Con il termine mobilità si indica il licenziamento collettivo (il datore di lavoro può adottare questo tipo di provvedimento in presenza di condizioni previste dalla legge 223/91). Le imprese possono reclamare la mobilità per le seguenti cause: riduzione di personale, trasformazione di attività o fallimento (in questo caso le imprese devono comunque avere più di 15 dipendenti).

Tuttavia, se ne parla non soltanto per identificare le procedure di licenziamento collettivo ma più in generale per indicare la situazione del lavoratore che, proprio a seguito di una procedura di licenziamento collettivo, o in determinati casi a seguito di licenziamento per motivazione economica, viene a trovarsi senza lavoro.

In questo caso la preoccupazione è di predisporre degli strumenti per agevolare il reinserimento del disoccupato all'interno del mercato del lavoro. Ciò avviene attraverso l'iscrizione del lavoratore nelle liste e le attività formative che queste comportano.

Cosa accade in questa condizione

Per bilanciare la situazione di precarietà economica la legge prevede anche il versamento di una indennità economica che tuttavia a partire dal 1° gennaio 2013 verrà progressivamente sostituita dall'ASPI.

Non possono essere disposti in mobilità i lavoratori assunti con contratto a tempo determinato, gli apprendisti, gli impiegati che svolgono attività stagionali e quelli che hanno diritto alla pensione di anzianità. È bene sottolineare che le imprese, per procedere in tal senso, devono informare le rappresentanze sindacali aziendali e i sindacati. Il lavoratore in mobilità viene iscritto in una lista specifica (che gli assicura un accesso al lavoro agevolato). L’indennità è pari al trattamento di cassa integrazione e cioè l’80% dello stipendio lordo. Il lavoratore viene sospeso quando viene assunto a tempo determinato o a tempo parziale. Il giudice può ritenere illegittimo il licenziamento ordinato senza forma scritta.

Scopriamo le liste

I lavoratori che vengono a trovarsi senza lavoro a seguito di una procedura di licenziamento collettivo vengono inseriti, a cura della direzione provinciale del lavoro, all'interno di apposite liste dette liste.
La lista viene predisposta sulla base di schede che contengono le informazioni sulla posizione dei lavoratori in mobilità per individuare:

  • la loro professionalità
  • la preferenza per mansioni diverse
  • la disponibilità al trasferimento in altra sede.

Approvata la lista la direzione provinciale per il lavoro adotta tutte le iniziative possibili per favorire il reinserimento dei disoccupati all'interno del mondo del lavoro.
In questo contesto viene proposta l'attivazione di corsi per la riqualificazione professionale.

La direzione provinciale del lavoro inoltre promuove l'utilizzo dei lavoratori in mobilità all'interno di opere o servizi di pubblica utilità.

Criteri per la scelta dei lavoratori e cause di licenziamento

L’azienda che si trova nella condizione di dover scegliere quali lavoratori collocare in mobilità deve ponderare la scelta in base a criteri sanciti dai contratti collettivi e dagli accordi con i sindacati. Qualora non ci siano indicazioni in tal senso, la scelta deve essere basata considerando i carichi di famiglia del dipendente, l’anzianità e infine le esigenze tecniche, amministrative, produttive ed organizzative. Per quanto riguarda la causa del licenziamento, quella in deroga e ordinaria viene concessa ai lavoratori in caso di:

  • Esaurimento della cassa integrazione ordinaria;
  • Riduzione del personale;
  • Ristrutturazione e riconversione aziendale;
  • Cessazione dell’azienda.

L'indennità

I lavoratori collocati in mobilità che hanno un'anzianità aziendale di oltre 12 mesi di cui 6 di lavoro effettivo hanno diritto ad una indennità.
L'indennità ha una durata di:

  • 12 mesi in generale
  • 24 mesi per i lavoratori che hanno compiuto 40 anni
  • 36 mesi per i lavoratori che hanno compiuto 50 anni.

Si ottiene presentando una apposita domanda all'INPS da inviarsi entro 60 giorni dal licenziamento:

  • per mezzo dei servizi telematici dell'INPS
  • per mezzo dei call center dell'INPS
  • per mezzo di un patronato.

La tutela accordata al dipendente (nel caso venga licenziato ingiustamente), è poi diversa a seconda della dimensione dell'azienda. Oltre alla reintegrazione immediata, il licenziamento illegittimo impegna il datore di lavoro a ricompensare il lavoratore del danno subito, attraverso il pagamento della retribuzione globale di fatto. Tale pagamento presume il versamento dei contributi assistenziali e previdenziali. Il lavoratore può rinunciare alla reintegrazione, chiedendo in cambio un'indennità pari a 15 mensilità di retribuzione.

