Nel corso dei decenni, in concomitanza con la crescita del settore terziario ed industriale, si è sviluppata l'esigenza, all'interno di svariate aziende che ne facevano parte, di contare sull'apporto di alcune figure professionali specializzate, che svolgessero alcune mansioni importanti ma, al tempo stesso, complesse. Tra tali figure, particolare rilievo ha assunto quella del consulente del lavoro a Torino. Questo professionista, come vedremo meglio poi, risulta specializzato nella gestione di eventuali contenziosi, in varie tipologie di consulenze e nelle certificazioni fiscali e tributarie.

Il consulente del lavoro può essere parte integrante dell'organico dell'azienda oppure può essere chiamato dalla stessa per collaborazioni esterne, quando necessario. Naturalmente, maggiore è la presenza di società di varie dimensioni in un ambito territoriale e maggiore sarà la richiesta della sua professionalità in tante situazioni. Difatti, tali figure sono molto ricercate in molte realtà del nostro Paese dove sono presenti tantissime aziende e spesso si riscontra la necessità di avere una buona gestione di svariati aspetti dei rapporti di lavoro e nei contenziosi da questi derivanti.

I Consulenti del lavoro a Torino o in città così industriali  sono figure professionale altamente ricercate: questi professionisti sono infatti specializzati nella gestione dei dipendenti delle imprese, facendo sì che il personale sia seguito con criterio e possa svolgere la sua attività con il minimo dei disagi e (conseguentemente) la massima resa.

I compiti di questo professionista

Consulenti del lavoro a Torino

Le competenze dei Consulenti del lavoroa Torino non si limitano al controllo dell’organico, allargandosi infatti anche alla consulenza fiscale a Torino e alla consulenza societaria: possono dunque rappresentare l'azienda davanti alla Commissione di conciliazione o, per la Conciliazione monocratica, presso la Direzione provinciale del lavoro.

I consulentidel lavoro a Torino sono professionisti dell’area giuridico-economica che esplicano le proprie funzioni nella gestione del personale dal punto di vista amministrativo. L'attività principale e prevalente dei consulenti del lavoro è quella di elaborazione dei cedolini paga e adempimenti relativi, per conto di un'azienda. Oltre a questo, il loro ambito professionale comprende:

  • genesi, definizione, evoluzione di un rapporto di lavoro: gestione di tutti gli aspetti contabili, economici, giuridici, assicurativi, previdenziali e sociali che esso comporta;
  • assistenza e rappresentanza dell’azienda nelle vertenze extragiudiziali (conciliazioni e arbitrati) derivanti dai rapporti di lavoro subordinato e parasubordinato;
  • assistenza e rappresentanza in sede di contenzioso con gli istituti previdenziali, assicurativi e ispettivi del lavoro;
  • consulenza tecnica d’ufficio e di parte;
  • assistenza in sede di contenzioso tributario presso le commissioni e gli uffici dell’amministrazione finanziaria;
  • consulenza e assistenza nelle relazioni e nei rapporti aziendali (contratti, convenzioni, etc.) di carattere obbligatorio, tipico e atipico;
  • trasmissione telematica delle dichiarazioni fiscali;
  • certificazione tributaria;
  • certificazione eticità del rapporto di lavoro;
  • funzioni in ambito delle segnalazioni di denuncia di attività di antiriciclaggio e finanziamento del terrorismo;
  • funzioni in ambito di conciliazione e arbitrato nell'ambito delle controversie di lavoro (funzioni introdotte dalla legge 183/2010).
  • funzioni di asseverazione della regolarità normativa dei rapporti di lavoro.

L’intervento professionale dei consulenti del lavoro a Torino si colloca generalmente nell’area della consulenza alla piccola-media impresa con una specializzazione nella gestione dei rapporti di lavoro, in linea con l’evoluzione del sistema produttivo che ormai è costituito da piccole imprese operanti in prevalenza nel terziario, dove la gestione delle risorse umane costituisce il vero fattore strategico di sviluppo. L'elaborazione dei cedolini paga e il disbrigo dei numerosi adempimenti relativi è sicuramente il servizio maggiormente richiesto dai clienti dei consulenti del lavoro a Torino, sebbene esistano ormai sul mercato moltissimi concorrenti.

Gli imprenditori che siano in cerca di professionisti operanti nel capoluogo piemontese, possono rivolgersi a numerose imprese.

Come diventare un consulenti del lavoro a Torino

Consulenti del lavoro a Torino

Per diventare consulenti del lavoro a Torino dovrete studiare ed appassionarvi a tutte quelle materie che riguardano il dritto del lavoro, la contabilità o la previdenza sociale. Questa figura professionale, infatti, è molto versatile e il suo compito è quello di essere di supporto alle aziende nell’arduo compito di gestione del personale e dei rapporti umani.

In particolare, i consulenti del lavoro a Torino dovranno possedere un'approfondita conoscenza del diritto privato e di quello pubblico; di economia aziendale; di ragioneria; di diritto del lavoro, tributario e sindacale; oltre che conoscere bene varie tipologie di normative: da quella sul mercato del lavoro e dei più importanti contratti nazionali (cosiddetti CCNL) a quella previdenziale e pensionistica. Senza dimenticare poi una certa preparazione per quanto riguarda i diversi adempimenti fiscali, la tutela della privacy, della salute e della sicurezza dei vari lavoratori.

Come avrete intuito, si stratta di una figura fondamentale in ambito aziendale, che si tratti di una piccola, media o grande impresa. I compiti dei consulenti del lavoro a Torino sono molteplici e tutti molto importanti nelle dinamiche aziendali e spaziano dall’occuparsi del personale all’organizzazione e preparazione delle buste paga.

