Negli ultimi anni la legge sul Daspoè una misura restrittiva che balza sovente agli onori della cronaca, sia per quanto riguarda le manifestazioni sportive che, negli ultimi giorni, per quanto concerne il diritto di manifestazione tout court. Con il termine si intende il Divieto di accedere alle manifestazioni sportive.

Con la legge 13, legge sul Daspodivenne operativa dal dicembre del 1989, proprio con l'obiettivo di scoraggiare il crescente fenomeno della violenza negli stadi di calcio italiani.

Caratteristiche della legge sul Daspo

Chi è soggetto a questo ordine restrittivo riceve quindi una notifica da parte degli organi di Polizia: nel caso di obbligo di comparizione in questura, tale notifica è comunicata anche al Tribunale competente della procura della repubblica, nel limite delle 48 ore dalla sua notifica.

A questo punto, il soggetto che subisce la legge sul Daspo chiede la convalida al G.i.p. presso il Tribunale di cui sopra, che dovrà completare il processo di notifica entro le successive 48 ore, pena la perdita di efficacia.

Nel caso il soggetto presenti documenti che certificano particolari esigenze che lo impossibilitano a presentarsi all'obbligo di firma in Questura, l'interessato può evitare tale passaggio, ma dovrà comunque comunicare per iscritto un luogo ove sia reperibile durante la manifestazione sportiva cui era inibito.

Questo perchè la legge sul Daspo viene presa a scopo preventivo, e dunque può essere ratificata anche a monte del giudizio penale, salvo poi annullarla in caso di assoluzione nella fase di processo.

Nel 2014 il Ministro dell’Interno Alfano ha potenziato la legge sul Daspo con il decreto legge 119/14. In base alla nuova normativa, è stata allungata la pena massima, passata da cinque ad otto anni, con l’aggiunta del Daspo di gruppo, volto a punire un gruppo collettivo di violenza. Inoltre, il tifoso non sarà più perseguito per i soli reati da stadio ma anche per tutti quei comportamenti violenti, sia in forma generica che contro le forze dell’ordine.

Inoltre, a chi è recidivo potrà essere aggiunta, come provvedimento, la sorveglianza speciale di pubblica sicurezza. Il Ministro dell’Interno potrà tenere fuori dagli impianti sportivi le tifoserieviolente, vietando loro anche la possibilità di recarsi in trasferta. I provvedimenti sono stati presi per dare una sterzata al fenomeno del tifo in Italia e sono nati dopo la morte di Ciro Esposito, tifoso del Napoli morto dopo gli incidenti della finale di Coppa Italia del 3 maggio contro la Fiorentina. Gli scontri erano accaduti a Viale Tor di Quinto con il fan partenopeo che era stato colpito da un colpo di pistola che gli ha tolto la vita dopo quasi due mesi di sofferenza in ospedale.

Il fenomeno del tifo in Italia

legge sul Daspo

Ma perchè in Italia si fa tanto fatica a debellare il tifo violento? Sono veramente efficaci i provvedimenti presi con la legge sul Daspo sull’onda della protesta a seguito di morti, come avvenuto nel caso dell’Ispettore Raciti di Catania e del tifoso azzurro Esposito? Purtroppo, a cadenza temporale, avvengono sempre degli incidenti che con la parte sana del tifo non c’entra nulla ma che sfrutta il terreno dello stadio per fare scontri e violenze. In Italia lo stadio è considerato una terra franca, dove poter permettersi di tutto perchè delle leggi severe non esistono. O se esistono, non sono applicate nella buona maniera. Sarà retorica dirlo, ma all’estero, soprattutto in Inghilterra il fenomeno dei terribili hooligan è stato sconfitto proprio grazie a un pacchetto di norme che obbliga il tifoso a comportarsi da civile allo stadio. Se si sbaglia, si viene puniti con un processo per direttissima che porta i tifosi più violenti in galera. Perchè lo stadio deve essere uno spazio per famiglie e per persone sane, che vogliono godersi un sano divertimento. Le troppe tensioni presenti in Italia, derivate anche dalla pressione di certi addetti ai lavori, portano solo a risultati opposti e controproducenti.


Potrebbe interessarti

Iter Legislativo: come si approvano le leggi in Italia?

