Rappresentano una delle note dolenti per diversi cittadini italiani, infatti le imposte ed il loro pagamento per molti nostri concittadini non sono viste di buon occhio, a causa spesso del loro elevato livello e in alcuni casi anche della motivazione alla base della loro creazione. Tuttavia, proprio attraverso il pagamento di tasse ed imposte, molte persone o categorie di soggetti riescono ad usufruire di molteplici servizi pubblici gratuiti, come ad esempio degli ospedali. Purtroppo però, spesso, quest'ultimo aspetto tende ad essere sottovalutato. Comunque, torniamo a parlare delle imposte e della loro tipologia.

Nell'ambito del diritto tributario italiano, esiste una distinzione principale per quanto riguarda le imposte. Infatti, si parla di norma di due tipi di imposte: le imposte dirette e le imposte indirette.

Imposte indirette

Vengono definite imposte indirette tutta quella serie di provvedimenti che vanno a colpire la ricchezza non in maniera diretta ma quando questa viene trasferita o consumata. L'imposta indiretta si applica dunque quando abbiamo la vendita di un bene oppure andiamo ad usufruire di un particolare servizio o di una prestazione. Dunque, a differenza delle imposte dirette, le imposte indirette possono essere trasferibili ad altri soggetti rispetto a chi è tenuto a pagarle.

Un esempio di imposta indiretta, come vedremo anche in seguito, è l'Iva sui carburanti, che giornalmente vengono utilizzati da automobilisti e camionisti per fare i loro viaggi sulle strade italiane. Quest'imposta va a gravare in pratica, come accennato, su ogni acquisto di un oggetto o servizio (in questo caso benzina o diesel, ad esempio) effettuato sul territorio italiano. A differenza invece delle imposte dirette che, invece, gravano sui guadagni prodotti da un soggetto.

Sempre tra quelle indirette, vi sono anche le accise, spesso oggetto di polemiche a causa della loro incidenza proprio sul prezzo dei carburanti e del fatto che alcune di esse sono state inserite in epoca ormai remota e per fatti o avvenimenti definitamente conclusi. Un esempio da questo punto di vista sono le accise inserite per la crisi di Suez del 1956 oppure per l'alluvione di Firenze del 1966 o, ancora più eclatante, per il finanziamento della guerra d'Etiopia del 1935. Comunque, diamo un rapido sguardo in generale su quali siano queste genere di imposte.

Le imposte indirette in Italia

In Italia abbiamo le seguenti imposte indirette

  • Imposta sul valore aggiunto (IVA): La disciplina IVA è regolata a livello comunitario da dettagliate direttive, VI Direttiva CEE del 1977 e seguenti, allo scopo di rendere omogenea l'imposizione indiretta in tutta l'Unione Europea.
  • Imposta di registro; è regolata dal Testo unico dell'imposta di registro, il D.P.R. n. 131 del 26 aprile 1986.
  • Imposta ipotecaria; è regolata dal D. Lgs. 31 ottobre 1990 n. 347, recante "Testo unico delle disposizioni concernenti le imposte ipotecaria e catastale".
  • Imposta catastale
  • Accisa
  • Imposta di bollo
  • Imposta sulle pubblicità

Questa serie di imposte sono abbastanza elastiche rispetto alle imposte dirette e dunque risentono meno del fenomeno dell'evasione fiscale. D'altra parte, però, non assicurano una continuità nell'ambito della riscossione fiscale da parte dello stato proprio perchè non sono fisse.

Se, come abbiamo visto, le accise e l'Iva gravano ad esempio sull'acquisto dei carburanti, altre imposte come quelle di registro, ipotecarie oppure catastali, le ritroviamo spesso al momento di effettuare una compravendita di un immobile ed in particolare, ad esempio, quando si ha un passaggio di proprietà di quest'ultimo. Con l'imposta di registro si paga, in pratica, la trascrizione di un atto giuridico su registri pubblici presso l'Agenzia delle Entrate e la sua quota può variare in base a diversi fattori.

Come si può notare, abbiamo a che fare quotidianamente con diverse imposte indirette, tuttavia alcune volte non ce ne rendiamo conto.

Ivie ed Ivafe e gli incassi per l'erario

Dopo l’istituzione delle cosiddette mini imposte patrimoniali, Ivie ed Ivafe, l’erario tira le prime somme sugli incassi derivanti dalle suddette imposte. In particolare il Ministero dell’economia ha fornito i dati inerenti le dichiarazioni dei redditi del 2013, dove sono stati dichiarati anche i valori patrimoniali riferiti ai beni posseduti all’estero.

Per quanto riguarda gli immobili posseduti all’estero, la cosiddetta Ivie ha come soggetti passivi di imposta anche quei contribuenti che risultano titolari effettivi del bene anche se il bene è intestato ad un trust. Occorre ricordare che l’Ivie, già istituita nel 2011, è stata differita all’anno 2012 ed è dovuta nella misura dello 0,40 % per i possessori di immobile adibito ad abitazione principale e dello 0,76 % per i possessori di altri tipi di immobile. Il calcolo dell’imposta dovuta deve tener conto naturalmente del periodo di possesso e quindi occorrerà rapportare la base imponibile con i mesi di effettivo possesso dell’unità immobiliare. Esaminando il dato delle dichiarazioni del 2013 risulta che oltre 102 mila soggetti hanno dichiarato immobili ubicati all’estero per un valore totale di circa 23,8 miliardi di euro.

