Con il termine permuta s'intende lo scambio tra due persone, di oggetti e servizi di varia natura. Neglratica, veloce e soprattutto economica per procurarsi oggetti o servizi che altrimenti ni ultimi anni sono sempre più numerose le persone che usano questa forma di scambio pon potrebbero comprare.

La permuta è sicuramente il metodo di scambio più economico che esiste al mondo, perchè si basa sulla compravendita di beni. Quanti di noi hanno le case, le cantine, i box, gli armadi pieni di oggetti che non si usano più per svariati motivi, è propria questa la merce ideale da scambiare per ottenere ciò che invece si desidera.

Non è raro imbattersi, girando per siti di compravendita online, in annunci per lo scambio di beni, di persone che ad una vendita vera e propria, preferiscono una permuta con un oggetto che esse reputano avere lo stesso valore o che perlomeno preferiscono a quello da loro posseduto.

Altri ancora invece danno entrambe le possibilità; ossia la vendita vera e propria per chi non possiede l’oggetto da loro desiderato, o la permuta per chi invece è in possesso del bene richiesto.

Esempi e tassazione

I casi più comuni di richieste di permute, ad esempio, sono le permute riguardanti gli smartphone. Il mercato degli smartphone sembra non subire affatto la crisi italiana, l’afflusso di nuovi modelli, super tecnologici ed avanzati, spinge dall’altro lato, il mercato dei vecchi modelli usati, che finiscono, uno dopo l’altro, sui più grandi siti di compravendita online. Non è difficile infatti trovare il modello di smartphone che si desidera, usato, ad un prezzo molto conveniente.

Un altro caso di permute molto fre quenti è quello che riguarda le automobili, anch’esse, come gli smartphone, sembrano aumentare sempre più a dismisura nel grande mercato globale quale è internet. La permuta di auto e moto ormai si è molto diffusa per via della praticità del contratto. La permuta infatti non prevede alcun contributo in denaro, non è necessario perciò disporre di particolari somme per cambiare la propria auto o moto che sia.

Quando può essere utile la permuta? Con conguaglio o senza?

Verrebbe da chiedersi, se devo cambiare veicolo, o smartphone che sia, significa che probabilmente ha dei difetti che non voglio prendermi la briga di riparare, o che, in termini economici, non conviene nemmeno riparare; chi potrebbe volere una cosa del genere? Probabilemente nessuno.

Ecco perchè la permuta, il più delle volte viene messa in atto per via di altre esigenze. Nel caso specifico dell’automobile o della moto, mettendo su famiglia, cambiando lavoro, o per via di altri motivi, potrei ad un certo punto aver bisogno di una 4 o 7 posti, invece della mia 2 posti o della mia moto. E’ qui che la permuta viene in soccorso.

Probabilmente la moto, o la due posti che si possiede, possono valere quanto o più di una più comoda 4 posti, ecco perchè posso valutare lo scambio con qualcuno che desidera la mia 2 posti.

Caratteristiche della permuta per beni mobili. L'IVA?

La permuta è considerata un contratto a tutti gli effetti che comporta il trasferimento di una serie di diritti e doveri tra le parti coinvolte. E’ legiferata all'interno del Codice Civile. Grazie a questo innovativo metodo di scambio, che non è altro che una forma di baratto, è possibile comprare oggetti di vario genere che altrimenti non si avrebbe la possibilità economica di avere.

I punti fondamentali e la bozza del contratto. Cosa dice il codice civile?

Le spese all'interno di una casa sono numerose e molto spesso per riuscire e non sforare il budget economico che si ha a disposizione, è necessario limitare al massimo le uscite, quindi magari l'acquisto di un nuovo capo di vestiario, di un cellulare o di una vettura sono considerate spese delle quali si può fare a meno. Grazie invece allo scambio di oggetti, che hanno presumibilmente lo stesso valore economico, è possibile fare shopping.

