Un cittadino italiano dovrebbe avere sempre garantito un posto di lavoro; il diritto al lavoro è infatti importantissimo per una Nazione e una società civile intesa come tale e che si rispetti. Il lavoro andrebbe infatti concesso a chiunque senza distinzione alcuna, evitando anche fenomeni di discriminazione sessuale e/o razziale come invece spesso accade anche in Italia.

Il lavoro deve essere concesso anche a coloro che hanno determinate forme più o meno gravi d'invalidità e ai disabili. Tutto ciò viene definito e regolamentato dalla Costituzione Italiana stessa e dia principali contratti collettivi di categoria, che si occupano altresì della difesa e della tutela di tutti i diritti dei lavoratori stessi.

In materia di diritto del lavoro e principale fonte di rivendicazione sociale e lavorativa del lavoratore stesso, rientra il diritto allo sciopero.

Quest'ultimo ha visto, nel corso dei decenni, un faticoso e complesso passaggio dall'essere considerato reato (così veniva ritenuto dalla legislazione italiana per quasi un secolo, escludendo un breve periodo negli ultimi anni del XIX° secolo) ad avere legittimità costituzionale come diritto, così come scritto e disciplinato dall'articolo 40 della suprema carta normativa italiana. Quest' articolo non solo regolamenta tale legittimo diritto, ma stabilisce che esso si esercita all'interno delle norme che lo disciplinano.
Dal dopoguerra ad oggi, comunque, l'astensione dal lavoro come forma di protesta da parte dei lavoratori ha visto lievi adeguamenti e cambiamenti nelle forme e nelle sue modalità di espressione, anche in base al periodo storico di riferimento. In particolare, se fino agli anni '70 si denota un progressivo lento ampliamento di questo diritto, così come di altri in ambito lavorativo, ed una maggiore tutela dei lavoratori, successivamente negli anni più vicini a noi si evidenzia, invece, una più netta rigidità verso questo diritto, da parte delle classi dirigenti aziendali.
In altre parole, con l'avvento e la diffusione di nuove tipologie di lavoro, anche prive di una chiara regolamentazione a livello normativo in alcuni casi, vi sono minori possibilità di poter affermare i diritti dei lavoratori, tra cui anche quello allo sciopero. Comunque, cerchiamo di capire in cosa esso consista nello specifico.

Definizione del diritto allo sciopero

Lo sciopero rappresenta la prima forma di rivalsa di un lavoratore sui propri diritti; esso viene infatti utilizzato proprio come strumento di rivendicazione salariale e si utilizza spesso in caso di proteste di varia natura o, ad esempio, per offrire la massima solidarietà anche a un solo lavoratore che viene trattato male sul posto di lavoro dal proprio capo.

Lo sciopero consiste nella sospensione lavorativa da parte di un gruppo di persone e nasce come conseguenza di un episodio che ha leso la dignità e i diritti di uno o più lavoratori. A sostegno dello sciopero e dei lavoratori stesso ci sono le varie categorie sindacali.

Lo sciopero di differenzia nettamente dalla serrata che rappresenta la chiusura dell'attività lavorativa da parte del datore di lavoro; essa però, a differenza dello sciopero, non è contemplata nella Costituzione della Repubblica Italiana.

Esistono diverse tipologie e modalità di sciopero, non tutte propriamente legittime e a norma di legge. Il canone di discriminazione della legittimità di uno sciopero si rinveniva nel principio giurisprudenziale della proporzionalità tra l'astensione e il danno arrecato al datore di lavoro, per cui se il danno subìto dal datore di lavoro era superiore rispetto al sacrificio sopportato dai lavoratori con lo sciopero, esso era ritenuto ingiusto e quindi illegittimo.

Nel gergo sindacale si sono date molte definizioni di sciopero a seconda delle diverse modalità o ampiezza della platea di lavoratori in rivendicazione o protesta, ad esempio: si parla di sciopero generale quando l'astensione dal lavoro riguarda tutti i lavoratori di un paese, settoriale se interessa un solo settore economico o una categoria di lavoratori (metalmeccanici, chimici, ecc.), locale se sono interessati i lavoratori di una certa zona.

