Un'imposta è un tributo, ovvero una delle voci di entrata del bilancio dello Stato. Consiste in un prelievo coattivo di ricchezza da un dato cittadino contribuente, non è connesso ad una prestazione da parte dello Stato o degli altri enti pubblici per servizi resi al cittadino ed è destinata alla copertura della spesa pubblica.

Nei paesi eredi del diritto romano è distinto dalla tassa, che è invece legata ad una prestazione. La parte delle entrate statali costituita dalle imposte è detta gettito fiscale.

Il livello di imposizione e la ripartizione delle imposte tra le fasce della popolazione sono oggetto di studio della scienza delle finanze e sono attuati mediante misure di politica fiscale. Il livello di imposizione fiscale - impropriamente detta tassazione - medio di un paese si chiama pressione fiscale apparente.Nell'ambito del diritto tributario italiano, esiste una distinzione principale per quanto riguarda le imposte. Infatti, si parla di norma di due tipi di imposte: le imposte dirette e le imposte indirette.

Caratteristiche delle imposte dirette

Per quanto riguarda le imposte dirette, definiamo come dirette quelle che vanno a colpire in maniera appunto diretta la ricchezza del cittadino. Per meglio comprendere questa definizione, diciamo che le imposte dirette vanno a colpire la ricchezza intesa come già esistene in quanto bene oppure in quanto frutto della produzione attraverso una prestazione o un servizio: è il caso dell'imposta diretta che grava sul reddito.

Un'altra caratteristica delle imposte dirette è quella di non essere trasferibile: dunque rimane a carico di chi è obbligato per legge a pagarle, come quelle sul patrimonio e sul reddito, e non viene sottoposta a eventuali variazioni fra il prezzo che il produttore deve pagare rispetto a quello del consumatore.

La situazione in Italia

Le imposte dirette che sono in vigore in Italia e che dunque sono, ripetiamo, obbligatorie per legge e non trasferibili, e vanno ad intaccare direttamente la ricchezza del singolo a favore dello Stato, sono le seguenti:

  • IRPEF – Imposta sul reddito delle persone fisiche: regolata dal Testo Unico delle Imposte sui Redditi, il D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917. Fornisce circa un terzo del gettito fiscale per lo Stato italiano.
  • IRES - Imposta sul reddito delle società: istituita con il d.lgs 344/2003, è una imposta proporzionale e personale con aliquota del 33 %.
  • IRAP – Imposta regionale sulle attività produttive: istituita con il decreto legislativo 15 dicembre 1997 n.446. Il suo gettito finanzia il 40% della spesa sanitaria italiana.
  • ICI - Imposta Comunale sugli Immobili: ha preso la forma attuale con il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504.

Contributi previdenziali

imposte dirette

Sono indirette, invece, tutte le imposte che sono correlate alla ricchezza nel momento in cui viene trasferita (ad esempio la vendita di un bene) o viene consumata (ad esempio la fruizione di un servizio o di una prestazione): le imposte indirette pertanto si trasferiscono da chi è tenuto a pagarle ad altri soggetti.

Tali imposte possono portare ad un divario tra prezzi netti per il produttore e prezzi pagati dal consumatore. Esse colpiscono la ricchezza nel momento in cui si manifesta in maniera indiretta, ossia quando essa viene o consumata oppure trasferita. Difatti si parla di imposte sui consumi (es. IVA) o sui trasferimenti (imposta di registro).

Le imposte dirette  hanno un maggior effetto ridistributivo del reddito, assicurano una continuità del gettito e sono economiche da riscuotere; tuttavia esse stimolano l’evasione fiscale, sono rigide e il contribuente le sente in modo marcato, soprattutto sul lato psicologico.

Le imposte indirette, invece, sono elastiche, divisibili e, essendo incluse nel prezzo dei beni acquistati, sono meno sentite dai contribuenti; d’altra parte non assicurano una continuità del gettito fiscale.

La progressività dell'imposta

imposte dirette

Tra le imposte dirette progressive più note ai contribuenti c'è l'IRPEF: essa determina che ogni proprietario di beni immobili, lavoratore dipendente, lavoratore autonomo, socio di enti collettivi, insomma tutti i soggetti in grado di produrre reddito, siano gravati da tale pagamento.

Nel caso dell'IRPEF, l'imposta progressiva è a scaglioni, ovvero l'aliquota attraverso quale si determina il prelievo fiscale tende a crescere ma rimane comunque sempre la stessa per intervalli di imponibile. Questo discorso cambia nel caso di contribuenti appartenenti alla cosiddetta no tax area, che tutela i contribuenti appartenenti a fasce di reddito più deboli.

