Nel corso dei decenni, in concomitanza con la crescita del settore terziario ed industriale, si è sviluppata l'esigenza, all'interno di svariate aziende che ne facevano parte, di contare sull'apporto di alcune figure professionali specializzate, che svolgessero alcune mansioni importanti ma, al tempo stesso, complesse. Tra tali figure, particolare rilievo ha assunto quella del consulente del lavoro a Torino. Questo professionista, come vedremo meglio poi, risulta specializzato nella gestione di eventuali contenziosi, in varie tipologie di consulenze e nelle certificazioni fiscali e tributarie.

Il consulente del lavoro può essere parte integrante dell'organico dell'azienda oppure può essere chiamato dalla stessa per collaborazioni esterne, quando necessario. Naturalmente, maggiore è la presenza di società di varie dimensioni in un ambito territoriale e maggiore sarà la richiesta della sua professionalità in tante situazioni. Difatti, tali figure sono molto ricercate in molte realtà del nostro Paese dove sono presenti tantissime aziende e spesso si riscontra la necessità di avere una buona gestione di svariati aspetti dei rapporti di lavoro e nei contenziosi da questi derivanti.

I Consulenti del lavoro a Torino o in città così industriali  sono figure professionale altamente ricercate: questi professionisti sono infatti specializzati nella gestione dei dipendenti delle imprese, facendo sì che il personale sia seguito con criterio e possa svolgere la sua attività con il minimo dei disagi e (conseguentemente) la massima resa.

I compiti di questo professionista

Consulenti del lavoro a Torino

Le competenze dei Consulenti del lavoro a Torino non si limitano al controllo dell’organico, allargandosi infatti anche alla consulenza fiscale a Torino e alla consulenza societaria: possono dunque rappresentare l'azienda davanti alla Commissione di conciliazione o, per la Conciliazione monocratica, presso la Direzione provinciale del lavoro.

I consulenti del lavoro a Torino sono professionisti dell’area giuridico-economica che esplicano le proprie funzioni nella gestione del personale dal punto di vista amministrativo. L'attività principale e prevalente dei consulenti del lavoro è quella di elaborazione dei cedolini paga e adempimenti relativi, per conto di un'azienda. Oltre a questo, il loro ambito professionale comprende:

  • genesi, definizione, evoluzione di un rapporto di lavoro: gestione di tutti gli aspetti contabili, economici, giuridici, assicurativi, previdenziali e sociali che esso comporta;
  • assistenza e rappresentanza dell’azienda nelle vertenze extragiudiziali (conciliazioni e arbitrati) derivanti dai rapporti di lavoro subordinato e parasubordinato;
  • assistenza e rappresentanza in sede di contenzioso con gli istituti previdenziali, assicurativi e ispettivi del lavoro;
  • consulenza tecnica d’ufficio e di parte;
  • assistenza in sede di contenzioso tributario presso le commissioni e gli uffici dell’amministrazione finanziaria;
  • consulenza e assistenza nelle relazioni e nei rapporti aziendali (contratti, convenzioni, etc.) di carattere obbligatorio, tipico e atipico;
  • trasmissione telematica delle dichiarazioni fiscali;
  • certificazione tributaria;
  • certificazione eticità del rapporto di lavoro;
  • funzioni in ambito delle segnalazioni di denuncia di attività di antiriciclaggio e finanziamento del terrorismo;
  • funzioni in ambito di conciliazione e arbitrato nell'ambito delle controversie di lavoro (funzioni introdotte dalla legge 183/2010).
  • funzioni di asseverazione della regolarità normativa dei rapporti di lavoro.

L’intervento professionale dei consulenti del lavoro a Torino si colloca generalmente nell’area della consulenza alla piccola-media impresa con una specializzazione nella gestione dei rapporti di lavoro, in linea con l’evoluzione del sistema produttivo che ormai è costituito da piccole imprese operanti in prevalenza nel terziario, dove la gestione delle risorse umane costituisce il vero fattore strategico di sviluppo. L'elaborazione dei cedolini paga e il disbrigo dei numerosi adempimenti relativi è sicuramente il servizio maggiormente richiesto dai clienti dei consulenti del lavoro a Torino, sebbene esistano ormai sul mercato moltissimi concorrenti.

