Per poter contestare una multa è possibile rivolgersi presso due autorità prestabilite: il prefetto oppure il giudice di pace.

Dal 2010 infatti sono cambiate molte cose rispetto alle procedure di contestazione delle multe.

Ricorso al prefetto (anche per multe dopo l'autovelox): a chi rivolgersi?

Contestare una multa facendo ricorso al prefetto è una procedura da effettuare entro e non oltre i 60 giorni a partire dalla data di notifica della multa, e ci si deve rivolgere naturalmente alla sede del prefetto della città in cui è stata effettuata l'infrazione.

Non è previsto in questo caso il pagamento di un contributo di 38 euro, come vedremo nel caso del ricorso presso il giudice di pace.

Il ricorso per contestare la multa può essere presentato tramite raccomandata con ricevuta di ritorno oppure depositato al comando delle forze dell'ordine di appartenenza dell'agente che ha effettuato la notifica della multa.

Nel primo caso, il prefetto deve emettere l'ordinanza entro 120 giorni da quando ha ricevuto i documenti, mentre nel secondo caso i giorni saranno 150. Se non vengono rispettati questi tempi, abbiamo un caso di silenzio-assenso e dunque la multa è considerata nulla.

Nel caso in cui il ricorso viene respinto oltre questi tempi di legge, si deve contestare la multa rivolgendosi al giudice di pace.

Dopo il ricorso per divieto di sosta o per eccesso di velocità

Una volta che il ricorso viene accolto dal prefetto, invece, la multa stessa può considerarsi annullata; in caso contrario, qualora la multa venga respinta dal prefetto, si è costretti a pagare il doppio della multa prevista.

Per questo motivo è consigliabile, nel caso si fosse ricevuta una multa dall'importo elevato, fare riferimento direttamente al giudice di pace per contestare, così da non rischiare di pagare una cifra considerevole alla fine del processo di contestazione.

Ricorso giudice di pace per multa dei vigili urbani già pagata

Per poter contestare una multa è possibile rivolgersi presso due autorità prestabilite: il prefetto oppure fare ricorso al giudice di pace.

Dal 2010 infatti sono cambiate molte cose rispetto alle procedure di contestazione delle multe. Nel caso di una multa considerevole è infatti più conveniente affidarsi direttamente al giudice di pace, per non rischiare di dover pagare il doppio dell'importo qualora, il ricorso al prefetto, non sia accolto.

Ma vediamo nel dettaglio il ricorso al giudice di pace per contestare una multa

Ricorso al giudice di pace per aver attraversato la zona ztl

Contestare una multa presso il giudice di pace è una procedura da effettuarsi entro e non oltre il sessantesimo giorno a partire dalla data di notifica della multa stessa. Bisogna naturalmente rivolgersi presso il giudice di pace della città in cui tale multa è stata notificata.

Il ricorso al giudice di pace va presentato presso la cancelleria comunale, pagando obbligatoriamente un contributo fisso pari a 30 euro più bollo di 8 euro.

Il secondo passaggio del ricorso al giudice di pace per evitare il pagamento della multa è quello di presiedere in udienza, o in prima persona, oppure tramite la rappresentanza di un avvocato. Per questo tipo di ricorso non sono previsti tempi di prescrizione.

A questo punto il ricorso presso il giudice di pace può essere accolto o meno. Nel primo caso, la multa può considerarsi cancellata, e non bisogna pagare alcun importo, anzi si potrà richiedere il rimborso dei 38 euro di contributo fisso già versati.

Se invece il ricorso al giudice di pace per la multa non è accolto, la multa va pagata per il totale dell'importo previsto, ma è ancora possibile presentare ricorso in tribunale entro un periodo di massimo 30 giorni.





Potrebbe interessarti

Questura centrale di Roma

La questura rappresenta un ufficio della Polizia di Stato in possesso di diverse competenza provinciali. Il compito principale della questura centrale di Roma è garantire il mantenimento dell'ordine e della sicurezza pubblica. Per il conseguimento di questo scopo viene effettuata una costante attività di prevenzione e repressione dei reati.

Leggi tutto...

Punti invalidità: un approfondimento completo

Ogni singolo cittadino italiano possiede determinati diritti imprescindibili e altrettanti doveri da rispettare. Una società civile intesa come tale deve infatti garantire a tutti gli individui di una data nazione diritti importantissimi come il diritto al lavoro e il diritto alla salute.

