ISEE è una sigla che sta per Indicatore Situazione Economica Equivalente. Tale indicatore è uno strumento necessario ad individuare la condizione economica di una famiglia. Calcolare l'ISEE online è importante nel momento in cui una famiglia vuole richiedere delle prestazioni agevolate, ed è un indicatore necessario in tutta una serie di interventi che hanno a che fare con la Famiglia e codice civile

Quando serve il calcolo ISEE on line

Le prestazioni agevolate in cui è necesario presentare la dichiarazione sono ad esempio quelle di natura sanitaria, come l'esenzione per handicap, o sociale: è opportuno il calcolo ISEE on line per la mensa scolastica, per gli imprenditori agricoli, per l'esenzione o la riduzione delle tasse universitarie, e per tutta un'altra serie di prestazioni di questo tipo.

Il calcolo dell'indicatore di una famiglia viene effettuato ed attestato dai centri di assistenza fiscale (CAF) in modo completamente gratuito. Non è un indicatore univoco, ma può variare di regione in regione. Per questo motivo è opportuno verificare prima di prendere un appuntamento presso questi centri, lo stato economico della famiglia attraverso il calcolo ISEE on line.

ISEE su internet

E' possibile farsi un'idea del valore attraverso dei calcolatori on-line che dopo l'immissione di alcuni parametri indicatori (reddito della famiglia, valore ICI dell'abitazione di proprietà, presenza di soggetti con handicap in famiglia, mutuo residuo, canone d'affitto, ecc...) restituiscono una simulazione del certificato in modo da potersi fare un'idea della possibiltà di esenzione e riduzione di determinati costi legati al servizio che vogliamo richiedere.

Per effettuare tale operaziione sul web è bene ricordare che il reddito di riferimento da inserire deve essere quello dell'anno precedente alla dichiarazione attuale, ovvero se vogliamo calcolare l'ISEE per il 2009-2010, abbiamo bisogno dei valori dei redditi, ici, mutuo, ecc. relativi all'anno 2008.

Dal 1° Gennaio 2015 è entrato in vigore un nuovo ISEE, non è più quello a cui eravamo tanto abituati. Adesso è leggermente più complesso e sono stati introdotti nuovi parametri. Con questo nuovo modello ci sarà una maggiore equità, ma anche più complessità, infatti è stato riformato proprio per eliminare l’area dell’autocertificazione in quanto molti hanno ottenuto servizi che non spettavano presentando autocertificazioni false.

Proprio per questo motivo è necessario fornire altri documenti. Di seguito vi proponiamo un elenco per conoscere i documenti necessari per poter avere il vostro nuovo ISEE 2015:

  • carta d’identità e tessere sanitarie di tutti i componenti del nucleo familiare;
  • dichiarazione dei redditi, quindi 730 o modello UNICO, relativo all’anno 2013;
  • redditi percepiti all’esterno sempre nel 2013;
  • visure catastali o atti di compravendita di fabbricati e terreni posseduti al 31 Dicembre 2013;
  • il saldo di conti correnti postali e/o bancari, anche libretti di risparmio;
  • documentazione che attesti gli importi percepiti sempre nel 2013 per borse e/o assegni di studio;
  • documentazione che attesti la possessione relativa a titoli, obbligazioni, certificati di deposito e buoni azionari;
  • numero delle polizze e ammontare dei premi versati, ma non di assicurazioni auto;
  • eventuali riscatti delle assicurazioni vita;
  • capitale del mutuo residuo al 31 Dicembre 2014 per l’acquisto o costruzione delle abitazioni in possesso;
  • il contratto di affitto con relativi estremi di registrazione e canone annuo;
  • è necessario fornire anche la targa di autoveicoli, moto navi e imbarcazioni da diporto;
  • trattamenti erogati dall’INPS;
  • donazioni di immobili effettuate;
  • verbale attestante invalidità con data di rilascio e percentuale.

È importante, per le situazioni familiari più complesse, recarsi dal proprio Centro di Assistenza Fiscale di fiducia per poter avere chiarimenti, aiuti e delucidazioni riguardo questo nuovo ISEE.

È importante anche notare che il periodo d’imposta di riferimento non è più l’anno precedente, bensì due anni prima, quindi il periodo d’imposta da presentare nel 2015 è 2013; tranne però per quanto riguarda i mutui, quello rimane sempre il 2014. 





Potrebbe interessarti

Cos'è e cosa fa la medicina legale?

La medicina legale è un ramo della medicina che si congiunge al diritto, ed è nata per conoscere e applicare le conoscenze mediche al diritto.

