Nel corso dei decenni, in concomitanza con la crescita del settore terziario ed industriale, si è sviluppata l'esigenza, all'interno di svariate aziende che ne facevano parte, di contare sull'apporto di alcune figure professionali specializzate, che svolgessero alcune mansioni importanti ma, al tempo stesso, complesse. Tra tali figure, particolare rilievo ha assunto quella del consulente del lavoro a Torino. Questo professionista, come vedremo meglio poi, risulta specializzato nella gestione di eventuali contenziosi, in varie tipologie di consulenze e nelle certificazioni fiscali e tributarie.

Il consulente del lavoro può essere parte integrante dell'organico dell'azienda oppure può essere chiamato dalla stessa per collaborazioni esterne, quando necessario. Naturalmente, maggiore è la presenza di società di varie dimensioni in un ambito territoriale e maggiore sarà la richiesta della sua professionalità in tante situazioni. Difatti, tali figure sono molto ricercate in molte realtà del nostro Paese dove sono presenti tantissime aziende e spesso si riscontra la necessità di avere una buona gestione di svariati aspetti dei rapporti di lavoro e nei contenziosi da questi derivanti.

I Consulenti del lavoro a Torino o in città così industriali  sono figure professionale altamente ricercate: questi professionisti sono infatti specializzati nella gestione dei dipendenti delle imprese, facendo sì che il personale sia seguito con criterio e possa svolgere la sua attività con il minimo dei disagi e (conseguentemente) la massima resa.

I compiti di questo professionista

Consulenti del lavoro a Torino

Le competenze dei Consulenti del lavoro a Torino non si limitano al controllo dell’organico, allargandosi infatti anche alla consulenza fiscale a Torino e alla consulenza societaria: possono dunque rappresentare l'azienda davanti alla Commissione di conciliazione o, per la Conciliazione monocratica, presso la Direzione provinciale del lavoro.

I consulenti del lavoro a Torino sono professionisti dell’area giuridico-economica che esplicano le proprie funzioni nella gestione del personale dal punto di vista amministrativo. L'attività principale e prevalente dei consulenti del lavoro è quella di elaborazione dei cedolini paga e adempimenti relativi, per conto di un'azienda. Oltre a questo, il loro ambito professionale comprende:

  • genesi, definizione, evoluzione di un rapporto di lavoro: gestione di tutti gli aspetti contabili, economici, giuridici, assicurativi, previdenziali e sociali che esso comporta;
  • assistenza e rappresentanza dell’azienda nelle vertenze extragiudiziali (conciliazioni e arbitrati) derivanti dai rapporti di lavoro subordinato e parasubordinato;
  • assistenza e rappresentanza in sede di contenzioso con gli istituti previdenziali, assicurativi e ispettivi del lavoro;
  • consulenza tecnica d’ufficio e di parte;
  • assistenza in sede di contenzioso tributario presso le commissioni e gli uffici dell’amministrazione finanziaria;
  • consulenza e assistenza nelle relazioni e nei rapporti aziendali (contratti, convenzioni, etc.) di carattere obbligatorio, tipico e atipico;
  • trasmissione telematica delle dichiarazioni fiscali;
  • certificazione tributaria;
  • certificazione eticità del rapporto di lavoro;
  • funzioni in ambito delle segnalazioni di denuncia di attività di antiriciclaggio e finanziamento del terrorismo;
  • funzioni in ambito di conciliazione e arbitrato nell'ambito delle controversie di lavoro (funzioni introdotte dalla legge 183/2010).
  • funzioni di asseverazione della regolarità normativa dei rapporti di lavoro.

L’intervento professionale dei consulenti del lavoro a Torino si colloca generalmente nell’area della consulenza alla piccola-media impresa con una specializzazione nella gestione dei rapporti di lavoro, in linea con l’evoluzione del sistema produttivo che ormai è costituito da piccole imprese operanti in prevalenza nel terziario, dove la gestione delle risorse umane costituisce il vero fattore strategico di sviluppo. L'elaborazione dei cedolini paga e il disbrigo dei numerosi adempimenti relativi è sicuramente il servizio maggiormente richiesto dai clienti dei consulenti del lavoro a Torino, sebbene esistano ormai sul mercato moltissimi concorrenti.

Gli imprenditori che siano in cerca di professionisti operanti nel capoluogo piemontese, possono rivolgersi a numerose imprese.

