Rispetto ad altri Paesi europei, in Italia purtroppo si è costretti a pagare annualmente diverse tipologie di tasse. Per rendere meno complicato e pesante il loro pagamento, almeno dal punto di vista pratico, negli ultimi anni l’Agenzia delle Entrate ha messo a disposizione dei contribuenti, sul proprio sito internet, alcuni utili strumenti che permettono di poter compilare e stampare dei moduli, utilizzabili appunto per il versamento di alcune imposte.

Tra i vari moduli a disposizione, uno dei più usati è il modello F23 editabile. Il considerevole vantaggio offerto dalla tecnologia e da internet, in questo caso, è quello non solo di poter stampare questo modello F23 editabile, ma addirittura di poterlo compilare direttamente al computer, inserendo, all’interno dei suoi singoli campi, dati ed informazioni, evitando così di farlo manualmente e di commettere eventuali errori di scrittura. Ma a cosa serve in particolare questo modello F23 editabile e quando si deve utilizzare?

Un modulo per diverse imposte

Il modello F23 editabile rappresenta un modulo, messo a disposizione dall’Agenzia delle Entrate, attraverso cui un contribuente può pagare varie tipologie di imposte, tasse, sanzioni amministrative e contravvenzioni. Il versamento relativo a tale modulo può essere effettuato presso gli sportelli postali o bancari o qualsiasi concessionario autorizzato alla riscossione. Tuttavia, ed è bene ricordarlo, questo modello F23 editabile, a differenza di quello F24, non permette la compensazione tra crediti e debiti.
La compilazione di tale modulo, delle volte, deve essere effettuata dallo stesso contribuente nell’ipotesi in cui dovesse eseguire un pagamento in “autoliquidazione” o spontaneo, mentre in altri casi è la stessa Agenzia delle Entrate o qualsiasi altro ente finanziario ad inviare alla persona destinataria un modello F23 editabile già precompilato, accompagnato da una lettera in cui si spiegano le ragioni della richiesta di pagamento.

Abbiamo visto che con questo modello F23 editabile è possibile effettuare varie tipologie di pagamenti ed in particolare quelli dovuti a:

  • Registrazione di atti, sia pubblici che privati, e di quelli giudiziari;
  • Pagamenti connessi ad attività del Demanio o delle Dogane;
  • Certificazione, formalità o ispezione ipotecaria;
  • Tributi autoliquidati connessi alla successione;
  • Depositi per rilascio di certificati;
  • Somme accertate Conservatorie;
  • Altre tasse e imposte indirette e penalità relative;

Un esempio pratico di tali pagamenti possono essere le imposte di registro, catastale ed ipotecaria oppure dei canoni per delle concessioni demaniali o, ancora, sanzioni emanate da autorità amministrative o giudiziarie, come multe o contravvenzioni di vario genere.

Com’è strutturato il modello F23 editabile

immagine per Modello F23 editabile

Il modello F23 editabile è suddiviso in varie sezioni, da compilare in tutto o in parte in base al tipo di versamento od operazione da effettuare. Nella parte superiore troviamo delle informazioni anagrafiche relative a due soggetti. E proprio a seconda del genere di versamento da fare, si compileranno uno o entrambi i campi. Ad esempio, per un’imposta di registro di un atto pubblico o privato autenticato si inseriranno solo i dati del notaio, mentre per altri tipi di atti sono necessari gli estremi della persona richiedente e di una delle controparti. La sezione successiva, invece, riporta dei dati generali inerenti ufficio o ente responsabile, causale, estremi dell’atto con anno e numero ed altro ancora. Questo campo, per la maggior parte delle volte, è riempito dallo stesso ente finanziario creditore oppure, più raramente, è da compilare a cura del contribuente, ma seguendo attentamente delle istruzioni specifiche fornite.
Continuando, si troverà invece una sezione, composta da righe e colonne, in cui si dovranno inserire il codice del tributo da pagare e l’importo pecuniario ad esso relativo. Tali codici, sotto forma di numeri e lettere, sono unici per ogni singolo tributo o imposta da versare. Naturalmente, la compilazione di questa sezione dovrà essere effettuata dal contribuente, in base al tipo di versamento da effettuare.

