Ogni anno, il Governo approva la Legge di Bilancio con le previsioni di spesa per l’attuazione di una serie di misure intese a favorire lo sviluppo economico del Paese. In quanto Stato Membro dell’UE, l’Italia – come tutti gli altri paese membri – è tenuta a presentare la bozza della Legge di Bilancio in sede di Commissione Europea ai fini di un’approvazione, in quanto un bilancio troppo discostato dalle linee guida europee potrebbe rappresentare un potenziale rischio di instabilità per tutta l’Area Euro.

Perché esiste la procedura di revisione Europea dei bilanci nazionali?

L’Italia ha presentato entro il 15 ottobre il proprio DEF (Documento di Economia e Finanza) all’Unione Europea non senza aver avuto momenti di tensione all’interno del proprio Parlamento e suscitando “allarme” tra i commissari UE rispetto alle previsioni di spesa italiane per il 2019.

La procedura di studio e revisione dei bilanci dei paesi membri europei dell’area Euro è piuttosto complessa, ma è difesa dai suoi sostenitori in quanto è un fattore di stabilità essenziale. La procedura di revisione si basa su una serie di testi e ha origine nel Trattato di Maastricht del 1992 con il quale sono stati definiti i criteri di convergenza imposti agli Stati Membri per controllare il loro tasso di inflazione e il loro debito pubblico (entro il 60% del PIL) così come il deficit pubblico (entro il 3% del PIL. Cinque anni dopo (1997), il Patto di Stabilità e la crescita economica europea hanno contribuito a precisare questi obblighi; infine, due pacchetti legislativi adottati in risposta all’ultima crisi finanziaria hanno completato il quadro normativo sulla procedura d’esame.

Come funziona la procedura d’esame

La procedura d’esame dei bilanci prevede che la Commissione Europea chieda agli Stati Membri dell’Eurozona di sottomettere all’esame un “progetto di bilancio” che sia «coerente con le raccomandazioni rivolte ai singoli Stati» (come si legge nei testi normativi). Il documento o raccomandazione contiene le previsioni macroeconomiche (PIL, spese, entrate), così come le spiegazioni sugli obiettivi da perseguire e il dettaglio sugli strumenti da adottare. Lo Stato Membro, da parte sua, presenta alle autorità europee i rispettivi piani di riforma e di politica finanziaria che potrebbero avere delle ricadute anche sugli altri Stati membri aderenti alla moneta unica.

Alcuni Stati membri, come la Francia, sono dotati di organi di controllo interni incaricati di sorvegliare sulle ipotesi macro-economiche del Governo, allo scopo di rendere la proposta di bilancio più coerente e vicina agli obiettivi europei.

Da parte sua, la Commissione europea analizza il progetto di bilancio sottoposto ad esame dagli Stati membri. La Commissione analizza attentamente il documento, soprattutto le spese e la coerenza nel perseguire gli obiettivi. Dopo essersi accertata che l’insieme della proposta rispetta gli impegni dei paesi dell’Eurozona rispetto al debito pubblico, l’Autorità emette un “parere pubblico” sul bilancio.

In casi “eccezionali”, in cui la bozza di bilancio comporti una «mancanza particolarmente grave nel rispetto degli obblighi di politica budgetaria previsti dal Patto di Crescita e Stabilità», la Commissione chiede allo Stato in difetto di eseguire una revisione del piano budgetario in tempi rapidi affinché la Commissione possa procedere a una nuova revisione. Al termine della procedura, la Commissione emetterà un parere definitivo sul Bilancio del paese membro.

Qual è il calendario della procedura di revisione?

Nei primi anni di attuazione del regime di revisione, gli Stati Membri erano tenuti a rendere pubblici i loro bilanci previsionali nazionali a “medio termine”, ed emettere un programma definitivo tra il 15 e il 30 aprile di ogni anno; questi documenti servivano per spiegare quali riforme erano state adottate nel rispetto degli obiettivi nazionali prefissati dall’Unione relativamente alle spese per la crescita e le politiche sul lavoro.

In seguito, le Autorità hanno stabilito il termine ultimo del 15 ottobre al massimo per tutti gli Stati per presentare la propria bozza di bilancio all’Amministrazione Centrale. La Commissione rende i suoi pareri pubblici al più tardi entro il 30 novembre di ogni anno. Nel caso in cui uno Stato debba rivedere la propria bozza di bilancio, vengono concessi ulteriori tre settimane per ritoccare le stime e gli obiettivi di finanza.

Parallelamente, la Commissione prepara un parere sulla stabilità dell’Eurozona nel suo complesso; quest’ultimo documento serve a facilitare la discussione in seno all’EuroGruppo.

Infine, gli Stati Membri devono approvare le rispettive Leggi di Bilancio entro il 31 dicembre di ogni anno. In caso contrario, gli Stati sono tenuti ad approvare e mettere in atto una serie di procedure finanziarie provvisorie per evitare lo shutdown.

Quali sono i criteri di giudizio della Commissione in fase di esame dei bilanci

I pareri della Commissione sono emesse al fine di rafforzare la stabilità dell’Eurozona e assicurare che gli Stati Membri rispettino i loro impegni finanziari. Il controllo specifico su determinate voci di bilancio serve a evitare gli effetti di contagio provocati dall’instabilità di un Paese Membro. L’Unione cerca quindi di sostenere e rafforzare il coordinamento nell’Eurozona per consolidare l’Unione economica e monetaria.