Si parla di sciopero bianco quando i lavoratori anziché astenersi dal lavoro applicano alla lettera i regolamenti, causando disagi, clamoroso fu il caso di sciopero bianco applicato dalle guardie di frontiera negli anni ottanta.

Vi sono poi i cosiddetti "scioperi articolati" di cui fanno parte:

Lo sciopero a singhiozzo

Suddetto sciopero è caratterizzato da interruzioni brevi (10 minuti ogni ora ad esempio). Tale modalità di sciopero, prima ritenuta illegittima, è oggi considerata lecita anche sul piano civile, ma è consentito al datore di lavoro di rifiutare le prestazioni comunque offerte se ritiene che non siano proficuamente utilizzabili.

Lo sciopero a scacchiera

Sciopero in cui vi è un'astensione dal lavoro effettuata in tempi diversi, da diversi gruppi di lavoratori, le cui attività siano interdipendenti nell'organizzazione del lavoro.

Queste due forme di sciopero sono volte ad alterare i nessi funzionali che collegano i vari elementi dell'organizzazione, in modo da produrre il massimo danno per la controparte con la minima perdita di retribuzione per gli scioperanti.

Lo sciopero con corteo interno indica invece uno sciopero in cui i manifestanti, anziché organizzare picchetti agli ingressi del luogo di lavoro, si muovono in formazione all'interno bloccando i vari reparti che attraversano.

Comunque, al fine di equilibrare il diritto allo sciopero con altre tipologie di diritti ugualmente importanti e costituzionalmente garantiti (tra cui, ad esempio, quello alla salute, alla sicurezza, alla libertà di circolazione o di istruzione) e che potrebbero essere lesi in qualche maniera dall'esercizio del primo, le autorità italiane attraverso la legge 146/1990 hanno regolamentato in maniera più specifica lo sciopero nei servizi pubblici considerati essenziali.
In particolare, si sono definite norme precise sulle modalità e sui tempi dell'astensione al lavoro, prevedendo inoltre anche delle sanzioni in caso di violazioni. Si è stabilita, poi, che in alcuni settori o servizi di interesse generale pubblico, è ammessa la possibilità di annullare e rinviare eventuali scioperi (la cosiddetta "precettazione"), su ordine delle autorità dei trasporti, della sanità o di pubblica sicurezza. Nell'ipotesi in cui non viene rispettata la precettazione, si può incorrere nel reato di interruzione di pubblico servizio.

Caratteristiche e normativa

Il diritto allo sciopero è un dunque un vero e proprio diritto costituzionale che viene disciplinato dalla legge numero 146 del 1990 e dalla legge numero 83 del 2000. il diritto allo sciopero è infatti ritenuto fondamentale per la persona e per la collettività tutta.

Le dinamiche del diritto allo sciopero e le leggi che lo disciplinano sono state inoltre negli anni modificate spesso attraverso variazioni dalla Commissione di garanzia. Modifiche sono, ad esempio, state attuate in merito agli scioperi relativi ai servizi pubblici delineandone anche gli orari di assemblea lavorativa.

Il diritto di assemblea, ai sensi dell'art. 20 dello Statuto dei Lavoratori e della legge numero 146 del 1990, non è infatti consentito durante le ore lavorative anche per coloro che operano nei servizi pubblici che devono sempre garantire le loro prestazioni minime.

Per il diritto allo sciopero riguardante coloro che lavorano nei servizi pubblici essenziali è inoltre fondamentale indicare con preavviso minino, la data e il periodo dello sciopero stesso, solitamente avvisando precedentemente per un periodo non inferiore a dieci giorni (art.2 comma 5), e indicando la durata al momento della proclamazione dello stesso (art.2 comma 1).

 





Potrebbe interessarti

Domanda di rinnovo del passaporto: come e dove

In un momento storico in cui viaggiare all’estero è diventato pratica comune per motivi lavorativi e di piacere, avere un passaporto valido è lo strumento essenziale per raggiungere quelle nazioni al di fuori dell’Unione Europea che lo riconoscano, senza bisogno di richiedere un visto per arrivare a destinazione.

Leggi tutto...

