Sono molti coloro che desiderano avviare un’attività come libero professionista. Si tratta di soggetti che intendono svolgere un’attività lavorativa di tipo freelance, in un ambito che non comporta la vendita di prodotti o la produzione di beni. I liberi professionisti sono coloro che svolgono un’attività di tipo intellettuale, come scrittori o consulenti; sono liberi professionisti anche i laureati in specifici settori, che svolgono in proprio la loro attività, come architetti o commercialisti. Per diventare libero professionista è necessario avviare una partita IVA, si tratta di uno specifico regime fiscale che permette di emettere fatture e di pagare in autonomia le tasse.

Trovare una clientela adeguata

Solitamente si cerca di avviare un’impresa personale perché si desidera migliorare la propria posizione lavorativa, o avviare ex novo una carriera. Mentre si prepara la documentazione necessaria e si avvia la partita IVA è importante anche concentrarsi sulle modalità di reperimento dei primi clienti. Oggi le modalità con cui ci si presenta sul mercato sono molteplici, a partire dall’attivazione di una pagina sui social del singolo libero professionista, che potrà così proporre la propria attività a un ampio pubblico. È essenziale investire in modalità che consentano di avvicinare un numero molto ampio di potenziali clienti e internet aiuta molto in questo. Chiaramente ci si dovrà anche occupare dei metodi classici per l’incontro con i clienti, come ad esempio predisporre carta intestata da utilizzare nelle comunicazioni, o stampare dei biglietti da visita con indicati tutti i contatti, dal numero di telefono all’indirizzo e-mail. Avere a disposizione un ufficio, o un luogo in cui lavorare e poter incontrare i clienti, è essenziale.

Come aprire una partita Iva

Per aprire una partita IVA come libero professionista è necessario compilare un apposito modulo, disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate. Tale modulo andrà poi consegnato presso un qualsiasi ufficio dell’Agenzia, personalmente o tramite raccomandata con ricevuta di ritorno; in questo caso è necessario inserire nella busta anche la fotocopia di un documento di identità dell’intestatario della partita IVA. Volendo è possibile svolgere tutte queste attività facendosi aiutare da consulenti, come ad esempio da un commercialista. Questo tipo di aiuto permette di ottenere subito l’attribuzione del numero della partita IVA, così come consente di avere un aiuto per quanto riguarda alcune scelte particolari. Già in questa fase è infatti necessario scegliere il regime fiscale cui aderire: semplice, semplificato o forfettario. Inoltre si deve selezionare il codice ATECO dell’attività da svolgere, un codice numerico che identifica precisamente il lavoro che si intende svolgere.

Ulteriori adempimenti

portaldiritto_1.jpg

Chi desidera svolgere la libera professione dovrà anche iscriversi alla cassa previdenziale della specifica professione che intende effettuare. In alcuni casi per farlo è necessario superare un esame di abilitazione, come avviene ad esempio per gli avvocati. Ci sono professioni per cui è obbligatorio anche iscriversi al registro delle imprese o alla gestione separata INPS. Un consulente può aiutare a chiarire tutti questi particolari. Ci sono poi altri obblighi per il contribuente munito di partita IVA, che deve decidere se utilizzare la fatturazione elettronica e deve indicare all’Agenzia delle Entrate un indirizzo di Posta Elettronica Certificata. Ricordiamo che dal momento in cui un libero professionista comincia a svolgere la propria attività ha 30 giorni di tempo per attivare la partita IVA.

Quali sono le tasse che deve pagare un libero professionista con la Partita IVA in Italia?

Il sistema fiscale italiano è piuttosto complesso e i liberi professionisti con partita IVA si trovano a dover pagare diversi tipi di tasse. Le principali imposte che un libero professionista con partita IVA deve pagare sono:

  • Imposta sul reddito: si tratta di un'imposta sui suoi guadagni derivanti dall'attività di freelance. L'aliquota dell'imposta sul reddito dipende dal suo reddito annuale totale.
  • Contributi previdenziali: si tratta di contributi obbligatori che deve versare al sistema di previdenza sociale. L'importo dei contributi di sicurezza sociale che deve pagare dipende dal suo reddito annuale da attività di freelance.
  • Imposta sul valore aggiunto (IVA): si tratta di un'imposta che viene applicata ai beni e ai servizi venduti in Italia. L'aliquota standard dell'IVA in Italia è del 22%. Tuttavia, i liberi professionisti con partita IVA possono richiedere un'aliquota ridotta del 10% su determinati beni e servizi.

Altre imposte che un freelance con partita IVA potrebbe dover pagare sono:

  • Ritenuta d'acconto: si tratta di un'imposta che viene detratta dai pagamenti effettuati al libero professionista dai suoi clienti. L'aliquota della ritenuta d'acconto dipende dal tipo di servizio fornito dal libero professionista.
  • Imposta comunale: si tratta di un'imposta prelevata dai comuni locali sulle imprese che operano all'interno della loro giurisdizione. L'importo dell'imposta comunale che un libero professionista deve pagare dipende dal comune in cui ha sede.
  • Imposta regionale: si tratta di un'imposta prelevata dai governi regionali sulle aziende che operano all'interno della loro giurisdizione.

