Il Diritto di Credito rappresenta, per legge, la modulistica che ruota attorno al rapporto di scambio tra due parti, che può concretizzarsi nel trasferimento di potere d’acquisto o di disponibilità contro il pagamento di un interesse. Il diritto di credito è dunque lo strumento essenziale per il trasferimento di risorse da chi le detiene a chi non ne ha (ma può impiegarle ottenendo un utile superiore all’interesse pagato). Il cedente diventa così creditore, mentre il cessionario debitore.

Il Diritto di Credito indica la situazione giuridica soggettiva attiva del rapporto obbligatorio, ossia il diritto del lavoro del creditore all'esecuzione della prestazione dovutagli dal debitore per effetto del debito da questo contratto.

Ampliamo il concetto di diritto di credito

Il diritto di credito coincide, per legge, allora con il diritto di pretendere dal debitore l’adempimento di una prestazione di carattere patrimoniale. Per avere il Diritto di Credito, il creditore deve dunque dimostrare fiducia nella solvenza del debitore, prima della stipula di un contratto. E’ bene sottolineare come il credito può avere come oggetto qualsiasi bene economico o servizio; consiste nel prestito di una certa somma di denaro o nella vendita con pagamento differito. Così facendo, l’atto aumenta la capacità d’acquisto di colui che ottiene il credito (perché gli offre la possibilità di procurarsi beni oltre i limiti imposti dai suoi mezzi monetari).

L’organizzazione per il trasferimento è rappresentata da banche o istituti, che facilitano la raccolta del risparmio e la sua ripartizione, con particolari operazioni sulla cui natura è impostata la distinzione tra i crediti. La banca raccoglie fondi da chi ne dispone in eccesso rispetto alle proprie esigenze (operazione passiva) e ne dà a prestito a coloro i quali ne necessitano (operazione attiva).

Il concordato preventivo

Nell'ambito del diritto commerciale, viene denominato concordato preventivo un particolare istituto giuridico traente origine dalla moratoria; in pratica, permette all'imprenditore in situazione di crisi di eliminare ogni tipo di debito accumulato dalla sua impresa o azienda attraverso un piano di ristrutturazione di tutti i debiti e del pagamento di una loro porzione attraverso ogni mezzo lecito.

Tipologie di concordato

Le tipologie esistenti di contratto nel Diritto di Credito commerciale, per legge, sono essenzialmente due.

Concordato garantito, quando viene garantito a priori il soddisfacimento integrale di tutti i creditori considerati privilegiati, di almeno il quaranta percento dei creditori chirografari (tale termine sta ad indicare i creditori che vengono soddisfatti subito dopo i cosiddetti privilegiati nel rientro dello stipendio o mensilità o nel pagamento di tasse e imposte).

Va detto che è di pochi anni fa la modifica in tal senso, o meglio l'abrogazione di parte dell’art. 160 che imponeva una soglia minima di soddisfacimento dei creditori chirografari, pari al 40% dell’ammontare del credito.

Diritto di Credito

Attualmente, la domanda non prevede un vincolo di tipicità e può quindi venire organizzata in maniera scevra da imposizioni di tal genere, e prevedere quindi ampie determinazioni dell'autonomia privata e non pubblica.

Concordato con cessio bonorum. Questo tipo si ha quando vengono ceduti, senza alcuna garanzia, tutti i beni ai creditori. Beni, per meglio dire, che al momento dell'omologa rientrino nell'ambito di un requisito di idoneità degli stessi, in modo che venga così coperta la percentuale concordataria.

Continuiamo questo articolo sul Diritto di Credito parlando dei crediti inesigibili.

Crediti inesigibili

I crediti che le banche o altre imprese e aziende, a livello di stipendio o mensilità e guadagno, ritengono inesigibili, ossia che non verranno per qualche motivo recuperati dalla banca, devono essere cancellati dall'attivo di bilancio. Ciò da un lato riduce gli utili che emergono dal bilancio, ma evita anche di pagare tasse e imposte su entrate mancanti del lavoro dell'azienda o impresa privata e non pubblica.

La normativa contabile non obbliga ad evidenziare in nota integrativa, laddove la percentuale e la probabilità di sofferenza su crediti relativi allo stipendio o mensilità e al guadagno del creditore, a 12 mesi è notevole;

  • massimali ed estremi identificativi (compagnia e numero di polizza) delle eventuali coperture assicurative;
  • esposizione per anticipi su fatture dei clienti, verso istituti di credito (risconti salvo buon fine), o verso società di leasing/factoring (per cessioni pro soluto).

Nel caso delle banche il rapporto fra crediti ritenuti inesigibili e prestiti totali concessi, è un indicatore di solvibilità patrimoniale fondamentale per la comunità finanziaria nel rating dei titoli bancari.

