La polizza di Responsabilità Civile Professionale è obbligatoria per legge dal 13 agosto 2013 per tutti i professionisti che hanno l’obbligo di iscrizione ad un Ordine o un Albo professionale.

È un’assicurazione che protegge il patrimonio del professionista dai rischi professionali legati allo svolgimento della propria attività. Pagando un premio annuo di polizza assicurativa, la compagnia assicurativa garantisce al professionista dalle richieste di risarcimento presentate da terze parti che potrebbero essere state danneggiate dall’operato dell’assicurato per errori, imperizia, imprudenza, negligenze o omissioni durante l’esercizio della sua attività.

Il costo di un'assicurazione RC professionale annuale varia a seconda dei fattori che concorrono alla definizione del rischio e della copertura. È fondamentale, infatti, che si valutino con attenzione le condizioni proposte, prima della convenienza del preventivo. Secondo l'Art. 5 del dpr 137/2012 (Riforma delle Professioni), i consigli nazionali e gli enti previdenziali dei professionisti possono negoziare convenzioni collettive, tuttavia nulla vieta al professionista di valutare autonomamente altre proposte di assicurazione idonee alla copertura per la Responsabilità Civile nell'ambito dello svolgimento della professione.

A chi si rivolge la polizza di Responsabilità Civile Professionale

A partire dal 15 agosto 2013, tutti i professionisti con obbligo d'iscrizione a un Albo o a un Ordine (professioni regolamentate) devono stipulare un'assicurazione RC Professionale.

È importante precisare che gli estremi della polizza (e le sue eventuali variazioni) devono essere comunicati al cliente e all'Ordine di riferimento. Infatti, il professionista non può assumere l'incarico nei confronti del cliente se prima non è stata attivata la copertura assicurativa.

Possiamo racchiudere i destinatari di questa tipologia di polizza in tre macro aree.

L’area tecnica, l’area medico sanitaria e l’area economica giuridica:

Cosa copre?

L’obbligo di stipulare questa polizza nasce dall’esigenza di assicurare la capacità di risarcimento del professionista nel caso l’attività venga svolta con negligenza, imprudenza o imperizia o nel caso in cui il professionista sia inadempiente. L’RC copre anche i danni nel caso in cui avvenga il danneggiamento, smarrimento o distruzione dei documenti o somme di denaro dei clienti.

La copertura è assicurata sia nel caso di colpa lieve, sia nel caso di colpa grave.

Cosa non copre un’assicurazione RC per i professionisti? Il danno dovuto a dolo è fuori dalla copertura di ogni tipo di assicurazione.

Cosa sapere prima di stipulare una polizza

La polizza RC per i professionisti deve adattarsi perfettamente al tipo di attività svolta, per evitare la copertura di rischi improbabili o la mancata tutela in condizioni con alta probabilità di verificarsi. Le specifiche di ogni tipologia di polizza sono, pertanto, molto dettagliate e articolare e vanno studiare attentamente. Per questo, il confronto tra i vari preventivi deve essere effettuato comparando offerte simili, evitando di orientare la propria scelta solo al risparmio.

È importante, infatti, tenere conto di alcuni elementi fondamentali che rendono la polizza più efficace e sicura. Si tratta di specifiche che andrebbero valutare con attenzione al fine di fare le scelta più adeguata in relazione alla tipologia di attività che il professionista svolge.

Ecco alcuni degli elementi da considerare attentamente:

  • Colpa grave: si tratta di una fattispecie giuridica in cui la colpa vede un aggravamento dovuto a negligenza o imperizia. È uno degli elementi che può far verificare un rifiuto della liquidazione del sinistro da parte della compagnia.
  • Franchigia: una parte del danno da rimborsare a carico dell’assicurato. Si tratta di una cifra fissa e predefinita.
  • Massimale: è la parte più importante da considerare. Può essere stabilito un massimale minimo per legge o arbitrario: esso sarà commisurato all’effettivo rischio economico legato al tipo di professione svolta.
  • Garanzia retroattiva e postuma: le richieste di risarcimento per danno possono essere avanzate dopo anni dalla data della prestazione professionale. Il professionista, quindi, deve valutare il periodo di copertura dell’assicurazione RC professionale.




Potrebbe interessarti

Cos'è e cosa fa la medicina legale?

La medicina legale è un ramo della medicina che si congiunge al diritto, ed è nata per conoscere e applicare le conoscenze mediche al diritto.

Leggi tutto...

