Rispetto ai decenni passati, si è assistito ad una diminuzione della natalità generale, nel nostro Paese come in altri, e questo dipende da molteplici fattori. Uno di tali fattori è la maggiore difficoltà di poter avere dei figli in modo naturale. Da qui il ricorso, da parte di diverse coppie, a tecniche alternative come la fecondazione assistita, per poter coronare il sogno di avere dei bambini. Tra le differenti tecniche maggiormente utilizzate, vi è quella di cui parleremo e le percentuali di successo dell’ICSI sono estremamente buone.

Andiamo a conoscere in modo più dettagliato in cosa consista la ICSI, com'è possibile eseguirla, perché riguardi in modo particolare gli uomini, in che modo si differenzi rispetto alla cosiddetta FIVET (tecnica di fecondazione assistita più tradizionale) e, infine, quali siano le percentuali di successo dell’ICSI. Entriamo quindi nell’universo complesso e particolare della fecondazione assistita e cerchiamo di conoscere meglio una delle tecniche più utilizzate per favorire la procreazione.

Cos'è la ICSI

Questa è un genere di fecondazione in vitro a cui si fa ricorso soprattutto in caso di grave infertilità maschile e tale tecnica PMA (Procreazione Medicalmente Assistita) sta riscuotendo un’attenzione ed applicazione sempre maggiore, in quanto le percentuali di successo dell’ICSI tendono ad essere molto buone. Comunque sia, ICSI non è altro che l’acronimo di Intra Cytoplasmatic Sperm Injection (in italiano, iniezione intracitoplasmatica di spermatozoi).

Questa tecnica, come accennato, viene utilizzata in presenza di infertilità maschile, dovuta ad un numero limitato di spermatozoi oppure con ridotta motilità o, ancora, a disfunzioni o anomalie morfologiche. Inoltre, si ricorre alla pratica della ICSI, tra l’altro, per quegli uomini sottoposti a vasectomia, a chemioterapia o radioterapia e con varie problematiche eiaculatorie. Prima di passare a vedere le percentuali di successo dell’ICSI, vediamo in cosa consista in dettaglio tale pratica e quale sia la differenza con la FIVET.

La tecnica ICSI e la differenza con la FIVET

Con la ICSI vi è l’inserimento di un solo spermatozoo in un ovocita maturo e questo è importante nell’ipotesi in cui il campione seminale non presenti i criteri necessari per eseguire una FIVET. Infatti, questa si differenzia dalla ICSI per la modalità con cui si ottiene la fecondazione. La FIVET, d’altronde, si pratica inserendo un numero considerevole di spermatozoi in gocce di coltura contenenti diversi cumuli oofori. Per il resto, le due tecniche sono identiche.

Percentuali di successo dell'ICSI con un pò di numeri

percentuali di successo dell’ICSI

Per coloro che vi si sono sottoposti, come abbiamo detto, le percentuali di successo dell’ICSI sono molto buone incoraggianti. A livello di numeri, secondo alcuni dati della Società Americana per la Medicina Riproduttiva (ASRM), le percentuali di successo dell’ICSI per la fertilizzazione variano tra il 50% e l’80%. Vi sono anche casi in cui non si sono prodotti embrioni, ma si rientra comunque nella tradizionale casistica esistente nella procreazione di tipo naturale.

Sempre a livello di percentuali di successo dell’ICSI, nell’anno 2017, ad esempio, si sono effettuate quasi 50.000 terapie ICSI, mentre le gravidanze avviate sono state poco meno di 8.000 e che hanno portato alla luce quasi 6.000 bambini. Le percentuali di successo dell’ICSI, e quindi di gravidanza, sono aumentate per diverse fasce d'età rispetto agli anni precedenti e si va da una crescita del 36% per soggetti di età inferiore ai 34 anni fino ad arrivare ad un incremento di quasi l’11% per quelle persone con più di 43 anni.

Le percentuali di successo dell’ICSI tendono ad incrementarsi notevolmente e pertanto si riescono a offrire nuove opportunità a quei soggetti che desiderano arricchire la propria vita con dei bambini, speranza ancora più importante e confortante soprattutto per quelle persone che purtroppo sono state soggette a terapie pesanti ed invasive, come chemioterapia, radioterapia o vasectomia. 