Regime dei minimi o Regime agevolato: come funziona in Italia?

Il Regime dei minimi è un regime fiscale speciale per le piccole imprese in Italia. Questo regime consente alle imprese di pagare aliquote ridotte dell'imposta sul reddito e dei contributi previdenziali. Per poter beneficiare del Regime dei minimi, le imprese devono avere un fatturato annuo inferiore a 35.000 euro. I freelance con partita IVA possono richiedere il Regime dei minimi se il loro reddito annuo da attività di freelance è inferiore a tale importo.

Se è un libero professionista con numero di partita IVA e desidera richiedere il Regime dei minimi, può farlo:

  • Presentando una domanda alla Camera di Commercio locale
  • Iscrivendosi al regime online sul sito dell'Agenzia delle Entrate

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Principio di colpevolezza: ecco tutto quello che c'è da sapere

Principio di colpevolezza

Il principio di colpevolezza delimita ciò che è illecito sotto il profilo penale e determina la pena da applicare. Il codice penale italiano non usa il termine colpevolezza, ma il nostro ordinamento giuridico lo considera uno dei principi fondamentali della responsabilità penale.

Approvazione della legge di stabilità: come avviene l'iter burocratico?

Approvazione della legge di stabilità

La Legge di Bilancio definisce ogni anno gli obiettivi finanziari da perseguire nel triennio successivo e dalla quale dipendono i conti pubblici. L’approvazione della legge di Bilancio suscita interesse anche nell’Unione Europea e nelle agenzie di rating perché è il momento in cui si capisce quale sarà la direzione economica di un Paese e le prospettive future di crescita e stabilità.

Il Copyright: cos’è, quando interviene e quando è valida questa legge

Ne sentiamo molto parlare. Ma cos’è il Copyright? Quando si applica? Scopriamo dunque con l’intervento di oggi la sua storia e il suo utilizzo. Prima di tutto chiariamo che il termine copyright racchiude l'insieme delle normative sul diritto d'autore in vigore nel mondo anglosassone e statunitense.

Pagamento con surrogazione: vi spieghiamo cos’è e come si sviluppa

Immagine presente nell'articolo Surrogazione per pagamento: vi spieghiamo cos’è e come si sviluppa

La surrogazione è il fenomeno del subingresso di una terza persona/società nei diritti del creditore verso un debitore. Questo avviene per effetto del pagamento del debito da parte del terzo. Il pagamento di questo tipo è regolato dal codice civile agli artt. 1201-1205 che prevedono tre tipi di surrogazione.

Tipi di referendum: se non li conosci tutti, scopriamo quanti ce ne sono

Il referendum (dal gerundivo latino REFERO), può essere una pratica democratica di frequente utilizzo, a differenza dal plebiscito.

I più condivisi

CAF UIL di Roma: vediamo a chi rivolgersi

Immagine per CAF UIL di Roma

I CAF, o centri di Assistenza Fiscale, sono delle organizzazioni importantissimi per chi ha bisogno di una mano dal punto di vista della materia fiscale. Per quanto riguarda gli iscritti al CAF UIL di Roma, è possibili usufruire dei servizi di centri particolari, rivolti esclusivamente a questo tipo di profili.

AltroConsumo Finanza: scopri che cos'è con un approfondimento sul caso

immagine per AltroConsumo Finanza

Il servizio di consulenza che viene messo a disposizione daAltroConsumo Finanzaconsente a chiunque ne usufruisca di investire in condizioni di massima sicurezza e senza rischi.

Come investire in azioni: scopri quali sono i passi giusti

Investire in azioni è possibile per tutti, ma è importante essere a conoscenza delle complesse dinamiche dei mercati borsistici e dei movimenti dei prezzi. Prima di cominciare a investire in azioni è buona norma informarsi e conoscere quali sono le opportunità di mercato e le caratteristiche delle aziende quotate emittenti. Con internet, gli investimenti in borsa si sono “semplificati” sia per gli operatori che per gli investitori – anche alle prime armi.

Leggi anche...

Commercialisti a Napoli e dintorni: i contatti

Di seguito riportiamo una serie di link utili per tutti coloro i quali abbiano bisogno di una consulenza da parte di un commercialista a Napoli e Salerno. Vediamo dunque gli studi dei migliori professionisti nella zona.

Leggi anche...

Sequestro probatorio: che cos’è e quando si applica?

immagine per sequestro probatorio

Facciamo chiarezza su uno degli argomenti di cui più si discute in Italia in questo ultimo periodo. Il codice di procedura penale comprende tra i mezzi di ricerca della prova il sequestro probatorio (uno strumento utilizzato per lo più da Pubblici Ministeri e Polizia Giudiziaria). Il sequestro probatorio è collegato alla perquisizione (rappresentando in pratica una sua conseguenza).

Go to Top