Come fare la domanda

Come già precisato, il lavoratore che è stato inserito nella lista deve provvedere a inviare la domanda di indennità di mobilità in deroga e ordinaria all’INPS. La domanda si inoltra telematicamente, compilando la domanda online sul sito dell’INPS e accedendovi attraverso le proprie credenziali. La domanda, in alternativa, può essere presentata tramite i CAF e i patronati autorizzati. I moduli da utilizzare sono:

  • Il modello DS 21 da trasmettere all’INPS entro 60 giorni dal licenziamento;
  • Modulo DS22 che contiene la dichiarazione del datore di lavoro con i dati del dipendente, dell’azienda, del rapporto di lavoro e della retribuzione.

L’ente che eroga e paga l’indennità è l’INPS previa accettazione della domanda. Il pagamento avviene tramite bonifico bancario o postale (nella domanda il lavoratore deve indicare il proprio IBAN). Il lavoratore può richiedere il pagamento in soluzione unica dell’intera indennità spettante a fronte di valida motivazione come l’avvio di una propria impresa autonoma con effettiva apertura di partita IVA o prova di essere entrato a far parte di una cooperativa in qualità di socio.

Nel caso in cui il lavoratore che ha riscosso l’indennità per intero, ritrova occupazione come dipendente entro 24 mesi successivi al pagamento è obbligato a restituire quanto ha ricevuto, comunicando all’INPS la riassunzione entro 10 giorni dal nuovo impiego. L’INPS provvederà al recupero delle somme versate in unica soluzione. Se il lavoratore non effettua la comunicazione, è tenuto alla restituzione di quanto ha riscosso in un'unica soluzione e maggiorata degli interessi legali.

Il pagamento dell’indennità da parte dell’INPS parte dall’ottavo giorno successivo il licenziamento (se la domanda viene inoltrata nei primi 8 giorni) oppure dal 5° giorno successivo la data della domanda se la domanda viene presentata dopo l’ottavo giorno. In caso di pagamenti ritardati, l’ente previdenziale provvede al pagamento degli arretrati in un unico versamento al primo bonifico, effettuando i dovuti calcoli e per la somma dovuta.

Il calcolo dell’indennità è proporzionale all’importo dell’integrazione salariale e spetta per l’80% della retribuzione lorda spettante comprendente le voci fisse che compongono la busta paga.

Cosa succede dopo il licenziamento

L'obbligo di riassunzione del lavoratore invece viene ordinato dal giudice nei confronti dei datori di lavoro, imprenditori o meno, che occupano: · fino a 15 dipendenti · fino a 60 complessivamente se nell'unità produttiva interessata sono occupati meno di 16 dipendenti. Questa tutela si accosta anche alle organizzazioni di tendenza (non imprenditori che svolgono attività senza fini di lucro) e ai lavoratori dipendenti da enti pubblici (in cui la stabilità non è garantita da norme di legge).

Il licenziamento illegittimo pone dunque il datore di lavoro di fronte alla scelta di riassumere il lavoratore entro 3 giorni oppure, di pagargli un'indennità (che dovrà essere compresa tra un minimo di 2,5 ed un massimo di 6 mensilità).





Potrebbe interessarti

Diritto di difesa: sai esattamente come usufruirne nelle sedi opportune?

Analizziamo oggi in questo articolo un concetto molto importante per la persona. Il Diritto di difesa è infatti uno dei principali diritti riconosciuti all'imputato nell’ambito del diritto processuale penale. Il diritto di difesa è tecnico e sostanziale. Si ha la prima accezione nel momento in cui si ha il diritto e dovere di avere un difensore che guida la parte nel processo tramite consigli tecnici; la seconda con la titolarità dell'imputato stesso che sceglie la tesi sulla quale dibattere la propria posizione.

Leggi tutto...

Iter Legislativo: come si approvano le leggi in Italia?

Immagine presente nell'articolo Iter Legislativo: come si approvano le leggi in Italia?

Con il termine Iter Legislativo, intendiamo il procedimento legislativo, ovvero il processo formale che porta una legge dalla sua creazione alla successiva approvazione da parte delle camere del Parlamento.

Leggi tutto...

Questura centrale di Roma

La questura rappresenta un ufficio della Polizia di Stato in possesso di diverse competenza provinciali. Il compito principale della questura centrale di Roma è garantire il mantenimento dell'ordine e della sicurezza pubblica. Per il conseguimento di questo scopo viene effettuata una costante attività di prevenzione e repressione dei reati.

Leggi tutto...

