Da molto tempo ormai è stato appurato che la salute è un diritto fondamentale di ogni individuo e che qualsiasi cura o terapia deve ritenersi priva di legittimità in caso di dissenso da parte del diretto interessato.

Naturalmente tale possibilità di esprimere il proprio parere pregiudica il fatto di essere pienamente coscienti delle proprie volontà di intendere e di volere; rimangono quindi esclusi da questo diritto tutti coloro che, a vario titolo, e per le più disparate ragioni, non sono in grado di “intendere e volere” e quindi di prendere una decisione ragionevole.

Il testamento biologico altro non è che un documento con il quale ogni individuo, nel momento in cui si trova nel pieno delle proprie facoltà mentali, può esprimere la propria volontà riguardo quali terapie intende o non intende accettare qualora in futuro sia in una condizione di incapacità ed impossibilità ad esprimere la propria volontà.

Quindi il testamento biologico sarebbe da considerarsi valido. E’ pure vero, però, che lo strumento di ratifica non è stato ancora depositato alla Segreteria Generale del Consiglio d’Europa: di conseguenza, attualmente l’Italia non fa parte della Convenzione di Oviedo.

Non c’è una legge specifica per l'eredità ai figli

E, non esistendo una legge adeguata e specifica, la formalizzazione della volontà del paziente (la stesura del testamento biologico) rischia di non essere considerata sempre valida legalmente, né eticamente.

Le prime sentenze in Italia

La prima volta che, in Italia, si è assistito a un tentativo riuscito di “legalizzazione” del testamento biologico è stata presso il Tribunale di Modena il 5 novembre del 2008. In quell’occasione il Tribunale decretò la nomina di un “amministratore di sostegno” in favore di un soggetto privato nell’eventualità che lo stesso, in futuro, si fosse trovato nelle condizioni di non potere esprimere la propria volontà.

Disposizioni e iniziative “autonome” sul testamento biologico alla famiglia

Il Comitato Nazionale di Bioetica obbliga i medici non solo a tenere in considerazione le direttive anticipate scritte su un foglio firmato dall'interessato , ma anche documentarne per iscritto le azioni rispetto tale foglio, sia nel caso che vengano attuate, sia che vengano disattese.

Alcuni casi particolari di eredità dopo la morte

Taluni casi di morte per termine o rifiuto del trattamento medico particolarmente eclatanti hanno posto l’attenzione politica come quella pubblica sulla necessità di redigere una legge chiara sull'argomento “testamento biologico”. In attesa di una tale legge è intanto in atto, in molte città, la raccolta della dichiarazione anticipata di trattamento dei cittadini residenti nel territorio interessato. Tali iniziative non eludono e non anticipano le leggi, ma sono necessarie affinché non si debbano “ricostruire” le volontà dell'interessato.

Cosa contiene e dove si deposita il documento che dopo il funerale sancisce cosa è rimasto ai nipoti

Testamento biologico

Il testamento biologico deve contenere informazioni utili a verificare l’autore del documento stesso, dunque oltre alle proprie informazioni anagrafiche di base, come il nome e cognome, ma anche l’anno e il luogo di nascita, nonché l’indirizzo di residenza e se diverso quello di domicilio, chi scrive il testamento biologico - anche detto testatore - dovrà indicare ulteriori elementi. Innanzitutto dovrà inserire esplicitamente il proprio consenso informato, ma anche se intende avere informazioni precise sul proprio stato di salute (o malattia) o no. Entrando eventualmente nel dettaglio di trattamenti sanitari più o meno specifici, occorre fare alcune precisazioni. La legge attualmente dà la possibilità di dichiarare a quale trattamento medico si vuole essere sottoposti o meno, sia in una versione generica che in una specifica. Dunque, nel proprio testamento biologico si potrà ugualmente sottoscrivere di non volere alcuna rianimazione oppure entrare nel dettaglio, rifiutando ad esempio la respirazione meccanica dopo un arresto cardiaco. Eventualmente il documento può essere corredato anche da altre informazioni e carte non fondamentali, come una dichiarazione del proprio medico in cui quest’ultimo attesti di aver informato accuratamente il paziente delle conseguenze di una malattia e dei trattamenti richiesti. Si possono anche aggiungere informazioni relative al proprio desiderio di morire in ospedale o in casa propria e dare indicazioni sul proprio funerale. Per essere valido legalmente, tuttavia, la legge impone che il testamento biologico sia autenticato. Come si fa? Ci sono diverse opzioni per il testatario:

