Cos'è di preciso il Diritto amministrativo, e quali competenze lo riguardano? Innanzitutto diciamo che si tratta di un ramo del diritto pubblico, e disciplina le attività di perseguimento degli interessi pubblici della pubblica amministrazione e i rapporti tra questa e i cittadini. Il Potere Amministrativo consta nell'organizzazione di mezzi e persone cui è donata la funzione di arrivare ad obiettivi di interesse pubblico.

Quando nasce la disciplina intorno a questo diritto?

L'espressione nasce in Francia per effetto della Rivoluzione francese e si sparge sotto il primo impero. Nella sua fase iniziale questa disciplina mostrava le seguenti caratteristiche:

  • rafforzamento del potere pubblico
  • sottoposizione del potere pubblico a norme speciali
  • centralizzazione dell'attività amministrativa
  • potere regolamentare dell'esecutivo
  • separazione tra funzione amministrativa e funzione giurisdizionale

Il Diritto Amministrativo consiste dunque di:

  • una parte generale che costituisce l'oggetto centrale dei manuali tradizionali
  • una parte speciale che si interessa della sicurezza pubblica
  • una parte processuale

Il Diritto privato della P.A. fonde elementi di privato e di amministrativo. Per il secondo, si distinguono fonti ordinarie, fonti extra ordinem e fonti atipiche. Questi ed altri principi sono alla base delle cd. norme di azione, che educano l'attività dell'Amministrazione.

Connessa alla disciplina dell'attività dell'Amministrazione pubblica è la possibilità di opporsi agli atti assunti in dispregio della legge. Gli strumenti del Diritto Amministrativo si contraddistinguono per il fatto di essere l’effetto dell'esercizio di una funzione pubblica e per avere efficacia esterna rispetto all'ente pubblico da cui promanano.

I principi del Diritto Amministrativo

La fonte principale da cui traggono spunto è la Costituzione ma anche dalle leggi nazioni, comunitarie o dalla giurisprudenza. Nonostante non esista un elenco organico dei principi che muovono il Diritto Amministrativo, è possibile indicarne alcuni:

  • Principio di legalità: si ispira agli articoli 21 e 113 della Costituzione, secondo cui la P.A. debba svolgere la propria attività secondo quanto stabilito dalla legge. Questo, collegato ai principi democratici, serve a tutelare i cittadini ed evitare l’attuazione di poteri autarchici;
  • Principio di imparzialità, indicato dagli articoli 3 e 97 della Costituzione, secondo cui l’Amministrazione (i pubblici uffici) non debba mettere in atto comportamenti discriminatori nei confronti dei soggetti destinatari della sua azione. Inoltre, deve agire indipendentemente dal potere politico ma solo con l’obiettivo di assicurare il buon andamento delle attività;
  • Principio del buon andamento: la P.A. non agisce per conseguire un profitto di tipo economico ma per l’utilità sociale. Un buon andamento significa svolgere le attività in modo efficiente, quindi in maniera tempestiva e indirizzata al compimento del bene pubblico;
  • Principio di autonomia e decentramento: ispirati all’art. 5 Cost., in cui si riconoscono le autonomie locali e il decentramento amministrativo (affidamento delle funzioni alle Regioni, Province e Comuni);
  • Principio di sussidiarietà verticale: collegato al precedente, prevede che i livelli di governo più vicini ai cittadini debbano avere funzioni specifiche;
  • Principio di leale collaborazione: fa riferimento ai rapporti tra gli uffici amministrativi e in particolare al potere del governo di sostituire gli enti territoriali quando questi non eseguano le funzioni in maniera legale.

La Pubblica Amministrazione in Italia

Si tratta del complesso di organi ed uffici che fanno capo al Governo e agiscono per conto dello Stato. La loro attività è di amministrazione secondo le norme di diritto pubblico nonché diritto amministrativo.
La P.A., come già detto, è una struttura complessa all’interno del sistema burocratico di un Paese. Con il termine “amministrazione” possiamo riferirci alla funzione amministrativa nel senso della cura della cosa pubblica attraverso le norme giuridiche; e anche alla sede fisica in cui viene svolta l’attività, per questo si fa riferimento ad esso anche con il termine “apparato amministrativo”.


