Per quanto riguarda la procedura di fallimento di un'azienda, impresa o società, esistono diverse figure ad esso preposte denominate Organi del fallimento, secondo le norme del diritto commerciale, artt. 23-41 della Legge Fallimentare.

Vediamo ora la figura del giudice delegato, rientrante nella categoria dei magistrati ovvero un professionista autonomo, che tramite una serie di contratti ha garantito il pagamento di uno stipendio o mensilità e, di conseguenza, di un guadagno fisso e ragguardevole, che gli consenta il regolare pagamento di tasse e imposte.

A partire dal decreto Legislativo del 9 gennaio 2006, è cambiato il carattere peculiare che fino a quel momento aveva il Giudice Delegato (G.D.); il giudice delegato infatti, perde il suo carattere di centralità nella procedura fallimentare, passando dal compito di dirigere le operazioni, a "vigilare e controllare sulla regolarità della procedura".

Scopriamo meglio quali sono le funzioni del Giudice Delegato

I nuovi compiti del giudice delegato, che come vi abbiamo accennato è un professionista autonomo, che tramite una serie di contratti ha garantito il pagamento di uno stipendio o mensilità e, di conseguenza, di un guadagno fisso e ragguardevole ,che gli consenta il regolare pagamento di tasse e imposte, nell'ambito del fallimento, diventano quindi i seguenti:

  • riferire al tribunale su ogni affare per il quale è richiesto un provvedimento del collegio;
  • emettere provvedimenti diretti alla conservazione del patrimonio;
  • convocare il curatore e il comitato dei creditori;
  • liquidare i compensi e revocare l'incarico conferito alle persone su richiesta del curatore;
  • provvedere ai reclami contro gli atti del curatore e del comitato dei creditori (15 gg.);
  • autorizzare il curatore a stare in giudizio, per ogni grado e per atti determinati;
  • revocare su richiesta del curatore gli avvocati del giudizio, e liquidarne i compensi;
  • nominare gli arbitri su proposta del curatore;
  • accertare i crediti e i diritti reali vantati dai terzi.
  • approvare il programma di liquidazione;
  • provvedere in caso di inerzia o inoperatività del comitato dei creditori;

I poteri del giudice delegato ovvero un professionista autonomo, che tramite una serie di contratti ha garantito il pagamento di uno stipendio o mensilità e, di conseguenza, di un guadagno fisso e ragguardevole che gli consenta il regolare pagamento di tasse e imposte, sono indicati da più norme, anche se la principale è rappresentata dall’art. 25. L’art. 25 indica una serie di poteri:

  • Il giudice delegato, rientrante nella categoria dei magistrati  esercita solo funzioni di vigilanza e di controllo sulle irregolarità della procedura.
  • Il giudice delegato riferisce al tribunalesu ogni affare per il quale è richiesto un provvedimento del collegio. Non riferisce obbligatoriamente in forma scritta.
  • Egli emette o provoca dalle competenti autorità i provvedimenti urgenti per la conservazione del patrimonio. Tuttavia non possono rientrare in questa categoria di atti, alcuni provvedimenti come quelli riguardanti i sequestri o i provvedimenti d’urgenza in quanto vi sarebbe un palese conflitto con norme elementari del diritto processuale. Infatti, il giudice delegato può emettere solo quei provvedimenti a contenuto decisorio che la legge gli abbia espressamente attribuito, mentre è da escludere in modo categorico che ad un giudice possa essere riconosciuta la legittimazione attiva per la richiesta di un qualunque provvedimento giurisdizionale dinanzi ad un altro giudice.
  • Il giudice delegato convoca il curatore e il comitato dei creditori nei casi prescritti dalla legge e ogni qual volta lo ravvisi opportuno per il corretto e sollecito svolgimento della procedura.

Vi sono altri poteri sottratti al giudice delegato dalla riforma. Ad esempio:

  • autorizzava il curatore a nominare le persone la cui opera era richiesta nell’interesse del fallimento di un'azienda, impresa o società , mentre oggi a ciò provvede direttamente il curatore;
  • nominava gli avvocati per le liti della procedura, mentre oggi la nomina dei difensori spetta direttamente al magistrato curatore;
  • autorizzava il curatore a compiere gli atti di straordinaria amministrazione, mentre oggi tali atti possono essere compiuti dal curatore previa autorizzazione del comitato dei creditori e avvocati.

giudice delegato

La riduzione dei poteri è stata giustificata dalla necessità che questi sia terzo ed imparziale rispetto alla procedura di fallimento di un'azienda, impresa o società.

