Uno degli ultimi nati fra i servizi di social network è Twitter, noto anche come il microblogging più diffuso e veloce del mondo. Twitter infatti offre agli utenti una pagina personale aggiornabile con brevi messaggi di testo della lunghezza massima di 140 caratteri. 

Privacy Twitter 

Una volta che ci si registra su Twitter, il profilo viene reso automaticamente pubblico: questo significa che la pagina può essere visitata da chiunque, senza moderazione alcuna e senza bisogno che l'utente approvi l'entrata di un visitatore sul proprio profilo.

È possibile settare il profilo in modo da rendere l'account protetto, ovvero visitabile esclusivamente dopo l'accettazione di una richiesta di contatto da parte di estranei o amici. 

Per poter proteggere la propria privacy su Twitter occorre dunque andare su Settings (impostazioni) e spuntare la voce “protect my updates” - “proteggi i miei aggiornamenti”. 

Trattamento dati 

Iscrivendoci a Twitter, forniamo ai gestori del social network una serie di informazioni personali: nome, cognome, password di accesso e indirizzo email. Twitter specifica che “alcune di queste informazioni, ad esempio il tuo nome e cognome, sono inserite in elenchi pubblici sui nostri Servizi, come ad esempio sulla tua pagina di profilo e nei risultati di ricerca. Alcuni Servizi, come la ricerca, le pagine di profilo pubblico e le pagine delle liste, non richiedono alcuna registrazione”. 

Altre informazioni sulla gestione e sulla eventuali distribuzione dei dati personali degli utenti a servizi terzi da parte di Twitter, possono essere reperite sulla apposita pagina dedicata alla Privacy su Twitter

Approfondiamo la legge

Come sappiamo, non soltanto social come Twitter è soggetto alla legge sulla privacy, ma qualsiasi attività ha l’obbligo di rispettarla. Infatti tutti coloro che hanno a che fare con i cosiddetti dati sensibili dei propri clienti, deve ottemperare ad ogni disposizione contenuta nel testo unico in materia di trattamento dei dati, entrato in vigore il 1° Gennaio 2004.

Il primo articolo del testo unico, è riconosciuto il diritto assoluto di ciascuno sui propri dati, infatti esso afferma che “chiunque ha diritto alla protezione dei dati personali che lo riguardano”.

Oltre al diritto della personalità, esiste anche il diritto alla riservatezza, che pur non trattando solo i dati sensibili e quindi quelli personali, come nome o indirizzo della propria abitazione, non riguarda solo le informazioni della propria vita privata, bensì anche informazioni relative alla persona che non sono privati, ma che comunque l’interessato vuole tenere riservati.

Detto questo, il testo unico fa molta chiarezza si quelle che sono le definizioni di quanto stabilito dalla legge. In esso troveremo le esatte definizioni di: trattamento dei dati, dato personale, dato identificativo, dato sensibile, dato giudiziario, titolare del trattamento dei dati, incaricato del trattamento dei dati, interessato al trattamento dei dati personali, comunicazione, diffusione dei dati, dato anonimo, blocco, banca dati. Inoltre troveremo definizioni di dati sensibili e dati ordinari, soggetti pubblici, enti pubblici economici, soggetti privati, dati detenuti a fini personali e altri dati.

La persona a cui si riferiscono i dati ha il diritto di accesso a tutte le informazioni che lo riguardano e che vengono trattate da terze persone. Esso ha la possibilità di conoscere l’autore del trattamento, come e con quali fini avviene il trattamento, i soggetti a cui i dati possono essere ceduti ovviamente tramite consenso dell’interessato.

Nel caso in cui ci sia stato uno scorretto utilizzo dei dati e che la persona in questione, si può ricorrere al Garante per la protezione dei dati personali, oppure nei casi più gravi al giudice civile.

 

 





Potrebbe interessarti


La privacy su internet: una panoramica

Con la crescita a dismisura dell'utilizzo di internet da parte dei cittadini italiani, la normativa collegata all'utilizzo dei mezzi informatici, di internet e della privacy internet è cresciuta di conseguenza, anche se le informazioni in tal senso sono spesso oscure per i più. 

