Oggi parliamo dei redditi esenti, categorie di reddito che non devono presentare obbligatoriamente all'interno della dichiarazione. Secondo il diritto italiano, ogni anno i cittadini della Repubblica Italiana devono presentare alla Agenzia delle entrate del ministero delle Finanze la cosiddetta dichiarazione dei redditi, ovvero un documento compilato dai cittadini in cui vengono dichiarati redditi percepiti durante il precedente anno.

Dichiarazione dei redditi: come compilare questo documento

La dichiarazione dei redditi è il documento contabile attraverso il quale il cittadino-contribuente comunica al fisco le proprie entrate, ovvero il proprio reddito, ed effettua i versamenti delle tasse relative a partire dalla base imponibile e dalle aliquote fiscali per ciascuna imposta dovuta. In Italia tale dichiarazione si effettua attraverso la compilazione del cosiddetto modello 730.

Il Modello 730 è un modulo utilizzato in Italia secondo la legge per la dichiarazione dei redditi al fisco, introdotto nel 1993 per la presentazione della dichiarazione dei redditi al fisco relativi all'anno 1992. Fu ideato e progettato nel 1992. Aveva lo scopo principale di provvedere al diritto di rimborso delle tasse a favore dei dipendenti o pensionati dal sostituto d'imposta anziché dai vecchi uffici delle imposte.

Il modello 730 sostituì il modello 740 semplificato. È riservato ai lavoratori dipendenti ed ai pensionati qualora la loro dichiarazione non sia particolarmente complessa. In caso opposto può essere necessario impiegare il cosiddetto modello Uni.Co.

I CAF e i professionisti abilitati devono verificare la conformità dei dati esposti nelle dichiarazioni effettuate col modello 730 alla documentazione esibita dai contribuenti. Nei modelli 730 elaborati dai CAF (o dai professionisti), quindi, vengono indicati, sulla base della documentazione esibita e delle disposizioni di legge, gli oneri deducibili e le detrazioni d'imposta spettanti, le ritenute operate, nonché gli importi dovuti a titolo di saldo o di acconto oppure gli acconti spettanti.

Nella selezione delle dichiarazioni da sottoporre a controllo formale, l'Amministrazione Finanziaria utilizza appositi criteri, diversificati rispetto a quelli utilizzati per la selezione delle dichiarazioni elaborate direttamente dal sostituto d'imposta per le quali non è stato rilasciato il visto di conformità.

Il modello 730 è disponibile anche in versione bilingue italiano-tedesco e italiano-sloveno, per la migliore comprensione da parte degli stranieri.

Vediamo ora quali sono i redditi esenti dalla dichiarazione.

Redditi esenti da dichiarazione: cosa dice la legge

redditi esenti

Sempre secondo il diritto, sono redditi esenti tutta una serie di particolari categorie che percepiscono solamente i seguenti redditi (fonte: www.rai.it):

  • reddito da lavoro dipendente in azienda o impresa o da pensione corrisposto da un unico datore di lavoro, per cui si è obbligati ad effettuare le ritenute d'acconto;

  • redditi da lavoro dipendente in azienda o impresa, con guadagno fisso garantito da parte del datore di lavoro tramite il pagamento di uno stipendio o mensilità, e quelli a questi assimilati corrisposti da più oggetti per un ammontare complessivo non superiore a lire 12.000.000 se le detrazioni per lavoro dipendente spettanti competono per l'intero anno;

  • redditi da lavoro dipendente in azienda o impresa, con guadagno fisso garantito da parte del datore di lavoro tramite il pagamento di uno stipendio o mensilità, corrisposti anche da più soggetti, ma certificati dall'ultimo sostituto d'imposta che ha effettuato il conguaglio.

Sono inoltre redditi esenti dalla dichiarazione:

  • redditi da lavoro dipendente, con guadagno fisso garantito da parte del datore di lavoro tramite il pagamento di uno stipendio o mensilità (corrisposti anche da più soggetti, ma certificati dall'ultimo sostituto d'imposta che ha effettuato il conguaglio) e reddito dei fabbricati, derivante esclusivamente dal possesso dell'abitazione principale e di sue eventuali pertinenze (box, cantina, ecc.)

  • reddito dei fabbricati, derivante esclusivamente dal possesso dell'abitazione principale e di sue eventuali pertinenze (box, cantina, ecc.);

  • redditi dei terreni e dei fabbricati complessivamente non superiori a lire 360.000;

reddito equivalente orig

  • redditi esenti (pensioni di guerra; pensioni privilegiate ordinarie corrisposte ai militari di leva; pensioni, indennità, comprese le indennità di accompagnamento e assegni, erogati dal Ministero dell'Interno ai ciechi civili, ai sordomuti e agli invalidi civili; sussidi a favore degli hanseniani; pensioni sociali). Sono inoltre esenti le borse di studio corrisposte a studenti universitari e altre borse di studio (si veda le istruzioni). Non costituiscono reddito ai fini fiscali le rendite erogate dall'Inail;

  • redditi soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta o a tassa sostitutiva (ad es. interessi sui conti correnti bancari o postali che non sono relativi all'attività d'impresa, interessi sui BOT o su altri titoli del debito pubblico, provvigioni percepite dagli incaricati alle vendite a domicilio).

