In ambito bancario si parla di OPA, ovvero di offerta pubblica di acquisto, quando si procede ad una negoziazione di valori mobiliari mediante cui un soggetto si rivolge senza alcuna mediazione ai portatori di titoli di una società quotata in borsa, detta società bersaglio, per effettuare un'offerta di acquisto di azioni o obbligazioni, oppure per la sottoscrizione di nuovi titoli.

In questo modo, chi attua l'OPA cerca di effettuare queste operazioni ad un prezzo ed entro un tempo prestabilito.

Tipologie

L'OPA vera e propria prevede in cambio dell'acquisto dei titoli un corrispettivo in denaro; se invece il corrispettivo è costituito da altri titoli, si parla di OPS, offerta pubblica di scambio, mentre nel caso in cui il corrispettivo è misto in titoli e denaro, si parla di OPAS. 

Quando è obbligatoria 

Immagine usata nell'articolo Offerta pubblica di acquisto: di cosa stiamo parlando?

L'OPA è obbligatoria in quattro casi.

Innanzitutto, se c'è un'offerta preventiva che riguardi un ammontare di titoli che garantiscano un'influenza dominante nell'assemblea dei soci. 

Un altro caso in cui l'OPA è obbligatoria si ha quando c'è un'offerta successiva, ovvero quando il controllo di una società quotata può essere ottenuto mediante acquisti estranei ai mercati regolamentati.

C'è poi il caso di OPA in offerta residuale, quando si è acquisito il controllo di una società quotata in una percentuale tale che il residuo è inferiore al 10%.

Infine abbiamo il caso di OPA per un offerta incrementale, in cui il singolo azionista in possesso di una quota pari alla metà di quella che determina il controllo della società, è obbligato a fare ricorso alla procedura di offerta pubblica se vuole aumentare la propria partecipazione sociale di un quinto, oppure di una quota superiore al 2% del capitale.

Procedura di presentazione di un’Offerta

La presentazione di un’OPA può essere effettuata da un qualsiasi soggetto, persona fisica o società, mediante una procedura che prevede i seguenti passi:

  • comunicazione alla Consob (Autorità che vigila sulla Borsa Italiana) che rende pubblica la dichiarazione di offerta. Non appena avviene la pubblicazione il CDA della società emittente ha l’obbligo di informare i rappresentanti dei lavoratori o, on mancanza di questi, i lavoratori;
  • entro il termine perentorio di 20 giorni, il soggetto offerente deve presentare alla Consob un documento in cui sono indicati tutti i dettagli dell’offerta. Oltre questo termine, la società viene sospeso dalla possibilità di avanzare la stessa offerta nei successivi dodici mesi;
  • entro 15 giorni, l’Autorità di controllo valuta il documento e lo trasmette alla società oggetto di OPA. Anche in questo caso, i sindacati o i lavoratori devono essere tempestivamente informati;
  • In accordo con la società emittente, la Consob approva o respinge l’offerta. Nel caso di approvazione si prosegue con la diffusione sul mercato.

Le offerte pubbliche che la Consob deve valutare sono quelle aventi ad oggetto: titoli emessi da società con sede legare in Italia che possono essere oggetto di negoziazione sui mercati italiani; titoli emessi da una società con sede legale in un altro Stato della Comunità Europea e ammessi alla negoziazione sui mercati italiani; titoli emessi da una società con sede legale in uno Stato comunitario e ammessi alla negoziazione sia nei mercati italiani che comunitari.
La Consob ha anche il potere di sospendere l’offerta quando si presentano alcuni casi, tra cui il sospetto di violazione delle norme regolamentari e se si presentano fatti nuovi o non indicati in precedenza che possano minare il giudizio dell’offerta. In altri casi, può dichiararla decaduta.

Valutazione dell’Offerta

Una volta ricevuto il documento di offerta, riunisce il CDA per decidere se accettare o meno, nel gergo si giudica l’offerta amichevole oppure ostile. La valutazione viene fatta sulla base degli esiti positivi che potrebbero scaturire dall’accettare dell’offerta. Una volta effettuata la valutazione, la società pubblica un comunicato ufficiale in cui viene espressa la decisione. 