La permuta tratta la compravendita di oggetti vari, come: case, vetture, scooter, cellulari, accessori, capi di abbigliamento ecc. ed è sempre più in voga anche tra i teeneger, che magari scambiano una tuta sportiva che non mettono più con una borsa.
Com'è stato già detto in precedenza è possibile scambiare anche servizi di vario genere, sono numerosi infatti i siti come www.permute.it dove è possibile leggere annunci di soggetti che cercano ad esempio visite specialistiche varie e offrono in cambio prestazioni lavorative. E' possibile anche trovare annunci di privati che desiderano scambiare per un determinato periodo di tempo la propria casa al mare con una in riva al lago, dove trascorrere le ferie in completo relax.

Immobiliare

Infine ci sono anche siti dove sono pubblicati annunci di persone interessate alla permuta immobiliare (per un appartamento), vale a dire lo scambio di abitazioni tra due soggetti. In conclusione la permuta è considerata da molti un mezzo di scambio pratico, sicuro, veloce e soprattutto economico, rispetto ad un acquisto ex novo.





Potrebbe interessarti

Cos’è l’Attività istruttoria

Entriamo nel dettaglio di una delle attività più importanti del processo amministrativo. L'attività istruttoria è infatti un’attività volta ad individuare la realtà dei fatti. Ovviamente precede l'attività di trattazione (che viene inserita per l'individuazione della disciplina giuridica applicabile). 

Leggi tutto...

Bambini immigrati in mensa: cosa prevede la legge

L’Italia è un paese che vanta da sempre grandi capacità di accoglienza sia in termini di solidarietà che di efficienza ricettiva, così come è noto che l’Italia è un paese crocevia del Mediterraneo, paese di transito, di emigrazione e di immigrazione

Leggi tutto...

Legge di bilancio: come avviene l'iter burocratico di approvazione

La Legge di Bilancio definisce ogni anno gli obiettivi finanziari da perseguire nel triennio successivo e dalla quale dipendono i conti pubblici. L’approvazione della legge di Bilancio suscita interesse anche nell’Unione Europea e nelle agenzie di rating perché è il momento in cui si capisce quale sarà la direzione economica di un Paese e le prospettive future di crescita e stabilità. La Legge di Bilancio 2019 sta incontrando diversi ostacoli, soprattutto sul fronte europeo, in quanto Stato Membro, infatti, l’Italia deve sottoporre il proprio bilancio anche all’approvazione UE. Ma quali sono tutti i passaggi prima di arrivare all’approvazione della Legge con pubblicazione del testo definitivo sulla Gazzetta Ufficiale?

Legge di Bilancio: dal DEF alla legge di Stabilità

Il DEF o Documento Economico e di Finanza è il primo documento economico all’interno del quale si specificano gli obiettivi di finanza pubblica per l’anno in corso e i successivi tre anni. Una volta approvato il DEF si passa alla Manovra che segue un iter prestabilito dalla Legge e che deve essere presentata con un disegno di Legge in Parlamento entro un termine stabilito (che per l’anno 2019 è il 15 ottobre 2018), ovvero entro un mese dalla presentazione del DEF. Il testo della Legge di Bilancio – da alcuni anni – risulta più snello e leggibile perché sono state eliminate norme ordinamentali e organizzative che confluiscono in un altro documento che si chiama Decreto Fiscale collegato alla Legge di Bilancio.

Si parla spesso indifferentemente di Legge di Bilancio e Legge di Stabilità, ma si tratta della stessa cosa?

La Legge di Stabilità entra in vigore il 2009 in sostituzione dell’allora Legge Finanziaria per via dell’approvazione del Federalismo Fiscale. La Legge di Stabilità è rimasta fino al 2016 il documento economico e finanziario più importante costituito da un insieme di norme sull’ordinamento delle spese, le entrate, il deficit e norme finanziarie in coordinamento con le attività economiche delle singole regioni, province e comuni e in abbinamento alla Legge di Bilancio che era il documento contabile preventivo con il quale il Governo comunicava al Parlamento le entrate e le uscite previste specificando nel dettaglio le coperture finanziarie. La Nuova Legge di Bilancio – entrata in vigore nel 2016 – riunisce in un unico documento sia la Legge di Stabilità che la Legge di Bilancio e segue un solo iter parlamentare, invece che due.

