Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL) rappresenta il frutto delle trattative intercorse tra le associazioni dei datori di lavoro e i sindacati, con l’obiettivo di stabilire i contenuti fondamentali dei contratti di lavoro, toccando l’aspetto economico, come la retribuzione e l’aspetto normativo, come le mansioni, gli orari di lavoro e le qualifiche. Si tratta quindi di un documento fondamentale non solo perché regola il rapporto lavorativo, ma soprattutto in quanto rappresenta l’unione degli interessi di ambo le parti firmanti.

Il CCNL fu introdotto il 21 aprile 1927, ma acquisì valore giuridico dopo il 1941, rendendo vincolante l’efficacia dei contratti e fornendo delle prassi a cui le parti sociali erano tenute ad attenersi. Da allora i CCNL hanno subito modifiche, vediamo quindi come si presenta oggi e cosa prevede.

CCNL: cos’è nella pratica e come funziona

Le implementazioni contrattuali sono il sogno di tutti, soprattutto se si parla di contratti a tempo indeterminato, ma prima di apporre la propria firma è molto importante conoscere alcuni aspetti fondamentali del proprio contratto nazionale, così da essere maggiormente consapevoli dei propri diritti nel momento in cui si svolge un’attività lavorativa.

È necessario, anzitutto, dividere il settore privato da quello pubblico, in quanto presentano alcune differenze. Nel settore privato il CCNL è stipulato tra i sindacati e le associazioni dei datori di lavoro, o dal singolo datore, stabilendo la parte normativa che regola i rapporti di lavoro e la parte obbligatoria, che disciplina i rapporti reciproci. Nella pubblica amministrazione, invece, le parti interessate sono le rappresentanze sindacali e l’Agenzia per la rappresentazione negoziale delle pubbliche amministrazioni.

L’obiettivo principale di qualsiasi CCNL è quello di definire il contenuto dei contratti di lavoro in base al settore di riferimento, determinando aspetti fondamentali quali la retribuzione, i livelli e gli scatti di anzianità, l’orario, le ferie, il TFR, i congedi, e i tempi per presentare le dimissioni. In sintesi, servono per regolamentare i rapporti tra dipendenti e industriali, ecco perché è molto importante conoscere il proprio CCNL.

Le categorie regolamentate dai CCNL sono moltissime e rientrano nelle seguenti macro aree:

  •     Alimentari
  •     Chimica
  •     credito e assicurazioni
  •     Edilizia e legno
  •     Enti e Istituzioni Private
  •     Enti Pubblici
  •     Marittimi
  •     Meccanici
  •     Poligrafici e Spettacolo
  •     terziario e Servizi
  •     Tessili
  •     Trasporti

Quali sono i CCNL migliori in Italia

ccnl

La domanda sorge spontanea, quali sono i contratti nazionali migliori per chi svolge l’attività lavorativa? Naturalmente è possibile fare una comparazione basandosi su diversi aspetti regolati dal CCNL approfondendo report e statistiche, ma in questo caso ci occuperemo del tema che solitamente interessa di più il dipendente, ovvero lo stipendio. Inutile premettere che vi sono settori in cui lo stipendio minimo è più alto rispetto ad altri, tra questi troviamo il CCNL dei bancari e delle assicurazioni, seguiti da quello dei medici, dei farmacisti, del settore terziario e del commercio e infine quello delle telecomunicazioni. Altri CNNL con ottime condizioni contrattuali sono quello dei giornalisti, dei docenti, degli Ata, del settore turismo e infine quello dei metalmeccanici. Di contro, i contratti nazionali che prevedono degli stipendi minimi più bassi sono quelli per colf e badanti, lavoro domestico e consorzi agricoli.

Un occhio di riguardo va dato agli impiegati, dove troviamo in pole position il settore siderurgico, farmaceutico e petrolifero, mentre ad avere gli stipendi più bassi sono i pubblici esercizi e il commercio al dettaglio.

Concentrandosi invece sui quadri, i migliori CCNL sono quello dell’industria dell’abbigliamento e della moda e quello farmaceutico. A occupare le posizioni più basse in questo caso troviamo il settore alberghiero e dell’edilizia.

Benefit nel lavoro: chi può usufruirne 

ccnl

L’ingresso del welfare aziendale all’interno dei contratti nazionali è avvenuto oramai da qualche anno e ha dimostrato una sempre maggiore coscienza dell’importanza di piani di sostegno all’interno del rapporto tra azienda e dipendente. Tra i primi settori ad aver introdotto benefit aziendali troviamo quello dei metalmeccanici, dove vengono spesso offerti buoni pasto, in quanto facili da erogare e molto flessibili. A questo si aggiungono i buoni benzina, i buoni shopping, le borse di studio, corsi di formazione, attività sportive e culturali, visite specialistiche e servizi assistenziali.