Come diventare un consulenti del lavoro a Torino

Consulenti del lavoro a Torino

Per diventare consulenti del lavoro a Torino dovrete studiare ed appassionarvi a tutte quelle materie che riguardano il dritto del lavoro, la contabilità o la previdenza sociale. Questa figura professionale, infatti, è molto versatile e il suo compito è quello di essere di supporto alle aziende nell’arduo compito di gestione del personale e dei rapporti umani.

In particolare, i consulenti del lavoro a Torino dovranno possedere un'approfondita conoscenza del diritto privato e di quello pubblico; di economia aziendale; di ragioneria; di diritto del lavoro, tributario e sindacale; oltre che conoscere bene varie tipologie di normative: da quella sul mercato del lavoro e dei più importanti contratti nazionali (cosiddetti CCNL) a quella previdenziale e pensionistica. Senza dimenticare poi una certa preparazione per quanto riguarda i diversi adempimenti fiscali, la tutela della privacy, della salute e della sicurezza dei vari lavoratori.

Come avrete intuito, si stratta di una figura fondamentale in ambito aziendale, che si tratti di una piccola, media o grande impresa. I compiti dei consulenti del lavoro a Torino sono molteplici e tutti molto importanti nelle dinamiche aziendali e spaziano dall’occuparsi del personale all’organizzazione e preparazione delle buste paga.

Percorso di studi

Consulenti del lavoro a Torino

Per quanto riguarda il percorso necessario a ricoprire il ruolo di consulenti del lavoro a Torino ci sono degli step da seguire necessariamente. Andiamoli a vedere insieme:

  • La laurea: per diventare consulenti del lavoro a Torino è necessaria, in primo luogo, una laurea universitaria. Ovviamente non tutte sono adatte per poi proseguire questo percorso di formazione, quali sono l lauree idonee? 
    • Scienze politiche
    • Scienze dell’amministrazione
    • Scienze economiche e gestione aziendale
    • Scienze giuridiche
  • Il praticantato: una volta conseguite le lauree (triennale e magistrale) in una delle facoltà sopra indicate, sarete pronti per affrontare il tirocinio di 18 mesi, obbligatorio se si vuole proseguire su questa strada. Il praticantato dovrà avvenire all’interno di uno studio di consulenza a Torino avviato da almeno cinque anni, all’interno del quale il tirocinante si occuperà di alcuni compiti che lo studio deve svolgere, seguito dal professionista che lo ha selezionato.
  • L’esame di stato: il tirocinio vi servirà sicuramente per acquisire praticità nel lavoro che andrete a fare più avanti ma anche e soprattutto vi sarà utile, grazie ai consigli di un professionista, per la preparazione all’esame di stato che dovrete obbligatoriamente sostenere alla fine del praticantato. Questo esame di abilitazione, una volta superato vi darà il via libera per diventare un vero e proprio consulente del lavoro a Torino.

A questo punto, finito il vostro percorso di formazione dovete solamente scegliere se aprire il vostro studio oppure continuare a fare esperienza come dipendenti di uno studio già avviato.

Nel primo caso, si dovrà avere a disposizione una certa somma di denaro per affittare un locale ed avviare la propria attività e farsi conoscere dalla potenziale clientela, magari attraverso della pubblicità. Questa opzione non risulta agevole, in quanto ci si deve ritagliare uno spazio nel mercato dei consulenti. Nel secondo caso, invece, si può sfruttare la notorietà acquisita nel tempo dallo studio di consulenza, tuttavia eventuali alti margini di guadagno sono limitati per ciascun professionista che ne faccia parte.    


Potrebbe interessarti

Separazione dei beni: ecco i passi per essere in regola

Separazione dei beni

Sposarsi è una decisione importantissima per molti e un desiderio di tanti, soprattutto delle donne che sognano il proprio matrimonio sin da bambine. Il matrimonio non prevede però soltanto la cerimonia e il ricevimento di nozze; non è inoltre unicamente un'unione spirituale di due persone.

Affidamento congiunto: ecco come regolarsi seguendo la legge?

Immagine usata nell'articolo Affidamento congiunto: ecco come regolarsi seguendo la legge?

