Succede (è sempre successo e continuerà a succedere sempre, specie di questi tempi) di sentire storie in cui si parla di cambiali e di mancati pagamenti. Ma cosa succede veramente quando non si è in grado di pagare una cambiale? Innanzitutto il possessore della cambiale deve dimostrare all’autorità competente (quindi a un pubblico ufficiale) che il debitore in questione rifiuta di pagare la propria cambiale. Il pubblico ufficiale, quindi, certificherà tale rifiuto. Sottolineiamo che, nel caso in cui la cambiale appartenesse a una società, allora il protesto riguarderà la società e non i soci presi singolarmente: questo perché la società è considerata come una persona giuridica.

A questo punto i protesti saranno iscritti al bollettino dei protesti cambiari della Camera di Commercio e al debitore verranno assegnate non solo il pagamento del debito contratto, ma anche gli interessi su tale debito nonché le spese di protesto. Una volta effettuato il pagamento, allora l’ex debitore potrà richiedere di essere cancellato dall’elenco di cui prima: potrà farlo presentando alla Camera di Commercio un’adeguata richiesta comprensiva della ricevuta di pagamento effettuato.

Protesto per mancato pagamento parziale

Comunque è solo dopo le fasi di protesto che il creditore può avviare le pratiche connesse al recupero credito, e non prima. Il protesto, tanto per chiarire le idee ai “non addetti ai lavori” è un atto pubblico (che, in quanto tale, deve essere redatto da un notaio o, in alternativa, da un pubblico ufficiale o da un ufficiale giudiziario) che attesta la ormai avvenuta presentazione del titolo insieme all’ormai avvenuto rifiuto di pagamento. Il protesto può essere effettuato, chiaramente, anche per un mancato pagamento parziale e la conseguente azione esecutiva riguarderà la parte della somma non pagata indicata nella cambiale. il creditore potrà quindi richiedere sia l’ammontare non pagato che gli interessi a tasso legale partendo dal giorno di presentazione dell’ingiunzione di pagamento oltre che, naturalmente, le spese legate al protesto stesso.

Ottenere il pagamento

Per ottenere il pagamento, il possessore della cambiale può effettuare il protesto per azione cambiaria diretta o per azione di regresso. Agire nei confronti dell’obbligato principale significa effettuare un’azione cambiaria diretta, la quale si prescrive in tre anni dalla scadenza della cambiale. L’azione di regresso, invece, si istituisce nei confronti degli obbligati di regresso che non pagano volontariamente e si prescrive nel giro di un anno dal protesto.

Cosa fare in caso di mancato pagamento della cambiale

In molti casi, al momento della scadenza della cambiale il beneficiario può trovarsi di fronte alla triste realtà di non vedersi effettuare il pagamento da parte del debitore.

Dunque, in caso di mancato pagamento della cambiale possono essere presi diversi provvedimenti, che andiamo ad elencare:

  • Esecuzione forzata sul patrimonio del debitore

Qualora la cambiale sia in regola, è possibile servirsene come titolo esecutivo: tramite legale si fa in modo di dare inizio ad un atto di precetto con conseguente pignoramento dei beni del debitore.

  • Il procedimento ingiuntivo

Quanon non è possibile procedere nella maniera precedente, bisogna rivolgersi ad un giudice affinchè emani un decreto ingiuntivo, prima di procedere al pignoramento sopra descritto. E' necessario aggiungere oltre al titolo di credito, anche una prova scritta del proprio credito (sono valide fatture, contratti, ecc).

  • L’ordinario giudizio di cognizione

Quando non è possibile procedere in nessuno dei modi precedenti per farsi pagare una cambiale, si può provare con questo terzo provvedimento: in questo caso però l'operazione sarà più lunga e complessa in quanto va messo in piedi un processo civile attravero cui accertare il credito del beneficiario della cambiale e citando in giudizio il debitore. Al termine del processo, il giudice dovrà condannare il debitore ad effettuare il pagamento della cambiale.





Potrebbe interessarti

Registro delle opposizioni: iscrizione per il tuo numero

Per tutelare la privacy e gli interessi commerciali dei cittadini, è nato un nuovo servizio, il Registro Pubblico delle Opposizioni. Si tratta di un servizio rivolto ai cittadini il cui numero telefonico è presente nei vari elenchi telefonici pubblici, i quali non desiderano più ricevere telefonate indesiderate collegate a ricerche di mercato o per scopi commerciali.

Leggi tutto...

Carta dei diritti dei bambini: storia e informazioni!

Il tema dei diritti dei bambini è oggetto di enorme attenzione da parte di buona parte delle società del nostro tempo: sono soprattutto i più piccoli che lo stato deve proteggere dai rischi della vita e dagli adulti che, in molti casi abusano di loro.

