La forma di governo del nostro Paese è di tipo parlamentare, cioè nella quale, in pratica, il Parlamento (eletto direttamente dai cittadini) rappresenta l'organo principale attraverso cui si elegge a sua volta un Governo ed un Presidente della Repubblica. Poi, per guidare il Paese, solitamente a seguito di elezioni politiche, i principali partiti vincitori si alleano per formare un governo. Tuttavia, non sempre esistono le condizioni politiche o di altra natura che permettano di ottenere tale ultimo scopo.

Esistono diverse modalità di formazione del Governo Italiano; è possibile infatti che venga formato un Governo Tecnico quando, in particolari situazioni politiche, i singoli partiti non vogliano istituire una alleanza politica vera e propria.

Altra problematica che vede spesso la formazione di questo genere specifico di governo è quella in cui il Paese deve far fronte ad una forte crisi economica, che potrebbe mettere a repentaglio la tenuta del sistema finanziario nazionale. Come vedremo, una situazione che si è verifica proprio in anni recenti in Italia.

Altre problematiche, politiche in questo caso, che possono determinare la nascita di un esecutivo tecnico vi sono quando i partiti vincitori delle elezioni non riescano a trovare un accordo per la formazione di un governo e pertanto ci si trovi in una fase di stallo istituzionale. In questa ipotesi, per cercare di uscirne, si può decidere di formare un governo di breve durata e che possa portare subito a nuove elezioni.

Tuttavia, delle volte questo genere di esecutivo viene denominato anche come "Istituzionale" (di cui parleremo in seguito) oppure "del Presidente (della Repubblica)" o ancora "di larghe intese". Tutte denominazioni che presentano alcune caratteristiche in comune tra loro, ma non necessariamente possono essere considerati sinonimi tra loro. Comunque, com'è formata la nostra Repubblica e in cosa consiste nello specifico un governo tecnico? Proviamo a chiarire un pò le idee.

La struttura dello Stato italiano

Lo Stato italiano è costituito da alcuni organi fondamentali come il Parlamento Italiano con competenze di natura legislativa e di supervisione del governo; la funzione principale del Parlamento, considerato l'Organo Costituzionale per eccellenza, è sicuramente quella legata all'approvazione delle leggi. La Camera dei Deputati, è invece la prima delle due assemblee costituite dal Parlamento stesso; la seconda assemblea è il Senato della Repubblica Italiana.

Come definito dalla Costituzione Italiana, c'è poi il Presidente della Repubblica italiana, che è un organo costituzionale eletto dai membri del Parlamento; la sua carica dura per sette anni e la sua figura di Capo dello Stato è volta a rappresentare l'unità nazionale. Un altro organo fondamentale dello Stato Italiano è inoltre il Governo della Repubblica italiano, che ha potere esecutivo ed è costituito dal Presidente del Consiglio dei Ministri e dai Ministri; insieme costituiscono i Consiglio dei Ministri, ai sensi dell'articolo 92 della Costituzione Italiana.

Definizione di Governo Tecnico

In alcuni casi nasce dunque il Governo Tecnico, scaturito da una fiducia da parte dei partiti stessi nei confronti della creazione di un tipo di governo di natura transitoria; resta in carica per un determinato periodo di tempo e precede solitamente una successiva fase elettorale vera e propria. I vari ministri e il Presidente del Consiglio vengono eletti al di fuori di una determinato partito politico e non dal Parlamento.

La definizione di "tecnico" nasce dal fatto che le personalità chiamate a formare questo esecutivo particolare e transitorio spesso sono delle figure di spicco o importanti nel loro ambito di lavoro o professione (tecnici per l'appunto), non facenti parte, come abbiamo detto, di alcun partito. Infatti, tra queste figure si ritrovano spesso giuristi, economisti o docenti universitari di fama. Nella storia recente del nostro Paese, nuovamente si è dovuti ricorrere proprio ad un esecutivo di questo tipo.

