Il trading online è un’attività finanziaria che può diventare remunerativa se condotta con le premesse giuste e le necessarie precauzioni sulla sicurezza per tutelare il proprio denaro; come qualsiasi attività online – da un acquisto e-commerce all’iscrizione a un forum, agli investimenti – occorre porre la massima attenzione per evitare le truffe online.

I truffatori colpiscono dove ci sono maggiori possibilità di guadagno e poiché il trading è un’attività in espansione che attira anche molti principianti attratti dall’illusione di guadagnare molto con qualche investimento rischioso ma apparentemente facile da gestire in autonomia, diventa un terreno fertile per i truffatori. Per tutelarsi dalla truffe bisogna conoscerne i meccanismi che illustreremo in questa guida, ma anche consultare i siti che recensiscono i broker o che favoriscono le segnalazioni dal parte degli utenti (a tal proposito visita MigliorBrokerForex.net).

Come riconoscere i broker inaffidabili

Le truffe legate al trading online sono perpetrate in molti modi diversi, anche subdoli dalle boilers room al pump and dump, dagli schemi a piramide a quello Ponzi che analizzeremo uno per volta. Il punto fermo che accomuna tutti i broker inaffidabili è quello di non essere regolamentati né riconosciuti dagli organi di controllo finanziario come la CySec (a livello internazionale) o la CONSOB (in Italia). Altri elementi che indicano l’inaffidabilità di un broker – ma che si scoprono solo dopo aver fatto la registrazione – riguardano i seguenti comportamenti:

  • Negoziazioni contro gli ordini del cliente trader, ossia, alcuni broker inaffidabili attendono i movimenti di mercato a loro favore prima di piazzare gli ordini dei clienti;
  • Addebito di commissioni eccessive;
  • Addebito di tariffe nascoste su servizi inefficaci o privi di reale utilità;
  • Blocco della piattaforma durante le ore di mercato per impedire ai propri clienti trader di annullare o inviare ordini in attesa di sbloccarlo quando l’ordine può fruttare maggiori percentuali di profitto a favore del broker;
  • Difficoltà nell’effettuare i prelievi impedendo ai trader di gestire liberamente il conto o chiuderlo tramite tempi di attesa lunghi, addebito di tasse inesistenti, eccessive richieste di autenticazione camuffate da tutela della sicurezza.

Nonostante i controlli stringenti delle Autorità di regolamentazione, molti operatori inaffidabili riescono a sfuggire alle regole e spesso utilizzano siti di intermediazione all’apparenza rispondenti ai canoni di regolarità, ma che si rivelano delle vere “trappole” per depredare il trader perché una volta depositato il conto capitale non si è più realmente in grado di gestire il proprio conto e i propri ordini in libertà. I metodi per allettare e invitare gli utenti a registrarsi presso la propria piattaforma sono molteplici, ma bisogna fare attenzione ai siti che:

  • Promettono guadagni facili in breve tempo;
  • Offrono sistemi di trading automatizzati (robot) con la promessa di profitti certi;
  • Offrono bonus di iscrizione eccessivamente convenienti o addirittura offrono un conto base gratuito con del denaro già depositato per i nuovi trader.

Una volta iscritti alla piattaforma, il trader perde il controllo reale e la disponibilità del proprio denaro, mentre il broker opera contro l’interesse dei clienti per guadagnare sulle percentuali di perdita e attribuendo commissioni elevate.

Prima di sottoscrivere qualsiasi tipo di registrazione su una piattaforma di trading, è bene assicurarsi che si tratta di un operatore regolarmente registrato e riconosciuto dagli organi di controllo competenti (Cysec, Consob, FCA); è importante leggere le recensioni sia degli utenti che degli organi di controllo, nonché consultare le eventuali black list elencate in vari siti di servizio; è altresì fondamentale leggere e capire bene la struttura del sito che ospita la piattaforma di broker, vedere attentamente i servizi offerti, i riconoscimenti ottenuti e ovviamente usare il buon senso.