Le tappe burocratiche

La Legge di Bilancio si presenta in Parlamento dopo un mese dall’approvazione del DEF. Per l’anno 2019, l’iter di approvazione segue il seguente calendario:

  • 27 settembre 2018: presentazione del DEF, Documento di Economia e Finanza.
  • 15 ottobre 2018: entro un mese dalla presentazione del DEF, il Parlamento discute per l’approvazione della Nota propedeutica alla Legge di Bilancio, questa fase dura circa 15 giorni ed è un momento delicato in cui il Parlamento deve approvare o meno eventuali importanti scostamenti dagli obiettivi di bilancio, come si è verificato per la Legge di Bilancio 2019, in cui il Parlamento ha dibattuto per l’approvazione dell’aumento del deficit pubblico come soluzione espansiva per avere maggiori risorse finanziarie da investire.
  • 15 ottobre 2018: contestualmente alla presentazione del DEF in Parlamento, il testo deve essere inoltrato all’UE e segna l’inizio di una nuova fase dell’iter di approvazione. Nel Testo inviato alla Commissione Europea e all’Eurogruppo, il Governo deve specificare gli obiettivi per l’anno successivo, le misure da adottare e le coperture finanziarie per applicare le misure. L’Unione Europea ha tempo fino al 30 novembre 2018 per esprimere un parere e fino alla primavere del 2019 per emettere un giudizio definitivo sulla manovra presentata dai singoli Stati membri.
  • 20 ottobre 2018: il Governo è obbligato a presentare un Disegno di Legge Il documento deve contenere tutti gli interventi e la quantificazione economica per adempiere agli obiettivi prefissati.
  • 31 dicembre 2018: il Governo deve ottenere l’approvazione definitiva da parte del Parlamento sulla nuova Manovra.

Una volta approvata, la Legge di Bilancio entra in vigore dal 1° gennaio 2019 con la Pubblicazione in Gazzetta ufficiale. Nel corso dell’iter di approvazione della Manovra, non sono escluse ipotesi di modifica al Testo in ottemperanza delle richieste provenienti dal Parlamento e in base alle indicazioni fornite dall’Unione Europea.

Quali sono i contenuti della Legge di Bilancio 2019

La legge di Bilancio presentata si aggira sui 20-25 miliardi di spesa e introduce misure nuove in materia di fisco, lavoro, pensione, IVA. La bozza conta 115 articoli che prevedono le seguenti misure:

Fisco:

  • Blocco dell’aumento dell’IVA;
  • Riforma Scaglioni IRPEF;
  • Flat Tax al 15% per le Partite IVA con ricavi fino a 65.000 € e start up con titolari under 35 o over 55;
  • Flat tax al 15% per professori di ogni ordine e grado;
  • Pace fiscale;
  • Rimodulazione bonus 80 € per la famiglie;
  • Proroga Bonus Casa per ristrutturazioni, ed ecobous;
  • Proroga iperammortamento.

Lavoro

  • Avvio del Reddito di cittadinanza con nuovo sussidio alla povertà;
  • Riforma delle Pensioni;
  • Bonus assunzione giovani;
  • Bonus assunzione laureati, dottori di ricerca under 30, per assunzioni a tempo indeterminato dal 1° gennaio 2019 con sgravi contributivi fino a 8000 €;
  • Concessione terreni gratuiti per 20 anni a famiglie con un terzo figlio in arrivo dal 2019, 2020 e 2021.

