e molta pazienza. Infatti, spesso, l'inizio di un'avventura, anche a lieto fine, non risulta semplice.

Trovare la nicchia per il proprio business legato all’e-commerce è il passo più importante in grado di avvicinarvi all’obiettivo del successo imprenditoriale. Ma come fare?

Una volta che vi sarete garantiti la disponibilità di una serie di strumenti fondamentali per la conduzione della vostra iniziativa d’impresa, come il software gestionalecontabilità diTeamsystem Reviso, un buon sito web e alcuni dispositivi tecnologici per poter amministrare in qualsiasi momento e da qualsiasi luogo la vostra attività, non vi rimane che leggere i tre consigli che di seguito abbiamo voluto riassumere per voi.

Valutare l’interesse del cliente

La prima cosa da fare è assicurarsi di valutarel'interesse delcliente. Non esiste infatti alcuna nicchia redditizia che non abbia almeno una chiara intenzione all’acquisto da parte dell’utenza presente.

Insomma, per calare in maniera ancora più concreta l’assunto di cui sopra, potreste aprire un negozio e aspettare che arrivino i clienti, ma in realtà ciò potrebbe non accadere se il vostro store online è ricco di prodotti che nessuno vorrà comprare.

Invece di “intuire”, cercate di “pianificare”. Sul web ci sono tanti strumenti in grado di individuare le migliori parole chiave da usare per volumi di ricerca: se non trovate un sufficiente volume di ricerca, vuol dire che non sarete in grado di guadagnare denaro in quella nicchia. Viceversa, se c'è troppo volume di ricerca, avrete l'opportunità di fare soldi, ma dovrete contrastare una concorrenza ampia e agguerrita. Trovate la giusta via di mezzo.

Analizzare la concorrenza per trovare la nicchia

Una volta stabilito che ci sono clienti nel trovare la nicchia in cui volete investire, il passo successivo è compiere un'analisi competitiva. Innanzitutto, valutate quali sono i punti di forza e di debolezza dei principali concorrenti, avendo cura di iniziare dai più noti e, in particolar modo, da quelli che hanno un miglior posizionamento SEO sui motori di ricerca.

Ricordate anche che la concorrenza non è sempre una cosa negativa: vi permetterà di ottenere nuove certezze sul mercato che state cercando di monetizzare. Il vero fattore chiave è capire se è possibile superare in astuzia i vostri concorrenti!

Difatti la concorrenza puó stimolare la creativitá e la capacitá innovativa, al fine di realizzare servizi o prodotti sempre piú originali e ricercati, cosí da superare i propri concorrenti e conquistare una nicchia di mercato sempre piú ampia e raggiungere il top del vostro business. Tuttavia, risulta importante osservare ed analizzare la concorrenza, soprattutto se di successo, al fine di capirne gli elementi caratteristici e sfruttarne poi gli eventuali punti deboli commerciali, in modo da offrire sul mercato, possibilmente, proprio quegli elementi che nessun altro riesce a presentare.

Calcolare margini e prezzi

web designer

Se non potete fare soldi, non ha senso entrare in affari in quella determinata nicchia. Per avere una consapevolezza dei soldi da realizzare, cominciate con il calcolare un sufficiente margine del prodotto. Come termine di riferimento, se il vostro margine è inferiore al 20 percento, è meglio iniziare a cercare altrove, specialmente se state operano con un modello di business come quello del dropshipping.

Il prezzo è un'altra variabile importante. Meglio vendere prodotti cari o prodotti economici? Molti esperti ritengono che la gamma da 100 a 200 euro sia il punto debole del mercato, poiché i prodotti di questa gamma non sono troppo costosi per la media e dovrebbero consentire un margine di profitto che spesso non vi assicureranno. Ad ogni modo, niente è già stabilito: effettuate un’analisi per singola ipotesi, e soffermatevi su ciascuno scenario con la giusta cautela e con la necessaria attenzione da riporre.

Una volta effettuate queste analisi sulla propria nicchia di mercato, cercato di valutare punti di forza e di debolezza propri e altrui e fattibilitá del business a cui si mira, ci si puó lanciare in un'avventura imprenditoriale. Tutto ció ricordando sempre che non si finisce mai di imparare (dalle difficoltá, dai concorrenti e dalle situazioni) e che i soggetti piccoli ma che abbiano capacitá e visione, anche nell'ambito particolare dell'e-commerce, possono conquistare un mercato fatto di giganti.  


Potrebbe interessarti

Diritto allo sciopero: quando si esercita? Ti spieghiamo come funziona

diritto allo sciopero

Un cittadino italiano dovrebbe avere sempre garantito un posto di lavoro; il diritto al lavoro è infatti importantissimo per una Nazione e una società civile intesa come tale e che si rispetti. 

Cos’è il Decreto penale? Art. 459 cpp

Il decreto penale è un atto di diritto processuale penale pensato dall'art.459 c.p.p. Con questo decreto si stabilisce un procedimento deflattivo del dibattimento (il soggetto cui è diretto il decreto può impugnare l'atto obiettandosi e avviando il giudizio ordinario). Il decreto penale può essere proposto solo dal Pubblico Ministero al G.I.P nei casi previsti dall'art.459. 

Principio di Offensività: ecco come come agisce nel diritto?

Immagine per principio di offensività

Il Principio di Offensività rappresenta un qualcosa di molto interessante rispetto a quel che riguarda la concezione liberal-democratiaca del reato. Questo principio estromette la punibilità dei fatti per i quali non esiste un’effettiva lesione del bene giuridico protetto.

Principio di colpevolezza: ecco tutto quello che c'è da sapere

Principio di colpevolezza

Il principio di colpevolezza delimita ciò che è illecito sotto il profilo penale e determina la pena da applicare. Il codice penale italiano non usa il termine colpevolezza, ma il nostro ordinamento giuridico lo considera uno dei principi fondamentali della responsabilità penale.

Punti di invalidità: un approfondimento completo su come farne richiesta

punti invalidità

Ogni singolo cittadino italiano possiede determinati diritti imprescindibili e altrettanti doveri da rispettare. Una società civile intesa come tale deve infatti garantire a tutti gli individui di una data nazione diritti importantissimi come il diritto al lavoro e il diritto alla salute.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Il codice tributo 4726 e gli studi di settore in materia di adeguamento

L’art. 10 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201 (commi da 9 a 13), convertito con modificazioni, nella legge 22 dicembre 2011, n. 214 (Decreto Monti), ha apportato importanti modifiche alla disciplina relativa agli studi di settore, anche in materia di adeguamento.

Fideiussione bancaria: conoscevi queste informazioni?

Fideiussione bancaria

Il creditore ha dunque l'onere di chiedere l'adempimento prima al debitore garantito e solo dopo il rifiuto di questo può orientarsi verso il fideiussore. Altre fonti ritengono che alla scadenza il creditore goda di una libera electio per determinare verso quale obbligato operare.

Cos'è la cambiale: un approfondimento

Tutti noi ci siamo sicuramente messi nei panni disperati del povero Paperino, costretto dal suo miliardario zio a firmare al termine di ogni storia una tonnellata di cambiali.

Leggi anche...

Patto di non concorrenza per il dipendente: in cosa consiste?

Codice Civile

Il patto di non concorrenza per il dipendente è disciplinato agli artt. 2125, 2596 e 1795 del codice civile. 

Leggi anche...

Patteggiamento della pena: quando e come avviene questo evento?

Il patteggiamento è dunqueil procedimento caratterizzato dalla richiesta rivolta al Giudice dall'imputato di una sanzione sostitutiva diminuita fino a un terzo.

Go to Top