Gli imprenditori che siano in cerca di professionisti operanti nel capoluogo piemontese, possono rivolgersi a numerose imprese.

Come diventare un consulenti del lavoro a Torino

Consulenti del lavoro a Torino

Per diventare consulenti del lavoro a Torino dovrete studiare ed appassionarvi a tutte quelle materie che riguardano il dritto del lavoro, la contabilità o la previdenza sociale. Questa figura professionale, infatti, è molto versatile e il suo compito è quello di essere di supporto alle aziende nell’arduo compito di gestione del personale e dei rapporti umani.

In particolare, i consulenti del lavoro a Torino dovranno possedere un'approfondita conoscenza del diritto privato e di quello pubblico; di economia aziendale; di ragioneria; di diritto del lavoro, tributario e sindacale; oltre che conoscere bene varie tipologie di normative: da quella sul mercato del lavoro e dei più importanti contratti nazionali (cosiddetti CCNL) a quella previdenziale e pensionistica. Senza dimenticare poi una certa preparazione per quanto riguarda i diversi adempimenti fiscali, la tutela della privacy, della salute e della sicurezza dei vari lavoratori.

Come avrete intuito, si stratta di una figura fondamentale in ambito aziendale, che si tratti di una piccola, media o grande impresa. I compiti dei consulenti del lavoro a Torino sono molteplici e tutti molto importanti nelle dinamiche aziendali e spaziano dall’occuparsi del personale all’organizzazione e preparazione delle buste paga.

Percorso di studi

Consulenti del lavoro a Torino

Per quanto riguarda il percorso necessario a ricoprire il ruolo di consulenti del lavoro a Torino ci sono degli step da seguire necessariamente. Andiamoli a vedere insieme:

  • La laurea: per diventare consulenti del lavoro a Torino è necessaria, in primo luogo, una laurea universitaria. Ovviamente non tutte sono adatte per poi proseguire questo percorso di formazione, quali sono l lauree idonee? 
    • Scienze politiche
    • Scienze dell’amministrazione
    • Scienze economiche e gestione aziendale
    • Scienze giuridiche
  • Il praticantato: una volta conseguite le lauree (triennale e magistrale) in una delle facoltà sopra indicate, sarete pronti per affrontare il tirocinio di 18 mesi, obbligatorio se si vuole proseguire su questa strada. Il praticantato dovrà avvenire all’interno di uno studio di consulenza a Torino avviato da almeno cinque anni, all’interno del quale il tirocinante si occuperà di alcuni compiti che lo studio deve svolgere, seguito dal professionista che lo ha selezionato.
  • L’esame di stato: il tirocinio vi servirà sicuramente per acquisire praticità nel lavoro che andrete a fare più avanti ma anche e soprattutto vi sarà utile, grazie ai consigli di un professionista, per la preparazione all’esame di stato che dovrete obbligatoriamente sostenere alla fine del praticantato. Questo esame di abilitazione, una volta superato vi darà il via libera per diventare un vero e proprio consulente del lavoro a Torino.

A questo punto, finito il vostro percorso di formazione dovete solamente scegliere se aprire il vostro studio oppure continuare a fare esperienza come dipendenti di uno studio già avviato.

Nel primo caso, si dovrà avere a disposizione una certa somma di denaro per affittare un locale ed avviare la propria attività e farsi conoscere dalla potenziale clientela, magari attraverso della pubblicità. Questa opzione non risulta agevole, in quanto ci si deve ritagliare uno spazio nel mercato dei consulenti. Nel secondo caso, invece, si può sfruttare la notorietà acquisita nel tempo dallo studio di consulenza, tuttavia eventuali alti margini di guadagno sono limitati per ciascun professionista che ne faccia parte.    