Quali sono le principali tipologie di truffe con il trading online

Si stima che nel solo Regno Unito si perdano oltre 200 milioni di sterline l’anno a causa delle frodi con il trading, con una perdita media  di circa 100 mila sterline a “vittima”. Tra le truffe più pericolose in cui si può incorrere si citano:

  • La boiler Room;
  • Il pump and dump;
  • Schemi a piramide;
  • Schema Ponzi;
  • Truffe sui metalli preziosi;
  • Truffe sugli investimenti alternativi.

La truffa Boiler Room

È la classica truffa ben orchestrata online. le Boiler Room sono dei siti per trading online in tutto e per tutto dall’apparenza di realtà e affidabilità: hanno nomi altisonanti e rassicuranti, siti curati e dettagliati, sedi legali in città e luoghi rinomati, riportano false certificazioni e numeri di registrazione inesistenti (verificare sempre che siano regolamentati). La truffa consiste nel convincere il trader della propria affidabilità, indurlo a depositare sul loro conto il denaro da investire in operazioni di trading, fingere delle negoziazioni per un breve periodo di tempo per poi “svanire” nel nulla. Quando il trader e le autorità si accorgono della frode è troppo tardi, perché la finta agenzia ha già provveduto a chiudere l’ufficio, trasferire i fondi e la sede, cambiare nome, rendersi invisibile e irraggiungibile.

La frode Pump &Dump

È la classica “speculazione” che si può materializzare nel trading sotto due forme diverse nella pratica, ma identiche nella sostanza e nell’esito finale: truffare.

Una prima modalità è quella che vede l’intermediario finanziario impegnato nel convincere i trader ad acquistare azioni di una società in fallimento; questo improvviso interesse spinge i mercati a far aumentare il prezzo della società e il valore delle azioni, a questo punto l’intermediario/broker vende tutto con grande profitto, ma lascia ai trader azionisti una società senza valore quando la bolla speculativa scoppia inesorabilmente.

Una seconda modalità è creare del clamore e interesse intorno a un titolo qualsiasi, spingere (pump) al massimo le quotazioni  e poi “scaricare” (dump) il titolo con vendite massicce per trarne il massimo profitto.

Sono schemi comuni e popolari anche nella normale attività di trading, in ogni caso bisogna diffidare dall’enfasi  (iper hype) e dall’eccessiva spinta verso un determinato titolo, azione, movimento valutario.

La truffa dello schema a piramide

Lo schema a piramide può essere sintetizzato come “porta un amico trader e otterrai una ricompensa”: si tratta di uno schema semplice, usato a volte anche nel marketing per portare “clienti”. Nel caso del trading, non esiste alcuna piattaforma reale, ma solo un sito con poche pagine che promettono guadagni eccellenti e con la promessa che se introduci altre persone ci sarà una forma di ricompensa o un ritorno di investimento in percentuale. In realtà, i primi iscritti ottengono un vantaggio relativo e si vedono realmente corrispondere delle ricompense nel momento in cui invitano altre persone a iscriversi, ma quando la piattaforma raggiunge un numero limite di iscritti “adescatori” che – a volte anche a loro insaputa si rendono complici della truffa – il sistema si auto genera senza produrre profitti per nessuno se non per coloro che sono alla base della piramide: i primi individui invitano i secondi, i secondi ne invitano dei terzi e questi ultimi altri ancora, potenzialmente fino all’infinito.

Lo schema a piramide è facilmente mascherabile ed è anche una strategia di marketing diffusa, per cui è importante leggere sempre il contratto attentamente, prima di sottoscrivere qualsiasi azione.

