Con malasanità si intende in generale un episodio in cui si verifica una carenza della prestazione dei servizi professionali rispetto alle loro capacità che causa un danno al soggetto beneficiario della prestazione.

Nel caso ci sentiamo vittime di malasanità, ovvero quando sentiamo che un ente preposto a curare la nostra salute o quella di terzi generi al contrario ulteriore danno fisico, se non addirittura la morte, bisogna in generale seguire il seguente iter, descritto in maniera dettagliata.

Innanzitutto va contattato uno studio legale per informarlo dei fatti accaduti e dell'episodio di malasanità subito o cui si è stato testimoni.

A questo punto, lo studio legale avvierà una perizia, rivolgendosi ad un medico legale competente in materia. Attraverso tale perizia, il medico legale verifica se si tratta di un caso effettivo di malasanità e dunque se procedere nell’azione e in che modo. La perizia è fondamentale, per questo bisogna assicurarsi che il medico legale la svolga nel migliore dei modi.

Nel caso in cui la perizia risulti tale da procedere per vie legali, in quanto si è verificato effettivamente un caso di malasanità e dunque responsabilità legale da parte dell'ente indagato, si possono percorrere le strade della giustizia civile, di quella penale o e entrambe.

Nel primo caso si andrà a dirimere una controversia tra parti, nel secondo si decide la colpevolezza o meno di un uomo. Compito del medico legale quello di capire al meglio la responsabilità in oggetto.

Giudizio penale

In questo caso, la vittima di malasanità dovrà sporgere formale denuncia-querela nei confronti dei presunti responsabili del fatto penalmente illecito e successivamente attendere l’esito delle indagini del PM.

Giudizio civile

Denuncia per malasanità

In questo caso, invece, la vittima di malasanità formulerà richiesta danni direttamente al presidio medico ospedaliero o all’ASL con descrizione scrupolosa dei fatti oggetto dell’illecito.

Se siete vittima di malasanità o vi sentite insoddisfatti in merito ai servizi preposti da una struttura ospedaliera (negligenza medica, vitto e alloggio non conformi, incuria medica, condizioni igieniche o strutturali precarie, attrezzature manchevoli, mancanza del personale medico-sanitario ecc.), esiste un apposito decreto legge che stabilisce di rivolgersi presso, l’URP (Ufficio Relazioni con il Pubblico).

Segnalare un problema all'URP equivale a seguire un determinato iter di denuncia che produrrà una serie indagine per riscontrare la malasanità segnalata.

Come rivolgersi all'URP per la Denuncia per malasanità

La procedura prevede di recarsi presso l’URP del nosocomio in questione (o eventualmente di inoltrarla via mail, fax o telefonicamente), portando con sé il materiale indispensabile a redigere la richiesta, ovvero la cartella sanitaria,i dati dei medici curanti, , date e dettagli sull’eventuale episodio da contestare ecc.
Dopo aver contattato l'URP per la prima segnalazione del caso di malasanità, l'addetto farà redigere una richiesta scritta in cui inserire la relazione dettaglia da spedire all'URP entro 10 giorni.
A questo punto verrà inizializzata un'istruttoria al Direttore Sanitario o al Direttore dell'unità operativa, per verificare l'episodio denunciato di malasanità.

La risposta da parte dell'URP arriverà entro termini di legge, ovvero un massimo di 30 giorni a cui aggiungerne altri 15 in caso di indagine approfondita.
Quando l'URP avrà una risposta esaustiva sul caso di malasanità denunciato dal cittadino, concordata e controfirmata dal Direttore Sanitario o Amministrativo, la farà avere all'utente che potrà decidere in base alla perizia, se avvalersi o meno di un'azione legale.

Il fenomeno della malasanità in generale

Con malasanità si intende in generale un episodio in cui si verifica una carenza della prestazione dei servizi professionali rispetto alle loro capacità che causa un danno al soggetto beneficiario della prestazione.

Nel corso degli anni è stata identificata in in più maniere: Rosenthal nel 1995 la definiva come "una evidente e dimostrata mancanza di conoscenza e/o abilità nella conduzione della pratica clinica".

Dal punto di vista della storia del diritto e dunque del modo di giudicare tali episodi di malasanità, si è visto nel corso dei secoli un sempre maggiore interesse da parte degli organi preposti, al loro monitoraggio e alla loro condanna.
Il giurista inglese Sir William Blackstone nei suoi Commentaries on the Laws of England (1768) parlò di mala praxis (poi diventato malpractice, un concetto giuridico simile a "negligenza") riferendosi all'attività medica.

In seguito il termine venne ripreso nel 1879 su un giornale medico e si diffuse nella fine del XX secolo.

Gli episodi colpiscono molto l'opinione pubblica, generando ampi movimenti di protesta e tutela del diritto dei cittadini vittime di episodi di malasanità. Fra gli episodi più importanti ci fu quello dell'ospedale cardiochirurgico pediatrico di Bristol, in cui dal 1984 al 1995 ci fu un numero elevato di decessi.

In Italia come siamo messi?