L’Ivafe (imposta sulle attività finanziarie detenute all’estero) invece è un tributo dovuto da tutti i possessori di attività finanziarie situate oltre confine (dati da indicare all’interno del quadro RW). Tale prelievo, istituito anch’esso nel 2011, e successivamente spostato al 2013 è dovuto nella misura dell’1,5 per mille in proporzione alla quota di titolarità della proprietà ed ai mesi di effettivo possesso. In questo caso i 104.000 contribuenti italiani che hanno dichiarato attività finanziarie all’estero per circa 38,5 miliardi di euro.

Oltre all’Ivie ed all’Ivafe, il ministero dell’Economia ha fornito i dati anche di quanto versato a titolo di contributo di solidarietà, prelievo introdotto dal Dl n. 138 del 13 Agosto 2011. Il prelievo, pari al 3 %, si applica ai contribuenti che dichiarano oltre 300 mila euro annui, sulla parte eccedente tale reddito. In questo caso il contributo di solidarietà è stato applicato a circa 30 mila contribuenti per un incasso erariale di circa 252 milioni di euro.





Potrebbe interessarti

Diritto Parlamentare: come funziona?

Anche i deputati e i senatori hanno una branca del diritto costituzionale che regola e si occupa di valutare il corretto andamento della gestione e di tutto quello che concerne il Parlamento. Tutto quello che concerne infatti l’operato del Parlamento rientra nel diritto parlamentare.

Leggi tutto...

L’Annullamento del matrimonio religioso

Occorre stabilire un’importante differenza tra il matrimonio civile e quello religioso. È ovvio che tali differenza prendono maggior forma nel momento in cui si parla di Divorzio e di annullamento del matrimonio. Vanno considerati i fattori che determinano la persistenza e dunque l’annullabilità dei vari tipi di matrimonio. Vediamo dunque quali sono queste differenze, analizzando in particolare la situazione per quel che riguarda il rito religioso.

Leggi tutto...

Perquisizione personale: sai quando è davvero necessaria?

La perquisizione rappresenta un mezzo di ricerca della prova, disciplinato agli art. 247 e seguenti del codice di procedura penale. È un’attività che cerca di individuare il corpo del reato o prove pertinenti al reato.

Leggi tutto...

Il comodato oneroso: come funziona in diritto?

Nel diritto ci troviamo di fronte al comodato quando abbiamo un contratto attraverso cui un soggetto definito comodante, consegna ad un secondo soggetto detto comodatario, un bene mobile o immobile, con lo scopo di servirsene per un periodo determinato, avendo l'obbligo di restituire il bene al termine del suo utilizzo: è dunque ciò che normalmente chiamiamo come prestito, ma a volte può essere considerato anche il comodato oneroso

Leggi tutto...

Affidamento congiunto: come regolarsi?

Non sempre l'unione di due coniugi va a buon fine. Spesso per incomprensioni o altro si decide di separarsi e divorziare e di non condividere più insieme la vita di coppia e l'educazione dei propri figli; a pagare maggiormente per la fine di un matrimonio sono infatti proprio i figli della coppia.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Tasso fisso e variabile: i trucchi per scegliere bene il mutuo

I mutui si distinguono dal fatto di avere un tasso fisso e un tasso variabile. Con i mutui del primo tipo, il cliente versa sempre lo stesso interesse per tutta la durata del mutuo, mentre nel secondo, pagherà in base all'andamento dei tassi di interesse.

Leggi tutto...

Connessione internet domestica: cambiare operatore conviene?

L’abbonamento internet è una spesa che, mese dopo mese, incide sul budget sommandosi alle utenze luce e gas e agli altri costi obbligati come la Rc auto. A torto o a ragione, la bolletta per la connessione internet viene percepita tra le più onerose dal consumatore e il suo indice di impopolarità è paragonabile a quello delle bollette della luce e del gas.

Leggi tutto...

Come tutelarsi dalle truffe del trading online

Il trading online è un’attività finanziaria che può diventare remunerativa se condotta con le premesse giuste e le necessarie precauzioni sulla sicurezza per tutelare il proprio denaro; come qualsiasi attività online – da un acquisto e-commerce all’iscrizione a un forum, agli investimenti – occorre porre la massima attenzione per evitare le truffe online.

Leggi tutto...

Cosa sono i tributi

Nell'ambito del diritto finanziario, ogni tipo di richiesta “forzata” da parte dello Stato, di una prestazione in denaro ad un singolo cittadino denominato contribuente, viene definita come tributo.

Leggi tutto...

Quando il preventivo dell’avvocato è troppo alto

 

Il preventivo legale ti sembra troppo alto? E’ possibile contestare la parcella dell’avvocato anche se era stato accettato il preventivo per la consulenza prima?

Leggi tutto...

Leggi anche...

Commercialisti di Bergamo: a chi rivolgersi?

Il commercialista iscritto in un albo può tenere in esercizio la professione in tutto il territorio italiano. L'alta vigilanza sull'esercizio della professione spetta al Ministro per la grazia e giustizia che l'esercita sia direttamente sia per mezzo dei presidenti e dei procuratori generali di Corte di appello. Di seguito una lista che annovera alcuni dei commercialisti di Bergamo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Protesto cambiale: come comportarsi?

Succede (è sempre successo e continuerà a succedere sempre, specie di questi tempi) di sentire storie in cui si parla di cambiali e di mancati pagamenti. Ma cosa succede veramente quando non si è in grado di pagare una cambiale?

Leggi tutto...

Leggi anche...

Multe per eccesso di velocità: ecco una guida imperdibile

Le sanzioni e le relativo multe per eccesso di velocità, in seguito alle modifiche portate al codice della strada nell'estate del 2010, vanno a farsi più severe.

Leggi tutto...
Go to Top