Dopo il biennio, 1995-1996, con il Governo Tecnico affidato a Lamberto Dini, recentemente è stato istituito un nuovo Governo Tecnico, voluto dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, con a capo Mario Monti.

Il Governo Monti è stato il sessantunesimo governo della Repubblica Italiana, il secondo ed ultimo della XVI Legislatura. È rimasto in carica dal 16 novembre 2011 al 28 aprile 2013, per un totale di 529 giorni, ovvero 1 anno, 5 mesi e 12 giorni. Il governo è stato nominato dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano il 16 novembre 2011 in seguito alle dimissioni di Silvio Berlusconi del 12 novembre e la caduta del suo IV Governo.

Monti, al momento della formazione del suo Governo, era considerato da alcuni osservatori un "tecnico", non avendo egli mai fatto parte di alcun partito, né del parlamento italiano prima del 9 novembre 2011, quando è stato nominato senatore a vita dallo stesso Napolitano. Secondo altri osservatori gli incarichi ricoperti prima nella Commissione Santer, nel ruolo di Commissario europeo per il mercato interno e i servizi (1995-1999) e poi nella Commissione Prodi, come Commissario europeo per la concorrenza (1999-2004), lo avrebbero reso un politico a tutti gli effetti.

Il governo Monti è stato il secondo governo tecnico nella storia repubblicana dopo il governo Dini. Il Governo Monti viene giudicato un governo tecnico d'emergenza dalla stampa internazionale nell'ambito della forte crisi economica che avvolge il paese assieme ad altri paesi dell'eurozona. Il nuovo Presidente del Consiglio, durante il primo discorso al Senato, ha definito il suo un "governo di impegno nazionale".

Ottenne la fiducia al Senato della Repubblica il 17 novembre 2011 con 281 voti favorevoli, 25 contrari e nessun astenuto. Ottenne la fiducia alla Camera dei deputati il 18 novembre 2011 con 556 voti favorevoli, 61 contrari e nessun astenuto.

Monti Diede le dimissioni il 21 dicembre 2012, rimanendo in carica per l'ordinaria amministrazione fino all'insediamento del nuovo governo di grande coalizione presieduto da Enrico Letta. A causa anche delle difficoltà di formazione di un nuovo governo successivo alle elezioni del 24/25 febbraio 2013, è rimasto in carica con i poteri di governo dimissionario per oltre quattro mesi (per la precisione 128 giorni), un primato nella storia dei governi repubblicani.

Viene per lo più ricordato per le misure di austerità introdotte per fronteggiare nel breve periodo la crisi del debito scongiurando il rischio di default, spesso però fonte di forti critiche da parte dell'opposizione e dei sindacati come nel caso della discussa riforma Fornero.

Il Governo Istituzionale viene istituito invece nei casi in cui il parlamento non riesce a raggiungere la maggioranza utile all'elezione del Presidente del Consiglio, ma la Nazione necessita categoricamente di tale organo. Nasce infatti soprattutto per far fronte a questo tipo di problema nei casi di crisi economica e di una situazione critica del Paese, dovuta a fenomeni di natura economici, sociali o politici.Il Governo Istituzionale rimane tale per tutto il periodo che intercorre dalla crisi di governo stesso e la fase delle elezioni.





Potrebbe interessarti

Come è regolata la legge sul Daspo? Vediamolo insiem

Negli ultimi anni il Daspo è una misura restrittiva che balza sovente agli onori della cronaca, sia per quanto riguarda le manifestazioni sportive che, negli ultimi giorni, per quanto concerte il diritto di manifestazione tout court. Con il termine si intende il Divieto di accedere alle manifestazioni sportive.

Leggi tutto...

Perquisizione personale: sai quando è davvero necessaria?

La perquisizione rappresenta un mezzo di ricerca della prova, disciplinato agli art. 247 e seguenti del codice di procedura penale. È un’attività che cerca di individuare il corpo del reato o prove pertinenti al reato.

Leggi tutto...

