Per alcune persone rappresentano dei semplici passatempi con cui divertirsi sporadicamente, da altre invece sono considerate come l'origine di problemi di varia natura, mentre per lo Stato sono una fonte di entrate annue costanti, le slot machines hanno visto nel corso degli ultimi anni una considerevole diffusione sul territorio, anche grazie all'apertura di locali appositi in diverse città e paesi. Tuttavia, attorno a queste macchinette, spesso, sono sorte anche molte polemiche.

Infatti, queste sono tra i mezzi più utilizzati da quelle persone affette dalla cosiddetta ludopatia, cioè quella malattia legata al gioco d'azzardo e alle scommesse e che porta tali soggetti a giocare in maniera sistematica e incontrollata, creando una sorta di dipendenza patologica dal gioco stesso, con gravi conseguenze sotto l'aspetto economico e sociale. Negli ultimi tempi, tuttavia, anche per arginare tale fenomeno, le autorità governative hanno deciso di incrementare le imposte sulle slot machines. Scopriamo come ed in che modo tutto questo è previsto.

Cosa sono le slot machines

Queste non sono altro che macchine elettroniche per il gioco d'azzardo e che si possono trovare facilmente in bar, sale giochi, casinò, centri scommesse e, ultimamente, anche su internet. Per poter giocare si possono utilizzare monete, banconote, gettoni e, negli Stati Uniti, anche delle carte di credito. Di questo genere di macchine ne sono state realizzate diverse tipologie, da quelle "a rulli" fino ai più moderni videopoker o cosiddetti newvideo.

Le imposte su di esse durante questi anni

Per questo genere di apparecchi da gioco, nel corso del tempo, il prelievo a livello di tasse è aumentato considerevolmente, passando nel giro di più di dieci anni (in pratica dal 2007 al 2017) dal 13,5% al 19%. Un ulteriore incremento si è poi determinato a seguito dell'approvazione e successiva entrata in vigore del Decreto Legge 87/2018, conosciuto anche come "Decreto Dignità". Tale normativa prevede infatti un aumento del cosiddetto Prelievo Erariale Unico (Preu) su slot machines e videolottery.

Tale incremento, destinato a compensare economicamente il divieto delle pubblicità su scommesse e giochi ed i mancati introiti per lo Stato (con perdite stabilite in 147 milioni di Euro nel 2019 e 198 nel 2020), sarà graduale e distribuito lungo diversi mesi ed anni. Un iniziale aumento è stato disposto col primo Settembre 2018 e che ha portato il prelievo sulle slot machines al 19,25% e sulle videolottery al 6,25% sull'ammontare complessivo delle somme giocate. Nell'introito delle tasse, comunque, si comprende anche la parte che rientra come vincita nelle tasche dei giocatori.

Le imposte dal 2019

Tale quota percentuale d'incremento di queste, stabilito appunto a partire dal primo Settembre 2018, si protrarrà fino al 30 Aprile 2019, quando scatterà il secondo aumento programmato. Infatti, col primo Maggio 2019, il Preu sulle slot machines arriverà al 19,5%, mentre quello sulle videolottery al 6,5%. Poi, a partire dal primo Gennaio degli anni successivi, sono previsti lievi ulteriori incrementi di tale prelievo, per attestarsi definitivamente nel 2023.

Tuttavia, sebbene questa legge sia relativamente recente, in questi ultimi tempi, tra le diverse decisioni approntate per la manovra economica dello Stato 2019 o Legge di Bilancio, si è stabilito di incrementare il Preu su slot machines e videolottery già dal primo Gennaio 2019 (anziché attendere il Maggio del suddetto anno, come precedentemente previsto) e portandolo al 19,75% sulle prime e al 6,75% sulle seconde. Comunque, tale decisione dovrà passare l'iter procedurale del Parlamento e, di conseguenza, potrebbe subire delle modifiche.

Comunque, mentre quest'ulteriore decisione si prevede possa portare nelle casse dello Stato un introito di circa 250 milioni di Euro in più nel 2019, il consiglio regionale del Veneto ha presentato alle Camere una proposta di legge che mira ad un taglio considerevole delle slot machines. In effetti, considerando, come detto, le varie polemiche sorte su queste macchinette elettroniche, sia l'incremento del prelievo fiscale che un eventuale taglio del loro numero, potrebbe determinare un'indiretta riduzione delle problematiche economico-sociali collegate ad esse.

Differenze tra imposte indirette e dirette

Ovviamente qualunque sia il soggetto ad offrire il servizio inerente alle slot machine ha l’obbligo di pagare delle imposte allo Stato Italiano. A tal proposito, in questo mondo tanto contorto quanto ammaliante per la mente umana, vi sono delle imposte che gravano sulle somme giocate mediante slot machine. Queste si differenziano in due categorie: quelle indirette e quelle dirette.

