Ogni ambito del diritto predispone di determinate leggi, regole da seguire; anche il diritto commerciale, infatti si muove su dinamiche di trasformazione, mutazione e cambiamento che hanno alla base strutture bene precise.

Chi si appresta ad entrare nel mondo degli investimenti soprattutto, ma anche coloro che richiedono finanziamenti e mutui e tutti gli italiani che vogliono rimanere sempre aggiornati sull'andamento dell'economia mondiale e italiana in primis, dovrebbe infatti informarsi sulle evoluzioni della borsa e sulle variazioni di determinati valori come lo Spread, i Bot, l'Euribor, l'Irs, i Cct, I titoli di stato, i buoni del tesoro, i bund tedeschi ecc.

Tali indici sono fondamentali non solo per gli investimenti personali di un singolo individuo, ma influiscono in modo davvero dominante anche e soprattutto sull'intera economia di una Nazione. Ecco perché è necessario sapere e conoscere tutto quello che concerne, ad esempio lo Spread, proprio per evitare passi falsi e cercare di risanare inoltre una situazione di crisi.

Recentemente infatti lo Spread è uno dei valori che sta particolarmente a cuore all'Italia; esso sta infatti subendo degli aumenti vorticosi che non fanno di certo bene all'economia della Penisola. Ecco perché, a tal proposito, il Governo Tecnico Monti sta lavorano ed attuando delle riforme che puntino anche a regolare l'andamento dello Spread. Da tenere particolarmente in considerazione ci sono anche: lo Spread bund e il Credit Spread.

Credit Spread, una misura per il rischio di credito: cos'è il credit spread

Il credit Spread viene utilizzato in ambito finanziario per definire l'ammontare che andrà versato all'investitore in merito al rischio di credito (che determina il mancato o il parziale pagamento del credito di un debitore) di un titolo azionario. Il credit Spread rientra infatti nelle cosiddette “misure di credito” assieme a: , zero volatility spread, discount margin, default swap spread, hazard rate,yield spread, asset swap spread, option adjusted spread (OAS).

Il credit Spread si calcola attraverso una differenza tra il tasso di rendimento di una obbligazione, come un Titolo di Stato o un BOT, che può essere considerata a rischio (in gergo si dice di default) e l'ammontare del tasso di un titolo con un rischio molto basso.

Credit Spread, una misura per il rischio di credito: l'interest spread

Altro valore molto importante, anche ai fini del credit spread è l'interest spread che invece rappresenta il il differenziale tra il tasso d'interesse su un debito specifico e un tasso d'interesse di riferimento.

I Titoli di Stato: cosa sono?

Ora vedremo più da vicino cosa sono i titoli di stato, ma prima occorre dire che lo spread influenza molto questi, perché il suo tasso elevato può ripercuotersi sui tassi ai quali lo stato deve emettere i titoli in asta. I titoli di Stato sono delle obbligazioni emesse periodicamente dal Ministero dell'Economia e delle Finanze per conto dello Stato con lo scopo di finanziare e/o coprire il proprio debito pubblico o direttamente il deficit pubblico.
Alla scadenza dell’obbligazione lo Stato rimborsa a colui che ha acquistato il titolo, il capitale iniziale.

Che tipologie esistono?

credit spread

Esistono diverse tipologie di titoli di stato. Il Ministero dell’Economia e delle Finanze emette sul mercato cinque diverse categorie di Titoli. Ciascuno ha diverse caratteristiche in diversi aspetti: Scadenza, rendimento e modalità di pagamento degli interessi dovuti.

I BOT sono sicuramente tra i più conosciuti. Il loro acronimo significa Buoni Ordinari del Tesoro e sono titoli a breve termine che hanno la durata di 3, 6 e 12 mesi. Sono privi di cedole il cui rendimento è dato dallo scarto di emissione.

I BTP Italia sono titoli dalla durata media, infatti possono andare dai 4 ai 6 anni.

I Certificati di Credito del Tesoro (CCT) sono titoli dalla durata di 7 anni e hanno cedole variabili semestrali. Sono legati al tasso Euribor più lo Spread.

I Certificati del Tesoro Zero Coupon (CTZ) sono titoli della durata di 24 mesi, e come i BOT sono privi di cedole.

I Buoni del Tesoro Poliennali (BTP) sono titoli a lunga durata, infatti possono durare 3, 5, 10, 15 e 30 anni, e hanno cedole fisse ogni 6 mesi.