Leggi tutto...

Codice civile italiano: tutte le indicazioni

Il diritto di famiglia è un argomento molto presente nel codice civile. Il codice civile infatti rivolge alla famiglia il primo libro, dal titolo "Delle persone e della famiglia".

Leggi tutto...

Il Giudice delegato: sai di cosa si occupa?

Per quanto riguarda la procedura di fallimento, esistono diverse figure ad esso preposte denominate Organi del fallimento, secondo le norme del diritto commerciale, artt. 23-41 della Legge Fallimentare.

Leggi tutto...

Domanda di rinnovo del passaporto: come e dove

In un momento storico in cui viaggiare all’estero è diventato pratica comune per motivi lavorativi e di piacere, avere un passaporto valido è lo strumento essenziale per raggiungere quelle nazioni al di fuori dell’Unione Europea che lo riconoscano, senza bisogno di richiedere un visto per arrivare a destinazione.

Leggi tutto...

Diritto Parlamentare: come funziona?

Anche i deputati e i senatori hanno una branca del diritto costituzionale che regola e si occupa di valutare il corretto andamento della gestione e di tutto quello che concerne il Parlamento. Tutto quello che concerne infatti l’operato del Parlamento rientra nel diritto parlamentare.

Leggi tutto...

I più condivisi

Scadenza della cambiale: come comportarsi?

Una cambiale è un titolo di credito all'ordine: questo significa che chi ne è in possesso, ha il diritto senza condizioni di farsi pagare la somma indicata entro la data di scadenza riportata sul titolo. Prima di vedere cosa succede quando non si rispettano i tempi di scadenza della cambiale, diamo qualche altra informazione generale.

Leggi tutto...

Adempimento dell’obbligazione: come annullare i debiti

L’adempimento dell’obbligazione consiste nell’esecuzione a favore del creditore della prestazione dovuta dal debitore. Quest’ultimo annulla l’obbligazione. L’adempimento deve essere: esatto (fedele a quanto stabilito nel titolo dell’obbligazione), per intero (in linea con le norme dispositive di legge su qualità), nel luogo e nel tempo previsti per l’adempimento dell’obbligazione. La materia è disciplinata dal diritto privato.

Leggi tutto...

Cos'è lo Spread? Vediamo tutte le variabili

In materia di diritto e soprattutto di diritto commerciale, è necessario conoscere a fondo determinate dinamiche e indici utili a regolare l'andamento economico stesso personale o di una intera Nazione. Cos'è lo Spread, e conoscere argomenti come Bot, Euribor, Irs ecc. è importante: questi concetti vanno dunque compresi anche e soprattutto per evitare passi falsi e investimenti che potrebbero rivelarsi rovinosi.

Leggi tutto...

Ormai è possibile richiedere il preventivo di un mutuo anche online

Ormai attraverso internet è possibile fare qualsiasi cosa, anche richiedere il preventivo per un mutuo. I siti che si mettono a disposizione per il calcolo effettivo di un tale prestito sono ormai moltissimi, tutti altamente affidabili e in grado di far ottenere dei reali risparmi al cliente.

Leggi tutto...

Il Calcolo ISEE on line: come effettuarlo?

ISEE è una sigla che sta per Indicatore Situazione Economica Equivalente. Tale indicatore è uno strumento necessario ad individuare la condizione economica di una famigliaCalcolare l'ISEE online è importante nel momento in cui una famiglia vuole richiedere delle prestazioni agevolate, ed è un indicatore necessario in tutta una serie di interventi che hanno a che fare con la Famiglia e codice civile

Leggi tutto...

Leggi anche...

Il decentramento amministrativo delle P.A. a favore del cittadino

La Pubblica Amministrazione realizza gli obiettivi definiti in sede politica attraverso l’utilizzo di specifici apparati burocratici. I suoi fini corrispondono con quelli giuridici e sociali dello Stato. Per questo esiste il decentramento amministrativo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Condono delle multe: come funziona

In questi anni, diverse volte abbiamo sentito parlare direttamente o magari in TV di sanzioni comminate e quindi elargite a determinati soggetti o società attraverso una multa. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Decurtazione da 6 a 10 punti patente, occhio al semaforo rosso!

A partire dal 2003, in Italia è stata introdotta la norma che prevede l'assegnazione di punti al momento del conseguimento della patente. Ogni volta che si commette un illecito particolare, è prevista la decurtazione di punti, fino ad arrivare a 0 punti e conseguenti provvedimenti disciplinari nei confronti del guidatore.

Leggi tutto...
Go to Top