Busta confidenziale? Ecco come spedire documentazione in modo sicuro

Immagine presente nell'articolo Busta confidenziale? Ecco come spedire documentazione in modo sicuro

Oggi come oggi abbiamo un metodo che ci pare infallibile per evitare di utilizzare della carta per la nostra documentazione: internet ci corre in soccorso molte volte, questo è senza dubbio innegabile. Ma vi sono alcuni documenti, generalmente i più importanti, che necessitano ancora di essere stampati e consegnati per posta ordinaria, proprio in virtù della loro importanza. Pensiamo a degli atti notarili, a degli attestati, a delle lettere inviate al nostro avvocato e molte altre situazioni che richiedono l'utilizzo di carta, magari intestata, e di buste commerciali. 

Leggi tutto...

Cosa indica il termine Proscioglimento?

Nel corso del tempo, nel nostro Paese, vi sono stati diversi processi celebri e che hanno destato l'attenzione dell'intera opinione pubblica nazionale: da quelli eclatanti relativi a gravi episodi di cronaca nera a quelli che hanno visto coinvolti, in alcuni casi, eminenti politici, come ad esempio negli anni '90 il procedimento giudiziario scaturito dalla celebre inchiesta "Mani Pulite". Di conseguenza, spesso si è raggiunta una certa conoscenza e familiarità con alcune definizioni di natura giuridica.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Il calcolo della quattordicesima mensilità: scopri come funziona

immagine per quattordicesima mensilità

La quattordicesima mensilità è un istituto di origine non legale (ha natura contrattuale). La disciplina della quattordicesima fa riferimento alla determinazione delle parti sociali. Abbiamo dunque pensato possa essere utile determinare quali siano gli aspetti più importanti della quattordicesima, rimandandovi eventualmente ai concetti generali sul diritto finanziario. 

Leggi tutto...

Tagli al budget per l'accoglienza 2019: come funziona in Italia?

Il tema dell’accoglienza dei migranti in Italia è sempre molto delicato e la dimensione del fenomeno è tale da essere diventata una voce di spesa all’interno della Legge di Bilancio. Per l’anno 2019, il Governo prevede un taglio – pari a circa 5 miliardi – alle risorse da destinare all’accoglienza. Le cifre si basano su stime e valutazioni rispetto a quanto definito nel DEF (documento di Economia e Finanza) 2018 dai precedenti Governi.

Leggi tutto...

Le agenzie fiscali: quali sono i riferimenti nel diritto pubblico

immagine per agenzie fiscali

Per quanto concerne il diritto pubblico, si parla di agenzia per designare un qualsiasi ente o organizzazione inerente la pubblica amministrazione dotato di specifiche funzioni. Solitamente svolgono rispetto agli altri dicasteri funzioni strettamente legate all'operatività. Tuttavia, le agenzie fiscali sono direttamente soggette al controllo del dicastero di riferimento.

Leggi tutto...

Ricorso per le cartelle Equitalia e l’annullamento del debito: come fare?

 Ricorso per le cartelle Equitalia

Equitalia S.p.A. è una società italiana a totale controllo pubblico, incaricata della riscossione dei tributi su tutto il territorio, ad eccezione della Sicilia. È partecipata al 51% dall'Agenzia delle Entrate, ed al 49% dall'INPS.

Leggi tutto...

Come amministrare un condominio: spese condominiali e altro

Se vivete in un condominio è d'obbligo conoscere temi quali quelli connessi alle spese condominiali. La ripartizione di questi costi avviene in base agli artt. 1123, 1124, 1125 e 1126 c.c. Oltre a tutto ciò è importante trattare argomenti come quelli che riguardano i costi per la manutenzione ordinaria e straordinaria delle parti comuni.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Costituzione di una SRL: una guida imperdibile a cui non puoi fare a meno

Nell'ambito del diritto commerciale, e per quanto riguarda l'ambito della ragioneria, si identifica la società come una determinata forma di esercizio associabile all'impresa. La società è un fenomeno giuridico distinguibile in più fenomeni, a seconda dell'ottica da cui lo vediamo. Secondo l'articolo del Codice civile 2247, è un contratto, specificato nella norma stessa. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Decurtazione dei punti della patente: tutti i casi spiegati con calma

Decurtazione dei punti della patente

A partire dal 2003, in Italia è stata introdotta la norma che prevede l'assegnazione di punti al momento del conseguimento della patente. Ogni volta che si commette un illecito particolare, è prevista la decurtazione di punti, fino ad arrivare a 0 punti e conseguenti provvedimenti disciplinari nei confronti del guidatore.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Decurtazione dei punti della patente: tutti i casi spiegati con calma

Decurtazione dei punti della patente

A partire dal 2003, in Italia è stata introdotta la norma che prevede l'assegnazione di punti al momento del conseguimento della patente. Ogni volta che si commette un illecito particolare, è prevista la decurtazione di punti, fino ad arrivare a 0 punti e conseguenti provvedimenti disciplinari nei confronti del guidatore.

Leggi tutto...
Go to Top