Potrebbe interessarti

Referendum Nucleare: ecco un approfondimento completo

A seguito del tragico incidente di Cernobyl avvenuto nel 1986, in Italia fu promosso un referendum sul nucleare, anzi per la precisione si trattò di tre referendum nazionali relativi al settore nucleare.

Ferie per paternità: quali sono i diritti dei neo-papà

ferie per paternità

E’ vero che si ha diritto a 3 giorni di paternità dal lavoro, pagati (che si aggiungono alle normali ferie)? Molti si interrogano su questo aspetto importante. C’è un po’ di confusione infatti sul fatto se effettivamente, dal giorno del parto e per i 2 giorni seguenti, si ha diritto a percepire un congedo dal lavoro pagato.

Presidenti della Repubblica Italiana: ecco l'elenco completo

immagine presidenti della repubblica italiana

La Repubblica Italiana ha avuto, al 2020, 12 Presidenti della Repubblica Italiana.

Fivet in Italia: le ultime novità sulla limitazione degli embrioni

In Italia la legge 40 del 2004 ha limitato in base a considerazioni di natura medica e morale molti aspetti della procreazione assistita; questo ha avuto ripercussioni specialmente per quanto riguarda una delle pratiche maggiormente conosciute collegate alla procreazione assistita, ovvero la FIVET.

Congedo di paternità: astensione obbligatoria e facoltativa

congedo di paternità

Dopo il sì del Parlamento Europeo al congedo di paternità dell’ottobre 2010 il Decreto Legislativo n119 del 18 Luglio 2011 riordina e ridefinisce i presupposti e le modalità con cui fare richiesta in merito a congedi, aspettative e permessi. Differenza sostanziale rispetto al passato è la possibilità del padre di ottenere il permesso anche nel caso in cui la madre non ne abbia diritto (essendo ad esempio disoccupata) mentre in passato era richiesto che la genitrice avesse un lavoro.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

AltroConsumo Finanza: scopri che cos'è con un approfondimento sul caso

immagine per AltroConsumo Finanza

Il servizio di consulenza che viene messo a disposizione daAltroConsumo Finanzaconsente a chiunque ne usufruisca di investire in condizioni di massima sicurezza e senza rischi.

8 per mille: elenco dei beneficiari e criteri di inclusione

8 per mille: elenco

Al momento della dichiarazione dei redditi, esistono due voci di cui si sente molto parlare e che fanno assai discutere: si tratta della destinazione dell'8 per mille e del cinque per mille. Vediamo nel dettaglio la prima di queste due destinazioni.

Redditi diversi: sai come comportarti per non infrangere la legge?

Immagine presente nell'articolo Redditi diversi: sai come comportarti per non infrangere la legge?

l reddito si può definire sinteticamente come l'entrata netta che un determinato soggetto realizza in un determinato periodo di tempo, ed espressa secondo l'unità di misura monetaria.

Leggi anche...

Qual è il CCNL migliore: scopriamo che cosa sono e quali sono i migliori

ccnl

Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL) rappresenta il frutto delle trattative intercorse tra le associazioni dei datori dilavoro e i sindacati, con l’obiettivo di stabilire i contenuti fondamentali dei contratti di lavoro, toccando l’aspetto economico, come la retribuzione e l’aspetto normativo, come le mansioni, gli orari di lavoro e le qualifiche. Si tratta quindi di un documento fondamentale non solo perché regola il rapporto lavorativo, ma soprattutto in quanto rappresenta l’unione degli interessi di ambo le parti firmanti.

Leggi anche...

Patteggiamento della pena: quando e come avviene questo evento?

Il patteggiamento è dunqueil procedimento caratterizzato dalla richiesta rivolta al Giudice dall'imputato di una sanzione sostitutiva diminuita fino a un terzo.

Go to Top