Come disdire l'abbonamento Sky grazie al decreto Bersani

In materia di liberalizzazioni, uno dei capisaldi degli ultimi anni è senza dubbio il decreto bersani, convertito in Legge Bersani n. 248 del 4 agosto 2006. La legge Bersani è nota appunto come legge sulle liberalizzazioni, e contiene una serie di misure che hanno l'obiettivo di tutelare innanzitutto i consumatori, e di rendere più flessibile il mercato.

Leggi tutto...

Il diritto finanziario: di cosa si tratta?

Per diritto finanziario si intende la disciplina giuridica che studia e regola tutta quella serie di attività necessarie a trovare le risorse utilizzabili nella soddisfazione del bisogno pubblico.

Leggi tutto...

Cos'è e cosa fa la medicina legale?

La medicina legale è un ramo della medicina che si congiunge al diritto, ed è nata per conoscere e applicare le conoscenze mediche al diritto.

Leggi tutto...

Legge di bilancio: come avviene l'iter burocratico di approvazione

La Legge di Bilancio definisce ogni anno gli obiettivi finanziari da perseguire nel triennio successivo e dalla quale dipendono i conti pubblici. L’approvazione della legge di Bilancio suscita interesse anche nell’Unione Europea e nelle agenzie di rating perché è il momento in cui si capisce quale sarà la direzione economica di un Paese e le prospettive future di crescita e stabilità.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Come compilare una cambiale in maniera corretta? Scopriamolo

Quando si ha a che fare con un documento così importante come la Cambiale, è bene conoscerne i dettagli su come compilarla, così da evitare noie legali in un momento successivo. E' importante sapere che si hanno 3 anni a disposizione per provvedere ad eventuali parti omesse.

Leggi tutto...

Istruzioni CUD: cos'è, a cosa serve e come si compila

A partire dal 1998, nell'ambito della burocrazia e della documentazione fiscale relativa alla dichiarazione dei redditi, è entrato in vigore il certificato unico dipendente, meglio noto come CUD: cos'è di preciso?

Leggi tutto...

Redditi esenti dalla dichiarazione: quali sono?

Secondo il diritto italiano, ogni anno i cittadini della Repubblica Italiana devono presentare alla Agenzia delle entrate del ministero delle Finanze la cosiddetta dichiarazione dei redditi, ovvero un documento compilato dai cittadini in cui vengono dichiarati redditi percepiti durante il precedente anno.

Leggi tutto...

Come tutelarsi dalle truffe del trading online

Il trading online è un’attività finanziaria che può diventare remunerativa se condotta con le premesse giuste e le necessarie precauzioni sulla sicurezza per tutelare il proprio denaro; come qualsiasi attività online – da un acquisto e-commerce all’iscrizione a un forum, agli investimenti – occorre porre la massima attenzione per evitare le truffe online.

Leggi tutto...

Le imposte indirette nel diritto tributario

Nell'ambito del diritto tributario italiano, esiste una distinzione principale per quanto riguarda le imposte. Infatti, si parla di norma di due tipi di imposte: le imposte dirette e le imposte indirette.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Fatturazione elettronica: cos’è e a chi si rivolge

Da anni si parla di colmare il gap di digitalizzazione tra l’Italia e gli altri Paesi europei a cominciare dalla digitalizzazione della Pubblica Amministrazione (P.A) e con la Legge finanziaria 2018 viene introdotta la fattura in formato digitale fino ad arrivare al 6 giugno 2014 con l’obbligo di fatturazione elettronica verso le pubbliche amministrazioni italiane.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Ecomafia globale: il traffico illecito di rifiuti

Affari milioniari che hanno riguardato sempre più soggetti quelli delle navi portacontainer da un capo all’altro del globo. Spedizioni verso i Paesi del sud del mondo, di navi stracariche di scorie prodotte dalle aziende, un modo per smaltire i rifiuti senza incidere sui bilanci aziendali e senza disturbare gli affari.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Decurtazione da 6 a 10 punti patente, occhio al semaforo rosso!

A partire dal 2003, in Italia è stata introdotta la norma che prevede l'assegnazione di punti al momento del conseguimento della patente. Ogni volta che si commette un illecito particolare, è prevista la decurtazione di punti, fino ad arrivare a 0 punti e conseguenti provvedimenti disciplinari nei confronti del guidatore.

Leggi tutto...
Go to Top