Iter Legislativo

Con il termine Iter Legislativo, intendiamo il procedimento legislativo, ovvero il processo formale che porta una legge dalla sua creazione alla successiva approvazione da parte delle camere del Parlamento.

Congedo di paternità: astensione obbligatoria e facoltativa

congedo di paternità

Dopo il sì del Parlamento Europeo al congedo di paternità dell’ottobre 2010 il Decreto Legislativo n119 del 18 Luglio 2011 riordina e ridefinisce i presupposti e le modalità con cui fare richiesta in merito a congedi, aspettative e permessi. Differenza sostanziale rispetto al passato è la possibilità del padre di ottenere il permesso anche nel caso in cui la madre non ne abbia diritto (essendo ad esempio disoccupata) mentre in passato era richiesto che la genitrice avesse un lavoro.

Il comodato oneroso: come funziona in diritto?

Nel diritto ci troviamo di fronte al comodato quando abbiamo un contratto attraverso cui un soggetto definito comodante, consegna ad un secondo soggetto detto comodatario, un bene mobile o immobile, con lo scopo di servirsene per un periodo determinato, avendo l'obbligo di restituire il bene al termine del suo utilizzo: è dunque ciò che normalmente chiamiamo come prestito, ma a volte può essere considerato anche il comodato oneroso

Separati in casa: ecco come funziona per la legge italiana

separati in casa

Non sempre l'unione matrimoniale tra due persona va a buon fine. Spesso nascono incomprensioni, divergenze caratteriali, vari cambiamenti negativi all'interno della coppia che possono condurre alla fine del matrimonio. 

Principio di legalità: ti sveliamo le indicazioni fondamentali!

principio di legalità

Il principio di legalità è uno dei punti di forza del Diritto Penale: vediamo di cosa stiamo parlando e in che termini questo argomento è collegato ai principi base della Costituzione.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Capacità contributiva: scopri gli indici e altre informazioni

Immagine per capacità contributiva

Nell'ambito del diritto tributario italiano, uno dei principi fondamentali vigenti in Italia, relativamente alla cosiddetta capacità contributiva, è sancito dall'art. 53 della Costituzione. Uno dei problemi di cui gli Italiani tendono a lamentarsi spesso, soprattutto negli ultimi anni, è l'eccessivo livello di tasse che sono chiamati a pagare annualmente e che tende a ridurre il reddito che hanno a disposizione mensilmente per sé e la propria famiglia.

Cos'è lo Spread? Vediamo tutte le variabili

In materia di diritto e soprattutto di diritto commerciale, è necessario conoscere a fondo determinate dinamiche e indici utili a regolare l'andamento economico stesso personale o di una intera Nazione. Cos'è lo Spread, e conoscere argomenti come Bot, Euribor, Irs ecc. è importante: questi concetti vanno dunque compresi anche e soprattutto per evitare passi falsi e investimenti che potrebbero rivelarsi rovinosi.

Come con carta Hype è possibile gestire le risorse dei minorenni

carta-hype.jpg

Con il passare del tempo sono sempre di più le persone, tra cui tantissimi minorenni, che decidono di affidarsi ai servizi offerti dalla cartaHYPE. Secondo delle recenti analisi di mercato, questo sarebbe molto utile al fine di infondereresponsabilità nei più giovani, che trovandosi ad essere titolari di un conto, riescono a gestire in maniera più coscienziosa i propri risparmi.

Leggi anche...

Società semplice: come si amministra?

Nell'ambito giuridico delle imprese italiane, viene definita come società semplice quella più elementare. Non può essere utilizzata per esercitare una attività commerciale, e a partire dal 2001 va comunque iscritta presso la sezione speciale del registro delle imprese per le seguenti ragioni: come funzione dichiarativa, per finalità di pubblicità legale.

Leggi anche...

Sequestro probatorio: che cos’è e quando si applica?

immagine per sequestro probatorio

Facciamo chiarezza su uno degli argomenti di cui più si discute in Italia in questo ultimo periodo. Il codice di procedura penale comprende tra i mezzi di ricerca della prova il sequestro probatorio (uno strumento utilizzato per lo più da Pubblici Ministeri e Polizia Giudiziaria). Il sequestro probatorio è collegato alla perquisizione (rappresentando in pratica una sua conseguenza).

Go to Top