La polizza di Responsabilità Civile Professionale è obbligatoria per legge dal 13 agosto 2013 per tutti i professionisti che hanno l’obbligo di iscrizione ad un Ordine o un Albo professionale.

È un’assicurazione che protegge il patrimonio del professionista dai rischi professionali legati allo svolgimento della propria attività. Pagando un premio annuo di polizza assicurativa, la compagnia assicurativa garantisce al professionista dalle richieste di risarcimento presentate da terze parti che potrebbero essere state danneggiate dall’operato dell’assicurato per errori, imperizia, imprudenza, negligenze o omissioni durante l’esercizio della sua attività.

Il costo di un'assicurazione RC professionale annuale varia a seconda dei fattori che concorrono alla definizione del rischio e della copertura. È fondamentale, infatti, che si valutino con attenzione le condizioni proposte, prima della convenienza del preventivo. Secondo l'Art. 5 del dpr 137/2012 (Riforma delle Professioni), i consigli nazionali e gli enti previdenziali dei professionisti possono negoziare convenzioni collettive, tuttavia nulla vieta al professionista di valutare autonomamente altre proposte di assicurazione idonee alla copertura per la Responsabilità Civile nell'ambito dello svolgimento della professione.

A chi si rivolge la polizza di Responsabilità Civile Professionale

A partire dal 15 agosto 2013, tutti i professionisti con obbligo d'iscrizione a un Albo o a un Ordine (professioni regolamentate) devono stipulare un'assicurazione RC Professionale.

È importante precisare che gli estremi della polizza (e le sue eventuali variazioni) devono essere comunicati al cliente e all'Ordine di riferimento. Infatti, il professionista non può assumere l'incarico nei confronti del cliente se prima non è stata attivata la copertura assicurativa.

Possiamo racchiudere i destinatari di questa tipologia di polizza in tre macro aree.

L’area tecnica, l’area medico sanitaria e l’area economica giuridica:

Cosa copre?

L’obbligo di stipulare questa polizza nasce dall’esigenza di assicurare la capacità di risarcimento del professionista nel caso l’attività venga svolta con negligenza, imprudenza o imperizia o nel caso in cui il professionista sia inadempiente. L’RC copre anche i danni nel caso in cui avvenga il danneggiamento, smarrimento o distruzione dei documenti o somme di denaro dei clienti.

La copertura è assicurata sia nel caso di colpa lieve, sia nel caso di colpa grave.

Cosa non copre un’assicurazione RC per i professionisti? Il danno dovuto a dolo è fuori dalla copertura di ogni tipo di assicurazione.

Cosa sapere prima di stipulare una polizza

La polizza RC per i professionisti deve adattarsi perfettamente al tipo di attività svolta, per evitare la copertura di rischi improbabili o la mancata tutela in condizioni con alta probabilità di verificarsi. Le specifiche di ogni tipologia di polizza sono, pertanto, molto dettagliate e articolare e vanno studiare attentamente. Per questo, il confronto tra i vari preventivi deve essere effettuato comparando offerte simili, evitando di orientare la propria scelta solo al risparmio.

È importante, infatti, tenere conto di alcuni elementi fondamentali che rendono la polizza più efficace e sicura. Si tratta di specifiche che andrebbero valutare con attenzione al fine di fare le scelta più adeguata in relazione alla tipologia di attività che il professionista svolge.

Ecco alcuni degli elementi da considerare attentamente:

  • Colpa grave: si tratta di una fattispecie giuridica in cui la colpa vede un aggravamento dovuto a negligenza o imperizia. È uno degli elementi che può far verificare un rifiuto della liquidazione del sinistro da parte della compagnia.
  • Franchigia: una parte del danno da rimborsare a carico dell’assicurato. Si tratta di una cifra fissa e predefinita.
  • Massimale: è la parte più importante da considerare. Può essere stabilito un massimale minimo per legge o arbitrario: esso sarà commisurato all’effettivo rischio economico legato al tipo di professione svolta.
  • Garanzia retroattiva e postuma: le richieste di risarcimento per danno possono essere avanzate dopo anni dalla data della prestazione professionale. Il professionista, quindi, deve valutare il periodo di copertura dell’assicurazione RC professionale.