La truffa dello Schema Ponzi

È una variante dello schema a piramide, sviluppata da un truffatore italiano, Charles Ponzi, che sul principio dello schema a piramide ha sviluppato una modalità che non si basa sul reclutamento di nuovi utenti per mezzo di altri individui, ma si risparmia la commissione da corrispondere ai “complici” più o meno ignari, puntando tutto su un “testimonial” centrale, un fake con nomi e credenziali false, ma dalla grande capacità comunicativa e di convincimento che incoraggia a registrarsi su un finto portale di trading con finte recensioni e finte testimonianze. Il truffatore guadagna dalle nuove iscrizioni effettuate, poi raccoglie il denaro e … scappa e il sistema crolla, fino alla truffa successiva.

Truffe sui metalli preziosi

L’oro, l’argento e i cosiddetti beni rifugio sono una risorsa importante per gli investitori, e una prospettiva di truffa allettante per i truffatori i quali, riguardo agli investimenti sui metalli preziosi attuano i seguenti trucchi:

  • Promettono l’acquisto per conto del trader di metalli preziosi che non esistono in realtà, quindi gli acquisti non avverranno mai;
  • Propongono l’acquisto di metalli preziosi di qualità scadente o inferiore a quella promessa;
  • Promettono garanzie di rendimento irrealistici sugli asset di metalli preziosi;
  • Applicano commissioni eccessive per chi negozia in metalli preziosi.

Truffe su investimenti alternativi

Con il trading online si possono effettuare investimenti anche sui cosiddetti asset alternativi, prodotti, valute, azioni non convenzionalmente considerati titoli borsistici come i vini di qualità, i francobolli, le auto d’epoca, l’antiquariato, prodotti di lusso che sono in sé tutti ambiti interessanti su cui investire, una nicchia profittevole per fare trading, ma allo stesso modo proprio perché sono ambiti di investimento “alternativi” non sono regolamentati, né amministrati in modo appropriato, né inclusi negli asset proposti dalle principali piattaforme di trading regolamentate; quindi fare trading in un ambito non regolamentato facilita gli incontri indesiderati e aumenta le possibilità di incorrere nelle truffe. La regola per capire la bontà di un investimento alternativo consiste sempre nel leggere attentamente il contratto, i documenti di sottoscrizione, le clausole.

Cosa succede se incorro in una truffa nonostante un buon broker?

Anche se si sceglie un broker ottimo, regolamentato e affidabile non si è esenti dalle truffe, dai raggiri o quanto meno dal lasciarsi guidare in scelte sbagliate senza aver valutato le opportune strategie o senza conoscere la materia. Se si è trader sprovveduti e con poche conoscenze tecniche è molto più facile incorrere in inganni anche su piattaforme di broker legali. Il rischio maggiore in cui si può incorrere anche sui siti legali è, però rappresentato dagli hacker e dalla fragilità del sistema di sicurezza della piattaforma regolamentata, per cui le azioni da intraprendere per evitare il rischio di sottrazione indebita dei dati personali registrati su un conto trading o di intrusione fraudolenta e sottrazione di denaro dal proprio conto trading è bene seguire le seguenti buone pratiche:

  • Controllare sempre le comunicazioni del broker e i rendiconti finanziari a fine giornata, così come si controlla l’estratto conto della banca;
  • Cambiare periodicamente nome utente e password;
  • Accedere al proprio account in forma assolutamente privata e non utilizzare reti wireless condivise né eventuali altre forme di condivisione quando si fa trading;
  • Monitorare le e-mail provenienti dal broker direttamente sull’account ed evitare di aprire e-mail sospette seppur a nome del broker;
  • Aggiornare costantemente gli strumenti antivirus, malware, antispam del proprio PC.




Potrebbe interessarti

Il comodato oneroso: come funziona in diritto?

Nel diritto ci troviamo di fronte al comodato quando abbiamo un contratto attraverso cui un soggetto definito comodante, consegna ad un secondo soggetto detto comodatario, un bene mobile o immobile, con lo scopo di servirsene per un periodo determinato, avendo l'obbligo di restituire il bene al termine del suo utilizzo: è dunque ciò che normalmente chiamiamo come prestito, ma a volte può essere considerato anche il comodato oneroso

Leggi tutto...

