Da molto tempo ormai è stato appurato che la salute è un diritto fondamentale di ogni individuo e che qualsiasi cura o terapia deve ritenersi priva di legittimità in caso di dissenso da parte del diretto interessato.

Naturalmente tale possibilità di esprimere il proprio parere pregiudica il fatto di essere pienamente coscienti delle proprie volontà di intendere e di volere; rimangono quindi esclusi da questo diritto tutti coloro che, a vario titolo, e per le più disparate ragioni, non sono in grado di “intendere e volere” e quindi di prendere una decisione ragionevole.

Il testamento biologico altro non è che un documento con il quale ogni individuo, nel momento in cui si trova nel pieno delle proprie facoltà mentali, può esprimere la propria volontà riguardo quali terapie intende o non intende accettare qualora in futuro sia in una condizione di incapacità ed impossibilità ad esprimere la propria volontà.

Quindi il testamento biologico sarebbe da considerarsi valido. E’ pure vero, però, che lo strumento di ratifica non è stato ancora depositato alla Segreteria Generale del Consiglio d’Europa: di conseguenza, attualmente l’Italia non fa parte della Convenzione di Oviedo.

Non c’è una legge specifica per l'eredità ai figli

E, non esistendo una legge adeguata e specifica, la formalizzazione della volontà del paziente (la stesura del testamento biologico) rischia di non essere considerata sempre valida legalmente, né eticamente.

Le prime sentenze in Italia

La prima volta che, in Italia, si è assistito a un tentativo riuscito di “legalizzazione” del testamento biologico è stata presso il Tribunale di Modena il 5 novembre del 2008. In quell’occasione il Tribunale decretò la nomina di un “amministratore di sostegno” in favore di un soggetto privato nell’eventualità che lo stesso, in futuro, si fosse trovato nelle condizioni di non potere esprimere la propria volontà.

Disposizioni e iniziative “autonome” sul testamento biologico alla famiglia

Il Comitato Nazionale di Bioetica obbliga i medici non solo a tenere in considerazione le direttive anticipate scritte su un foglio firmato dall'interessato , ma anche documentarne per iscritto le azioni rispetto tale foglio, sia nel caso che vengano attuate, sia che vengano disattese.

Alcuni casi particolari di eredità dopo la morte

Taluni casi di morte per termine o rifiuto del trattamento medico particolarmente eclatanti hanno posto l’attenzione politica come quella pubblica sulla necessità di redigere una legge chiara sull'argomento “testamento biologico”. In attesa di una tale legge è intanto in atto, in molte città, la raccolta della dichiarazione anticipata di trattamento dei cittadini residenti nel territorio interessato. Tali iniziative non eludono e non anticipano le leggi, ma sono necessarie affinché non si debbano “ricostruire” le volontà dell'interessato.

Cosa contiene e dove si deposita il documento che dopo il funerale sancisce cosa è rimasto ai nipoti

Testamento biologico

Il testamento biologico deve contenere informazioni utili a verificare l’autore del documento stesso, dunque oltre alle proprie informazioni anagrafiche di base, come il nome e cognome, ma anche l’anno e il luogo di nascita, nonché l’indirizzo di residenza e se diverso quello di domicilio, chi scrive il testamento biologico - anche detto testatore - dovrà indicare ulteriori elementi. Innanzitutto dovrà inserire esplicitamente il proprio consenso informato, ma anche se intende avere informazioni precise sul proprio stato di salute (o malattia) o no. Entrando eventualmente nel dettaglio di trattamenti sanitari più o meno specifici, occorre fare alcune precisazioni. La legge attualmente dà la possibilità di dichiarare a quale trattamento medico si vuole essere sottoposti o meno, sia in una versione generica che in una specifica. Dunque, nel proprio testamento biologico si potrà ugualmente sottoscrivere di non volere alcuna rianimazione oppure entrare nel dettaglio, rifiutando ad esempio la respirazione meccanica dopo un arresto cardiaco. Eventualmente il documento può essere corredato anche da altre informazioni e carte non fondamentali, come una dichiarazione del proprio medico in cui quest’ultimo attesti di aver informato accuratamente il paziente delle conseguenze di una malattia e dei trattamenti richiesti. Si possono anche aggiungere informazioni relative al proprio desiderio di morire in ospedale o in casa propria e dare indicazioni sul proprio funerale. Per essere valido legalmente, tuttavia, la legge impone che il testamento biologico sia autenticato. Come si fa? Ci sono diverse opzioni per il testatario:

  • l’autenticazione tramite notaio della propria scrittura privata o sottoscrivendo il testo, si tratta di una spesa esigua dato l’oggetto da autenticare;
  • il deposito delle proprie dichiarazioni presso l’apposito registro comunale. In questo caso, tuttavia, occorrerà verificare preventivamente la presenza o meno dei registri dei testamenti biologici;
  • l’autenticazione direttamente in Comune, con un testimone e il fiduciario. In presenza di un ufficiale comunale, una copia del biotestamento originale sarà quindi autenticato.

