Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL) rappresenta il frutto delle trattative intercorse tra le associazioni dei datori di lavoro e i sindacati, con l’obiettivo di stabilire i contenuti fondamentali dei contratti di lavoro, toccando l’aspetto economico, come la retribuzione e l’aspetto normativo, come le mansioni, gli orari di lavoro e le qualifiche. Si tratta quindi di un documento fondamentale non solo perché regola il rapporto lavorativo, ma soprattutto in quanto rappresenta l’unione degli interessi di ambo le parti firmanti.

Il CCNL fu introdotto il 21 aprile 1927, ma acquisì valore giuridico dopo il 1941, rendendo vincolante l’efficacia dei contratti e fornendo delle prassi a cui le parti sociali erano tenute ad attenersi. Da allora i CCNL hanno subito modifiche, vediamo quindi come si presenta oggi e cosa prevede.

CCNL: cos’è nella pratica e come funziona

Le implementazioni contrattuali sono il sogno di tutti, soprattutto se si parla di contratti a tempo indeterminato, ma prima di apporre la propria firma è molto importante conoscere alcuni aspetti fondamentali del proprio contratto nazionale, così da essere maggiormente consapevoli dei propri diritti nel momento in cui si svolge un’attività lavorativa.

È necessario, anzitutto, dividere il settore privato da quello pubblico, in quanto presentano alcune differenze. Nel settore privato il CCNL è stipulato tra i sindacati e le associazioni dei datori di lavoro, o dal singolo datore, stabilendo la parte normativa che regola i rapporti di lavoro e la parte obbligatoria, che disciplina i rapporti reciproci. Nella pubblica amministrazione, invece, le parti interessate sono le rappresentanze sindacali e l’Agenzia per la rappresentazione negoziale delle pubbliche amministrazioni.

L’obiettivo principale di qualsiasi CCNL è quello di definire il contenuto dei contratti di lavoro in base al settore di riferimento, determinando aspetti fondamentali quali la retribuzione, i livelli e gli scatti di anzianità, l’orario, le ferie, il TFR, i congedi, e i tempi per presentare le dimissioni. In sintesi, servono per regolamentare i rapporti tra dipendenti e industriali, ecco perché è molto importante conoscere il proprio CCNL.

Le categorie regolamentate dai CCNL sono moltissime e rientrano nelle seguenti macro aree:

  •     Alimentari
  •     Chimica
  •     credito e assicurazioni
  •     Edilizia e legno
  •     Enti e Istituzioni Private
  •     Enti Pubblici
  •     Marittimi
  •     Meccanici
  •     Poligrafici e Spettacolo
  •     terziario e Servizi
  •     Tessili
  •     Trasporti

Quali sono i CCNL migliori in Italia

ccnl

La domanda sorge spontanea, quali sono i contratti nazionali migliori per chi svolge l’attività lavorativa? Naturalmente è possibile fare una comparazione basandosi su diversi aspetti regolati dal CCNL approfondendo report e statistiche, ma in questo caso ci occuperemo del tema che solitamente interessa di più il dipendente, ovvero lo stipendio. Inutile premettere che vi sono settori in cui lo stipendio minimo è più alto rispetto ad altri, tra questi troviamo il CCNL dei bancari e delle assicurazioni, seguiti da quello dei medici, dei farmacisti, del settore terziario e del commercio e infine quello delle telecomunicazioni. Altri CNNL con ottime condizioni contrattuali sono quello dei giornalisti, dei docenti, degli Ata, del settore turismo e infine quello dei metalmeccanici. Di contro, i contratti nazionali che prevedono degli stipendi minimi più bassi sono quelli per colf e badanti, lavoro domestico e consorzi agricoli.

Un occhio di riguardo va dato agli impiegati, dove troviamo in pole position il settore siderurgico, farmaceutico e petrolifero, mentre ad avere gli stipendi più bassi sono i pubblici esercizi e il commercio al dettaglio.

Concentrandosi invece sui quadri, i migliori CCNL sono quello dell’industria dell’abbigliamento e della moda e quello farmaceutico. A occupare le posizioni più basse in questo caso troviamo il settore alberghiero e dell’edilizia.

Benefit nel lavoro: chi può usufruirne 

ccnl

L’ingresso del welfare aziendale all’interno dei contratti nazionali è avvenuto oramai da qualche anno e ha dimostrato una sempre maggiore coscienza dell’importanza di piani di sostegno all’interno del rapporto tra azienda e dipendente. Tra i primi settori ad aver introdotto benefit aziendali troviamo quello dei metalmeccanici, dove vengono spesso offerti buoni pasto, in quanto facili da erogare e molto flessibili. A questo si aggiungono i buoni benzina, i buoni shopping, le borse di studio, corsi di formazione, attività sportive e culturali, visite specialistiche e servizi assistenziali.

