Per poter contestare una multa è possibile rivolgersi presso due autorità prestabilite: il prefetto oppure il giudice di pace.

Dal 2010 infatti sono cambiate molte cose rispetto alle procedure di contestazione delle multe.

Ricorso al prefetto (anche per multe dopo l'autovelox): a chi rivolgersi?

contestare una multa facendo ricorso al prefetto è una procedura da effettuare entro e non oltre i 60 giorni a partire dalla data di notifica della multa, e ci si deve rivolgere naturalmente alla sede del prefetto della città in cui è stata effettuata l'infrazione.

Non è previsto in questo caso il pagamento di un contributo di 38 euro, come vedremo nel caso del ricorso presso il giudice di pace.

Il ricorso per contestare una multaa può essere presentato tramite raccomandata con ricevuta di ritorno oppure depositato al comando delle forze dell'ordine di appartenenza dell'agente che ha effettuato la notifica della multa.

Nel primo caso, il prefetto deve emettere l'ordinanza entro 120 giorni da quando ha ricevuto i documenti, mentre nel secondo caso i giorni saranno 150. Se non vengono rispettati questi tempi, abbiamo un caso di silenzio-assenso e dunque la multa è considerata nulla.

Nel caso in cui il ricorso viene respinto oltre questi tempi di legge, si deve contestare una multa rivolgendosi al giudice di pace.

Dopo il ricorso per divieto di sosta o per eccesso di velocità

immagine per contestare una multa

Una volta che il ricorso viene accolto dal prefetto, invece, la multa stessa può considerarsi annullata; in caso contrario, qualora la multa venga respinta dal prefetto, si è costretti a pagare il doppio della multa prevista.

Per questo motivo è consigliabile, nel caso si fosse ricevuta una multa dall'importo elevato, fare riferimento direttamente al giudice di pace per contestare una multa, così da non rischiare di pagare una cifra considerevole alla fine del processo di contestazione.

Ricorso giudice di pace per multa dei vigili urbani già pagata

Per poter contestare una multa è possibile rivolgersi presso due autorità prestabilite: il prefetto oppure fare ricorso al giudice di pace.

Dal 2010 infatti sono cambiate molte cose rispetto alle procedure di contestazione delle multe. Nel caso di una multa considerevole è infatti più conveniente affidarsi direttamente al giudice di pace, per non rischiare di dover pagare il doppio dell'importo qualora, il ricorso al prefetto, non sia accolto.

Ma vediamo nel dettaglio il ricorso al giudice di pace per contestare una multa.

Ricorso al giudice di pace per aver attraversato la zona ztl

Contestare una multa presso il giudice di pace è una procedura da effettuarsi entro e non oltre il sessantesimo giorno a partire dalla data di notifica della multa stessa. Bisogna naturalmente rivolgersi presso il giudice di pace della città in cui tale multa è stata notificata.

Il ricorso al giudice di pace va presentato presso la cancelleria comunale, pagando obbligatoriamente un contributo fisso pari a 30 euro più bollo di 8 euro.

Il secondo passaggio del ricorso al giudice di pace per evitare il pagamento della multa è quello di presiedere in udienza, o in prima persona, oppure tramite la rappresentanza di un avvocato. Per questo tipo di ricorso non sono previsti tempi di prescrizione.

A questo punto il ricorso presso il giudice di pace può essere accolto o meno. Nel primo caso, la multa può considerarsi cancellata, e non bisogna pagare alcun importo, anzi si potrà richiedere il rimborso dei 38 euro di contributo fisso già versati.

Se invece il ricorso al giudice di pace per la multa non è accolto, la multa va pagata per il totale dell'importo previsto, ma è ancora possibile presentare ricorso in tribunale entro un periodo di massimo 30 giorni.





Potrebbe interessarti

Iter Legislativo: come si approvano le leggi in Italia?

Immagine presente nell'articolo Iter Legislativo: come si approvano le leggi in Italia?

Con il termine Iter Legislativo, intendiamo il procedimento legislativo, ovvero il processo formale che porta una legge dalla sua creazione alla successiva approvazione da parte delle camere del Parlamento.

Leggi tutto...