La serie di provvedimenti che vengono pronunciati dal questa figura risultano essere dotati della caratteristica di decreto motivato.

Ricorsi

E' possibile presentare e proporre ricorso al tribunale o alla corte d'appello contro i decreti del giudice delegato. Tale ricorso va presentato entro 10 giorni dalla notifica dell'atto, e deve essere effettuato dal curatore, dal comitato dei creditori o da chiunque ne abbia interesse.


Potrebbe interessarti

Autonomia legislativa: come funziona per le Regioni?

Le Regioni a statuto speciale vedono il proprio fondamento nei rispettivi statuti mentre quelle a statuto ordinario fanno riferimento dall’articolo 117 della Costituzione.

Governo Tecnico: quando entra in funzione?

La forma di governo del nostro Paese è di tipo parlamentare, cioè nella quale, in pratica, il Parlamento (eletto direttamente dai cittadini) rappresenta l'organo principale attraverso cui si elegge a sua volta un Governo ed un Presidente della Repubblica. Poi, per guidare il Paese, solitamente a seguito di elezioni politiche, i principali partiti vincitori si alleano per formare un governo. 

Detenzione domiciliare presso la propria abitazione

In materia di Diritto Penale, quando a un condannato viene data da scontare una determinata pena sono diverse le forme di detenzione possibili. Nei casi di delitti davvero efferati viene infatti dato l'ergastolo, ovvero la reclusione a vita in carcere; per delitti minori vengono dati determinati anni, a seconda della gravità della pena, da scontare all'interno di un carcere.

Il comodato oneroso: come funziona in diritto?

Nel diritto ci troviamo di fronte al comodato quando abbiamo un contratto attraverso cui un soggetto definito comodante, consegna ad un secondo soggetto detto comodatario, un bene mobile o immobile, con lo scopo di servirsene per un periodo determinato, avendo l'obbligo di restituire il bene al termine del suo utilizzo: è dunque ciò che normalmente chiamiamo come prestito, ma a volte può essere considerato anche il comodato oneroso

Certificato penale casellario giudiziale: tutti i nostri reati o quasi

Il casellario giudiziale è una sorta di maxi schedario, istituito dalla Procura della Repubblica presso ogni Tribunale, contenente tutte le notizie relative a tutti i provvedimenti (giudiziari e amministrativi) riferiti a ogni singolo cittadino.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Scadenza della cambiale: come comportarsi?

Una cambiale è un titolo di credito all'ordine: questo significa che chi ne è in possesso, ha il diritto senza condizioni di farsi pagare la somma indicata entro la data di scadenza riportata sul titolo. Prima di vedere cosa succede quando non si rispettano i tempi di scadenza della cambiale, diamo qualche altra informazione generale.

Imposte dirette e indirette: la differenza in un approfondimento

imposte indirette

Nell'ambito del diritto tributario italiano, esiste una distinzione principale per quanto riguarda le imposte. Infatti, si parla di norma di due tipi di imposte: le imposte dirette e le imposte indirette.

Quanto costa un avvocato penalista: i relativi compensi

Quanto costa un avvocato penalista

Almeno una volta nella vita abbiamo avuto a che fare in modo diretto o in modo indiretto con la figura di un avvocato: che sia stato per un qualcosa che ci riguardava in prima persona o per un qualcosa che riguardava una persona a noi cara siamo stati messi difronte alla ‘spiacevole’ situazione di dover pagare (giustamente) una prestazione lavorativa che è stata offerta. Ma quanto costa un avvocato penalista?

Leggi anche...

Liberalizzazione delle edicole: tutto sulla Riforma Monti

liberalizzazione

Il pacchetto di riforme varato dal governo Monti riserva un grande spazio alla liberalizzazione, vista come uno degli sprint necessari per la ripresa economica del Paese. Sì è già parlato della liberalizzazione delle professioni, ma poco ancora è stato detto riguardo ai cambiamenti che disciplinano la vendita della carta stampata e quindi, nello specifico, alla liberalizzazione degli esercizi di vendita, le edicole.

Leggi anche...

Traffico illecito di rifiuti: spieghiamo l'ecomafia globale

traffico illecito di rifiuti

Affari milioniari che hanno riguardato sempre più soggetti quelli delle navi portacontainer da un capo all’altro del globo. Spedizioni verso i Paesi del sud del mondo, di navi stracariche di scorie prodotte dalle aziende, un modo per smaltire i rifiuti senza incidere sui bilanci aziendali e senza disturbare gli affari.

Go to Top