Le percentuali di successo dell’ICSI, così come quelle relative ad altri tipi di terapie, pertanto rappresentano anche un incentivo ad affidarsi a processi di fecondazione assistita sempre più innovative. Per coloro che sognano di diventare genitori rappresenta un ulteriore passo avanti per tramutare tale sogno in realtà.  

 

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Fivet in Italia: le ultime novità sulla limitazione degli embrioni

In Italia la legge 40 del 2004 ha limitato in base a considerazioni di natura medica e morale molti aspetti della procreazione assistita; questo ha avuto ripercussioni specialmente per quanto riguarda una delle pratiche maggiormente conosciute collegate alla procreazione assistita, ovvero la FIVET.

Congedo di paternità: astensione obbligatoria e facoltativa

congedo di paternità

Dopo il sì del Parlamento Europeo al congedo di paternità dell’ottobre 2010 il Decreto Legislativo n119 del 18 Luglio 2011 riordina e ridefinisce i presupposti e le modalità con cui fare richiesta in merito a congedi, aspettative e permessi. Differenza sostanziale rispetto al passato è la possibilità del padre di ottenere il permesso anche nel caso in cui la madre non ne abbia diritto (essendo ad esempio disoccupata) mentre in passato era richiesto che la genitrice avesse un lavoro.

Autonomia legislativa: come funziona per le Regioni?

Le Regioni a statuto speciale vedono il proprio fondamento nei rispettivi statuti mentre quelle a statuto ordinario fanno riferimento dall’articolo 117 della Costituzione.

Diritto di Credito: tutte le informazioni di cui hai bisogno

Diritto di Credito

Il Diritto di Credito rappresenta la modulistica che ruota attorno al rapporto di scambio tra due parti, che può concretizzarsi nel trasferimento di potere d’acquisto o di disponibilità contro il pagamento di un interesse. Il credito è dunque lo strumento essenziale per il trasferimento di risorse da chi le detiene a chi non ne ha (ma può impiegarle ottenendo un utile superiore all’interesse pagato). Il cedente diventa così creditore, mentre il cessionario debitore.

Diritto allo sciopero: quando si esercita? Ti spieghiamo come funziona

diritto allo sciopero

Un cittadino italiano dovrebbe avere sempre garantito un posto di lavoro; il diritto al lavoro è infatti importantissimo per una Nazione e una società civile intesa come tale e che si rispetti. 

I più condivisi

Come con carta Hype è possibile gestire le risorse dei minorenni

carta-hype.jpg

Con il passare del tempo sono sempre di più le persone, tra cui tantissimi minorenni, che decidono di affidarsi ai servizi offerti dalla cartaHYPE. Secondo delle recenti analisi di mercato, questo sarebbe molto utile al fine di infondereresponsabilità nei più giovani, che trovandosi ad essere titolari di un conto, riescono a gestire in maniera più coscienziosa i propri risparmi.

Quando il preventivo dell’avvocato è troppo alto

 

Il preventivo legale ti sembra troppo alto? E’ possibile contestare la parcella dell’avvocato anche se era stato accettato il preventivo per la consulenza prima?

Cos'è lo Spread? Vediamo tutte le variabili

In materia di diritto e soprattutto di diritto commerciale, è necessario conoscere a fondo determinate dinamiche e indici utili a regolare l'andamento economico stesso personale o di una intera Nazione. Cos'è lo Spread, e conoscere argomenti come Bot, Euribor, Irs ecc. è importante: questi concetti vanno dunque compresi anche e soprattutto per evitare passi falsi e investimenti che potrebbero rivelarsi rovinosi.

Leggi anche...

Il Calcolo delle ferie: come farlo?

Non solo d’estate. Il calcolo delle ferie è un’attività che coinvolge il lavoratore un po’ tutto l’anno. Immagini di vacanze e di riposo affollano infatti la mente del lavoratore in tutto l’arco dei dodici mesi. E poi, in questo periodo di vacanze alternate e senza barriere geografiche, è bene essere sempre aggiornati sul proprio calcolo ferie.

Leggi anche...

Cos'è l'usufrutto: non perderti quest'approfondimento

Cos'è l'usufrutto

Nell'ambito del diritto, un termine assai ricorrente è quello di usufrutto. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta e cosa implica la sua presenza.

Go to Top