Leggi tutto...

Validità passaporto: costi e scadenze del documento per chi viaggia

Il passaporto è un documento necessario per viaggiare e, più nello specifico, per varcare le frontiere di tutti quei Paesi non Europei riconosciuti dalla Repubblica Italiana. Va richiesto ed è poi rilasciato dalla Questura cui facciamo riferimento.

Leggi tutto...

Diritto allo sciopero: quando si esercita?

Un cittadino italiano dovrebbe avere sempre garantito un posto di lavoro; il diritto al lavoro è infatti importantissimo per una Nazione e una società civile intesa come tale e che si rispetti. 

Leggi tutto...

Adozione per single: quando sarà possibile in Italia?

 

Secondo quanto previsto dalla Convenzione di Strasburgo sui fanciulli del 1967, l'adozione da parte di un genitore single non sarebbe un tabù. Infatti, tale Convenzione, che in pratica contiene le linee guida relative all'adozione di minori, non conterrebbe nulla in contrario.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

OPA: Offerta Pubblica Acquisto

In ambito bancario si parla di OPA, ovvero di offerta pubblica di acquisto, quando si procede ad una negoziazione di valori mobiliari mediante cui un soggetto si rivolge senza alcuna mediazione ai portatori di titoli di una società quotata in borsa, detta società bersaglio, per effettuare un'offerta di acquisto di azioni o obbligazioni, oppure per la sottoscrizione di nuovi titoli.

Leggi tutto...

Società in accomandita per azioni

All'interno della descrizione giuridica delle società, espressa nel codice civile, viene denominata Società per azioni (S.p.A.) un'impresa di capitali nella quale le quote di partecipazione dei vari soci vengono determinate ed espresse in azioni.

Leggi tutto...

Domanda aggregata: come funziona?

La Domanda aggregata rappresenta la spesa compiuta dai soggetti di un determinato sistema economico. I Consumi da parte delle famiglie, la spesa per Investimenti da parte delle imprese e la spesa in beni e servizi del settore pubblico: tutte componenti fondamentali di questo documento.

Leggi tutto...

CAF UIL di Roma: vediamo a chi rivolgersi

I CAF, o centri di Assistenza Fiscale, sono delle organizzazioni importantissimi per chi ha bisogno di una mano dal punto di vista della materia fiscale. Per quanto riguarda gli iscritti alla UIL di Roma, è possibili usufruire dei servizi di centri particolari, rivolti esclusivamente a questo tipo di profili.

Leggi tutto...

Il calcolo della quattordicesima mensilità

La quattordicesima mensilità è un istituto di origine non legale (ha natura contrattuale). La disciplina della quattordicesima fa riferimento alla determinazione delle parti sociali. Abbiamo dunque pensato possa essere utile determinare quali siano gli aspetti più importanti della quattordicesima, rimandandovi eventualmente ai concetti generali sul diritto finanziario. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Fatturazione elettronica: cos’è e a chi si rivolge

Da anni si parla di colmare il gap di digitalizzazione tra l’Italia e gli altri Paesi europei a cominciare dalla digitalizzazione della Pubblica Amministrazione (P.A) e con la Legge finanziaria 2018 viene introdotta la fattura in formato digitale fino ad arrivare al 6 giugno 2014 con l’obbligo di fatturazione elettronica verso le pubbliche amministrazioni italiane.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Ecomafia globale: il traffico illecito di rifiuti

Affari milioniari che hanno riguardato sempre più soggetti quelli delle navi portacontainer da un capo all’altro del globo. Spedizioni verso i Paesi del sud del mondo, di navi stracariche di scorie prodotte dalle aziende, un modo per smaltire i rifiuti senza incidere sui bilanci aziendali e senza disturbare gli affari.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Decurtazione da 6 a 10 punti patente, occhio al semaforo rosso!

A partire dal 2003, in Italia è stata introdotta la norma che prevede l'assegnazione di punti al momento del conseguimento della patente. Ogni volta che si commette un illecito particolare, è prevista la decurtazione di punti, fino ad arrivare a 0 punti e conseguenti provvedimenti disciplinari nei confronti del guidatore.

Leggi tutto...
Go to Top