Imposte Indirette - Le imposte ritenute e ribattezzate indirette sono tre e sono:

  • Il Preu, ovvero il prelievo erariale unico, che coinvolge tutti gli apparecchi che elargiscono i premi in denaro. Essendo soggette al pagamento di questa imposta ovviamente sono esenti da IVA;
  • L’Isi è l’imposta sugli intrattenimenti e coinvolge tutti gli apparecchi che non elargiscono somme in denaro.
  • L’Iva, anche questa coinvolge solo ed esclusivamente gli apparecchi che non elargiscono premi in denaro e non è altro che l’imposta sul valore aggiunto.

Doveroso a questo punto fare una distinzione tra gli apparecchi soggetti al pagamento del Preu e quelli soggetti al pagamento dell’Isi e dell’Iva. Nel primo campo rientrano le slot machine che come detto elargiscono premi direttamente in denaro (per rendere l’idea provate a pensare alle slot che si trovano nei casinò), nel secondo invece rientrano i videogames che richiedono l’inserimento di gettoni senza rilasciare premi in denaro, il calciobalilla, le freccette, le bocce e i giochi similari.

Ultima precisazione che va ribadita è quella inerente al Preu che è dovuto dal Concessionario e viene determinato solo ed esclusivamente sulle somme giocate. Lo stesso Concessionario, tra l’altro, è tenuto al pagamento di un canone all’Azienda Autonoma dei Monopoli di Stato.

Imposte dirette - come già anticipato esistono anche le imposte dirette che ovviamente hanno canoni del tutto differente da quelle indirette.
Le imposte dirette, infatti, si applicano direttamente sui ricavi di competenza che vengono conseguiti mediante l’utilizzo sia degli apparecchi che elargiscono vincite in denaro che non. Gli apparecchi, infatti, costituiscono i ricavi da reddito d’impresa e come per tutti gli altri redditi viene applicato il principio di competenza.

Il ricavo netto, sia per il gestore che per l’esercente, deve essere rappresentato a norma di legge solo ed esclusivamente dai compensi loro spettanti.


Potrebbe interessarti

Il comodato oneroso: come funziona in diritto?

Nel diritto ci troviamo di fronte al comodato quando abbiamo un contratto attraverso cui un soggetto definito comodante, consegna ad un secondo soggetto detto comodatario, un bene mobile o immobile, con lo scopo di servirsene per un periodo determinato, avendo l'obbligo di restituire il bene al termine del suo utilizzo: è dunque ciò che normalmente chiamiamo come prestito, ma a volte può essere considerato anche il comodato oneroso

Privacy su Twitter: ti spieghiamo come funziona davvero

Privacy su Twitter

Uno degli ultimi nati fra i servizi di social network è Twitter, noto anche come il microblogging più diffuso e veloce del mondo. Twitter infatti offre agli utenti una pagina personale aggiornabile con brevi messaggi di testo della lunghezza massima di 140 caratteri.

Area edificabile: ecco le caratteristiche estrinseche

Area edificabile

Le caratteristiche che rendono un'area edificabile sono di tre tipi: estrinseche, intrinseche e giuridiche.

Codice civile italiano: ecco tutte le indicazioni per comprenderlo

Codice civile italiano

Il diritto di famiglia è un argomento molto presente nel codice civile italiano. Il codice civile italiano infatti rivolge alla famiglia il primo libro, dal titolo "Delle persone e della famiglia".

Tipi di referendum: se non li conosci tutti, scopriamo quanti ce ne sono

Il referendum (dal gerundivo latino REFERO), può essere una pratica democratica di frequente utilizzo, a differenza dal plebiscito.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Scadenza della cambiale: come comportarsi?

Una cambiale è un titolo di credito all'ordine: questo significa che chi ne è in possesso, ha il diritto senza condizioni di farsi pagare la somma indicata entro la data di scadenza riportata sul titolo. Prima di vedere cosa succede quando non si rispettano i tempi di scadenza della cambiale, diamo qualche altra informazione generale.

Il cuneo fiscale: ecco perché la questione ti riguarda da vicino!

cuneo fiscale

Molti economisti sono fermamente convinti che sia impossibile determinare una quantità di cuneo fiscale ideale, perché in ogni paese la sua cifra varia in base al bilancio statale, alla sua condizione economico-contabile ecc. 

Cos'è lo scudo fiscale? Scopriamolo insieme

Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta esattamente, almeno a livello di diritto fiscale e tributario, quando si utilizza il termine scudo fiscale.

Leggi anche...

Mobilità e Licenziamento nel diritto dei lavoratori: per saperne di più

Con il termine mobilità si indica il licenziamento collettivo (il datore di lavoro può adottare questo tipo di provvedimento in presenza di condizioni previste dalla legge 223/91). Le imprese possono reclamare la mobilità per le seguenti cause: riduzione di personale, trasformazione di attività o fallimento (in questo caso le imprese devono comunque avere più di 15 dipendenti).

Leggi anche...

Patente a punti: sai davvero come funziona dopo la riforma?

immagine per Patente a punti

Con la riforma del sistema delle patenti in Italia, avvenuta nel 2003, il codice della strada ha stabilito che ogni titolare di patente o patentino CIG abbia in dotazione, al momento del conseguimento della patente a punti, un totale di 20 punti.

Go to Top