Le banche sono fra i titoli a maggior capitalizzazione nel 2005 al MIBtel. Un valore tipico dell'indicatore è intorno al 2%.
È importante anche confrontare il valore totale delle sofferenze con il patrimonio (equity) della banca.
Talora più del 50% dei crediti inesigibili viene ceduto pro soluto (ovvero definitivamente) a società autorizzate. In questo modo la banca riottiene la somma prestata e non deve ridurre i crediti e gli utili di bilancio, considerate anche le tasse e le imposte da pagare.

diritto di credito

Queste società di lavoro spesso sono banche straniere con maggior patrimonio di guadagno da contrapporre alle "sofferenze" o società istituite ad hoc dalla banca cedente che ne detiene il 20% del capitale sociale privato e non pubblico.

Nell'ultimo modo l'insofferenza è "scaricata" sul bilancio di un'altra società della quale la banca detiene il controllo con la maggioranza relativa delle quote azionarie (e nella quale espone solo una parte del proprio capitale anziché la totalità del capitale sociale).

Speriamo che il nostro articolo sul Diritto di Credito vi sia stato utile.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Principio di legalità: ti sveliamo le indicazioni fondamentali!

principio di legalità

Il principio di legalità è uno dei punti di forza del Diritto Penale: vediamo di cosa stiamo parlando e in che termini questo argomento è collegato ai principi base della Costituzione.

Polizza vita: i motivi più validi per cui stipularla subito

Polizza vita

La vita è come una scatola di cioccolatini: non si sa mai cosa ci può riservare. Per questo una polizza vita può essere davvero conveniente, specialmente se consideriamo che, in caso di bisogno, essa può diventare un validissimo aiuto finanziario, sia come fondo per i familiari, sia come rendita aggiuntiva una volta in pensione.

Referendum Nucleare: ecco un approfondimento completo

A seguito del tragico incidente di Cernobyl avvenuto nel 1986, in Italia fu promosso un referendum sul nucleare, anzi per la precisione si trattò di tre referendum nazionali relativi al settore nucleare.

Il referendum costituzionale del 1946: sai cosa ha significato?

Con il termine referendum, si intende quel particolare strumento democratico grazie al quale gli elettori sono consultati in maniera diretta su determinati temi di rilevo. Essendo una grande conquista nell'epoca della democrazia diretta, il referendum permette agli elettori di fornire il proprio voto su un tema particolare, senza l'intermediazione del Parlamento.

Rinnovo del passaporto scaduto: come e dove si presenta la domanda

Rinnovo del passaporto

In un momento storico in cui viaggiare all’estero è diventato pratica comune per motivi lavorativi e di piacere, avere un passaporto valido è lo strumento essenziale per raggiungere quelle nazioni al di fuori dell’Unione Europea che lo riconoscano, senza bisogno di richiedere un visto per arrivare a destinazione.

I più condivisi

Quattordicesima mensilità: scopri come funziona e come calcolarla

immagine per quattordicesima mensilità

La quattordicesima mensilità è un istituto di origine non legale (ha natura contrattuale). La disciplina della quattordicesima fa riferimento alla determinazione delle parti sociali. Abbiamo dunque pensato possa essere utile determinare quali siano gli aspetti più importanti della quattordicesima, rimandandovi eventualmente ai concetti generali sul diritto finanziario. 

La mediazione commerciale: di cosa si tratta?

Il diritto commerciale è un ramo del diritto privato che regola le attività imprenditoriali; è anche definito come diritto privato delle imprese. Il diritto commerciale è una materia molto vasta e articolata; questa guida vi aiuterà a saperne di più.

Domanda aggregata: ti spieghiamo noi come funziona

immagine di Domanda aggregata

La Domanda aggregata rappresenta la spesa compiuta dai soggetti di un determinato sistema economico. I Consumi da parte delle famiglie, la spesa per Investimenti da parte delle imprese e la spesa in beni e servizi del settore pubblico: tutte componenti fondamentali di questo documento.

Leggi anche...

Società cooperativa europea: quali sono le sue caratteristiche?

Secondo quanto riportato dal codice civile italiano, si viene a determinare una società cooperativa quando tre o più soci vogliano gestire in comune un'impresa, che abbia come scopo principale quello di fornire ai soci stessi una serie di beni o servizi che hanno determinato la nascita della stessa.

Leggi anche...

Cancellazione dell'ipoteca Equitalia: scopri come fare

Cancellazione dell'ipoteca Equitalia

Aprendo la cassetta della posta, possiamo rischiare l'infarto trovandoci di fronte una cartella esattoriale Equitalia. Riprendiamo il fiato, perchè a quanto pare, una cartella inviata per posta può considerarsi tranquillamente nulla: infatti la Sent. CTP di Milano, 75/26/11 della Commissione Tributaria Provinciale di Milano ha stabilito la nullità di una cartella Equitalia inviata per posta raccomandata, in quanto tali atti devono essere notificati da figure giuridicamente preposte a tale incarico.

Go to Top