Potrebbe interessarti

Come è regolata la legge sul Daspo? Vediamolo insiem

Negli ultimi anni il Daspo è una misura restrittiva che balza sovente agli onori della cronaca, sia per quanto riguarda le manifestazioni sportive che, negli ultimi giorni, per quanto concerte il diritto di manifestazione tout court. Con il termine si intende il Divieto di accedere alle manifestazioni sportive.

Marca da bollo per il passaporto: concessione governativa per l’espatrio

Marca da bollo per il passaporto

Il passaporto è un documento richiedibile da tutti i cittadini italiani che consente di attraversare i confini degli Stati riconosciuti dalla nostra Repubblica. Il passaporto viene rilasciato essenzialmente dalle questure, quando non da uffici particolari investiti di tale abilità, in seguito alla consegna di tutta una documentazione particolare nella quale è compreso un versamento al Ministero dell’Economia e delle Finanze e l’apposizione di una apposita marca da bollo.

Le normative in merito alle piattaforme elevatrici per disabili

piattaforme-elevatrici-per-disabili.jpg

Uno dei temi sociali più importanti al giorno d’oggi è abbattere tutte quelle barriere e i pregiudizi nei confronti di chi è nato con una disabilità

Il parlamento italiano: su quale schema si basa la sua struttura?

Il Parlamento italiano è definito come l'Organo costituzionale per eccellenza per quanto riguarda la nostra Repubblica. E' il titolare della funzione legislativa, ovvero si occupa di legiferare secondo le regole della costituzione.

Cos’è il Decreto penale? Art. 459 cpp

Il decreto penale è un atto di diritto processuale penale pensato dall'art.459 c.p.p. Con questo decreto si stabilisce un procedimento deflattivo del dibattimento (il soggetto cui è diretto il decreto può impugnare l'atto obiettandosi e avviando il giudizio ordinario). Il decreto penale può essere proposto solo dal Pubblico Ministero al G.I.P nei casi previsti dall'art.459. 

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Quanto costa un avvocato penalista: i relativi compensi

Quanto costa un avvocato penalista

Almeno una volta nella vita abbiamo avuto a che fare in modo diretto o in modo indiretto con la figura di un avvocato: che sia stato per un qualcosa che ci riguardava in prima persona o per un qualcosa che riguardava una persona a noi cara siamo stati messi difronte alla ‘spiacevole’ situazione di dover pagare (giustamente) una prestazione lavorativa che è stata offerta. Ma quanto costa un avvocato penalista?

Coefficiente di rivalutazione del TFR: a cosa serve esattamente?

Immagine usata nell'articolo Coefficiente di rivalutazione del TFR: a cosa serve esattamente?

Il trattamento di fine rapporto consiste in una parziale retribuzione del lavoratore subordinato, effettuata dal datore di lavoro e differita alla cessazione del rapporto di lavoro. Al 31 dicembre di ogni anno entra in gioco il calcolo del coefficiente rivalutazione TFR. Bisogna infatti in quella data rivalutare la somma complessivamente accantonata al 31 dicembre dell'anno precedente.

Società in accomandita per azioni: scopriamo di più

immagine per Società in accomandita per azioni

All'interno della descrizione giuridica delle società, espressa nel codice civile, viene denominata Società in accomandita per azioni  (S.p.A.) un'impresa di capitali nella quale le quote di partecipazione dei vari soci vengono determinate ed espresse in azioni.

Leggi anche...

Avvocati di Torino: gli indirizzi

La sezione Professionisti si amplia con una lista degli avvocati di Torino. Di seguito gli studi che sono presenti anche sul web grazie ai propri siti internet.

Leggi anche...

Patente a punti: sai davvero come funziona dopo la riforma?

immagine per Patente a punti

Con la riforma del sistema delle patenti in Italia, avvenuta nel 2003, il codice della strada ha stabilito che ogni titolare di patente o patentino CIG abbia in dotazione, al momento del conseguimento della patente a punti, un totale di 20 punti.

Go to Top