Cosa spetta per la Paternità: Permessi, Ferie

E’ vero che si ha diritto a 3 giorni di paternità dal lavoro, pagati (che si aggiungono alle normali ferie)? Molti si interrogano su questo aspetto importante. C’è un po’ di confusione infatti sul fatto se effettivamente, dal giorno del parto e per i 2 giorni seguenti, si ha diritto a percepire un congedo dal lavoro pagato.

Leggi tutto...

Bambini immigrati in mensa: cosa prevede la legge

L’Italia è un paese che vanta da sempre grandi capacità di accoglienza sia in termini di solidarietà che di efficienza ricettiva, così come è noto che l’Italia è un paese crocevia del Mediterraneo, paese di transito, di emigrazione e di immigrazione

Leggi tutto...

Validità passaporto: costi e scadenze del documento per chi viaggia

Il passaporto è un documento necessario per viaggiare e, più nello specifico, per varcare le frontiere di tutti quei Paesi non Europei riconosciuti dalla Repubblica Italiana. Va richiesto ed è poi rilasciato dalla Questura cui facciamo riferimento.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Le imposte indirette nel diritto tributario

Nell'ambito del diritto tributario italiano, esiste una distinzione principale per quanto riguarda le imposte. Infatti, si parla di norma di due tipi di imposte: le imposte dirette e le imposte indirette.

Leggi tutto...

Come compilare una cambiale in maniera corretta? Scopriamolo

Quando si ha a che fare con un documento così importante come la Cambiale, è bene conoscerne i dettagli su come compilarla, così da evitare noie legali in un momento successivo. E' importante sapere che si hanno 3 anni a disposizione per provvedere ad eventuali parti omesse.

Leggi tutto...

Il Calcolo ISEE on line: come effettuarlo?

ISEE è una sigla che sta per Indicatore Situazione Economica Equivalente. Tale indicatore è uno strumento necessario ad individuare la condizione economica di una famigliaCalcolare l'ISEE online è importante nel momento in cui una famiglia vuole richiedere delle prestazioni agevolate, ed è un indicatore necessario in tutta una serie di interventi che hanno a che fare con la Famiglia e codice civile

Leggi tutto...

Domanda aggregata: come funziona?

La Domanda aggregata rappresenta la spesa compiuta dai soggetti di un determinato sistema economico. I Consumi da parte delle famiglie, la spesa per Investimenti da parte delle imprese e la spesa in beni e servizi del settore pubblico: tutte componenti fondamentali di questo documento.

Leggi tutto...

Visura Catastale online: ecco come ottenerla

La visura catastale un documento che viene rilasciato dall'agenzia del Territorio, ovvero dal Catasto, contenente tutti i dati principali relativi a un immobile in oggetto, distinti in dati sui fabbricati o sui terreni.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Redditi da lavoro dipendente

Il reddito, detta in soldoni, rappresenta l'entrata netta che un determinato contribuente italiano realizza in uno specifico lasso temporale, ed espressa secondo l'unità di misura della moneta di riferimento in quel paese. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come e quando avviene l’Arresto in flagranza

Lo stato di flagranza di reato è disciplinato dall'art. 382 del codice di procedura penale. Si verifica lo stato di flagranza quando:

  • colui che compie il reato viene colto sul fatto dalla polizia giudiziaria oppure da chi ha subito il reato
  • colui che è colto sul fatto viene inseguito dalla Polizia Giudiziaria
  • la persona che viene trovata in possesso di cose o tracce dalle quali si presenti in maniera evidente che abbia commesso il reato poco prima Leggi tutto...

Leggi anche...

Nuovi termini di notifica delle multe: scopriamoli insieme!

Poche cose turbano un automobilista più della vista di una multa sotto il tergicristalli o nella cassetta della posta. La legge n.125/2010 aumenta però le possibilità di evitare di rimpinguare le casse dello Stato grazie all’introduzione di nuovi termini di notifica delle multe. 

Leggi tutto...
Go to Top