Per quanto riguarda l'Italia, l'episodio più evidente di malasanità che si ricordi riguardava il nuovo reparto di terapia intensiva coronarica a Castellaneta (provincia di Taranto) dove in poco tempo morirono 8 persone: ai pazienti veniva fatto inalare azoto invece di ossigeno.

Per tutelare i cittadini da episodi di malasanità esistono diversi organi di controllo: il general medical council, istituito nel 1858, ha come compito quello di controllare l'attività dei medici. Nel nostro paese, invece, è stata istituita una commissione d’inchiesta che deve valutare gli errori in sanità.





Potrebbe interessarti

Legge Bersani telefonia

Con l’avvento della Legge Bersani, sono state introdotte delle misure favorevoli ai consumatori, relativamente alle tariffe telefoniche.

Leggi tutto...

Il comodato oneroso: come funziona in diritto?

Nel diritto ci troviamo di fronte al comodato quando abbiamo un contratto attraverso cui un soggetto definito comodante, consegna ad un secondo soggetto detto comodatario, un bene mobile o immobile, con lo scopo di servirsene per un periodo determinato, avendo l'obbligo di restituire il bene al termine del suo utilizzo: è dunque ciò che normalmente chiamiamo come prestito, ma a volte può essere considerato anche il comodato oneroso

Leggi tutto...

Principio di Offensività: ecco come come agisce nel diritto?

Immagine per principio di offensività

Il Principio di Offensività rappresenta un qualcosa di molto interessante rispetto a quel che riguarda la concezione liberal-democratiaca del reato. Questo principio estromette la punibilità dei fatti per i quali non esiste un’effettiva lesione del bene giuridico protetto.

Leggi tutto...

Separati in casa: ecco come funziona per la legge italiana

separati in casa

Non sempre l'unione matrimoniale tra due persona va a buon fine. Spesso nascono incomprensioni, divergenze caratteriali, vari cambiamenti negativi all'interno della coppia che possono condurre alla fine del matrimonio. 

Leggi tutto...

Ergastolo in Italia: l'art 22 del codice penale spiegato bene

ergastolo in italia

Chi commette un delitto efferato è severamente punito dalla legge italiana. Nei casi più blandi si deve scontare una pena che varia a seconda della gravità del reato commesso. Quando

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Adempimento dell’obbligazione: come annullare i debiti

Adempimento

L’adempimento dell’obbligazione consiste nell’esecuzione a favore del creditore della prestazione dovuta dal debitore. Quest’ultimo annulla l’obbligazione. L’adempimento deve essere: esatto (fedele a quanto stabilito nel titolo dell’obbligazione), per intero (in linea con le norme dispositive di legge su qualità), nel luogo e nel tempo previsti per l’adempimento dell’obbligazione. La materia è disciplinata dal diritto privato.

Leggi tutto...

Le commissioni tributarie: qual è il loro ruolo?

Nell'ambito dell'ordinamento italiano, esistono particolari organi giurisdizionali denominati Commissioni tributarie. Queste sono dei giudici particolari che si esprimono in materia tributaria.

Leggi tutto...

Tasso fisso e variabile: i trucchi per scegliere bene il mutuo

I mutui si distinguono dal fatto di avere un tasso fisso e un tasso variabile. Con i mutui del primo tipo, il cliente versa sempre lo stesso interesse per tutta la durata del mutuo, mentre nel secondo, pagherà in base all'andamento dei tassi di interesse.

Leggi tutto...

Il cuneo fiscale: ecco perché ti riguarda da vicino?

Molti economisti sono fermamente convinti che sia impossibile determinare una quantità di cuneo fiscale ideale, perché in ogni paese la sua cifra varia in base al bilancio statale, alla sua condizione economico-contabile ecc. 

Leggi tutto...

Il codice tributo 4726 e gli studi di settore in materia di adeguamento

L’art. 10 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201 (commi da 9 a 13), convertito con modificazioni, nella legge 22 dicembre 2011, n. 214 (Decreto Monti), ha apportato importanti modifiche alla disciplina relativa agli studi di settore, anche in materia di adeguamento.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Caf Palermo e provincia: ecco dove andare!

Perchè c'è bisogno dei CAF, o centri di Assistenza Fiscale? Queste società si occupano di aiutare i cittadini contribuenti nella compilazione di alcuni moduli e nella verifica dei rapporti da presentare all'Agenzia delle entrate, nonchè di determinare i pagamenti necessari per una corretta gestione delle tasse. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Patteggiamento della pena: quando e come?

Il patteggiamento sulla pena rappresenta un istituto del diritto processuale penale disciplinato dal punto 4 dell'art.2 della legge delega dl 1987 e dall'art. 444 c.p.p. come modificato dalla legge 12 giugno 2003 n.134. Il patteggiamento è dunqueil procedimento caratterizzato dalla richiesta rivolta al Giudice dall'imputato di una sanzione sostitutiva diminuita fino a un terzo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Patente a punti: sai davvero come funziona dopo la riforma?

immagine per Patente a punti

Con la riforma del sistema delle patenti in Italia, avvenuta nel 2003, il codice della strada ha stabilito che ogni titolare di patente o patentino CIG abbia in dotazione, al momento del conseguimento della patente a punti, un totale di 20 punti.

Leggi tutto...
Go to Top