Cos’è l’Attività istruttoria

Entriamo nel dettaglio di una delle attività più importanti del processo amministrativo. L'attività istruttoria è infatti un’attività volta ad individuare la realtà dei fatti. Ovviamente precede l'attività di trattazione (che viene inserita per l'individuazione della disciplina giuridica applicabile). 

Leggi tutto...

Presidenti della Repubblica Italiana: ecco l'elenco completo

immagine presidenti della repubblica italiana

La Repubblica Italiana ha avuto, al 2020, 12 Presidenti della Repubblica Italiana.

Leggi tutto...

Diritto allo sciopero: quando si esercita?

Un cittadino italiano dovrebbe avere sempre garantito un posto di lavoro; il diritto al lavoro è infatti importantissimo per una Nazione e una società civile intesa come tale e che si rispetti. 

Leggi tutto...

Cos'è il diritto amministrativo? Proviamo a scoprirlo

Cos'è di preciso il Diritto amministrativo, e quali competenze lo riguardano? Innanzitutto diciamo che si tratta di un ramo del diritto pubblico, e disciplina le attività di perseguimento degli interessi pubblici della pubblica amministrazione e i rapporti tra questa e i cittadini.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Cos’è l’Anatocismo? Come si calcola?

La parola anatocismo sta a significare la capitalizzazione degli interessi su un capitale, in modo che siano produttivi di altri interessi (questi interessi vengono poi dichiarati composti). La legge italiana autorizza il pagamento degli interessi legali sulle quote di debito, che non sono state saldate a scadenza. 

Leggi tutto...

Il codice tributo 4726 e gli studi di settore in materia di adeguamento

L’art. 10 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201 (commi da 9 a 13), convertito con modificazioni, nella legge 22 dicembre 2011, n. 214 (Decreto Monti), ha apportato importanti modifiche alla disciplina relativa agli studi di settore, anche in materia di adeguamento.

Leggi tutto...

La legge Bersani sui mutui: ecco cosa dice

La legge Bersani è nota appunto come legge sulle liberalizzazioni, e contiene una serie di misure che hanno l'obiettivo di tutelare innanzitutto i consumatori, e di rendere più flessibile il mercato.

Leggi tutto...

Il Calcolo ISEE on line: come effettuarlo?

ISEE è una sigla che sta per Indicatore Situazione Economica Equivalente. Tale indicatore è uno strumento necessario ad individuare la condizione economica di una famigliaCalcolare l'ISEE online è importante nel momento in cui una famiglia vuole richiedere delle prestazioni agevolate, ed è un indicatore necessario in tutta una serie di interventi che hanno a che fare con la Famiglia e codice civile

Leggi tutto...

Comitato creditori: di cosa si occupa? Ecco come funziona

Immagine presente nell'articolo Comitato creditori: di cosa si occupa? Ecco come funziona

Per quanto riguarda la procedura di fallimento, esistono diverse figure ad esso preposte denominate Organi del fallimento, secondo le norme del diritto commerciale, artt. 23-41 della Legge Fallimentare.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Aprire partita IVA: i consigli di Fiscozen

 

Se stai pensando di dare avvio alla tua attività lavorativa sappi che non potrai iniziare con prestazione occasionale ma dovrai aprire partita IVA. Oggi scopriamo come essere in regola con il Fisco?

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come impugnare cartelle Equitalia

Impugnare le cartelle di Equitalia è, in questo periodo, argomento scottante e di grande interesse per tutti. Quanti di noi hanno ricevuto cartelle Equitalia? La protesta nei confronti del “grande esattore” monta sempre più, sfociando in alcuni casi in pericolose derive. Ma è possibile difendersi dallo stillicidio Equitalia con metodi democratici e legali.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Arresti domiciliari: le regole dettate dal provvedimento dello Stato

Immagine usata nell'articolo Arresti domiciliari: le regole dettate dal provvedimento dello Stato

Il diritto penale fa parte del diritto pubblico interno e si occupa di definire le dinamiche della pena per coloro che commettono reati più o meno gravi. Il diritto penale va ad analizzare dunque la gravità del reato commesso definendo la giusta pena da infliggere a colui che ha commesso un illecito penale.

Leggi tutto...
Go to Top