I Buoni del Tesoro Poliennali Indicizzati all’inflazione europea (BTP€i) sono titoli della ditata di 5 e 10 anni, nei quali sia il capitale rimborsato a scadenza, sia le cedole semestrali sono rivalutati in base all'andamento dell'inflazione europea, misurato dall'indice armonizzato dei prezzi al consumo.

L'acquisto dei titoli di stato può essere effettuato sia in asta al momento dell'emissione, sia sul mercato secondario; in ogni caso occorre farlo tramite una banca o un intermediario finanziario.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Principio di legalità: ti sveliamo le indicazioni fondamentali!

principio di legalità

Il principio di legalità è uno dei punti di forza del Diritto Penale: vediamo di cosa stiamo parlando e in che termini questo argomento è collegato ai principi base della Costituzione.

Polizza vita: i motivi più validi per cui stipularla subito

Polizza vita

La vita è come una scatola di cioccolatini: non si sa mai cosa ci può riservare. Per questo una polizza vita può essere davvero conveniente, specialmente se consideriamo che, in caso di bisogno, essa può diventare un validissimo aiuto finanziario, sia come fondo per i familiari, sia come rendita aggiuntiva una volta in pensione.

Referendum Nucleare: ecco un approfondimento completo

A seguito del tragico incidente di Cernobyl avvenuto nel 1986, in Italia fu promosso un referendum sul nucleare, anzi per la precisione si trattò di tre referendum nazionali relativi al settore nucleare.

Il referendum costituzionale del 1946: sai cosa ha significato?

Con il termine referendum, si intende quel particolare strumento democratico grazie al quale gli elettori sono consultati in maniera diretta su determinati temi di rilevo. Essendo una grande conquista nell'epoca della democrazia diretta, il referendum permette agli elettori di fornire il proprio voto su un tema particolare, senza l'intermediazione del Parlamento.

Rinnovo del passaporto scaduto: come e dove si presenta la domanda

Rinnovo del passaporto

In un momento storico in cui viaggiare all’estero è diventato pratica comune per motivi lavorativi e di piacere, avere un passaporto valido è lo strumento essenziale per raggiungere quelle nazioni al di fuori dell’Unione Europea che lo riconoscano, senza bisogno di richiedere un visto per arrivare a destinazione.

I più condivisi

Quattordicesima mensilità: scopri come funziona e come calcolarla

immagine per quattordicesima mensilità

La quattordicesima mensilità è un istituto di origine non legale (ha natura contrattuale). La disciplina della quattordicesima fa riferimento alla determinazione delle parti sociali. Abbiamo dunque pensato possa essere utile determinare quali siano gli aspetti più importanti della quattordicesima, rimandandovi eventualmente ai concetti generali sul diritto finanziario. 

La mediazione commerciale: di cosa si tratta?

Il diritto commerciale è un ramo del diritto privato che regola le attività imprenditoriali; è anche definito come diritto privato delle imprese. Il diritto commerciale è una materia molto vasta e articolata; questa guida vi aiuterà a saperne di più.

Domanda aggregata: ti spieghiamo noi come funziona

immagine di Domanda aggregata

La Domanda aggregata rappresenta la spesa compiuta dai soggetti di un determinato sistema economico. I Consumi da parte delle famiglie, la spesa per Investimenti da parte delle imprese e la spesa in beni e servizi del settore pubblico: tutte componenti fondamentali di questo documento.

Leggi anche...

Società cooperativa europea: quali sono le sue caratteristiche?

Secondo quanto riportato dal codice civile italiano, si viene a determinare una società cooperativa quando tre o più soci vogliano gestire in comune un'impresa, che abbia come scopo principale quello di fornire ai soci stessi una serie di beni o servizi che hanno determinato la nascita della stessa.

Leggi anche...

Cancellazione dell'ipoteca Equitalia: scopri come fare

Cancellazione dell'ipoteca Equitalia

Aprendo la cassetta della posta, possiamo rischiare l'infarto trovandoci di fronte una cartella esattoriale Equitalia. Riprendiamo il fiato, perchè a quanto pare, una cartella inviata per posta può considerarsi tranquillamente nulla: infatti la Sent. CTP di Milano, 75/26/11 della Commissione Tributaria Provinciale di Milano ha stabilito la nullità di una cartella Equitalia inviata per posta raccomandata, in quanto tali atti devono essere notificati da figure giuridicamente preposte a tale incarico.

Go to Top