In Italia la legge 40 del 2004 ha limitato in base a considerazioni di natura medica e morale molti aspetti della procreazione assistita; questo ha avuto ripercussioni specialmente per quanto riguarda una delle pratiche maggiormente conosciute collegate alla procreazione assistita, ovvero la FIVET.

Cos'è la FIVET e come funziona in Italia

FIVET in Italia indica indicare la fecondazione in vitro ed embryo transfer. Si tratta di una tecnica di procreazione assistita che permette di ottenere la fecondazione dell'ovocita esternamente al corpo della donna.
In pratica l'embrione viene formato fuori dal ventre materno, e solo in un secondo momento viene trasferito nell'utero della futura madre.
Il dibattito etico che ha portato in Italia ad una legislazione restrittiva nei confronti della pratica, è conseguente al fatto che durante questa pratica viene creato un sovrannumero di embrioni destinati o ad essere scartati, o alla ricerca scientifica su di essi.

Pro e contro

Questo metodo ha una probabilità di gravidanza di circa il 28% dei cicli ovulatori femminili e tre quarti di queste arrivano al parto.

La procedura non è esente da rischi. Tuttavia le emorragie e le infezioni sono rare.

Limitazione degli embrioni

La sentenza della Corte Costituzionale 151/2009 ha dichiarato costituzionalmente illegittimo l'art. 14, comma 2, della legge 19 febbraio 2004, n. 40 limitatamente alle parole "ad un unico e contemporaneo impianto, comunque non superiore a tre".
Pertanto è stato abrogato il punto della legge in cui il limite della produzione di embrioni superava il numero di tre.
Tale sentenza ha anche vietato la crioconservazione, la soppressione di embrioni, la fecondazione eterologa e la diagnosi pre-impianto.
Questa normativa così restrittiva in Italia obbliga molte coppie a rivolgersi all'estero per praticare la FIVET, in quanto i costi sono notevolmente inferiori, e la percentuale di casi di successo di gravidanza post-FIVET è molto più alta a causa di una tecnologia più avanzata.

Le fasi della FIVET in Italia

La FIVET è un’operazione che si contraddistingue per la sua non invasività e lo scarso impatto psicologico che ha su chi la pratica; è però suddivisa in fasi le cui tempistiche vanno rispettate scrupolosamente:

  • Si comincia con una serie di analisi volte ad accertare l’infertilità della coppia;
  • Ad orari e giorni prestabiliti, la donna deve assumere gli ormoni prescritti, sottoponendosi inoltre ad una serie di prelievi del sangue per determinare la quantità di estrogeni necessari, oltre ad un’ecografia per il monitoraggio dei follicoli;
  • Fatto questo, dietro indicazione del medico la paziente riceverà un’iniezione dell’ormone della gravidanza (l’HCG), per poi subire il prelievo degli ovociti entro 36 ore;
  • Il prelievo richiede circa 10 minuti e va abbinato alla raccolta del liquido seminale, generalmente recuperato e conservato in precedenza; il campione maschile viene trattato per aumentarne la fertilità, aumentando così le possibilità di fecondare l’ovulo.

Il problema etico della FIVET si ha appunto nella fase finale, ovvero sul numero di ovuli da fecondare: per quanto una quantità maggiore aumenti le possibilità di creare un embrione, il dilemma etico che si ha nella creazione di potenziali bambini è tuttora oggetto di aspri dibattiti.

La legge sulla fecondazione assistita: sai come si compone?

La procreazione medica assistita (PMA) è un termine che indica le varie metodologie che permettono ad un individuo di procreare. Tali metodologie possono essere di varia natura: ormonali, farmacologiche, chirurgiche, o altro ancora.

La procreazione medicalmente assistita non va confusa con la fecondazione assistita, che riguarda la semplice fecondazione dell'ovulo e non tutto il processo di procreazione dell'individuo. Come detto in precedenza, erroneamente si considera sinonimo di procreazione assistita, che ha semantica ben più ampia.

Procreazione assistita

Per quanto riguarda i due o tre embrioni impiantati in utero, è comunque possibile, e sempre più riproducibile, il loro co-attecchimento.

Normativa

In Italia viene regolamentata dalla legge n. 40 del 19 febbraio 2004, contenente tutte le norme in materia.

A seguito della legge, che pone una serie di limiti in materia di procreazione e ricerca sperimentale sugli embrioni, in Italia è in atto un continuo dibattito, determinato dal giudizio da parte di alcuni esperti che considerano la disciplina in materia troppo restrittiva. Ma tale definizione risulta troppo ambigua per certi ambiti di applicazione.

Contenuti della legge

Altri concetti importanti espressi nella normativa sulla procreazione assistita riguardano il permesso di usufruire della copertura da parte del Servizio Sanitario nazionale, nonché la possibilità di accesso a tale pratica da parte di coppie maggiorenni di sesso diverso, coniugate o conviventi, in età potenzialmente fertile, ed entrambi in vita.

Con questa legge vengono vietate l'eugenetica e la crioconservazione degli embrioni prodotti in eccesso durante la procreazione assistita, tranne che per cause di forza maggiore non prevedibili al momento della fecondazione.

Legislazione

La legge sulla fecondazione assistita è sempre stata causa di dibattiti, specialmente in Italia, dal punto di vista etico ma anche da quello tecnologico.

I dibattiti principali relativi alla legge sulla fecondazione assistita vertono sulle tematiche della fecondazione eterologa, sulla commercializzazione degli embrioni, sul tema della maternità surrogata e su tutto ciò che concerne la produzione di embrio con fini di ricerca e sperimentazione.