Potrebbe interessarti

Cos’è il Decreto penale? Art. 459 cpp

Il decreto penale è un atto di diritto processuale penale pensato dall'art.459 c.p.p. Con questo decreto si stabilisce un procedimento deflattivo del dibattimento (il soggetto cui è diretto il decreto può impugnare l'atto obiettandosi e avviando il giudizio ordinario). Il decreto penale può essere proposto solo dal Pubblico Ministero al G.I.P nei casi previsti dall'art.459. 

Come disdire l'abbonamento Sky grazie al decreto Bersani

In materia di liberalizzazioni, uno dei capisaldi degli ultimi anni è senza dubbio il decreto bersani, convertito in Legge Bersani n. 248 del 4 agosto 2006. La legge Bersani è nota appunto come legge sulle liberalizzazioni, e contiene una serie di misure che hanno l'obiettivo di tutelare innanzitutto i consumatori, e di rendere più flessibile il mercato.

Legge Bersani telefonia

Con l’avvento della Legge Bersani, sono state introdotte delle misure favorevoli ai consumatori, relativamente alle tariffe telefoniche.

Visto per l'Australia: come ottenerlo se si hanno precedenti penali

visto australia

Per poter andare in Australia, anche se per un periodo massimo di tre mesi, è necessario ottenere un visto per l'Australia con una procedura che può ormai essere tranquillamente realizzata on-line. Più complessa è la situazione nel caso in cui il soggetto richiedente abbia dei precedenti penali

Copyright web: come si applica rispetto al diritto d'autore

Scrivere contenuti per i siti internet può essere molto soddisfacente, in quanto è un modo completamente gratuito per esprimere le proprie idee ad un pubblico vasto e spesso sconosciuto.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Modello F23 editabile, cos’è e quando si deve utilizzare

immagine per Modello F23 editabile

Rispetto ad altri Paesi europei, in Italia purtroppo si è costretti a pagare annualmente diverse tipologie di tasse. Per rendere meno complicato e pesante il loro pagamento, almeno dal punto di vista pratico, negli ultimi anni l’Agenzia delle Entrate ha messo a disposizione dei contribuenti, sul proprio sito internet, alcuni utili strumenti che permettono di poter compilare e stampare dei moduli, utilizzabili appunto per il versamento di alcune imposte.

Le imposte dirette nel diritto tributario: scopriamo di più

imposte dirette

Un'imposta è un tributo, ovvero una delle voci di entrata del bilancio dello Stato. Consiste in un prelievo coattivo di ricchezza da un dato cittadino contribuente, non è connesso ad una prestazione da parte dello Stato o degli altri enti pubblici per servizi resi al cittadino ed è destinata alla copertura della spesa pubblica.

Cos’è un’assicurazione RC Professionale?

La polizza di Responsabilità Civile Professionale è obbligatoria per legge dal 13 agosto 2013 per tutti i professionisti che hanno l’obbligo di iscrizione ad un Ordine o un Albo professionale.

Leggi anche...

Decentramento amministrativo delle P.A.: va a favore del cittadino

decentramento amministrativo

La Pubblica Amministrazione realizza gli obiettivi definiti in sede politica attraverso l’utilizzo di specifici apparati burocratici. I suoi fini corrispondono con quelli giuridici e sociali dello Stato. Per questo esiste il decentramento amministrativo.

Leggi anche...

Multe per divieto di sosta: ecco i dettagli sull'argomento

immagine per Multe per divieto di sosta

Le multe per divieto di sosta possono essere comminate o perchè non viene rispettato il segnale di divieto, oppure perchè non si è messa in mostra la ricevuta per la sosta in un'area dove è previsto il pagamento.

Go to Top