Leggi tutto...

Cos'è e cosa fa la medicina legale?

La medicina legale è un ramo della medicina che si congiunge al diritto, ed è nata per conoscere e applicare le conoscenze mediche al diritto.

Leggi tutto...

Il Diritto di Credito: tutte le informazioni!

Il Diritto di Credito rappresenta la modulistica che ruota attorno al rapporto di scambio tra due parti, che può concretizzarsi nel trasferimento di potere d’acquisto o di disponibilità contro il pagamento di un interesse. Il credito è dunque lo strumento essenziale per il trasferimento di risorse da chi le detiene a chi non ne ha (ma può impiegarle ottenendo un utile superiore all’interesse pagato). Il cedente diventa così creditore, mentre il cessionario debitore.

Leggi tutto...

Denunciare la Malasanità all'URP (Ufficio Relazioni con il Pubblico)

Con malasanità si intende in generale un episodio in cui si verifica una carenza della prestazione dei servizi professionali rispetto alle loro capacità che causa un danno al soggetto beneficiario della prestazione.

Leggi tutto...

I più condivisi

Il calcolo della quattordicesima mensilità

La quattordicesima mensilità è un istituto di origine non legale (ha natura contrattuale). La disciplina della quattordicesima fa riferimento alla determinazione delle parti sociali. Abbiamo dunque pensato possa essere utile determinare quali siano gli aspetti più importanti della quattordicesima, rimandandovi eventualmente ai concetti generali sul diritto finanziario. 

Leggi tutto...

Quando la difesa costa: la figura dell’avvocato e i relativi compensi

Almeno una volta nella vita abbiamo avuto a che fare in modo diretto o in modo indiretto con la figura di un avvocato: che sia stato per un qualcosa che ci riguardava in prima persona o per un qualcosa che riguardava una persona a noi cara siamo stati messi difronte alla ‘spiacevole’ situazione di dover pagare (giustamente) una prestazione lavorativa che è stata offerta.

Leggi tutto...

Rendita catastale IMU: cosa bisogna sapere?

Cosa si intende per rendita catastale come base imponibile per l'IMU? Si tratta in pratica di un valore a cui andiamo ad applicare una aliquota, in modo da calcolare il valore effettivo delle imposte da pagare. Nel caso di imposte dirette, la base imponibile va ad essere calcolata per una sua applicazione al reddito delle deduzioni e riduzioni fiscale.

Leggi tutto...

Esempio di calcolo IMU: strumenti e simulazioni

Per quanto riguarda esempi di calcolo dell'IMU, si parla di un valore pari a circa il triplo della vecchia ICI.

Leggi tutto...

Le imposte indirette nel diritto tributario

Nell'ambito del diritto tributario italiano, esiste una distinzione principale per quanto riguarda le imposte. Infatti, si parla di norma di due tipi di imposte: le imposte dirette e le imposte indirette.

Leggi tutto...

Leggi anche...

CAF UIL di Genova: gli indirizzi e i recapiti

Secondo la convenzione del 22 gennaio 2015 firmata con l’INPS nella persone del commissario straordinario Tiziano Treu, saranno bloccati per sei mesi i compensi per i CAF che in questo periodo collaboreranno con l’Istituto di Previdenza per la trasmissione delle dichiarazioni ISEE (acronimo di Indicatore della Situazione Economica Equivalente). Questo indicatore serve per permettere ad alcune famiglie particolari agevolazioni per quanto riguarda l’ambito della scuola, del sociale e della sanità. Nel luglio del 2015, tali compensi saranno nuovamente rivisti e forse adeguati.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come e quando avviene l’Arresto in flagranza

Lo stato di flagranza di reato è disciplinato dall'art. 382 del codice di procedura penale. Si verifica lo stato di flagranza quando:

  • colui che compie il reato viene colto sul fatto dalla polizia giudiziaria oppure da chi ha subito il reato
  • colui che è colto sul fatto viene inseguito dalla Polizia Giudiziaria
  • la persona che viene trovata in possesso di cose o tracce dalle quali si presenti in maniera evidente che abbia commesso il reato poco prima
Leggi tutto...

Leggi anche...

Nuovi termini di notifica delle multe: scopriamoli insieme!

Poche cose turbano un automobilista più della vista di una multa sotto il tergicristalli o nella cassetta della posta. La legge n.125/2010 aumenta però le possibilità di evitare di rimpinguare le casse dello Stato grazie all’introduzione di nuovi termini di notifica delle multe. 

Leggi tutto...
Go to Top