A partire dal 1998, nell'ambito della burocrazia e della documentazione fiscale relativa alla dichiarazione dei redditi, è entrato in vigore il certificato unico dipendente, meglio noto come CUD: cos'è di preciso?

Prima del CUD, i redditi erano certificati attraverso il modello 101 o 201, a seconda se si era lavoratori dipendenti o pensionati.

Scopriamo le novità del CUD

Rispetto ai modelli precedentemente in vigore, serve anche a certificare tutta una serie di dati legati alla previdenza sociale, relativi dunque a tutti gli imponibili previdenziali che vengono trattenuti a fini pensionistici.

Il modello CUD infatti intende riepilogare in un solo certificato tutti quelli che sono i redditi corrisposti dal datore di lavoro o dall'ente pensionistico di riferimento, nell'ambito di un anno solare.

In questo modo, entro il successivo mese di febbraio, il sostituto d'imposta fa in modo che venga effettuato il conguaglio fiscale: questo significa che vengono sistemate le trattenute con un conguaglio tra IRPEF calcolata e quella dovuta secondo la normativa fiscale.

Addizionali relative al CUD

Attraverso il modello, si calcola non solo l'IRPEF ma vanno calcolate anche l'addizionale regionali e, in caso, anche quella comunale. A partire dal 207 infatti, si considera l'addizionale comunale in base al comune di residenza considerato alla dato del primo gennaio di riferimento dell'addizionale stessa.

Tali addizionali vengono trattenute agendo sullo stipendio o sulla pensione nell'anno successivo; se cessa il rapporto di lavoro, nell'ultimo stipendio verranno recuperate le addizionali residue.

Date di riferimento

Il modello CUD viene rilasciato dall'azienda per cui si lavoro, o dall'ente previdenziale, entro il 28 febbraio dell'anno successivo a quello cui si riferisce: è possibile dunque effettuare la denuncia dei redditi tramite modello unico o modello 730.

Le modalità

Il datore di lavoro o l’Ente pensionistico consegnano il CUD in duplice copia al contribuente. Tale documento può essere consegnato in due modalità:

  • Cartacea (obbligatorio per eredi o per dipendenti che hanno cessato il rapporto)
  • Telematica (a patto che il destinatario abbia gli strumenti necessari per riceverlo e stamparlo)

Il CUD per i pensionati

A decorrere dal 2013, gli enti previdenziali forniscono il modello solo in modalità telematica, salva la facoltà di richiederne l’invio a domicilio in forma cartacea.

Per fare richiesta del CUD in forma cartacea occorre recarsi presso i CAF o patronati simili o presso gli Uffici Postali. Questo è stato possibile solo fino al 2 aprile 2013. A partire dal 2 aprile, l’unica modalità possibile sarà il web scaricando il modello dal sito ufficiale dell’INPS.
La procedura online prevede lo svolgimento dei passi seguenti:

  • Collegarsi al sito INPS e andare nella sezione “Il pin online”
  • Cliccare su “richiedi pin”.
  • Compilare i campi relativi al vostro codice fiscale e inserire la residenza;
  • Sarà consegnato/visualizzato un codice segreto di identificazione personale.
  • Il Pin si compone di 16 caratteri e in seguito al primo accesso al sito (primo login), il Pin verrà trasformato in 8 caratteri. Qui finisce la prima fase
  • Il passo successivo è tornare sulla homepage e cliccare nella sezione “CUD online”.

Documentazione

E’ facilmente reperibile online il modulo per il CUD 2015 da compilare riferito ai redditi percepiti nel 2014.

Modello Unico dichiarazione dei redditi

Tutti i riquadri del fascicolo base del modello unico sono contrassegnati dalla lettera R e riguardano tutti i contribuenti. Il secondo fascicolo è riservato alla compilazione di dati relativi a redditi particolari, quali quelli soggetti ad una tassazione separata, oppure ai redditi di capitale. Anche questi quadri sono contrassegnati dalla lettera R.

E' possibile scaricare il modello Unico cliccando su questo link, dove è possibile trovare tutte le varie tipologie di documenti necessari alla compilazione della dichiarazione dei redditi.

A chi è riservata?

La dichiarazione dei redditi deve essere presentata da tutti coloro che, ovviamente, posseggono dei redditi prodotti in Italia.

Dove presentare la dichiarazione

La dichiarazione dei redditi va consegnata dal contribuente ad un qualsiasi ufficio postale o banca convenzionata. In questo caso, il servizio di ricezione è completamente gratuito, e una volta effettuato prevede l'emissione di una ricevuta di consegnata dichiarazione.