Non sempre l'unione di due coniugi va a buon fine. Spesso per incomprensioni o altro si decide di separarsi e divorziare e di non condividere più insieme la vita di coppia e l'educazione dei propri figli; a pagare maggiormente per la fine di un matrimonio sono infatti proprio i figli della coppia.

Fedina Penale: consultazione e rilascio

Una delle cose più importanti in materia di diritto penale è sicuramente il certificato penale, meglio conosciuta come fedina penale. Per essere un buono ed onesto cittadino ai sensi della Legge e nei confronti dello Stato, è infatti fondamentale avere una fedina penale pulita.

Quando è obbligatorio contattare un avvocato

198Avvocati online

Le situazioni in cui la presenza di un avvocato può risultare preziosa sono molteplici. Ci sono però situazioni in cui avere a disposizione un rappresentante legale abilitato è obbligatoria per legge. In altri casi invece si può decidere se contattare questo professionista, o se invece non avvalersi del suo aiuto e consiglio. In linea generale avere a disposizione il consiglio di un avvocato è sempre utile, in qualsiasi situazione in cui si ha uno sconto, o un incontro, con le leggi considerate in senso lato.

Rilascio passaporto a Milano: dove richiedere il passaporto elettronico

Il passaporto ordinario è un documento che consente l’opportunità di viaggiare soggiornando in tutti gli Stati riconosciuti dalla Repubblica Italiana: il rilascio del passaporto a Milano è consentito a tutti i cittadini italiani ed è, in Italia, una procedura di competenza delle questure.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Il Calcolo dell'ISEE on line: ecco come effettuarlo correttamente

calcolo dell'ISEE online

ISEE è una sigla che sta per Indicatore Situazione Economica Equivalente. Tale indicatore è uno strumento necessario ad individuare la condizione economica di una famigliaCalcolare l'ISEE online è importante nel momento in cui una famiglia vuole richiedere delle prestazioni agevolate, ed è un indicatore necessario in tutta una serie di interventi che hanno a che fare con la Famiglia e codice civile

Come compilare una cambiale in maniera corretta? Scopriamolo

1imposte

Quando si ha a che fare con un documento così importante come la Cambiale, è bene conoscerne i dettagli su come compilarla, così da evitare noie legali in un momento successivo. E' importante sapere che si hanno 3 anni a disposizione per provvedere ad eventuali parti omesse.

Adempimento dell’obbligazione: come annullare i debiti

Adempimento

L’adempimento dell’obbligazione consiste nell’esecuzione a favore del creditore della prestazione dovuta dal debitore. Quest’ultimo annulla l’obbligazione. L’adempimento deve essere: esatto (fedele a quanto stabilito nel titolo dell’obbligazione), per intero (in linea con le norme dispositive di legge su qualità), nel luogo e nel tempo previsti per l’adempimento dell’obbligazione. La materia è disciplinata dal diritto privato.

Leggi anche...

CAF UIL di Genova: gli indirizzi e i recapiti di tutti (o quasi) gli uffici

Immagine presente nell'articolo CAF UIL di Genova: gli indirizzi e i recapiti di tutti (o quasi) gli uffici

Secondo la convenzione del 22 gennaio 2015 firmata con l’INPS nella persone del commissario straordinario Tiziano Treu, saranno bloccati per sei mesi i compensi per i CAF che in questo periodo collaboreranno con l’Istituto di Previdenza per la trasmissione delle dichiarazioni ISEE (acronimo di Indicatore della Situazione Economica Equivalente). Questo indicatore serve per permettere ad alcune famiglie particolari agevolazioni per quanto riguarda l’ambito della scuola, del sociale e della sanità. Nel luglio del 2015, tali compensi saranno nuovamente rivisti e forse adeguati.

Leggi anche...

Reato di Frode: la prescrizione per l'evasione fiscale

Il reddito proveniente dal lavoro del singolo contribuente e cittadino è soggetto a partire dagli anni '30 alla tassazione, ovvero ad una trattenuta da parte dello stato per contribuire a tutta una serie di servizi pubblici.

Leggi anche...

Impignorabilità allo stipendio: informazioni e dettagli sull'argomento

Nella scelta dei beni su cui effettuare il pignoramento mobiliare, vanno esclusi alcuni determinati oggetti a causa del loro valore morale (oggetti votivi, fede nuziale) o a causa del bisogno che ne ha il debitore per poter continuare una vita normale (elettrodomestici...).

Go to Top