Potrebbe interessarti

Privacy su Twitter: ti spieghiamo come funziona davvero

Privacy su Twitter

Uno degli ultimi nati fra i servizi di social network è Twitter, noto anche come il microblogging più diffuso e veloce del mondo. Twitter infatti offre agli utenti una pagina personale aggiornabile con brevi messaggi di testo della lunghezza massima di 140 caratteri.

Contratto di spedizione: differenze con il contratto di trasporto

contratto di spedizione

Vediamo ora nel diritto commerciale come sono regolati i cosiddetti contratti di spedizione.

Fedina Penale: i dettagli su consultazione e rilascio

fedina penale

Una delle cose più importanti in materia di diritto penale è sicuramente il certificato penale, meglio conosciuta come fedina penale. Per essere un buono ed onesto cittadino ai sensi della Legge e nei confronti dello Stato, è infatti fondamentale avere una fedina penale pulita.

Marca da bollo per il passaporto: concessione governativa per l’espatrio

Marca da bollo per il passaporto

Il passaporto è un documento richiedibile da tutti i cittadini italiani che consente di attraversare i confini degli Stati riconosciuti dalla nostra Repubblica. Il passaporto viene rilasciato essenzialmente dalle questure, quando non da uffici particolari investiti di tale abilità, in seguito alla consegna di tutta una documentazione particolare nella quale è compreso un versamento al Ministero dell’Economia e delle Finanze e l’apposizione di una apposita marca da bollo per il passaporto.

Perquisizione personale: sai quando è davvero necessaria?

immagine per La perquisizione personale rappresenta un mezzo di ricerca della prova, disciplinato agli art. 247 e seguenti del codice di procedura penale. È un’attività che cerca di individuare il corpo del reato o prove pertinenti al reato.

La perquisizione personale rappresenta un mezzo di ricerca della prova, disciplinato agli art. 247 e seguenti del codice di procedura penale. È un’attività che cerca di individuare il corpo del reato o prove pertinenti al reato.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Imposta IRES: cos'è e come si calcola. Ecco il nostro approfondimento

imposta ires

Nell'ambito delle imposte cui è soggetto il cittadino italiano, è bene essere a conoscenza di tutte quelle che gravano ogni anno sul reddito del contribuente. Fra le imposte dirette, ovvero quelle che gravano in maniera diretta sulla ricchezza del contribuente, troviamo le seguenti: IRPEFIRESIRAPICI, imposta sostitutiva su interessi e proventi da obbligazioni.

Rendita catastale per l'IMU: cosa bisogna sapere esattamente?

 Rendita catastale IMU

Cosa si intende per rendita catastale per l'IMU? Si tratta in pratica di un valore a cui andiamo ad applicare una aliquota, in modo da calcolare il valore effettivo delle imposte da pagare. Nel caso di imposte dirette, la base imponibile va ad essere calcolata per una sua applicazione al reddito delle deduzioni e riduzioni fiscale.

Esempio per il calcolo IMU: strumenti e simulazioni

Esempio per il calcolo IMU

Per quanto riguarda esempi di calcolo dell'IMU, si parla di un valore pari a circa il triplo della vecchia ICI.

Leggi anche...

Conciliatore professionista: di cosa si occupa questa figura?

conciliatore

Con l'attuazione del decreto legislativo 4 marzo 2010, n. 28, e la conseguente riforma del processo civile in materia di mediazione, la figura del mediatore conciliatore ha assunto un ruolo chiave nell'ambito della risoluzione di determinate questioni legali.

Leggi anche...

Multe per divieto di sosta: ecco i dettagli sull'argomento

immagine per Multe per divieto di sosta

Le multe per divieto di sosta possono essere comminate o perchè non viene rispettato il segnale di divieto, oppure perchè non si è messa in mostra la ricevuta per la sosta in un'area dove è previsto il pagamento.

Go to Top