Poche volte consideriamo gli importi delle multe una somma ragionevole rispetto all'infrazione effettuata. Sarebbe bene conoscere quali sono gli importi delle multe per evitare di riceve spiacevoli avvisi da parte delle forze di Polizia.

Per questo è utile avere familiarità, oltre che con il codice della strada, con l'importo e le tariffe delle multe da pagare in caso di infrazione. Le tariffe multe variano da una quarantina di euro, fino addirittura a toccare la soglia dei centomila euro. Oltre a prevenire eventuali infrazioni ed incidenti, conoscere le tariffe delle multe è necessario per poter scoraggiare eventuali comportamenti al limite da parte dei guidatori più sprovveduti e soprattutto più incauti.

Conduceva veicolo con targa non integralmente leggibile

L’ammontare della cifra da versare quando si contrae una multa per questa infrazione è di 38,00 Euro, come stabilisce l’Articolo 102.

Guida senza patente tra le peggiori Infrazioni stradali

Se si guida senza patente si va incontro ad una multa che arriva anche fino a 2.257,00 Euro e 389,00 Euro al proprietario del veicolo per incauto affidamento. Questo in base all’articolo 116.

Patente non rinnovata

infrazioni stradali

Se venite fermati e trovati con una patente non rinnovata la multa a cui andate incontro è di 155,00 Euro ma non soltanto, infatti, secondo l’articolo 126 è previsto anche il ritiro della patente.

Mancanza temporanea di requisiti fisici e/o psichici: occhio alle Infrazioni stradali passive

Se per un certo periodo vengono a mancare i requisiti fisici o psichici che sono richiesti per la guida, si può incorrere in una multa della cifra di 78,00 Euro. Questa parte è regolamentata nell’articolo 115.

Divieto di sosta

Se si viola l’articolo 157, cioè quello che regolamenta il divieto di sosta, la multa ammonta alla somma di 38,00 Euro.

Motore acceso durante la sosta o la fermata

Invece, è di 200,00 Euro la multa a cui si va incontro se, ignorando l’articolo 157, si tiene acceso il motore dell’automobile durante la sosta o la fermata.

Mancata esposizione del disco orario

Se invece, si parcheggia in una zona in cui, secondo l’articolo 157, è prevista l’esposizione del disco orario, ignorando questo obbligo, sarete costretti a pagare una multa di 38,00 Euro.

Eccesso di velocità entro 40 Km/h rispetto al limite

Nel caso in cui, la multa venga emessa per un eccesso di velocità che, però, si mantenga entro i 40Km/h rispetto alla velocità permessa, la multa, in base all’articolo 142, sarà di 155,00 Euro.

Eccesso di velocità oltre i 40 e non superiore ai 60Km/h rispetto al limite

Se invece, l’eccesso di velocità rilevato è superiore a 40 Km/h ma inferiore a 60 Km/h, la multa da pagare sarà di 370,00 Euro e verrà sospesa patente da 1 a 3 mesi; se si è neopatentati la sospensione può variare da 3 a 6 mesi. In caso di recidive, si avrà una sospensione della patente da 8 a 18 mesi per recidive; il tutto in base alla violazione dell’articolo 142.

Eccesso di velocità oltre i 60 km/h rispetto al limite

Se, ancora, si supera la velocità consentita di oltre 60 km/h rispetto al limite si dovranno pagare ben 500,00 Euro di multa e la patente verrà sospesa da 2 a 6 mesi. Secondo l’articolo 142 è prevista la revoca della in caso recidiva.

Guida pericolosa

Nel caso, gravissimo, di guida pericolosa, vi vedrete addebitare una salatissima multa di 5000,00 e, in base all’articolo 9 sarete passibili di arresto.

Guida senza casco

Nel caso di guida di una moto, senza l’utilizzo del casco, la multa, stabilita dall’articolo 171, è di 74,00 Euro e sarete soggetti al fermo del veicolo.

Guida senza cintura di sicurezza

Come per il casco, la guida di un’automobile senza cintura è un’infrazione all’articolo 172 e viene multata con 74,00 Euro ed in caso di recidiva si ha la sospensione della patente.

Guida e uso del telefono

Un’infrazione commessa molto spesso è quella all’articolo 173, cioè l’uso del telefono alla guida che prevede una sanzione di 148,00 Euro e la sospensione della patente in caso di recidiva.

Guida senza lenti (con obbligo sulla patente)

Se, sulla patente è previsto l’obbligo di lenti durante la guida, e ciò non viene rispettato, si va incontro ad una multa di 70,00 Euro in base a quanto stabilito dall’articolo 173.

