Le multe per il passaggio al semaforo rosso sono sicuramente le più dure da digerire per un'automobilista, sia perchè vengono tolti punti patente, sia perchè spesso non ci si accorge o non si ricorda dell'infrazione effettuata.

Il Codice della Strada, per ragioni di sicurezza stradale, è assai duro con chi commette questa infrazione, e la multa per il semaforo rosso è molto salata. 

Sanzioni

La multa per il passaggio al semaforo rosso è punita con una sanzione di 163 euro, con l'aggiunta di una decurtazione di 6punti patente, 10 in caso di neopatentati che ancora non hanno raggiunto i 3 anni di patente. Se l’infrazione viene commessa nelle ore notturne, tra le 22 e le 7, la multa è di 200 euro.
La rilevazione viene effettuata, in genere, da telecamere chiamate Photored, installate in prossimità dei semafori dalla Polizia Stradale. A partire dal 2014, a seguito di numerosi ricorsi a causa dell’imprecisione di questi dispositivi, è stato deciso che essi devono essere omologati dal Ministero delle Infrastrutture per garantire la legittimità delle multe.
La telecamera, a infrarossi, individua quegli automobilisti che passano con il semaforo rosso tramite due foto scattate in sequenza da dove leggere la targa del veicolo. La nuova normativa protegge, inoltre, la situazione in cui il veicolo si trova per cause di forza maggiore (il traffico) al centro dell’incrocio ed è costretto ad avanzare a semaforo rosso.

Quando è il vigile a fare la multa

Non sempre l’accertamento della violazione viene effettuato da una telecamera; a volte è proprio il vigile urbano o gli agenti della polizia stradale in persona ad accorgersi dell’infrazione ed emettere la multa.
In questo caso, potrebbe accadere un “errore umano” nel considerare avvenuta o meno l’infrazione, vale a dire che il vigile potrebbe essere influenzato da fattori esterni che incidono sull’intepretazione dell’evento.
Infatti, a supporto di una possibile distorsione della percezione sensoriale, e quindi di un errore, si è espressa la Corte di Cassazione con la sentenza 1 luglio 2005 n. 14038. 

Ricorso in Cassazione 

La difficoltà di digerire la multa per il semaforo rosso ha portato a numerosi ricorsi, specie da parte di chi riteneva di non essere in torno nei confronti del Codice Stradale.

Il tema è stato trattato a lungo in Corte di Cassazione, da cui sono emerse sentenze che hanno stabilito importanti precedenti.

Per evitare la decurtazione dei punti, ad esempio, si può dichiarare che non si era alla guida del veicolo: questo però comporterà un'ulteriore ammenda di 250 euro.

Ma secondo la sentenza n.27414/2009 della Corte di Cassazione, se la multa per il semaforo rosso non è stata contestata immediatamente dagli agenti accertatori in servizio, ovvero presenti sul luogo dove avvenuta l'infrazione, la multa può essere considerata nulla.

Pertanto, per ricevere la multa per il passaggio con il semaforo rosso non è sufficiente la foto scattata da dispositivi elettronici, ma è necessario che il vigile contesti subito l'illecito, altrimenti è possibile fare ricorso in Cassazione.

Più precisamente la sentenza va a stabilire che “l’assenza di agenti non appare consona all’utilizzazione di un apparecchio di rilevamento automatico, il photored appunto, ne’ appare superabile alla luce del disposto dell’art. 384 del regolamento di attuazione.”

Come evitare la multa

Evitare la multa da semaforo rosso è possibile, conoscendo e rispettando il Codice della Strada. Per questo è opportuno soffermarsi su cosa dice l’art. 41 riguardo ai segnali luminosi, in questo caso i semafori.
vengono contemplati vari casi a seconda del colore acceso:

  • Luce verde: il veicolo può procedere in tutte le direzioni segnalate ma, se non si è sicuri di riuscire a liberare l’incrocio (ad esempio, per il traffico) è meglio non occupare l’area;
  • Luce gialla: è consentito oltrepassare il punto di arresto solo nel caso in cui si è così vicini ad esso da non potersi fermare in sicurezza. In questo caso bisogna liberare velocemente l’incrocio con la relativa prudenza;
  • Luce rossa: il segnale è chiaro, è fatto assoluto divieto di oltrepassare la linea di arresto, pena la multa.

Il Codice della Strada stabilisce, anche, che i segnali e dispositivi luminosi devono essere omologati dal Ministero delle Infrastrutture e regolati in base alle caratteristiche dell’area in cui sono collocate, al fine garantire la sicurezza stradale.