  • l’autenticazione tramite notaio della propria scrittura privata o sottoscrivendo il testo, si tratta di una spesa esigua dato l’oggetto da autenticare;
  • il deposito delle proprie dichiarazioni presso l’apposito registro comunale. In questo caso, tuttavia, occorrerà verificare preventivamente la presenza o meno dei registri dei testamenti biologici;
  • l’autenticazione direttamente in Comune, con un testimone e il fiduciario. In presenza di un ufficiale comunale, una copia del biotestamento originale sarà quindi autenticato.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Principio di legalità: ti sveliamo le indicazioni fondamentali!

principio di legalità

Il principio di legalità è uno dei punti di forza del Diritto Penale: vediamo di cosa stiamo parlando e in che termini questo argomento è collegato ai principi base della Costituzione.

Polizza vita: i motivi più validi per cui stipularla subito

Polizza vita

La vita è come una scatola di cioccolatini: non si sa mai cosa ci può riservare. Per questo una polizza vita può essere davvero conveniente, specialmente se consideriamo che, in caso di bisogno, essa può diventare un validissimo aiuto finanziario, sia come fondo per i familiari, sia come rendita aggiuntiva una volta in pensione.

Referendum Nucleare: ecco un approfondimento completo

A seguito del tragico incidente di Cernobyl avvenuto nel 1986, in Italia fu promosso un referendum sul nucleare, anzi per la precisione si trattò di tre referendum nazionali relativi al settore nucleare.

Il referendum costituzionale del 1946: sai cosa ha significato?

Con il termine referendum, si intende quel particolare strumento democratico grazie al quale gli elettori sono consultati in maniera diretta su determinati temi di rilevo. Essendo una grande conquista nell'epoca della democrazia diretta, il referendum permette agli elettori di fornire il proprio voto su un tema particolare, senza l'intermediazione del Parlamento.

Rinnovo del passaporto scaduto: come e dove si presenta la domanda

Rinnovo del passaporto

In un momento storico in cui viaggiare all’estero è diventato pratica comune per motivi lavorativi e di piacere, avere un passaporto valido è lo strumento essenziale per raggiungere quelle nazioni al di fuori dell’Unione Europea che lo riconoscano, senza bisogno di richiedere un visto per arrivare a destinazione.

I più condivisi

Quattordicesima mensilità: scopri come funziona e come calcolarla

immagine per quattordicesima mensilità

La quattordicesima mensilità è un istituto di origine non legale (ha natura contrattuale). La disciplina della quattordicesima fa riferimento alla determinazione delle parti sociali. Abbiamo dunque pensato possa essere utile determinare quali siano gli aspetti più importanti della quattordicesima, rimandandovi eventualmente ai concetti generali sul diritto finanziario. 

La mediazione commerciale: di cosa si tratta?

Il diritto commerciale è un ramo del diritto privato che regola le attività imprenditoriali; è anche definito come diritto privato delle imprese. Il diritto commerciale è una materia molto vasta e articolata; questa guida vi aiuterà a saperne di più.

Domanda aggregata: ti spieghiamo noi come funziona

immagine di Domanda aggregata

La Domanda aggregata rappresenta la spesa compiuta dai soggetti di un determinato sistema economico. I Consumi da parte delle famiglie, la spesa per Investimenti da parte delle imprese e la spesa in beni e servizi del settore pubblico: tutte componenti fondamentali di questo documento.

Leggi anche...

Società cooperativa europea: quali sono le sue caratteristiche?

Secondo quanto riportato dal codice civile italiano, si viene a determinare una società cooperativa quando tre o più soci vogliano gestire in comune un'impresa, che abbia come scopo principale quello di fornire ai soci stessi una serie di beni o servizi che hanno determinato la nascita della stessa.

Leggi anche...

Cancellazione dell'ipoteca Equitalia: scopri come fare

Cancellazione dell'ipoteca Equitalia

Aprendo la cassetta della posta, possiamo rischiare l'infarto trovandoci di fronte una cartella esattoriale Equitalia. Riprendiamo il fiato, perchè a quanto pare, una cartella inviata per posta può considerarsi tranquillamente nulla: infatti la Sent. CTP di Milano, 75/26/11 della Commissione Tributaria Provinciale di Milano ha stabilito la nullità di una cartella Equitalia inviata per posta raccomandata, in quanto tali atti devono essere notificati da figure giuridicamente preposte a tale incarico.

Go to Top