Percorso di studi

Consulenti del lavoro a Torino

Per quanto riguarda il percorso necessario a ricoprire il ruolo di consulenti del lavoro a Torino ci sono degli step da seguire necessariamente. Andiamoli a vedere insieme:

  • La laurea: per diventare consulenti del lavoro a Torino è necessaria, in primo luogo, una laurea universitaria. Ovviamente non tutte sono adatte per poi proseguire questo percorso di formazione, quali sono l lauree idonee? 
    • Scienze politiche
    • Scienze dell’amministrazione
    • Scienze economiche e gestione aziendale
    • Scienze giuridiche
  • Il praticantato: una volta conseguite le lauree (triennale e magistrale) in una delle facoltà sopra indicate, sarete pronti per affrontare il tirocinio di 18 mesi, obbligatorio se si vuole proseguire su questa strada. Il praticantato dovrà avvenire all’interno di uno studio di consulenza a Torino avviato da almeno cinque anni, all’interno del quale il tirocinante si occuperà di alcuni compiti che lo studio deve svolgere, seguito dal professionista che lo ha selezionato.
  • L’esame di stato: il tirocinio vi servirà sicuramente per acquisire praticità nel lavoro che andrete a fare più avanti ma anche e soprattutto vi sarà utile, grazie ai consigli di un professionista, per la preparazione all’esame di stato che dovrete obbligatoriamente sostenere alla fine del praticantato. Questo esame di abilitazione, una volta superato vi darà il via libera per diventare un vero e proprio consulentedel lavoro a Torino.

A questo punto, finito il vostro percorso di formazione dovete solamente scegliere se aprire il vostro studio oppure continuare a fare esperienza come dipendenti di uno studio già avviato.

Nel primo caso, si dovrà avere a disposizione una certa somma di denaro per affittare un locale ed avviare la propria attività e farsi conoscere dalla potenziale clientela, magari attraverso della pubblicità. Questa opzione non risulta agevole, in quanto ci si deve ritagliare uno spazio nel mercato dei consulenti. Nel secondo caso, invece, si può sfruttare la notorietà acquisita nel tempo dallo studio di consulenza, tuttavia eventuali alti margini di guadagno sono limitati per ciascun professionista che ne faccia parte.    

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Principio di legalità: ti sveliamo le indicazioni fondamentali!

principio di legalità

Il principio di legalità è uno dei punti di forza del Diritto Penale: vediamo di cosa stiamo parlando e in che termini questo argomento è collegato ai principi base della Costituzione.

Come disdire l'abbonamento Sky grazie al decreto Bersani

In materia di liberalizzazioni, uno dei capisaldi degli ultimi anni è senza dubbio il decreto bersani, convertito in Legge Bersani n. 248 del 4 agosto 2006. La legge Bersani è nota appunto come legge sulle liberalizzazioni, e contiene una serie di misure che hanno l'obiettivo di tutelare innanzitutto i consumatori, e di rendere più flessibile il mercato.

Ergastolo in Italia: l'art 22 del codice penale spiegato bene

ergastolo in italia

Chi commette un delitto efferato è severamente punito dalla legge italiana. Nei casi più blandi si deve scontare una pena che varia a seconda della gravità del reato commesso. Quando

Ferie per paternità: quali sono i diritti dei neo-papà

ferie per paternità

E’ vero che si ha diritto a 3 giorni di paternità dal lavoro, pagati (che si aggiungono alle normali ferie)? Molti si interrogano su questo aspetto importante. C’è un po’ di confusione infatti sul fatto se effettivamente, dal giorno del parto e per i 2 giorni seguenti, si ha diritto a percepire un congedo dal lavoro pagato.

Testamento biologico: facciamo il punto sulla legge in Italia

Testamento biologico

Da molto tempo ormai è stato appurato che la salute è un diritto fondamentale di ogni individuo e che qualsiasi cura o terapia deve ritenersi priva di legittimità in caso di dissenso da parte del diretto interessato.

I più condivisi

Quando il preventivo dell’avvocato è troppo alto

 

Il preventivo legale ti sembra troppo alto? E’ possibile contestare la parcella dell’avvocato anche se era stato accettato il preventivo per la consulenza prima?

Mutuo per la prima casa: cosa vuol dire e come richiederlo

Cosa_vuol_dire_mutuo_prima_casa_e_quali_sono_i_requisiti_1.jpg

Quando si inizia a pensare all’acquisto di una casa, generalmente si verifica una circostanza che potremmo definire ‘tipica’. Ovvero, si presenta la necessità di accendere un mutuo per potersi aggiudicare quel certo immobile. L’acquisto di un appartamento è un punto di svolta e a maggior ragione se si tratta di una prima casa.

La legge Bersani sui mutui: ecco cosa dice

La legge Bersani è nota appunto come legge sulle liberalizzazioni, e contiene una serie di misure che hanno l'obiettivo di tutelare innanzitutto i consumatori, e di rendere più flessibile il mercato.

Leggi anche...

Consulenti del Lavoro a Napoli: rifermenti utili

Il Consulente del lavoro elabora cedolini paga, cura l'inquadramento contrattuale in materia giuslavoristica. Vediamo alcuni consulenti presenti a Napoli per svolgere attività relative alla dimensione lavorativa.

Leggi anche...

Come e quando avviene l’Arresto in flagranza

Lo stato di flagranza di reato è disciplinato dall'art. 382 del codice di procedura penale. Si verifica lo stato di flagranza quando:

  • colui che compie il reato viene colto sul fatto dalla polizia giudiziaria oppure da chi ha subito il reato
  • colui che è colto sul fatto viene inseguito dalla Polizia Giudiziaria
  • la persona che viene trovata in possesso di cose o tracce dalle quali si presenti in maniera evidente che abbia commesso il reato poco prima
Go to Top