Contratto di spedizione: differenze con il contratto di trasporto

Vediamo ora nel diritto commerciale come sono regolati i cosiddetti contratti di spedizione.

Leggi tutto...

La validità di una Separazione legale

 

La separazione di fatto si ha quando si verifica la cessazione della convivenza da parte dei coniugi, che non abitano più insieme. I coniugi hanno deciso di interrompere la convivenza senza formalità, ognuno si occupa del proprio destino non interessandosi dell’altro. I coniugi hanno deciso “di fatto” di non procedere con la convivenza senza però procedere ad atti legali.

Leggi tutto...

Punti invalidità: un approfondimento completo

Ogni singolo cittadino italiano possiede determinati diritti imprescindibili e altrettanti doveri da rispettare. Una società civile intesa come tale deve infatti garantire a tutti gli individui di una data nazione diritti importantissimi come il diritto al lavoro e il diritto alla salute.

Leggi tutto...

Privacy Twitter: ecco come funziona davvero

Uno degli ultimi nati fra i servizi di social network è Twitter, noto anche come il microblogging più diffuso e veloce del mondo. Twitter infatti offre agli utenti una pagina personale aggiornabile con brevi messaggi di testo della lunghezza massima di 140 caratteri.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Redditi diversi: scopri se ti riguarda?

l reddito si può definire sinteticamente come l'entrata netta che un determinato soggetto realizza in un determinato periodo di tempo, ed espressa secondo l'unità di misura monetaria.

Leggi tutto...

8 x 1000: la lista dei beneficiari

Al momento della dichiarazione dei redditi, esistono due voci di cui si sente molto parlare e che fanno assai discutere: si tratta della destinazione dell'otto per mille e del cinque per mille. Vediamo nel dettaglio la prima di queste due destinazioni.

Leggi tutto...

Buoni ordinari del tesoro: come funzionano?

I BOT, ovvero i buoni ordinari del tesoro, sono dei titoli a breve scadenza emessi dallo stato, da molti considerati come titoli con un rischio pari allo zero. Sono un titolo senza cedola, della durata massima di 12 mesi, che vengono emessi dallo Stato Italiano per finanziare il debito pubblico.

Leggi tutto...

Cosa sono i tributi

Nell'ambito del diritto finanziario, ogni tipo di richiesta “forzata” da parte dello Stato, di una prestazione in denaro ad un singolo cittadino denominato contribuente, viene definita come tributo.

Leggi tutto...

Il comitato creditori: di cosa si occupa?

Per quanto riguarda la procedura di fallimento, esistono diverse figure ad esso preposte denominate Organi del fallimento, secondo le norme del diritto commerciale, artt. 23-41 della Legge Fallimentare.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Consulenti del Lavoro a Napoli: rifermenti utili

Il Consulente del lavoro elabora cedolini paga, cura l'inquadramento contrattuale in materia giuslavoristica. Vediamo alcuni consulenti presenti a Napoli per svolgere attività relative alla dimensione lavorativa.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Decurtazione da 6 a 10 punti patente, occhio al semaforo rosso!

A partire dal 2003, in Italia è stata introdotta la norma che prevede l'assegnazione di punti al momento del conseguimento della patente. Ogni volta che si commette un illecito particolare, è prevista la decurtazione di punti, fino ad arrivare a 0 punti e conseguenti provvedimenti disciplinari nei confronti del guidatore.

Leggi tutto...

Leggi anche...

La notifica della multa: come regolarsi?

Con oltre 10 milioni di multe l’anno, ben 26.000 contravvenzioni quotidiane, gli italiani versano nelle casse dello Stato un miliardo di euro; non stupisce quindi che gli automobilisti nostrani abbiano a cuore la legge n.125/2010 che in particolare ha ridotto il termine di notifica della multa da 150 a 90 giorni, il cui superamento da parte delle autorità rende il verbale viziato e quindi non più valido.

Leggi tutto...
Go to Top