Finanza

  • Mutui a tasso zero fino a 200 000 € per le famiglie che acquistano terreni per la prima casa, allo scopo saranno destinati il 50% dei terreni agricoli demaniali.
  • Cedolare secca al 21% per negozi C1 sotto i 600 m2.
  • Cancellazione blocco aumenti per addizionali comunali (IMU, TASI …)
  • Investimenti per progetto “scuole belle”.

Copyright web: come si applica rispetto al diritto d'autore

Scrivere contenuti per i siti internet può essere molto soddisfacente, in quanto è un modo completamente gratuito per esprimere le proprie idee ad un pubblico vasto e spesso sconosciuto.

Leggi tutto...

Il diritto penale e le sue fonti

Il diritto penale è un ramo del diritto pubblico interno. Lo Stato vieta alcune condotte per mezzo di una sanzione che si pone a tutela dei valori fondamentali. Il diritto penale è la pena che distingue il reato, ovvero l’illecito penale, dall’illecito civile e dall’illecito amministrativo.

Leggi tutto...

I più condivisi

Cos’è l’Eurirs? Come si monitorizza il suo andamento?

Al giorno d'oggi sono tante le persone che richiedono ad un istituto finanziario oppure ad una banca un prestito o un mutuo, magari al fine di acquistare un immobile oppure per altre necessità familiari. Tali somme di denaro possono essere concesse poi con un tasso d'interesse fisso o variabile. Tuttavia, prima di andare a sottoscrivere un contratto di mutuo, è importante conoscere diversi elementi che vanno a contribuire alla somma che un soggetto dovrà pagare come singola rata mensile.

Leggi tutto...

Cessione del quinto dello stipendio: come funziona?

Nel corso della vita può capitare di aver bisogno di una somma di denaro per effettuare un acquisto, come ad esempio quello di un immobile, oppure per un urgente ed importante lavoro di ristrutturazione dello stesso. 

Leggi tutto...

Il cuneo fiscale: ecco perché ti riguarda da vicino?

Molti economisti sono fermamente convinti che sia impossibile determinare una quantità di cuneo fiscale ideale, perché in ogni paese la sua cifra varia in base al bilancio statale, alla sua condizione economico-contabile ecc. 

Leggi tutto...

Tasso fisso e variabile: i trucchi per scegliere bene il mutuo

I mutui si distinguono dal fatto di avere un tasso fisso e un tasso variabile. Con i mutui del primo tipo, il cliente versa sempre lo stesso interesse per tutta la durata del mutuo, mentre nel secondo, pagherà in base all'andamento dei tassi di interesse.

Leggi tutto...

Tagli al budget per l'accoglienza 2019: come funziona in Italia?

Il tema dell’accoglienza dei migranti in Italia è sempre molto delicato e la dimensione del fenomeno è tale da essere diventata una voce di spesa all’interno della Legge di Bilancio. Per l’anno 2019, il Governo prevede un taglio – pari a circa 5 miliardi – alle risorse da destinare all’accoglienza. Le cifre si basano su stime e valutazioni rispetto a quanto definito nel DEF (documento di Economia e Finanza) 2018 dai precedenti Governi.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Il Patto di non concorrenza per il dipendente

Il patto di non concorrenza per il dipendente è disciplinato agli artt. 2125, 2596 e 1795 del codice civile (per lavoratori dipendenti, autonomi e agenti commerciali). Il lavoratore può concordare un pagamento mensile che è soggetto a contributi pensionistici ed integra la retribuzione, oppure alla cessazione del contratto, soggetto agli obblighi e al regime fiscale del TFR.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Protesto cambiale: come comportarsi?

Succede (è sempre successo e continuerà a succedere sempre, specie di questi tempi) di sentire storie in cui si parla di cambiali e di mancati pagamenti. Ma cosa succede veramente quando non si è in grado di pagare una cambiale?

Leggi tutto...

Leggi anche...

Quand’è che si parla di Crimine informatico?

Un crimine informatico si caratterizza nell’abuso della tecnologia informatica. Tutti questi reati hanno in comune:

Leggi tutto...
Go to Top