Si sono in seguito aggiunti anche gli orafi-argentieri-gioiellieri, la cui intesa introduce flexible benefit dal valore di 200 euro annui da giugno 2020. I dipendenti potranno usufruire di buoni acquisto, servizi di assistenza, rimborso rette e spese scolastiche.

Infine, negli ultimi anni, ci sono stati ulteriori ingressi, come il settore delle telecomunicazioni, dei pubblici esercizi, di imprese ICT e di professionisti digitali e della cinematografia e produzione.


Potrebbe interessarti

Ergastolo in Italia: l'art 22 del codice penale spiegato bene

ergastolo in italia

Chi commette un delitto efferato è severamente punito dalla legge italiana. Nei casi più blandi si deve scontare una pena che varia a seconda della gravità del reato commesso. Quando

Esenzione per la mensa scolastica: cosa prevede la legge

esenzione per la mensa scolastica

L’Italia è un paese che vanta da sempre grandi capacità di accoglienza sia in termini di solidarietà che di efficienza ricettiva, così come è noto che l’Italia è un paese crocevia del Mediterraneo, paese di transito, di emigrazione e di immigrazione

Congedo di paternità: astensione obbligatoria e facoltativa

congedo di paternità

Dopo il sì del Parlamento Europeo al congedo di paternità dell’ottobre 2010 il Decreto Legislativo n119 del 18 Luglio 2011 riordina e ridefinisce i presupposti e le modalità con cui fare richiesta in merito a congedi, aspettative e permessi. Differenza sostanziale rispetto al passato è la possibilità del padre di ottenere il permesso anche nel caso in cui la madre non ne abbia diritto (essendo ad esempio disoccupata) mentre in passato era richiesto che la genitrice avesse un lavoro.

La Pratica Forense per la Professione di Avvocato è retribuita?

Con il termine avvocato si intende un professionista, laureato in materie giuridiche, che si occupa di rappresentare assistendo o difendendo una parte processuale.
Per esercitare la professione di avvocato, è necessario essere iscritti all'albo

Separazione legale: scopriamo che validità ha questa pratica

 

La separazione legale si ha quando si verifica la cessazione della convivenza da parte dei coniugi, che non abitano più insieme. I coniugi hanno deciso di interrompere la convivenza senza formalità, ognuno si occupa del proprio destino non interessandosi dell’altro. I coniugi hanno deciso “di fatto” di non procedere con la convivenza senza però procedere ad atti legali.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Eurirs? Cos'è? Come si monitora il suo andamento?

Eurirs

Al giorno d'oggi sono tante le persone che richiedono ad un istituto finanziario oppure ad una banca un prestito o un mutuo, magari al fine di acquistare un immobile oppure per altre necessità familiari. Tali somme di denaro possono essere concesse poi con un tasso d'interesse fisso o variabile. Tuttavia, prima di andare a sottoscrivere un contratto di mutuo, è importante conoscere diversi elementi che vanno a contribuire alla somma che un soggetto dovrà pagare come singola rata mensile.

Cos’è l’Anatocismo? Come si calcola?

La parola anatocismo sta a significare la capitalizzazione degli interessi su un capitale, in modo che siano produttivi di altri interessi (questi interessi vengono poi dichiarati composti). La legge italiana autorizza il pagamento degli interessi legali sulle quote di debito, che non sono state saldate a scadenza. 

Società in nome collettivo: ecco le caratteristiche

La società in nome collettivo, detta anche S.n.c. è un tipo di impresa rientra nell'ambito delle società di persone ed è disciplinata dagli articoli 2291-2312 del codice civile; la caratteristica principale è che tutti i soci rispondono in maniera solidale e illimitata in merito ai debiti corrisposti dalla stessa.

Leggi anche...

Tipologie di impresa: conosciamole insieme

Ciò che caratterizzata un'impresa rispetto ad un'altra serie di entità riconosciute a livello di diritto commerciale, sono una serie di peculiarità. La principale caratteristica dell'impresa resta sempre e comunque quella di procurarsi un capitale necessario a superare il costo delle spese. L'impresa, naturalmente, deve guadagnare, altrimenti rischia di fallire.

Leggi anche...

Condono delle multe: come funziona questa procedura

condono delle multe

In questi anni, diverse volte abbiamo sentito parlare direttamente o magari in TV di sanzioni comminate e quindi elargite a determinati soggetti o società attraverso una multa. 

Go to Top