Un modulo compilabile ed editabile 

Come abbiamo già accennato, su internet è possibile trovare facilmente un modello F23 editabile (in versione Pdf) sia sul sito dell’Agenzia delle Entrate che su altri. Non soltanto si può stampare vuoto e successivamente compilarlo a mano, ma addirittura compilarlo direttamente online e stamparlo in seguito. Per coloro che utilizzino il sito dell’ente statale, il rischio di errore nella compilazione è ridotto, in quanto la stessa applicazione effettua una verifica dei dati immessi e avverte in caso di eventuali anomalie.



Potrebbe interessarti

Rinnovo del passaporto scaduto: come e dove si presenta la domanda

viaggiare

In un momento storico in cui viaggiare all’estero è diventato pratica comune per motivi lavorativi e di piacere, avere un passaporto valido è lo strumento essenziale per raggiungere quelle nazioni al di fuori dell’Unione Europea che lo riconoscano, senza bisogno di richiedere un visto per arrivare a destinazione.

Giudice delegato: sai di cosa si occupa questa figura?

giudice delegato

Per quanto riguarda la procedura di fallimento, esistono diverse figure ad esso preposte denominate Organi del fallimento, secondo le norme del diritto commerciale, artt. 23-41 della Legge Fallimentare.

Quando è obbligatorio contattare un avvocato

198Avvocati online

Le situazioni in cui la presenza di un avvocato può risultare preziosa sono molteplici. Ci sono però situazioni in cui avere a disposizione un rappresentante legale abilitato è obbligatoria per legge. In altri casi invece si può decidere se contattare questo professionista, o se invece non avvalersi del suo aiuto e consiglio. In linea generale avere a disposizione il consiglio di un avvocato è sempre utile, in qualsiasi situazione in cui si ha uno sconto, o un incontro, con le leggi considerate in senso lato.

Principio di legalità: ti sveliamo le indicazioni fondamentali!

principio di legalità

Il principio di legalità è uno dei punti di forza del Diritto Penale: vediamo di cosa stiamo parlando e in che termini questo argomento è collegato ai principi base della Costituzione.

Il comodato oneroso: come funziona in diritto?

Nel diritto ci troviamo di fronte al comodato quando abbiamo un contratto attraverso cui un soggetto definito comodante, consegna ad un secondo soggetto detto comodatario, un bene mobile o immobile, con lo scopo di servirsene per un periodo determinato, avendo l'obbligo di restituire il bene al termine del suo utilizzo: è dunque ciò che normalmente chiamiamo come prestito, ma a volte può essere considerato anche il comodato oneroso

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

CAF UIL di Roma: vediamo a chi rivolgersi

Immagine per CAF UIL di Roma

I CAF, o centri di Assistenza Fiscale, sono delle organizzazioni importantissimi per chi ha bisogno di una mano dal punto di vista della materia fiscale. Per quanto riguarda gli iscritti al CAF UIL di Roma, è possibili usufruire dei servizi di centri particolari, rivolti esclusivamente a questo tipo di profili.

Tassazione nel Trading online: vediamo come funziona

Le attività di investimento online nei mercati valutari e finanziari sono in crescita costante, un fenomeno dovuto all’uso diffuso del trading online e ad una sempre più attenta regolamentazione degli strumenti finanziari. La regolamentazione degli strumenti, delle piattaforme di trading e degli attori principali del settore finanziario comporta un maggiore controllo e una regolamentazione anche delle normative inerenti la tassazione dei proventi derivanti dal trading online.

Tabelle redditometro: non devi perderti queste informazioni

Il redditometro è da mesi fonte di numerose polemiche che lo considererebbero violazione della privacy dei cittadini italiani, questo secondo quanto dichiarato da alcuni giudici tributari.

Leggi anche...

Cos'è il fatturato: diamo un'occhiata ai termini tecnici

Nell'ambito del diritto tributario, si parla di fatturato intendendo la somma delle vendite unita a quella dei ricavi di un'azienda; a questo si deve aggiungere la prestazione dei servizi di varia natura e tutta una serie di ricavi e proventi ordinari legati alla vita aziendale.

Leggi anche...

Notifica della multa: come avviene e come regolarsi?

Immagine riferita all'articolo La notifica della multa: come avviene e come regolarsi?

Con oltre 10 milioni di multe l’anno, ben 26.000 contravvenzioni quotidiane, gli italiani versano nelle casse dello Stato un miliardo di euro; non stupisce quindi che gli automobilisti nostrani abbiano a cuore la legge n.125/2010 che in particolare ha ridotto il termine di notifica della multa da 150 a 90 giorni, il cui superamento da parte delle autorità rende il verbale viziato e quindi non più valido.

Go to Top