Dopo il sì del Parlamento Europeo al congedo di paternità dell’ottobre 2010 il Decreto Legislativo n119 del 18 Luglio 2011 riordina e ridefinisce i presupposti e le modalità con cui fare richiesta in merito a congedi, aspettative e permessi. Differenza sostanziale rispetto al passato è la possibilità del padre di ottenere il permesso anche nel caso in cui la madre non ne abbia diritto (essendo ad esempio disoccupata) mentre in passato era richiesto che la genitrice avesse un lavoro.

Il permessosi aggiunge dunque alle venti settimane previste per le mamme, con lo stipendio assicurato al 100 percento. Questa novità del congedo di paternità rientra nella serie di misure che il Parlamento europeo ha votato a larga maggioranza per il miglioramento della salute e sicurezza delle lavoratrici in stato di gravidanza.

Oltre al congedo di paternità, si è ribadito il divieto di licenziare una lavoratrice dall'inizio della gravidanza fino al sesto mese successivo la fine del congedo di maternità.

Legislazione in Italia

congedo di paternità

Per quanto riguarda l'Italia, dunque, già avanzata nella legislazione in tal senso, la vera novità è quella del congedo di paternità di due settimane.

“Una decisione che mette finalmente donne e uomini sullo stesso piano per conciliare vita privata e professionale. Finalmente un concetto di paternità non solo biologico ma fatto di responsabilità”, ha dichiarato Ludovica Botarelli Tranquilli-Leali.

La votazione degli eurodeputati in merito al congedo di paternità è stata la seguente: 390 a favore, 192 contrari e 59 astenuti.

No di Confindustria al congedo di paternità

congedo di paternità

Tale votazione non ha risentito delle pressioni provenienti da BusineEurope e, per gli italiani, da Confindustria. Questi due organi, infatti, erano e sono contrari all'introduzione del congedo di paternità di due settimane, i quanto “rischia di introdurre elementi troppo rigidi nel rapporto di lavoro con conseguenze onerose per i datori di lavoro”.

Nell'ambito di tale votazione, è stato ratificato anche in merito a quello di maternità, per cui la retribuzione al 100 per cento diventerà obbligatoria in Italia anche per quelle dipendenti che non rientrano nei contratti collettivi e che oggi possono vantare di una retribuzione in maternità solo dell'80 per cento da parte dell’Inps.

Astensione obbligatoria

Mentre l’astensione facoltativa per i primi tre giorni dal parto è determinata unicamente dalle condizioni contrattuali e dipende quindi dal datore di lavoro, che potrebbe concedere anche una retribuzione del 100%, quella obbligatoria può essere richiesta in caso si verifichino le seguenti condizioni:

  • il decesso della madre o il suo versare in gravi condizioni di salute

  • l’abbandono del minore da parte della madre

  • la potestà esclusiva del bambino da parte del padre

L’astensione obbligatoria garantisce al dipendente privato il diritto all’80% della retribuzione mentre per quello statale è prevista una copertura del 100%.

Astensione facoltativa

Entrambi i genitori possono usufruire dell’astensione facoltativa (continuativa o frazionata) fino all’ottavo anno di ciascuno dei figli, per la durata complessiva di 10 mesi, che diventano 6 qualora sia solo uno dei due a farne richiesta.

La legge sancisce inoltre che in caso sia il padre ad astenersi da lavoro per oltre 3 mesi continuativi potrà godere di un mese extra di permesso, passando quindi da 6 a 7 mesi (e facendo salire conseguentemente il totale di mensilità di entrambi i genitori da 10 a 11). Sempre i dipendenti pubblici hanno diritto a una retribuzione del 100% per i primi 30 giorni di permesso.

Informazioni utili

figlia

Il congedo di paternità frazionato evita che i giorni non lavorativi e festivi siano segnati come assenze: per non”sprecare”questi giorni è sufficiente andare a lavoro il giorno successivo a queste date ed esse verranno detratte dal conteggio.

Quando si richiede è necessario presentare il certificato di nascita del bambino, due autocertificazioni dell’altro genitore che comunichino i giorni di permesso già utilizzati e quelli di astensione ed infine un documento che impegni i genitori ad aggiornare il datore di lavoro su eventuali modifiche del congedo di paternità.

Congedo di paternità 2021: quali sono le novità

Il congedo di paternità, per quanto riguarda l’anno 2021 è in versione “large”, in quanto, il disegno della legge di bilancio conferma che per l’anno corrente i neopapà avranno garantiti sette giorni di congedo dal proprio lavoro.

Tra le novità del 2021, ne troviamo una degna nota. La maggioranza ha votato infatti perché i papà si potranno assentare dal lavoro fino a dieci giorni dalla nascita del figlio. Questa misura fa parte di un maxipacchetto di emendamenti ancora in fase di approvazione.