I pareri della Commissione, tuttavia non sono coercitivi né ingiuntivi, pertanto un parere negativo non comporta delle sanzioni se uno Stato Membro non rispetta gli impegni; la Commissione non è autorizzata a modificare i progetti di bilancio nazionali, se non imporre agli Stati l’obbligo di seguire strettamente le raccomandazioni della Commissione. Tuttavia, nel caso in cui uno Stato si rifiuti di rispettare gli impegni di bilancio precedentemente stabiliti, quest’ultimo può essere oggetto di una procedura per deficit eccessivo stabilita dal Consiglio Europeo il quale può imporre un’ammenda pari allo 0,2% del PIL dello stato in questione. Inoltre, in caso di “frode” di ipotesi macro-economica della Legge di Bilancio, l’Unione può infliggere una sanzione finanziaria fino allo 0,5% del PIL accompagnata da una sospensione dell’erogazione dei fondi europei a favore dello Stato in questione.

Esistono “precedenti” in cui la Commissione ha dovuto ritoccare un bilancio nazionale?

La Commissione Europea non mai dovuto dare via a questo processo estremo di penalizzazione in quanto i Governi a oggi hanno sempre operato degli aggiustamenti prima di sottomettere i bilanci alla revisione dell’Autorità europea e hanno sempre rispettato i parametri richiesti. Tuttavia, l’Italia potrebbe essere il primo Stato a sfidare apertamente la linea finanziaria europea dal momento che ha ignorato le raccomandazioni europee di modificare il testo della Legge di Bilancio 2019 che prevede un aumento del deficit. La Commissione ha moltiplicato le sue raccomandazioni all’Italia auspicando un accordo ed evitare il braccio di ferro e una crisi tra Roma e Bruxelles.





Potrebbe interessarti

Denunciare la Malasanità all'URP (Ufficio Relazioni con il Pubblico)

Con malasanità si intende in generale un episodio in cui si verifica una carenza della prestazione dei servizi professionali rispetto alle loro capacità che causa un danno al soggetto beneficiario della prestazione.

Leggi tutto...

Come ottenere il visto per l'Australia, anche se si hanno precedenti penali

Per poter andare in Australia, anche se per un periodo massimo di tre mesi, è necessario ottenere un visto con una procedura che può ormai essere tranquillamente realizzata on-line. Più complessa è la situazione nel caso in cui il soggetto richiedente abbia dei precedenti penali

Leggi tutto...

Il Giudice delegato: sai di cosa si occupa?

Per quanto riguarda la procedura di fallimento, esistono diverse figure ad esso preposte denominate Organi del fallimento, secondo le norme del diritto commerciale, artt. 23-41 della Legge Fallimentare.

Leggi tutto...

Tipi di referendum: li conosci tutti?

Il referendum (dal gerundivo latino REFERO), può essere una pratica democratica di frequente utilizzo, a differenza dal plebiscito.

Leggi tutto...

Separazione dei beni: ecco i passi che devi compiere

Sposarsi è una decisione importantissima per molti e un desiderio di tanti, soprattutto delle donne che sognano il proprio matrimonio sin da bambine. Il matrimonio non prevede però soltanto la cerimonia e il ricevimento di nozze; non è inoltre unicamente un'unione spirituale di due persone.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Imposta IRES: cos'è e come si calcola

Nell'ambito delle imposte cui è soggetto il cittadino italiano, è bene essere a conoscenza di tutte quelle che gravano ogni anno sul reddito del contribuente. Fra le imposte dirette, ovvero quelle che gravano in maniera diretta sulla ricchezza del contribuente, troviamo le seguenti: IRPEFIRESIRAPICI, imposta sostitutiva su interessi e proventi da obbligazioni.

Leggi tutto...

Fideiussione bancaria: conoscevi queste informazioni?

Con la fideiussione bancaria un soggetto assicura un'obbligazione altrui, impegnandosi nei confronti del creditore del rapporto obbligatorio. Questo tema è accolto dal codice civile italiano all'art. 1936, ai sensi del quale, in tema di diritto finanziario.

Leggi tutto...

Domanda aggregata: come funziona?

La Domanda aggregata rappresenta la spesa compiuta dai soggetti di un determinato sistema economico. I Consumi da parte delle famiglie, la spesa per Investimenti da parte delle imprese e la spesa in beni e servizi del settore pubblico: tutte componenti fondamentali di questo documento.

Leggi tutto...

Capacità contributiva: gli indici e altre informazioni

Uno dei problemi di cui gli Italiani tendono a lamentarsi spesso, soprattutto negli ultimi anni, è l'eccessivo livello di tasse che sono chiamati a pagare annualmente e che tende a ridurre il reddito che hanno a disposizione mensilmente per sé e la propria famiglia.

Leggi tutto...

8 x 1000: la lista dei beneficiari

Al momento della dichiarazione dei redditi, esistono due voci di cui si sente molto parlare e che fanno assai discutere: si tratta della destinazione dell'otto per mille e del cinque per mille. Vediamo nel dettaglio la prima di queste due destinazioni.

Leggi tutto...

Leggi anche...

La tredicesima mensilità: modalità e tassazione

Nell'ambito dei contratti dei lavoratori, è bene verificare se sono presenti le voci relative alla tredicesima e alla Quattordicesima mensilità .

Leggi tutto...

Leggi anche...

Nuovi termini di notifica delle multe: scopriamoli insieme!

Poche cose turbano un automobilista più della vista di una multa sotto il tergicristalli o nella cassetta della posta. La legge n.125/2010 aumenta però le possibilità di evitare di rimpinguare le casse dello Stato grazie all’introduzione di nuovi termini di notifica delle multe. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Condono delle multe: come funziona

In questi anni, diverse volte abbiamo sentito parlare direttamente o magari in TV di sanzioni comminate e quindi elargite a determinati soggetti o società attraverso una multa. 

Leggi tutto...
Go to Top