Questa fascia di reddito prevede imposizioni fiscali più basse. Grazie alla proporzionalità, è possibile ridistribuire la ricchezza a favore della collettività, in modo che il prelievo tributario si a vantaggio della comunità.

Alcuni detrattori della proporzionalità sostengono invece che un eccessivo prelievo fiscale da parte dello Stato sia nocivo agli investimenti e ai consumi privati, andando a compromettere negativamente l'intero sistema economico di un Paese.



Potrebbe interessarti

Decreto anti coronavirus: ecco i punti della manovra a sostegno dell’Italia

decreto anti corona virus

Il 16 marzo 2020 è stato approvato dalla Presidenza del Consiglio un maxi-decreto con misure urgenti economiche a sostegno delle imprese e delle famiglie nella lotta al corona-virus. Il decreto “Cura Italia” – così come è stato definito – contiene 122 articoli che toccano tutti i principali ambiti dell’economia e del welfare con uno stanziamento di 25 miliardi di euro che si auspica facciano leva sulle attività economiche e sulle famiglie comportando una mobilitazione pari a 350 miliardi in rapporto al PIL nazionale.

Tipi di referendum: se non li conosci tutti, scopriamo quanti ce ne sono

Il referendum (dal gerundivo latino REFERO), può essere una pratica democratica di frequente utilizzo, a differenza dal plebiscito.

Codice civile italiano: ecco tutte le indicazioni per comprenderlo

Codice civile italiano

Il diritto di famiglia è un argomento molto presente nel codice civile italiano. Il codice civile italiano infatti rivolge alla famiglia il primo libro, dal titolo "Delle persone e della famiglia".

Marca da bollo per il passaporto: concessione governativa per l’espatrio

Marca da bollo per il passaporto

Il passaporto è un documento richiedibile da tutti i cittadini italiani che consente di attraversare i confini degli Stati riconosciuti dalla nostra Repubblica. Il passaporto viene rilasciato essenzialmente dalle questure, quando non da uffici particolari investiti di tale abilità, in seguito alla consegna di tutta una documentazione particolare nella quale è compreso un versamento al Ministero dell’Economia e delle Finanze e l’apposizione di una apposita marca da bollo per il passaporto.

Cosa indica il termine Proscioglimento?

Nel corso del tempo, nel nostro Paese, vi sono stati diversi processi celebri e che hanno destato l'attenzione dell'intera opinione pubblica nazionale: da quelli eclatanti relativi a gravi episodi di cronaca nera a quelli che hanno visto coinvolti, in alcuni casi, eminenti politici, come ad esempio negli anni '90 il procedimento giudiziario scaturito dalla celebre inchiesta "Mani Pulite". Di conseguenza, spesso si è raggiunta una certa conoscenza e familiarità con alcune definizioni di natura giuridica.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Società in accomandita per azioni: scopriamo di più

immagine per Società in accomandita per azioni

All'interno della descrizione giuridica delle società, espressa nel codice civile, viene denominata Società in accomandita per azioni  (S.p.A.) un'impresa di capitali nella quale le quote di partecipazione dei vari soci vengono determinate ed espresse in azioni.

Cambiale ipotecaria e titoli di credito: sai come funziona questo mondo?

Cambiale ipotecaria

Non sono particolarmente diffusi, tuttavia potrebbe capitare ad ognuno di avere a che fare con una cosiddetta cambiale ipotecaria oppure degli eventuali titoli di credito. Cosa sono e soprattutto in quali situazioni potremmo trovarceli di fronte? Cerchiamo di approfondire meglio la questione.

Tasse sugli Immobili: alcune cose che devi conoscere

tasse sugli immobili

Uno degli aspetti chiave della manovra finanziaria di alcuni governi è la revisione delle tasse sugli immobili, che riguarda la regolamentazione delle imposte relative agli affitti degli appartamenti dati in locazione e il pagamento delle imposte relative alla proprietà di una casa.

Leggi anche...

Lettera di Licenziamento: qualche consiglio per scriverla al meglio

immagine per lettera di licenziamento

Spesso purtroppo ci troviamo di fronte ad una situazione sgradevole. Il dover licenziare qualcuno o, in alternativa, il dover apprendere di essere stati licenziati. In qualsiasi delle situazioni vi troviate avrete a che fare con la lettera di licenziamento. Una delle missive più antipatiche che esistano. Eppure anche questa lettera ricopre una certa importanza giuridica.

Leggi anche...

Libertà condizionale: ecco di che cosa si tratta e come funziona

Libertà condizionale

Chi commette un reato, di media, piccola o grave intensità viene rinchiuso in carcere per un periodo che varia in base alla gravità della pena.

Go to Top