Rimanendo in tema “congedo di paternità, ricordiamo, che entro i cinque mesi dalla nascita possono essere richiesti l’adozione o l’affidamento di un figlio da tutti i lavoratori dipendenti. Si tratta, sostanzialmente, di una proroga delle condizioni già vigenti nel 2020, per questo motivo le modalità di astensione dal lavoro, per il congedo di paternità restano le stesse.

congedo di paternità

Pertanto, i futuri papà biologici oppure quelli che stanno per adottare un bambino hanno diritto ad un massimo di dieci giorni di astensione, interamente retribuiti, dal proprio lavoro.

Le misure prese riguardo il congedo di paternità vengono confermate o prorogate ogni anno, tanto che l’attuale riforma integra le altre due precedenti risalenti al 2019 e il 2020, la quali prevedevano rispettivamente dai quattro ai cinque giorni di astensione dal lavoro e dai 5 ai 7 giorni di astensione dal lavoro.

Inoltre, ad integrare questa manovra decisamente a favore dei neopapà, come delle neomamme, con l’avvenire del 2021 sono stati istituiti due bonus che hanno l’intento di incontrare al massimo le esigenze di queste categorie di persone. Questa serie di riforme e accorgimenti, volti al benessere dei nuovi nuclei familiari ha preso il nome di “pacchetto famiglia” e vede l’inserimento di questi due bonus:

  • Bonus nido 2021;
  • Bonus bebè 2021.

Potrebbe interessarti

Cos’è il Copyright? Quando interviene?

Ne sentiamo molto parlare. Ma cos’è il Copyright? Quando si applica? Scopriamo dunque con l’intervento di oggi la sua storia e il suo utilizzo. Prima di tutto chiariamo che il termine copyright racchiude l'insieme delle normative sul diritto d'autore in vigore nel mondo anglosassone e statunitense.

Copyright web: come si applica rispetto al diritto d'autore

Scrivere contenuti per i siti internet può essere molto soddisfacente, in quanto è un modo completamente gratuito per esprimere le proprie idee ad un pubblico vasto e spesso sconosciuto.

Visto per l'Australia: come ottenerlo se si hanno precedenti penali

visto australia

Per poter andare in Australia, anche se per un periodo massimo di tre mesi, è necessario ottenere un visto per l'Australia con una procedura che può ormai essere tranquillamente realizzata on-line. Più complessa è la situazione nel caso in cui il soggetto richiedente abbia dei precedenti penali

Come è regolata la legge sul Daspo? Vediamolo insiem

Negli ultimi anni il Daspo è una misura restrittiva che balza sovente agli onori della cronaca, sia per quanto riguarda le manifestazioni sportive che, negli ultimi giorni, per quanto concerte il diritto di manifestazione tout court. Con il termine si intende il Divieto di accedere alle manifestazioni sportive.

Separazione legale: scopriamo che validità ha questa pratica

 

La separazione legale si ha quando si verifica la cessazione della convivenza da parte dei coniugi, che non abitano più insieme. I coniugi hanno deciso di interrompere la convivenza senza formalità, ognuno si occupa del proprio destino non interessandosi dell’altro. I coniugi hanno deciso “di fatto” di non procedere con la convivenza senza però procedere ad atti legali.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Cambiale ipotecaria e titoli di credito: sai come funziona questo mondo?

Immagine presente nell'articolo Cambiale ipotecaria e titoli di credito: sai come funziona questo mondo?

Non sono particolarmente diffusi, tuttavia potrebbe capitare ad ognuno di avere a che fare con una cosiddetta cambiale ipotecaria oppure degli eventuali titoli di credito. Cosa sono e soprattutto in quali situazioni potremmo trovarceli di fronte? Cerchiamo di approfondire meglio la questione.

Redditi diversi: sai come comportarti per non infrangere la legge?

Immagine presente nell'articolo Redditi diversi: sai come comportarti per non infrangere la legge?

l reddito si può definire sinteticamente come l'entrata netta che un determinato soggetto realizza in un determinato periodo di tempo, ed espressa secondo l'unità di misura monetaria.

Come si compila una cambiale in maniera corretta? Scopriamolo

Come si compila una cambiale

Quando si ha a che fare con un documento così importante come la Cambiale, è bene conoscerne i dettagli su come compilarla, così da evitare noie legali in un momento successivo. E' importante sapere che si hanno 3 anni a disposizione per provvedere ad eventuali parti omesse.

Leggi anche...

CAF a Napoli: indirizzi delle varie associazioni UIL

I centri di Assistenza Fiscale, noti come CAF, offrono ai cittadini tutta una serie di servizi fondamentali. In particolare, ci si può rivolgere ai CAF a Napoli per avere un aiuto nella dichiarazione dei redditi, o per compilare modelli RED, ISEE e ISEU. Altre funzioni sono legate alla trasmissione telematica di determinati modelli tramite ENTRATEL.

Leggi anche...

Il condono fiscale: quando e come si applica questa procedura?

condono fiscale

Il condono fiscale rientra, nell'ambito del diritto, nella più ampia categoria dei condoni legislativi emanati tramite decreti legge. Di per sé, prevede l'annullamento parziale o totale ai cittadini che vi aderiscono, di una sanzione o di una pena. Oltre a questo, esistono anche quello valutario, edilizio, quello assicurativo e molti altri ancora.

Go to Top