Al giorno d'oggi sono tante le persone che richiedono ad un istituto finanziario oppure ad una banca un prestito o un mutuo, magari al fine di acquistare un immobile oppure per altre necessità familiari. Tali somme di denaro possono essere concesse poi con un tasso d'interesse fisso o variabile. Tuttavia, prima di andare a sottoscrivere un contratto di mutuo, è importante conoscere diversi elementi che vanno a contribuire alla somma che un soggetto dovrà pagare come singola rata mensile.

Tra questi elementi fondamentali da conoscere, vi è il cosiddetto Eurirs che, come andremo in seguito a spiegare approfonditamente, rappresenta un tasso su cui vengono calcolati gli interessi fissi di un mutuo, che una persona dovrà corrispondere ad un ente finanziario. L'Eurirs si applica soltanto a questa tipologia particolare di prestiti, mentre per quelli ad interessi variabili si applicherà invece il cosiddetto Euribor, che rappresenta un altro genere di tasso, come vedremo successivamente. Andiamo comunque ad approfondire meglio l'argomento.

L' Eurirs è il tasso di riferimento che indica l’interesse medio al quale i principali istituti di credito europei stipulano swap a copertura del rischio di interesse. Il suo andamento è calcolato giornalmente dalla European Banking Federation, un'organizzazione nata nel 1960, alla quale appartengono 5.000 banche europee che operano in 31 Paesi, con asset in attivo per un valore di 30.000 miliardi di euro.

Questa federazione si fa portavoce del mondo bancario e interlocutore con le istituzioni comunitarie di Bruxelles, per le legislazioni di settore. La Federazione Bancaria Europea raccoglie dunque i principali istituti di credito dell'UE. E’ bene sottolineare che Eurirs e Euribor non sono indicizzati al tasso di sconto e alla politica monetaria decisi dalla BCE.

Quando viene pubblicato l'andamento Eurirs

La pubblicazione dell’andamento dell’euris non avviene nè nel sito ufficiale della FBE nè tramite un periodico o uno dei circuiti stampa utilizzati per l'informativa finanziaria: è dunque spesso usato come tasso base per calcolare interessi fissi, come quello dei mutui.

Diamo importanza al fatto che questo indice dipende dalla durata del prestito e non dall'ammontare del capitale. Come gli altri tassi di interesse maggiore è la durata del prestito e maggiore sarà l'Euris da applicare. Per quanto concerne i prestiti a tasso fisso, il creditore subisce un rischio di mercato, legato a una variazione dei tassi di interesse.

Se i tassi di interesse scendono al di sotto del tasso capitale la banca ci guadagna. Se al contrario i tassi di interesse salgono la banca subisce una perdita pari alla differenza fra i due tassi. Per tutelarsi dal rischio la banca stipula dei contratti in strumenti derivati, gli swap.

Il prezzo di questi derivati può essere espresso come interesse percentuale sull'ammontare dei prestiti a tasso fisso riassicurati. L'Interest Rate Swap è infine il tasso di interesse al quale le banche ottengono gli swap, ed è una media degli interessi applicati agli swap pesata per i volumi di scambio.

L’Eurirs (acronimo di Euro Interest Rate Swap ossia tasso per gli swap su interessi) è spesso usato come tasso base per calcolare interessi fissi, ad esempio come quelli dei mutui.
A questo va aggiunto lo SPREAD un’aliquota che rappresenta il ricavo percepito dall’istituto di credito che eroga il finanziamento. Lo spread varia in media tra l’0,50% ed il 2%.

La rilevazione dell’Eurirs viene rinnovata in base all’andamento del mercato finanziario, per questo occorre tenere presente i valori relativi al periodo in cui viene effettuato il prestito.
Il tasso di interesse quindi viene calcolato indicativamente applicando la seguente formula:
Tasso di interesse = EURIRS (durata mutuo) + spread

L’Euribor (acronimo di Euro Inter Bank Offered Rate ossia tasso interbancario di offerta in euro) al contrario è il tasso base per calcolare interessi a tasso variabile. Anch’esso viene calcolato giornalmente dalla Federazione Bancaria Europea, ed indica il tasso di interesse medio delle transazioni finanziarie in euro tra le principali banche europee. L’Euribor è un indicatore affidabile del costo del denaro a breve termine.

Lo stesso livello dell'Eurirs può variare comunque da una banca ad un'altra, in base a svariati criteri di rilevamento di questo genere particolare di tasso medio utilizzato in molteplici istituti di credito, operanti nell'ambito dell'Unione Europea. Per avere un'idea, la percentuale quindi dell'Eurirs può oscillare approssimativamente tra lo 0,1% di un prestito a 5 anni e l'1,07% per uno di durata trentennale, secondo le più recenti rilevazioni.

Tale differenza è perfettamente comprensibile e si può spiegare col livello di rischio insito nella concessione di un finanziamento ed a cui si sottopone un istituto di credito. Se il prestito è a breve periodo, il tasso d'interesse è ridotto in quanto il rischio è minimo. Nel caso invece di un prestito di lungo periodo, gli interessi da pagare sono maggiori a causa del rischio più elevato e connesso appunto alla prolungata durata del finanziamento. Comunque, a questa cifra indicativa dell'Eurirs poi, come abbiamo visto, va abbinato anche quella dello Spread.

Cos’è lo SWAP?

