La vita è come una scatola di cioccolatini: non si sa mai cosa ci può riservare. Per questo una polizza sulla vita può essere davvero conveniente, specialmente se consideriamo che, in caso di bisogno, essa può diventare un validissimo aiuto finanziario, sia come fondo per i familiari, sia come rendita aggiuntiva una volta in pensione.

Come individuare la miglior polizza vita

Una volta esaminate le varie proposte che si possono trovare su Assicurazionivita.net (clicca qui), si consiglia di fare diversi preventivi e comparare tra loro i prodotti che risultano più interessanti. 

Ma quali sono i soggetti o i profili cui si consiglia la stipula di un'assicurazione di questo tipo? Come primo soggetto abbiamo le persone giovani che, purtroppo, oggigiorno hanno a che fare con lavoro precario o sottopagato. Una rendita aggiuntiva una volta raggiunta la pensione aiuta queste persone a stare più tranquille. 

Un'altra tipologia di soggetti è rappresentata dai titolari di prestiti o mutui e, in genere, sono proprio gli istituti creditizi a consigliare la sottoscrizione di una polizza vita perché potrebbe succedere che chi ha aperto il mutuo deceda, lasciando così partner e familiari impossibilitati a finir di pagare il prestito.

Anche le persone con un reddito fisso e stabile potrebbero essere interessate alle polizze vita in quanto rappresentano un ottimo investimento finanziario.

Un capofamiglia o un genitore single dovrebbe valutare un investimento di questo tipo perché, oltre alla polizza caso morte, vi sono molti prodotti assicurativi in grado di garantire un accantonamento di denaro utile in futuro ad acquistare una casa, avviare un'attività o, più semplicemente, sostenere le spese universitarie. Considerando questo, è bene sottoscrivere delle polizze con scadenza temporale fissata o comunque non troppo a lungo termine, per avere a disposizione quel rendimento economico minimo per soddisfare le proprie esigenze o per realizzare i propri sogni. 

Consigli per gli anziani

Per le persone un po' più avanti con gli anni si consigliano delle polizze long term care, molto utili nel caso in cui si arrivi a perdere l'autosufficienza.

Questi, però, sono solamente alcuni dei tanti profili o soggetti per i quali è davvero utile stipulare una polizza vita. Questo non esclude che, questi soggetti, possano considerare anche altri tipi di assicurazione rispetto a quelle appena suggerite.

Per fare un esempio potremmo pensare alla polizza caso morte che è vivamente consigliata a chi svolge dei mestieri pericolosi (vigile del fuoco, militare, stunt man e così via), ma potrebbe essere utile anche per le persone giovani che pensano a proteggere ed aiutare i propri cari in caso di decesso.

Anche se nell'immaginario collettivo la polizza vita conviene solo in determinati casi, ciò è un errore che deriva dalla scarsa conoscenza di ciò che le polizze di questo tipo offrono.

Chiaramente, una volta individuata la polizza più adatta alle proprie esigenze, si consiglia sempre di leggere con molta attenzione ogni parte del contratto, in particolare le clausole, le esclusioni della copertura e le penali in caso di riscatto anticipato.

Dopo queste riflessioni ciò che si evince è che le assicurazioni vita sono convenienti purché si individui il prodotto adatto per ogni singola persona.


Potrebbe interessarti

La privacy su internet: una panoramica

Con la crescita a dismisura dell'utilizzo di internet da parte dei cittadini italiani, la normativa collegata all'utilizzo dei mezzi informatici, di internet e della privacy internet è cresciuta di conseguenza, anche se le informazioni in tal senso sono spesso oscure per i più. 

Area edificabile: ecco le caratteristiche estrinseche

Le caratteristiche che rendono un'area edificabile sono di tre tipi: estrinseche, intrinseche e giuridiche.

Questura centrale di Roma

La questura rappresenta un ufficio della Polizia di Stato in possesso di diverse competenza provinciali. Il compito principale della questura centrale di Roma è garantire il mantenimento dell'ordine e della sicurezza pubblica. Per il conseguimento di questo scopo viene effettuata una costante attività di prevenzione e repressione dei reati.

Pubblico ministero: come diventare PM

Il rispetto della legge è uno dei principali doveri di una società e di una Nazione, che intende vivere tranquillamente e vuole distinguersi dalle altre, favorendo dei meccanismi di civiltà e di serenità per i cittadini che la abitano.

Marca da bollo per il passaporto: concessione governativa per l’espatrio

Marca da bollo per il passaporto

Il passaporto è un documento richiedibile da tutti i cittadini italiani che consente di attraversare i confini degli Stati riconosciuti dalla nostra Repubblica. Il passaporto viene rilasciato essenzialmente dalle questure, quando non da uffici particolari investiti di tale abilità, in seguito alla consegna di tutta una documentazione particolare nella quale è compreso un versamento al Ministero dell’Economia e delle Finanze e l’apposizione di una apposita marca da bollo.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Offerta pubblica di acquisto: di cosa stiamo parlando?

Immagine usata nell'articolo Offerta pubblica di acquisto: di cosa stiamo parlando?

In ambito bancario si parla di OPA, ovvero di offerta pubblica di acquisto, quando si procede ad una negoziazione di valori mobiliari mediante cui un soggetto si rivolge senza alcuna mediazione ai portatori di titoli di una società quotata in borsa, detta società bersaglio, per effettuare un'offerta di acquisto di azioni o obbligazioni, oppure per la sottoscrizione di nuovi titoli.

Imposta IRES: cos'è e come si calcola. Ecco il nostro approfondimento

imposta ires

Nell'ambito delle imposte cui è soggetto il cittadino italiano, è bene essere a conoscenza di tutte quelle che gravano ogni anno sul reddito del contribuente. Fra le imposte dirette, ovvero quelle che gravano in maniera diretta sulla ricchezza del contribuente, troviamo le seguenti: IRPEFIRESIRAPICI, imposta sostitutiva su interessi e proventi da obbligazioni.

Adempimento dell’obbligazione: come annullare i debiti

Adempimento

L’adempimento dell’obbligazione consiste nell’esecuzione a favore del creditore della prestazione dovuta dal debitore. Quest’ultimo annulla l’obbligazione. L’adempimento deve essere: esatto (fedele a quanto stabilito nel titolo dell’obbligazione), per intero (in linea con le norme dispositive di legge su qualità), nel luogo e nel tempo previsti per l’adempimento dell’obbligazione. La materia è disciplinata dal diritto privato.

Leggi anche...

Conciliatori professionisti: di cosa si occupano?

Con l'attuazione del decreto legislativo 4 marzo 2010, n. 28, e la conseguente riforma del processo civile in materia di mediazione, la figura del mediatore conciliatore ha assunto un ruolo chiave nell'ambito della risoluzione di determinate questioni legali.

Leggi anche...

Bancarotta fraudolenta: è il tuo caso?

Intimamente connesso al concetto e soprattutto al reato di fallimento, abbiamo il reato di bancarotta. Tale termine deriva dalla consuetudine, in epoca medievale, di rompere il tavolo di legno del banchiere insolvente. La bancarotta può essere di due tipologie: semplice, in quanto causata da imprudenza, oppure fraudolenta, ovvero causata per frode e violazione di leggi.

Leggi anche...

Patente a punti: sai davvero come funziona dopo la riforma?

immagine per Patente a punti

Con la riforma del sistema delle patenti in Italia, avvenuta nel 2003, il codice della strada ha stabilito che ogni titolare di patente o patentino CIG abbia in dotazione, al momento del conseguimento della patente a punti, un totale di 20 punti.

Go to Top