Un altro modo per presentare la dichiarazione dei redditi è quella di affidarsi ad un intermediario adibito a questo scopo. A questa funzione di intermediario assolvono i centri di assistenza fiscale (CAF), i commercialisti, gli iscritti negli albi dei dottori forestali e agronomi e tutta quella serie di soggetti che svolgono normale attività fiscale.

Via internet

Da qualche anno è possibile presentare la dichiarazione dei redditi anche via internet. E' necessario registrarsi presso il sito Uniconline, al quale va richiesto il proprio codice personale che dà atto dell'identità del contribuente registratosi.

Scadenze

Tutti i versamenti relativi alla dichiarazione dei redditi, eccezione fatta per quelli relativi alla partita IVA, vanno eseguiti entro i seguenti periodi, per quanto riguarda il primo acconto:

  • dal 1 maggio al 20 giugno, non si incappa in alcuna maggiorazione;
  • dal 21 giugno al 20 luglio, ma con una maggiorazione dello 0.4 percento.
  • Entro il 30 novembre successivo va versato il secondo acconto.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Congedo di paternità: astensione obbligatoria e facoltativa

congedo di paternità

Dopo il sì del Parlamento Europeo al congedo di paternità dell’ottobre 2010 il Decreto Legislativo n119 del 18 Luglio 2011 riordina e ridefinisce i presupposti e le modalità con cui fare richiesta in merito a congedi, aspettative e permessi. Differenza sostanziale rispetto al passato è la possibilità del padre di ottenere il permesso anche nel caso in cui la madre non ne abbia diritto (essendo ad esempio disoccupata) mentre in passato era richiesto che la genitrice avesse un lavoro.

Ferie per paternità: quali sono i diritti dei neo-papà

ferie per paternità

E’ vero che si ha diritto a 3 giorni di paternità dal lavoro, pagati (che si aggiungono alle normali ferie)? Molti si interrogano su questo aspetto importante. C’è un po’ di confusione infatti sul fatto se effettivamente, dal giorno del parto e per i 2 giorni seguenti, si ha diritto a percepire un congedo dal lavoro pagato.

Governo Tecnico: quando entra in funzione?

La forma di governo del nostro Paese è di tipo parlamentare, cioè nella quale, in pratica, il Parlamento (eletto direttamente dai cittadini) rappresenta l'organo principale attraverso cui si elegge a sua volta un Governo ed un Presidente della Repubblica. Poi, per guidare il Paese, solitamente a seguito di elezioni politiche, i principali partiti vincitori si alleano per formare un governo. 

La Pratica Forense per la Professione di Avvocato è retribuita?

Con il termine avvocato si intende un professionista, laureato in materie giuridiche, che si occupa di rappresentare assistendo o difendendo una parte processuale.
Per esercitare la professione di avvocato, è necessario essere iscritti all'albo

Principio di Offensività: ecco come come agisce nel diritto?

Immagine per principio di offensività

Il Principio di Offensività rappresenta un qualcosa di molto interessante rispetto a quel che riguarda la concezione liberal-democratiaca del reato. Questo principio estromette la punibilità dei fatti per i quali non esiste un’effettiva lesione del bene giuridico protetto.

I più condivisi

Reddito dominicale: un approfondimento sul'argomento

immagine per reddito dominicale

Il reddito si può definire sinteticamente come l'entrata netta che un determinato soggetto realizza in un determinato periodo di tempo, ed espressa secondo l'unità di misura monetaria.

Redditi diversi: sai come comportarti per non infrangere la legge?

Immagine presente nell'articolo Redditi diversi: sai come comportarti per non infrangere la legge?

l reddito si può definire sinteticamente come l'entrata netta che un determinato soggetto realizza in un determinato periodo di tempo, ed espressa secondo l'unità di misura monetaria.

Come con carta Hype è possibile gestire le risorse dei minorenni

carta-hype.jpg

Con il passare del tempo sono sempre di più le persone, tra cui tantissimi minorenni, che decidono di affidarsi ai servizi offerti dalla cartaHYPE. Secondo delle recenti analisi di mercato, questo sarebbe molto utile al fine di infondereresponsabilità nei più giovani, che trovandosi ad essere titolari di un conto, riescono a gestire in maniera più coscienziosa i propri risparmi.

Leggi anche...

Commercialisti di Firenze: a chi rivolgersi?

La città di Firenze offre delle soluzioni variegate per quel che concerne la scelta del commercialisti. Date un’occhiata alla lista che proponiamo di seguito.

Leggi anche...

Patente a punti: sai davvero come funziona dopo la riforma?

immagine per Patente a punti

Con la riforma del sistema delle patenti in Italia, avvenuta nel 2003, il codice della strada ha stabilito che ogni titolare di patente o patentino CIG abbia in dotazione, al momento del conseguimento della patente a punti, un totale di 20 punti.

Go to Top