Si sono in seguito aggiunti anche gli orafi-argentieri-gioiellieri, la cui intesa introduce flexible benefit dal valore di 200 euro annui da giugno 2020. I dipendenti potranno usufruire di buoni acquisto, servizi di assistenza, rimborso rette e spese scolastiche.

Infine, negli ultimi anni, ci sono stati ulteriori ingressi, come il settore delle telecomunicazioni, dei pubblici esercizi, di imprese ICT e di professionisti digitali e della cinematografia e produzione.



Potrebbe interessarti

Commissione UE: metodologia di giudizio della legge di bilancio

Commissione UE

Ogni anno, il Governo approva la Legge di Bilancio con le previsioni di spesa per l’attuazione di una serie di misure intese a favorire lo sviluppo economico del Paese. In quanto Stato Membro dell’UE, l’Italia – come tutti gli altri paese membri – è tenuta a presentare la bozza della Legge di Bilancio in sede di Commissione UE ai fini di un’approvazione, in quanto un bilancio troppo discostato dalle linee guida europee potrebbe rappresentare un potenziale rischio di instabilità per tutta l’Area Euro.

Separati in casa: ecco come funziona per la legge italiana

separati in casa

Non sempre l'unione matrimoniale tra due persona va a buon fine. Spesso nascono incomprensioni, divergenze caratteriali, vari cambiamenti negativi all'interno della coppia che possono condurre alla fine del matrimonio. 

Fivet in Italia: le ultime novità sulla limitazione degli embrioni

In Italia la legge 40 del 2004 ha limitato in base a considerazioni di natura medica e morale molti aspetti della procreazione assistita; questo ha avuto ripercussioni specialmente per quanto riguarda una delle pratiche maggiormente conosciute collegate alla procreazione assistita, ovvero la FIVET.

Registro delle opposizioni: iscrizione per il tuo numero

1imposte

Per tutelare la privacy e gli interessi commerciali dei cittadini, è nato un nuovo servizio, il Registro Pubblico delle Opposizioni. Si tratta di un servizio rivolto ai cittadini il cui numero telefonico è presente nei vari elenchi telefonici pubblici, i quali non desiderano più ricevere telefonate indesiderate collegate a ricerche di mercato o per scopi commerciali.

Iter Legislativo: come si approvano le leggi in Italia?

Iter Legislativo

Con il termine Iter Legislativo, intendiamo il procedimento legislativo, ovvero il processo formale che porta una legge dalla sua creazione alla successiva approvazione da parte delle camere del Parlamento.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Tasso fisso e variabile: i trucchi per scegliere bene il mutuo

I mutui si distinguono dal fatto di avere un tasso fisso e un tasso variabile. Con i mutui del primo tipo, il cliente versa sempre lo stesso interesse per tutta la durata del mutuo, mentre nel secondo, pagherà in base all'andamento dei tassi di interesse.

Adempimento dell’obbligazione: come annullare i debiti

Adempimento

L’adempimento dell’obbligazione consiste nell’esecuzione a favore del creditore della prestazione dovuta dal debitore. Quest’ultimo annulla l’obbligazione. L’adempimento deve essere: esatto (fedele a quanto stabilito nel titolo dell’obbligazione), per intero (in linea con le norme dispositive di legge su qualità), nel luogo e nel tempo previsti per l’adempimento dell’obbligazione. La materia è disciplinata dal diritto privato.

La mediazione commerciale: di cosa si tratta?

Il diritto commerciale è un ramo del diritto privato che regola le attività imprenditoriali; è anche definito come diritto privato delle imprese. Il diritto commerciale è una materia molto vasta e articolata; questa guida vi aiuterà a saperne di più.

Leggi anche...

Come si diventa magistrato: ecco spiegati i vari step

La figura del magistrato, in sede di diritto e nell'ambito della Giurisprudenza, è colui che detiene il “magistero”, ovvero è il titolare di un ufficio pubblico. In particolare, per magistrato si intende un funzionario che viene ad assumere la funzione di giudice ed eventualmente di pubblico ministero. Nel caso specifico italiano, alcuni magistrati possono anche detenere uffici della pubblica amministrazione.

Leggi anche...

Importo multe: sei sicuro della correttezza del documento che ti è arrivato?

Il dramma di ricevere una multa è collegato non tanto al fatto di aver infranto il codice della strada, quanto al pagamento e alla somma da esborsare per poter sistemare la propria situazione di infrazione.

Go to Top