Potrebbe interessarti

Congedo di paternità: astensione obbligatoria e facoltativa

congedo di paternità

Dopo il sì del Parlamento Europeo al congedo di paternità dell’ottobre 2010 il Decreto Legislativo n119 del 18 Luglio 2011 riordina e ridefinisce i presupposti e le modalità con cui fare richiesta in merito a congedi, aspettative e permessi. Differenza sostanziale rispetto al passato è la possibilità del padre di ottenere il permesso anche nel caso in cui la madre non ne abbia diritto (essendo ad esempio disoccupata) mentre in passato era richiesto che la genitrice avesse un lavoro.

Cos’è il Copyzero? Come si interpreta?

Ne sentiamo parlare in continuazione ma cosa vorrà mai dire? E soprattutto come si interpretano le sue limitazioni? Chiariamo attraverso questa mini guida il valore del Copyzero, un meccanismo di tutela delle opere dell'ingegno che sfrutta la firma elettronica qualificata e la marca temporale.

Il diritto penale e le sue fonti

Il diritto penale è un ramo del diritto pubblico interno. Lo Stato vieta alcune condotte per mezzo di una sanzione che si pone a tutela dei valori fondamentali. Il diritto penale è la pena che distingue il reato, ovvero l’illecito penale, dall’illecito civile e dall’illecito amministrativo.

Cos’è il Decreto penale? Art. 459 cpp

Il decreto penale è un atto di diritto processuale penale pensato dall'art.459 c.p.p. Con questo decreto si stabilisce un procedimento deflattivo del dibattimento (il soggetto cui è diretto il decreto può impugnare l'atto obiettandosi e avviando il giudizio ordinario). Il decreto penale può essere proposto solo dal Pubblico Ministero al G.I.P nei casi previsti dall'art.459. 

Diritto allo sciopero: quando si esercita? Ti spieghiamo come funziona

diritto allo sciopero

Un cittadino italiano dovrebbe avere sempre garantito un posto di lavoro; il diritto al lavoro è infatti importantissimo per una Nazione e una società civile intesa come tale e che si rispetti. 

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Cosa sono i tributi

Nell'ambito del diritto finanziario, ogni tipo di richiesta “forzata” da parte dello Stato, di una prestazione in denaro ad un singolo cittadino denominato contribuente, viene definita come tributo.

Pagamento di una cambiale: ecco come procedere in sicurezza

Pagamento di una cambiale

L'operazione del pagamento della cambiale può sembrare la cosa più semplice a questo mondo, ma in realtà nasconde molte insidie, specie se non si è stati molto chiari al momento della sua emissione.

Come si compila una cambiale in maniera corretta? Scopriamolo

Come si compila una cambiale

Quando si ha a che fare con un documento così importante come la Cambiale, è bene conoscerne i dettagli su come compilarla, così da evitare noie legali in un momento successivo. E' importante sapere che si hanno 3 anni a disposizione per provvedere ad eventuali parti omesse.

Leggi anche...

Centri per l'impiego a Milano: orari e informazioni per iniziare a lavorare

app lavoro

I Centri per l'impiego a Milano sono uffici della Regione che gestiscono le offerte di lavoro della città e della Provincia. L’Ufficio deriva direttamente dai vecchi uffici di collocamento di Milano.

Leggi anche...

Punti patente per semaforo rosso: tutti i casi spiegati con calma

Decurtazione dei punti della patente

A partire dal 2003, in Italia è stata introdotta la norma che prevede l'assegnazione di punti al momento del conseguimento della patente. Ogni volta che si commette un illecito particolare, è prevista la decurtazione di punti, fino ad arrivare a 0 punti e conseguenti provvedimenti disciplinari nei confronti del guidatore.

Go to Top