In Italia tali pratiche sono vietate per l'appunto dalla legge del 19 febbraio 2004 n. 40 sulla fecondazione assistita.

In seguito a questa legge, è stato istituito un referendum nel 2005, articolato in quattro punti. Tale referendum voleva abrogare alcuni punti della legge, a giudizio di molti esponenti politici eccessivamente restrittiva.

Il referendum non ha avuto esiti positivi in quanto non è stato raggiunto il quorum necessario.

Conseguenze

A causa della ristrettezza della nostra legge, molte coppie si rivolgono presso paesi stranieri per effettuare questa pratica. In particolare, la Spagna è considerata la meta ideale in quanto è permesso anche alle donne single di poter scegliere la fecondazione assistita e la donazione degli ovuli.

Per conoscere nel dettaglio la legge è possibile consultare il testo integrale

Legge 19 febbraio 2004, n. 40, Norme in materia di procreazione medicalmente assistita

Va ricordato che la procreazione assistita non è un sinonimo di fecondazione assistita in quanto assume un significato più ampio da conoscere approfonditamente.


Potrebbe interessarti

Tribunale ordinario: ecco spiegato quali sono i suoi compiti?

tribunale ordinario

Il tribunale ordinario rappresenta, nell'ordinamento italiano, l'organo giurisdizionale cui competono cause civili e penali, in primo grado, le quali non siano di competenza di altri giudici. In appello, il tribunale ordinario si occupa di cause su cui si è già pronunciato il giudice di pace.

Bambini immigrati in mensa: cosa prevede la legge

L’Italia è un paese che vanta da sempre grandi capacità di accoglienza sia in termini di solidarietà che di efficienza ricettiva, così come è noto che l’Italia è un paese crocevia del Mediterraneo, paese di transito, di emigrazione e di immigrazione

Cosa indica il termine Proscioglimento?

Nel corso del tempo, nel nostro Paese, vi sono stati diversi processi celebri e che hanno destato l'attenzione dell'intera opinione pubblica nazionale: da quelli eclatanti relativi a gravi episodi di cronaca nera a quelli che hanno visto coinvolti, in alcuni casi, eminenti politici, come ad esempio negli anni '90 il procedimento giudiziario scaturito dalla celebre inchiesta "Mani Pulite". Di conseguenza, spesso si è raggiunta una certa conoscenza e familiarità con alcune definizioni di natura giuridica.

Testamento biologico: facciamo il punto sulla legge in Italia

Testamento biologico

Da molto tempo ormai è stato appurato che la salute è un diritto fondamentale di ogni individuo e che qualsiasi cura o terapia deve ritenersi priva di legittimità in caso di dissenso da parte del diretto interessato.

Principio di colpevolezza: ecco tutto quello che c'è da sapere

Principio di colpevolezza

Il principio di colpevolezza delimita ciò che è illecito sotto il profilo penale e determina la pena da applicare. Il codice penale italiano non usa il termine colpevolezza, ma il nostro ordinamento giuridico lo considera uno dei principi fondamentali della responsabilità penale.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Tagli al budget per l'accoglienza 2019: come funziona in Italia?

Il tema dell’accoglienza dei migranti in Italia è sempre molto delicato e la dimensione del fenomeno è tale da essere diventata una voce di spesa all’interno della Legge di Bilancio. Per l’anno 2019, il Governo prevede un taglio – pari a circa 5 miliardi – alle risorse da destinare all’accoglienza. Le cifre si basano su stime e valutazioni rispetto a quanto definito nel DEF (documento di Economia e Finanza) 2018 dai precedenti Governi.

Domanda aggregata: ti spieghiamo noi come funziona

immagine di Domanda aggregata

La Domanda aggregata rappresenta la spesa compiuta dai soggetti di un determinato sistema economico. I Consumi da parte delle famiglie, la spesa per Investimenti da parte delle imprese e la spesa in beni e servizi del settore pubblico: tutte componenti fondamentali di questo documento.

Tassazione nel Trading online: vediamo come funziona

Le attività di investimento online nei mercati valutari e finanziari sono in crescita costante, un fenomeno dovuto all’uso diffuso del trading online e ad una sempre più attenta regolamentazione degli strumenti finanziari. La regolamentazione degli strumenti, delle piattaforme di trading e degli attori principali del settore finanziario comporta un maggiore controllo e una regolamentazione anche delle normative inerenti la tassazione dei proventi derivanti dal trading online.

Leggi anche...

Consulenti del Lavoro a Napoli: rifermenti utili

Il Consulente del lavoro elabora cedolini paga, cura l'inquadramento contrattuale in materia giuslavoristica. Vediamo alcuni consulenti presenti a Napoli per svolgere attività relative alla dimensione lavorativa.

Leggi anche...

Reato di Frode: la prescrizione per l'evasione fiscale

Il reddito proveniente dal lavoro del singolo contribuente e cittadino è soggetto a partire dagli anni '30 alla tassazione, ovvero ad una trattenuta da parte dello stato per contribuire a tutta una serie di servizi pubblici.

Leggi anche...

Multe per divieto di sosta: ecco i dettagli sull'argomento

immagine per Multe per divieto di sosta

Le multe per divieto di sosta possono essere comminate o perchè non viene rispettato il segnale di divieto, oppure perchè non si è messa in mostra la ricevuta per la sosta in un'area dove è previsto il pagamento.

Go to Top