Diritto Parlamentare: come funziona?

Anche i deputati e i senatori hanno una branca del diritto costituzionale che regola e si occupa di valutare il corretto andamento della gestione e di tutto quello che concerne il Parlamento. Tutto quello che concerne infatti l’operato del Parlamento rientra nel diritto parlamentare.

Leggi tutto...

Separati in casa: ecco come funziona per la legge italiana

separati in casa

Non sempre l'unione matrimoniale tra due persona va a buon fine. Spesso nascono incomprensioni, divergenze caratteriali, vari cambiamenti negativi all'interno della coppia che possono condurre alla fine del matrimonio. 

Leggi tutto...

Cos’è l’Attività istruttoria

Entriamo nel dettaglio di una delle attività più importanti del processo amministrativo. L'attività istruttoria è infatti un’attività volta ad individuare la realtà dei fatti. Ovviamente precede l'attività di trattazione (che viene inserita per l'individuazione della disciplina giuridica applicabile). 

Leggi tutto...

Diritto di difesa: come usufruirne

Analizziamo oggi in questo articolo un concetto molto importante per la persona. Il Diritto di difesa è infatti uno dei principali diritti riconosciuti all'imputato nell’ambito del diritto processuale penale. Il diritto di difesa è tecnico e sostanziale. Si ha la prima accezione nel momento in cui si ha il diritto e dovere di avere un difensore che guida la parte nel processo tramite consigli tecnici; la seconda con la titolarità dell'imputato stesso che sceglie la tesi sulla quale dibattere la propria posizione.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Accisa: cos'è e come si calcola

 

Da quando è stata costituita l’UE, l’Unione Europea, ogni stato che fa parte dei membri ha scelto di applicare delle imposte riguardanti la fabbricazione di alcuni prodotti che hanno un vasto consumo.

Leggi tutto...

Tabelle redditometro: non devi perderti queste informazioni

Il redditometro è da mesi fonte di numerose polemiche che lo considererebbero violazione della privacy dei cittadini italiani, questo secondo quanto dichiarato da alcuni giudici tributari.

Leggi tutto...

Adempimento dell’obbligazione: come annullare i debiti

L’adempimento dell’obbligazione consiste nell’esecuzione a favore del creditore della prestazione dovuta dal debitore. Quest’ultimo annulla l’obbligazione. L’adempimento deve essere: esatto (fedele a quanto stabilito nel titolo dell’obbligazione), per intero (in linea con le norme dispositive di legge su qualità), nel luogo e nel tempo previsti per l’adempimento dell’obbligazione. La materia è disciplinata dal diritto privato.

Leggi tutto...

Come compilare una cambiale in maniera corretta? Scopriamolo

Quando si ha a che fare con un documento così importante come la Cambiale, è bene conoscerne i dettagli su come compilarla, così da evitare noie legali in un momento successivo. E' importante sapere che si hanno 3 anni a disposizione per provvedere ad eventuali parti omesse.

Leggi tutto...

Fideiussione bancaria: conoscevi queste informazioni?

Con la fideiussione bancaria un soggetto assicura un'obbligazione altrui, impegnandosi nei confronti del creditore del rapporto obbligatorio. Questo tema è accolto dal codice civile italiano all'art. 1936, ai sensi del quale, in tema di diritto finanziario.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Reddito esente IRPEF: scopri come calcolarlo!

L'Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche, abbreviata con l'acronimo IRPEF, è regolata dal Testo Unico delle Imposte sui Redditi, il D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917. Si tratta di un'imposta italiana diretta, personale, progressiva, generale.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Cartella esattoriale Equitalia: scopri come fare per la cancellazione dell'ipoteca!

Aprendo la cassetta della posta, possiamo rischiare l'infarto trovandoci di fronte una cartella esattoriale Equitalia. Riprendiamo il fiato, perchè a quanto pare, una cartella inviata per posta può considerarsi tranquillamente nulla: infatti la Sent. CTP di Milano, 75/26/11 della Commissione Tributaria Provinciale di Milano ha stabilito la nullità di una cartella Equitalia inviata per posta raccomandata, in quanto tali atti devono essere notificati da figure giuridicamente preposte a tale incarico.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Contestare una multa: ti spieghiamo le procedure da fare

immagine per contestare una multa

Per poter contestare una multa è possibile rivolgersi presso due autorità prestabilite: il prefetto oppure il giudice di pace.

Leggi tutto...
Go to Top