Speriamo di aver chiarito i vostri dubbi sui redditi esenti dalla dichiarazione.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Marca da bollo per il passaporto: concessione governativa per l’espatrio

Marca da bollo per il passaporto

Il passaporto è un documento richiedibile da tutti i cittadini italiani che consente di attraversare i confini degli Stati riconosciuti dalla nostra Repubblica. Il passaporto viene rilasciato essenzialmente dalle questure, quando non da uffici particolari investiti di tale abilità, in seguito alla consegna di tutta una documentazione particolare nella quale è compreso un versamento al Ministero dell’Economia e delle Finanze e l’apposizione di una apposita marca da bollo per il passaporto.

Diritto di difesa: sai esattamente come usufruirne nelle sedi opportune?

Diritto di difesa

Analizziamo oggi in questo articolo un concetto molto importante per la persona. 

Promessi sposi: una guida su cosa tenere bene a mente per non sbagliare

 matrimonip

Sposarsi è, per molti, il sogno di una vita. Il desiderio di trascorrere il resto dei propri giorni con la persona che si ama è molto poetico, ma per renderlo effettivo bisogna rimanere coi piedi per terra e documentarsi scrupolosamente su tutte le pratiche necessarie per sposarsi. Infatti, se si perde di vista una scadenza si rischia di non poter coronare il proprio sogno nei tempi desiderati e di dover posticipare anche di alcuni mesi.

Il comodato oneroso: come funziona in diritto?

Nel diritto ci troviamo di fronte al comodato quando abbiamo un contratto attraverso cui un soggetto definito comodante, consegna ad un secondo soggetto detto comodatario, un bene mobile o immobile, con lo scopo di servirsene per un periodo determinato, avendo l'obbligo di restituire il bene al termine del suo utilizzo: è dunque ciò che normalmente chiamiamo come prestito, ma a volte può essere considerato anche il comodato oneroso

Registro delle opposizioni: iscrizione per il tuo numero

1imposte

Per tutelare la privacy e gli interessi commerciali dei cittadini, è nato un nuovo servizio, il Registro Pubblico delle Opposizioni. Si tratta di un servizio rivolto ai cittadini il cui numero telefonico è presente nei vari elenchi telefonici pubblici, i quali non desiderano più ricevere telefonate indesiderate collegate a ricerche di mercato o per scopi commerciali.

I più condivisi

Modello F23 editabile, cos’è e quando si deve utilizzare

immagine per Modello F23 editabile

Rispetto ad altri Paesi europei, in Italia purtroppo si è costretti a pagare annualmente diverse tipologie di tasse. Per rendere meno complicato e pesante il loro pagamento, almeno dal punto di vista pratico, negli ultimi anni l’Agenzia delle Entrate ha messo a disposizione dei contribuenti, sul proprio sito internet, alcuni utili strumenti che permettono di poter compilare e stampare dei moduli, utilizzabili appunto per il versamento di alcune imposte.

Imposta IRES: cos'è e come si calcola. Ecco il nostro approfondimento

imposta ires

Nell'ambito delle imposte cui è soggetto il cittadino italiano, è bene essere a conoscenza di tutte quelle che gravano ogni anno sul reddito del contribuente. Fra le imposte dirette, ovvero quelle che gravano in maniera diretta sulla ricchezza del contribuente, troviamo le seguenti: IRPEFIRESIRAPICI, imposta sostitutiva su interessi e proventi da obbligazioni.

8 per mille: elenco dei beneficiari e criteri di inclusione

8 per mille: elenco

Al momento della dichiarazione dei redditi, esistono due voci di cui si sente molto parlare e che fanno assai discutere: si tratta della destinazione dell'8 per mille e del cinque per mille. Vediamo nel dettaglio la prima di queste due destinazioni.

Leggi anche...

Società semplice: come si amministra?

Nell'ambito giuridico delle imprese italiane, viene definita come società semplice quella più elementare. Non può essere utilizzata per esercitare una attività commerciale, e a partire dal 2001 va comunque iscritta presso la sezione speciale del registro delle imprese per le seguenti ragioni: come funzione dichiarativa, per finalità di pubblicità legale.

Leggi anche...

Multe per eccesso di velocità: ecco una guida imperdibile

Immagine di Multe per eccesso di velocità

Le sanzioni e le relativo multe per eccesso di velocità, in seguito alle modifiche portate al codice della strada nell'estate del 2010, vanno a farsi più severe.

Go to Top