Leggi tutto...

Il diritto finanziario: di cosa si tratta?

Per diritto finanziario si intende la disciplina giuridica che studia e regola tutta quella serie di attività necessarie a trovare le risorse utilizzabili nella soddisfazione del bisogno pubblico.

Leggi tutto...

Le droghe legali ed il fenomeno delle smart drug

“Le Smart drugs” o “Smart nutrients” fanno parte di un fenomeno nuovo, in vasta crescita in Europa, che hanno l'obiettivo di simulare l’effetto di droghe illegali pur essendo legali, poiché sono composte essenzialmente da elementi di origine naturale.

Leggi tutto...

Iter Legislativo: come si approvano le leggi in Italia?

Con il termine Iter Legislativo, intendiamo il procedimento legislativo, ovvero il processo formale che porta una legge dalla sua creazione alla successiva approvazione da parte delle camere del Parlamento.

Leggi tutto...

Questura centrale di Roma

La questura rappresenta un ufficio della Polizia di Stato in possesso di diverse competenza provinciali. Il compito principale della questura centrale di Roma è garantire il mantenimento dell'ordine e della sicurezza pubblica. Per il conseguimento di questo scopo viene effettuata una costante attività di prevenzione e repressione dei reati.

Leggi tutto...

I più condivisi


Cosa sono i tributi

Nell'ambito del diritto finanziario, ogni tipo di richiesta “forzata” da parte dello Stato, di una prestazione in denaro ad un singolo cittadino denominato contribuente, viene definita come tributo.

Leggi tutto...

Cos’è l’Anatocismo? Come si calcola?

La parola anatocismo sta a significare la capitalizzazione degli interessi su un capitale, in modo che siano produttivi di altri interessi (questi interessi vengono poi dichiarati composti). La legge italiana autorizza il pagamento degli interessi legali sulle quote di debito, che non sono state saldate a scadenza. 

Leggi tutto...

Coefficiente rivalutazione TFR 2017: a cosa serve?

Il trattamento di fine rapporto consiste in una parziale retribuzione del lavoratore subordinato, effettuata dal datore di lavoro e differita alla cessazione del rapporto di lavoro. Al 31 dicembre di ogni anno entra in gioco il calcolo del coefficiente rivalutazione TFR. Bisogna infatti in quella data rivalutare la somma complessivamente accantonata al 31 dicembre dell'anno precedente.

Leggi tutto...

Associazioni che difendono i diritti dei consumatori

In Italia esistono varie associazioni che tutelano i diritti dei consumatori, ovvero dei soggetti sorti con lo scopo di difendere i consumatori e gli utenti di determinati servizi.

Leggi tutto...

Che cos'è AltroConsumo Finanza

Il servizio di consulenza che viene messo a disposizione da AltroConsumo Finanza consente a chiunque ne usufruisca di investire in condizioni di massima sicurezza e senza rischi

Leggi tutto...

Leggi anche...


Aprire partita IVA: i consigli di Fiscozen

 

Se stai pensando di dare avvio alla tua attività lavorativa sappi che non potrai iniziare con prestazione occasionale ma dovrai aprire partita IVA. Oggi scopriamo come essere in regola con il Fisco?

Leggi tutto...

Leggi anche...


Cos'è Equitalia e di cosa si occupa?

In Italia esistono delle Istituzioni pubbliche e delle società che si occupano di diritto soprattutto di natura commerciale e che regolano gli scambi con altri Paesi e le entrate di denaro e i movimenti dello stesso all'interno della Nazione. C'è, ad esempio, una società che a tal proposito è molto importante per l'Italia: cerchiamo di capire cos'è Equitalia e come funziona.

Leggi tutto...

Leggi anche...


Il pignoramento mobiliare: come funziona

Per pignoramento mobiliare si intende in diritto l'atto attraverso il quale ha inizio l'espropriazione forzata, ai sensi dell'art. 491 del codice di procedura civile.

Leggi tutto...
Go to Top