Potrebbe interessarti

Privacy Twitter: ecco come funziona davvero

Uno degli ultimi nati fra i servizi di social network è Twitter, noto anche come il microblogging più diffuso e veloce del mondo. Twitter infatti offre agli utenti una pagina personale aggiornabile con brevi messaggi di testo della lunghezza massima di 140 caratteri.

Leggi tutto...

Magistratura italiana: ecco alcune delle sue funzioni

In Italia, la magistratura è un organo costituzionale con funzioni giurisdizionali, che opera in maniera autonoma e indipendente dagli altri poteri.

Leggi tutto...

Cosa spetta per la Paternità: Permessi, Ferie

E’ vero che si ha diritto a 3 giorni di paternità dal lavoro, pagati (che si aggiungono alle normali ferie)? Molti si interrogano su questo aspetto importante. C’è un po’ di confusione infatti sul fatto se effettivamente, dal giorno del parto e per i 2 giorni seguenti, si ha diritto a percepire un congedo dal lavoro pagato.

Leggi tutto...

Cos’è il Decreto penale? Art. 459 cpp

Il decreto penale è un atto di diritto processuale penale pensato dall'art.459 c.p.p. Con questo decreto si stabilisce un procedimento deflattivo del dibattimento (il soggetto cui è diretto il decreto può impugnare l'atto obiettandosi e avviando il giudizio ordinario). Il decreto penale può essere proposto solo dal Pubblico Ministero al G.I.P nei casi previsti dall'art.459. 

Leggi tutto...

Che cos’è l’Oblazione penale? Quando è usata?

Il termine oblazione deriva dal latino offrire. Nel diritto penale indica una causa di estinzione del reato consistente nel pagamento volontario di una somma. È importante chiarire che l'oblazione penale è limitata alle contravvenzioni (è prevista dagli articoli 162 e 162bis del codice penale). In principio poteva essere utilizzata solo per le contravvenzioni punite con la pena dell'ammenda mentre con il tempo è stata prevista un’ulteriore ipotesi che riguarda le contravvenzioni punite con la pena alternativa dell'arresto e dell'ammenda. 

Leggi tutto...

I più condivisi

Cos'è la permuta? Scopriamo questo contratto

Con il termine permuta s'intende lo scambio tra due persone, di oggetti e servizi di varia natura. Neglratica, veloce e soprattutto economica per procurarsi oggetti o servizi che altrimenti ni ultimi anni sono sempre più numerose le persone che usano questa forma di scambio pon potrebbero comprare.

Leggi tutto...

Redditi dominicali: sai di cosa si parla?

Il reddito si può definire sinteticamente come l'entrata netta che un determinato soggetto realizza in un determinato periodo di tempo, ed espressa secondo l'unità di misura monetaria.

Leggi tutto...

Tariffa igiene ambientale: ecco in cosa consiste!

Nei prossimi anni, a seguito del decreto Rochi, la TARSU lascerà il posto alla TIA, o tariffa di Igiene ambientale, il cui scopo è quello di riuscire a far spendere al contribuente la somma reale, relativa all'effettivo utilizzo del servizio in questione.

Leggi tutto...

Come richiedere un prestito personale: la documentazione

Oggi richiedere un prestito personale non è difficile, presentando la corretta documentazione. È necessario avere a disposizione i documenti che attestano la disponibilità economica sufficiente al saldo delle rate.

Leggi tutto...

Accisa benzina: tutti i rincari del carburante

Il 2012 e il primo trimestre del 2013 hanno registrato ulteriori nuovi aumenti sul prezzo del carburante, per far fronte agli obblighi del Patto di Stabilità e sanare i conti danneggiati dalla crisi finanziaria internazionale.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Le cooperative di consumo (Coop)

Nell'ambito delle società cooperative ha un ruolo rilevante la cooperativa di consumo, un tipo di società che ha come obiettivo quello di acquistare e rivendere beni di qualità a prezzi vantaggiosi ai propri soci, che hanno anche il ruolo di consumatori.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Regolamento Ufficiale per il trasporto dei bambini in auto

Ecco alcune regole importanti da seguire quando si vogliono trasportare i bambini in automobile.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Protesto cambiale: come comportarsi?

Succede (è sempre successo e continuerà a succedere sempre, specie di questi tempi) di sentire storie in cui si parla di cambiali e di mancati pagamenti. Ma cosa succede veramente quando non si è in grado di pagare una cambiale?

Leggi tutto...
Go to Top