Il decreto penale è un atto di diritto processuale penale pensato dall'art.459 c.p.p. Con questo decreto si stabilisce un procedimento deflattivo del dibattimento (il soggetto cui è diretto il decreto può impugnare l'atto obiettandosi e avviando il giudizio ordinario). Il decreto penale può essere proposto solo dal Pubblico Ministero al G.I.P nei casi previsti dall'art.459. 

Nei procedimenti per reati perseguibili di ufficio ed in quelli perseguibili a querela se questa è stata validamente presentata e se il querelante non ha nella stessa dichiarato di opporvisi, il pubblico ministero, quando ritiene che si debba applicare soltanto una pena pecuniaria, anche se inflitta in sostituzione di una pena detentiva, può presentare al giudice per le indagini preliminari, entro sei mesi dalla data in cui il nome della persona alla quale il reato è attribuito è iscritto nel registro delle notizie di reato e previa trasmissione del fascicolo, richiesta motivata di emissione del decreto penale di condanna, indicando la misura della pena. 

Cerchiamo, a questo punto, di spiegare in termini più semplici di cosa si tratti. Il "Decreto Penale di Condanna" rappresenta un procedimento speciale previsto dall'ordinamento giuridico italiano per ridurre i tempi della giustizia e si caratterizza per l'emissione di una sentenza di un giudice, ma senza le parti ed un dibattimento e quindi senza un vero e proprio processo (cosiddetta sentenza Inaudita altera parte).
Questo tipo di giudizio viene emesso in casi particolari, cioè quando l'accertamento riguardi reati di modesta entità. Un esempio si ha quando si vendano in Italia modeste quantità di tabacchi lavorati all'estero e di contrabbando. In generale, il decreto penale può essere richiesto per reati perseguibili d'ufficio o perseguibili a querela (se il querelante non vi ha dichiarato opposizione); quando è applicabile una pena pecuniaria in sostituzione di quella detentiva o quando sussistano evidenti prove di responsabilità dell'imputato.

Requisiti dell'atto sono stabiliti dall'art.460 c.p.p.. 

Il decreto penale di condanna deve contenere: 

  • le generalità dell’imputato
  • l’enunciazione del fatto
  • la concisa esposizione dei motivi di fatto e di diritto su cui la decisione è fondata
  • il dispositivo
  • l’avvertimento all’imputato e alla persona civilmente obbligata per la pena pecuniaria che, in caso di mancata opposizione, il decreto diviene esecutivo
  • l’avviso che l’imputato e la persona civilmente obbligata per la pena pecuniaria hanno la facoltà di nominare un difensore
  • la data e la sottoscrizione del giudice e dell’ausiliario che lo assiste. 

Un decreto penale di condanna consente, ad un Pubblico Ministero che lo richiede, di proporre una pena ridotta fino alla metà rispetto a quella minima prevista dall'ordinamento giuridico. Inoltre, tale decreto permette poi all'imputato di non pagare le spese processuali e di vedere cancellato il reato se nei due anni (in caso di contravvenzione) o cinque anni successivi (in caso di delitto) non commetta ulteriori reati. Tuttavia, il procedimento per decreto penale non può essere ammesso quando vi sia necessità di applicazione di misure di sicurezza personale.Il giudice che accoglie la richiesta del Pubblico Ministero ha la facoltà di decidere se approvarla o meno (nel secondo caso restituisce gli atti). Nel primo caso emette il decreto penale di condanna, applicando la pena. L'opposizione è disciplinata dall'art.461: 

L’opposizione è inammissibile, oltre che nei casi indicati nel comma 2, quando è proposta fuori termine o da persona non legittimata. 

Se non è proposta opposizione o se questa è dichiarata inammissibile, il giudice che ha emesso il decreto di condanna ne ordina l’esecuzione. Contro l’ordinanza di inammissibilità l’opponente può proporre ricorso per cassazione (606).

In pratica, l'opposizione può essere presentata dall'imputato o dal difensore di questi entro 15 giorni dalla notifica del decreto penale e richiedere un processo tradizionale (giudizio immediato) oppure un rito cosiddetto speciale. In quest'ultimo caso, è possibile definire il processo stesso con un patteggiamento oppure un giudizio abbreviato o, ancora, con un'oblazione (cioè il pagamento allo Stato di una somma di denaro prestabilita e che determina l'estinzione del reato stesso) oppure, infine, con la messa alla prova, cioè con dei lavori socialmente utili.