Guida in stato di ebbrezza

Per l’effrazione dell’articolo 186, cioè la guida in stato di ebbrezza, le sanzioni previste variano da 500,00 a 6000,00 Euro ed anche la sospensione della patente.

Seconda possibilità: contestazione!

Hai ricevuto una multa e sei certo di non aver commesso tante violazione? Ritieni che la multa sia ingiusta o che il verbale contenga errori? Puoi fare ricorso!

Per prima cosa è bene ricordare che le multe sono delle vere e proprie sanzioni amministrative, applicate in caso di violazione del codice stradale.

Ecco i passi da fare a seconda della strada che intendi percorrere.

Contestare una multa presso il Prefetto

È necessario inoltre allegare copia del verbale e il materiale utile a supportare la richiesta (ad esempio le fotografie).

Nel caso in cui nell’ordinanza venga rigettato il ricorso e venga emessa un’ingiunzione al pagamento della sanzione, quest’ultima deve essere notificata entro 150 giorni. Il soggetto avrà tempo 30 giorni di tempo per pagare la multa.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Patria potestà: ecco come viene regolamentata a livello genitoriale

patria potestà

Nell'ambito del codice civile, per quanto riguarda il diritto di famiglia, uno dei concetti fondamentali è la cosiddetta potestà genitoriale.

Percentuali di successo dell’ICSI: scopriamo i dettagli su questa tecnica

 percentuali di successo dell’ICSI

Rispetto ai decenni passati, si è assistito ad una diminuzione della natalità generale, nel nostro Paese come in altri, e questo dipende da molteplici fattori. Uno di tali fattori è la maggiore difficoltà di poter avere dei figli in modo naturale. Da qui il ricorso, da parte di diverse coppie, a tecniche alternative come la fecondazione assistita, per poter coronare il sogno di avere dei bambini. Tra le differenti tecniche maggiormente utilizzate, vi è quella di cui parleremo e le percentuali di successo dell’ICSI sono estremamente buone.

Esenzione per la mensa scolastica: cosa prevede la legge

esenzione per la mensa scolastica

L’Italia è un paese che vanta da sempre grandi capacità di accoglienza sia in termini di solidarietà che di efficienza ricettiva, così come è noto che l’Italia è un paese crocevia del Mediterraneo, paese di transito, di emigrazione e di immigrazione

Cos’è l’Attività istruttoria

Entriamo nel dettaglio di una delle attività più importanti del processo amministrativo. L'attività istruttoria è infatti un’attività volta ad individuare la realtà dei fatti. Ovviamente precede l'attività di trattazione (che viene inserita per l'individuazione della disciplina giuridica applicabile). 

Giudice delegato: sai di cosa si occupa questa figura?

giudice delegato

Per quanto riguarda la procedura di fallimento, esistono diverse figure ad esso preposte denominate Organi del fallimento, secondo le norme del diritto commerciale, artt. 23-41 della Legge Fallimentare.

I più condivisi

Tabelle redditometro: non devi perderti queste informazioni

Il redditometro è da mesi fonte di numerose polemiche che lo considererebbero violazione della privacy dei cittadini italiani, questo secondo quanto dichiarato da alcuni giudici tributari.

Usura e interessi di mora: la decisione delle Sezioni Unite

usura_ed_interessi_di_mora.jpg

Quando sottoscriviamo un mutuo o un finanziamento una componente dell’accordo sarà certamente la parte legata agli interessi da versare in favore del mutuante, che di solito è una Banca o un’agenzia di credito al consumo.

8 per mille: elenco dei beneficiari e criteri di inclusione

8 per mille: elenco

Al momento della dichiarazione dei redditi, esistono due voci di cui si sente molto parlare e che fanno assai discutere: si tratta della destinazione dell'8 per mille e del cinque per mille. Vediamo nel dettaglio la prima di queste due destinazioni.

Leggi anche...

Pubblica Amministrazione: ecco una guida completa sulla sua definizione

Definizione di Pubblica Amministrazione

 Il termine amministrazione pubblica ha una duplice valenza:

  • in senso oggettivo è una funzione pubblica che consiste nell'attività volta alla cura degli interessi pubblici
  • in senso soggettivo è l'insieme dei soggetti che esercitano questa mansione

Leggi anche...

Il condono fiscale: quando e come si applica questa procedura?

condono fiscale

Il condono fiscale rientra, nell'ambito del diritto, nella più ampia categoria dei condoni legislativi emanati tramite decreti legge

Go to Top