Lo Swap nella finanza, appartiene alla categoria degli strumenti derivati, e consiste nello scambio di flussi di cassa tra due controparti.
Nell’accordo di swap vengono definite le date in cui dovranno aver luogo i pagamenti ed il modo in cui saranno calcolati.
Possiamo distinguere due tipi di swap: swap di interessi e swap di valute.

Lo swap di interessi (Interest Rate Swap, IRS) è un contratto stipulato tra due parti che prevede lo scambio periodico di flussi di cassa aventi la natura di interessi e vengono calcolati sulla base di un capitale di riferimento.

Lo swap di valuta (Currency Swap, CS) è un contratto che viene stipulato tra due controparti che si scambiano nel corso del tempo un flusso di pagamenti aventi due differenti valute.

Riassumendo:

  • per Euribor intendiamo il costo del denaro che si scambiano tra banche, ed influenza i tassi variabili sui mutui;
  • per Eurirs la media ponderata delle quotazioni di questi flussi di cassa di interessi, alle quali le banche operanti nell’Unione Europea realizzano l’Interest Rate Swap (I.R.S).




Potrebbe interessarti

Il fenomeno della Surrogazione: vi spieghiamo cos’è

La surrogazione è il fenomeno del subingresso di una terza persona/società nei diritti del creditore verso un debitore. Questo avviene per effetto del pagamento del debito da parte del terzo. Il pagamento di questo tipo è regolato dal codice civile agli artt. 1201-1205 che prevedono tre tipi di surrogazione.

Leggi tutto...

Referendum Nucleare: lo sapevi che...?

A seguito del tragico incidente di Cernobyl avvenuto nel 1986, in Italia fu promosso un referendum sul nucleare, anzi per la precisione si trattò di tre referendum nazionali relativi al settore nucleare.

Leggi tutto...

Cos'è il diritto amministrativo? Proviamo a scoprirlo

Cos'è di preciso il Diritto amministrativo, e quali competenze lo riguardano? Innanzitutto diciamo che si tratta di un ramo del diritto pubblico, e disciplina le attività di perseguimento degli interessi pubblici della pubblica amministrazione e i rapporti tra questa e i cittadini.

Leggi tutto...

La riforma del divorzio breve: ecco in cosa consiste

Non sempre l'unione tra due coniugi va a buon fine. Capita spesso infatti che per motivi di varia natura e legati a diverse incomprensioni tra marito e moglie si prenda la decisione, anche in presenza di figli, di separarsi.

Leggi tutto...

Rilascio passaporto a Milano: dove richiedere il passaporto elettronico

Il passaporto ordinario è un documento che consente l’opportunità di viaggiare soggiornando in tutti gli Stati riconosciuti dalla Repubblica Italiana: il rilascio del passaporto a Milano è consentito a tutti i cittadini italiani ed è, in Italia, una procedura di competenza delle questure.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Cos’è l’Anatocismo? Come si calcola?

La parola anatocismo sta a significare la capitalizzazione degli interessi su un capitale, in modo che siano produttivi di altri interessi (questi interessi vengono poi dichiarati composti). La legge italiana autorizza il pagamento degli interessi legali sulle quote di debito, che non sono state saldate a scadenza. 

Leggi tutto...

Capacità contributiva: gli indici e altre informazioni

Uno dei problemi di cui gli Italiani tendono a lamentarsi spesso, soprattutto negli ultimi anni, è l'eccessivo livello di tasse che sono chiamati a pagare annualmente e che tende a ridurre il reddito che hanno a disposizione mensilmente per sé e la propria famiglia.

Leggi tutto...

Il calcolo della quattordicesima mensilità

La quattordicesima mensilità è un istituto di origine non legale (ha natura contrattuale). La disciplina della quattordicesima fa riferimento alla determinazione delle parti sociali. Abbiamo dunque pensato possa essere utile determinare quali siano gli aspetti più importanti della quattordicesima, rimandandovi eventualmente ai concetti generali sul diritto finanziario. 

Leggi tutto...

Tariffa igiene ambientale: ecco in cosa consiste!

Nei prossimi anni, a seguito del decreto Rochi, la TARSU lascerà il posto alla TIA, o tariffa di Igiene ambientale, il cui scopo è quello di riuscire a far spendere al contribuente la somma reale, relativa all'effettivo utilizzo del servizio in questione.

Leggi tutto...

8 x 1000: la lista dei beneficiari

Al momento della dichiarazione dei redditi, esistono due voci di cui si sente molto parlare e che fanno assai discutere: si tratta della destinazione dell'otto per mille e del cinque per mille. Vediamo nel dettaglio la prima di queste due destinazioni.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Il decentramento amministrativo delle P.A. a favore del cittadino

La Pubblica Amministrazione realizza gli obiettivi definiti in sede politica attraverso l’utilizzo di specifici apparati burocratici. I suoi fini corrispondono con quelli giuridici e sociali dello Stato. Per questo esiste il decentramento amministrativo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Arresti domiciliari: il provvedimento e le regole

Il diritto penale fa parte del diritto pubblico interno e si occupa di definire le dinamiche della pena per coloro che commettono reati più o meno gravi. Il diritto penale va ad analizzare dunque la gravità del reato commesso definendo la giusta pena da infliggere a colui che ha commesso un illecito penale.

Leggi tutto...
Go to Top