 





Potrebbe interessarti

Modulo disdetta Mediaset Premium

Molte sono oggi le persone che si interessano al mondo dell’intrattenimento telematico e si fanno intestatarie di un abbonamento a Mediaset Premium, uno dei più grandi servizi di intrattenimento TV maggiormente getttonati ad oggi, Mediaset Premium offre una vasta scelta di servizi, da sempre propone il meglio del calcio, i film più recenti e più acclamati, serie tv seguite in tutto il mondo e ancora tanto intrattenimento per bambini con tantissimi cartoni animati e documentari sugli animali e sulla natura.

Leggi tutto...

Affidamento congiunto: come regolarsi?

Non sempre l'unione di due coniugi va a buon fine. Spesso per incomprensioni o altro si decide di separarsi e divorziare e di non condividere più insieme la vita di coppia e l'educazione dei propri figli; a pagare maggiormente per la fine di un matrimonio sono infatti proprio i figli della coppia.

Leggi tutto...

I Presidenti della Repubblica Italiana

La Repubblica Italiana ha avuto, al 2011, 11 presidenti della Repubblica.

Leggi tutto...

La legge sulla banda larga in Italia

Qualcosa si muove nel settore della rete a banda larga in Italia. Infatti, in quella che possiamo considerare l'agenda del digitale in Italia, veniamo a sapere dal Sole 24 ore che è tonata alla ribalta il cosiddetto piano di sviluppo in materia.

Leggi tutto...

Commissione dell'Unione Europea: metodologia di giudizio della legge di bilancio

Ogni anno, il Governo approva la Legge di Bilancio con le previsioni di spesa per l’attuazione di una serie di misure intese a favorire lo sviluppo economico del Paese. In quanto Stato Membro dell’UE, l’Italia – come tutti gli altri paese membri – è tenuta a presentare la bozza della Legge di Bilancio in sede di Commissione Europea ai fini di un’approvazione, in quanto un bilancio troppo discostato dalle linee guida europee potrebbe rappresentare un potenziale rischio di instabilità per tutta l’Area Euro.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

CAF UIL di Roma: vediamo a chi rivolgersi

I CAF, o centri di Assistenza Fiscale, sono delle organizzazioni importantissimi per chi ha bisogno di una mano dal punto di vista della materia fiscale. Per quanto riguarda gli iscritti alla UIL di Roma, è possibili usufruire dei servizi di centri particolari, rivolti esclusivamente a questo tipo di profili.

Leggi tutto...

Connessione internet domestica: cambiare operatore conviene?

L’abbonamento internet è una spesa che, mese dopo mese, incide sul budget sommandosi alle utenze luce e gas e agli altri costi obbligati come la Rc auto. A torto o a ragione, la bolletta per la connessione internet viene percepita tra le più onerose dal consumatore e il suo indice di impopolarità è paragonabile a quello delle bollette della luce e del gas.

Leggi tutto...

Cos’è un’assicurazione RC Professionale?

La polizza di Responsabilità Civile Professionale è obbligatoria per legge dal 13 agosto 2013 per tutti i professionisti che hanno l’obbligo di iscrizione ad un Ordine o un Albo professionale.

Leggi tutto...

Il comitato creditori: di cosa si occupa?

Per quanto riguarda la procedura di fallimento, esistono diverse figure ad esso preposte denominate Organi del fallimento, secondo le norme del diritto commerciale, artt. 23-41 della Legge Fallimentare.

Leggi tutto...

Istruzioni CUD: cos'è, a cosa serve e come si compila

A partire dal 1998, nell'ambito della burocrazia e della documentazione fiscale relativa alla dichiarazione dei redditi, è entrato in vigore il certificato unico dipendente, meglio noto come CUD: cos'è di preciso?

Leggi tutto...

Leggi anche...

Avvocati di Bologna: dove trovarli?

Con il termine avvocato si intende un professionista, laureato in materie giuridiche, che si occupa di rappresentare assistendo o difendendo una parte processuale.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Importo multe: sei sicuro della correttezza del documento che ti è arrivato?

Il dramma di ricevere una multa è collegato non tanto al fatto di aver infranto il codice della strada, quanto al pagamento e alla somma da esborsare per poter sistemare la propria situazione di infrazione.

Leggi tutto...
Go to Top